NUOVA AUTO, NUOVE CITTÀ, NUOVI TEAM, NUOVO FORMATO E UN NUOVO LOOK PER L'ABB FIA FORMULA E WORLD CHAMPIONSHIP NELLA STAGIONE 9
NUOVA AUTO, NUOVE CITTÀ, NUOVI TEAM, NUOVO FORMATO E UN NUOVO LOOK PER L'ABB FIA FORMULA E WORLD CHAMPIONSHIP NELLA STAGIONE 9
Nicola Lacorte vince il 19° Supercorso ACI Sport nella festa dei 40 anni di Scuola Federale
Nicola Lacorte vince il 19° Supercorso ACI Sport nella festa dei 40 anni di Scuola Federale
Gianluca Grossi al Trofeo Italia Storico per Gretaracing su Triumph Dolomite Sprint
Gianluca Grossi al Trofeo Italia Storico per Gretaracing su Triumph Dolomite Sprint
TROFEO ITALIA CLASSICO E TROFEO ITALIA STORICO A MAGIONE: DOMENICA 27 NOVEMBRE L’ULTIMO ATTO.
TROFEO ITALIA CLASSICO E TROFEO ITALIA STORICO A MAGIONE: DOMENICA 27 NOVEMBRE L’ULTIMO ATTO.
Penultimo giorno di Supercorso, le Formula 4 alzano l’asticella aspettando il gran finale
Penultimo giorno di Supercorso, le Formula 4 alzano l’asticella aspettando il gran finale
FRANCHETTI E MAGGIAN SE LA GODONO A RIJEKA
FRANCHETTI E MAGGIAN SE LA GODONO A RIJEKA
Parte l’azione al Supercorso Federale sulle Renault Clio Cup
Parte l’azione al Supercorso Federale sulle Renault Clio Cup
A RIJEKA L'ENNESIMO DOMINIO DI BOLZA CORSE
A RIJEKA L'ENNESIMO DOMINIO DI BOLZA CORSE
RALLY TEAM FESTEGGIA IL TERZO ASSOLUTO A RIJEKA
RALLY TEAM FESTEGGIA IL TERZO ASSOLUTO A RIJEKA
F.1 CHIUSURA AD ABU DHABI CON VITTORIA DI VERSTAPPEN, LECLERC 2° E' VICE-CAMPIONE CON IL 4° POSTO DI SAINZ LA FERRARI E' SECONDA NEL COSTRUTTORI
F.1 CHIUSURA AD ABU DHABI CON VITTORIA DI VERSTAPPEN, LECLERC 2° E' VICE-CAMPIONE CON IL 4° POSTO DI SAINZ LA FERRARI E' SECONDA NEL COSTRUTTORI
Il Trofeo Inverno emette i primi verdetti al Levante Circuit
Il Trofeo Inverno emette i primi verdetti al Levante Circuit
Lorenzo Mariani è pronto per l’esordio nell’automobilismo
Lorenzo Mariani è pronto per l’esordio nell’automobilismo
QUATTRO SU OTTO, A PRECENICCO, PER FUNNY TEAM
QUATTRO SU OTTO, A PRECENICCO, PER FUNNY TEAM
F.1 IN BRASILE “TORNA” LA MERCEDES DOPPIETTA CON  RUSSELL E HAMILTON
F.1 IN BRASILE “TORNA” LA MERCEDES DOPPIETTA CON RUSSELL E HAMILTON
IL PROGRAMMA DI GARA 2022 DEL TEAM PEUGEOT TOTALENERGIES ARRIVA AL FINALE...
IL PROGRAMMA DI GARA 2022 DEL TEAM PEUGEOT TOTALENERGIES ARRIVA AL FINALE...
Rovera iridato bis nel FIA WEC, il secondo titolo è in LMP2 Pro Am
Rovera iridato bis nel FIA WEC, il secondo titolo è in LMP2 Pro Am
In Bahrain la Toyota vince la 8 Ore e celebra la vittoria del titolo FIA WEC Hypercar 2022. Alla Ferrari i titoli piloti e costruttori della classe GT
In Bahrain la Toyota vince la 8 Ore e celebra la vittoria del titolo FIA WEC Hypercar 2022. Alla Ferrari i titoli piloti e costruttori della classe GT
Partenza in prima fila per la PEUGEOT 9X8 in Bahrain
Partenza in prima fila per la PEUGEOT 9X8 in Bahrain
FIA WEC: ultima gara della stagione in Bahrein, Toyota conquista la pole, Porsche precede Ferrari nelle qualifiche LMGTE Pro
FIA WEC: ultima gara della stagione in Bahrein, Toyota conquista la pole, Porsche precede Ferrari nelle qualifiche LMGTE Pro
Rovera si schiera in Bahrain allo showdown del Mondiale Endurance
Rovera si schiera in Bahrain allo showdown del Mondiale Endurance
IL REXAL FFF RACING TEAM CHIUDE EGREGIAMENTE IL LAMBORGHINI SUPER TROFEO EUROPE 2022 E LE LAMBORGHINI GRAND FINALS
IL REXAL FFF RACING TEAM CHIUDE EGREGIAMENTE IL LAMBORGHINI SUPER TROFEO EUROPE 2022 E LE LAMBORGHINI GRAND FINALS
LUIGI GALLO IN GRANDE SPOLVERO NELL’ULTIMO ROUND DELLA COPPA ITALIA A MISANO ADRIATICO.
LUIGI GALLO IN GRANDE SPOLVERO NELL’ULTIMO ROUND DELLA COPPA ITALIA A MISANO ADRIATICO.
DL Racing in lotta ai vertici fra Misano e Portimao
DL Racing in lotta ai vertici fra Misano e Portimao
Anteprima notturna per il Team Peugeot TotalEnergies in Bahrain
Anteprima notturna per il Team Peugeot TotalEnergies in Bahrain
Il Porsche Club GT ha celebrato tutti i campioni 2022 a Misano
Il Porsche Club GT ha celebrato tutti i campioni 2022 a Misano
Magliona si laurea campione del Master Tricolore Prototipi
Magliona si laurea campione del Master Tricolore Prototipi
Giornata conclusiva del Misano Racing Weekend: Franca è campione della RS Cup, Magliona conquista il titolo del Master Tricolore Prototipi classe CN
Giornata conclusiva del Misano Racing Weekend: Franca è campione della RS Cup, Magliona conquista il titolo del Master Tricolore Prototipi classe CN
Annunciato a Portimão l’accordo tra Lamborghini e Iron Lynx per la gestione delle competizioni GT nel 2023 e per il programma LMDh nel FIA WEC e IMSA nel 2024
Annunciato a Portimão l’accordo tra Lamborghini e Iron Lynx per la gestione delle competizioni GT nel 2023 e per il programma LMDh nel FIA WEC e IMSA nel 2024
A Misano le gare del sabato del Gruppo Peroni Race: Fernandez vince in Coppa Italia Turismo, Lancellotti si aggiudica la RS Cup
A Misano le gare del sabato del Gruppo Peroni Race: Fernandez vince in Coppa Italia Turismo, Lancellotti si aggiudica la RS Cup
A TORRICELLA, LE EMOZIONI DEL TRICOLORE FORMULA CHALLENGE
A TORRICELLA, LE EMOZIONI DEL TRICOLORE FORMULA CHALLENGE
Grandi traguardi per i piloti ACI Salerno
Grandi traguardi per i piloti ACI Salerno
Levante Circuit sinonimo di sport e sicurezza
Levante Circuit sinonimo di sport e sicurezza
Academy Motorsport premiato come miglior team in Croazia
Academy Motorsport premiato come miglior team in Croazia
Il Porsche Club GT incorona i campioni 2022 nella finale di Misano
Il Porsche Club GT incorona i campioni 2022 nella finale di Misano
Magliona al gran finale del Master Tricolore Prototipi a Misano
Magliona al gran finale del Master Tricolore Prototipi a Misano
Nel futuro di Silvaggi una Formula 4
Nel futuro di Silvaggi una Formula 4
FX ITALIAN SERIES A BABUIN, BOLZONI E MARCHESINI
FX ITALIAN SERIES A BABUIN, BOLZONI E MARCHESINI
TROFEO ITALIA CLASSICO A MAGIONE: FRANCESCO FASOLINO HA PRATICAMENTE GIA’ IN TASCA IL TITOLO NELLA  RACING START, MENTRE IL PADRE DAVIDE DOVRA’ GIOCARSI TUTTO  NELL’ULTIMA GARA PER LA VITTORIA DI CLASSE NELLA PRODUZIONE DI SERIE.
TROFEO ITALIA CLASSICO A MAGIONE: FRANCESCO FASOLINO HA PRATICAMENTE GIA’ IN TASCA IL TITOLO NELLA RACING START, MENTRE IL PADRE DAVIDE DOVRA’ GIOCARSI TUTTO NELL’ULTIMA GARA PER LA VITTORIA DI CLASSE NELLA PRODUZIONE DI SERIE.
Il grande ritorno Ferrari nel mondiale Endurance: presentata la Hypercar 499P
Il grande ritorno Ferrari nel mondiale Endurance: presentata la Hypercar 499P
I titoli dei campionati ATCC e Legends Cars Italia assegnati all’Autodromo Nazionale Monza
I titoli dei campionati ATCC e Legends Cars Italia assegnati all’Autodromo Nazionale Monza
Salvatore Taronno

Salvatore Taronno

In Bahrain la Toyota vince la 8 Ore e celebra la vittoria del titolo FIA WEC Hypercar 2022. Alla Ferrari i titoli piloti e costruttori della classe GT

12 novembre 2022. La Toyota Gazoo Racing ha ottenuto una doppietta decisiva nella BAPCO 8 Ore del Bahrain: la vettura n.7 affidata a Mike Conway, Kamui Kobayashi e Jose Maria Lopez ha vinto la gara, seguita dall’auto gemella n.8 condotta da Sebastien Buemi, Brendon Hartley e Ryo Hirakawa, equipaggio che ha conquistato il titolo piloti del FIA World Endurance Championship. Per la Toyota il quarto titolo consecutivo nel WEC.

L'equipaggio della Toyota n.8 partiva oggi con un solo punto di vantaggio in classifica sulla Alpine A480 Gibson n.36 di Andre Negrao, Nico Lapierre e Matthieu Vaxiviere, ma la vettura n.7 ha dimostrato di avere un ritmo di gara più veloce della sorella, permettendosi quindi di tagliare per prima il traguardo, dopo aver obbligato la squadra giapponese ad invertire le posizioni che erano state previste, nella certezza che, anche con il secondo posto, Buemi / Hartley / Hirakawa sarebbero risultati vincitori del titolo assoluto.  

Purtroppo per l'Alpine ELF Team non c’è stato nulla da fare contro lo strapotere Toyota: non è mai riuscito ad impensierire le due vetture bianco-rosse ed è infine arrivato terzo, a due giri di distacco. Per la casa francese questa è la sua ultima gara nella classe Hypercar fino alla stagione 2024.

Le due Peugeot TotalEnergies Peugeot 9X8 hanno mostrato un buon ritmo per tutto il fine settimana in Bahrain, ma alla fine, durante la gara, non sono state in grado di reggere la sfida per le prime posizioni. La vettura n.94 di Loic Duval, Gustavo Menezes e Nico Mueller, è giunta quarta, mentre la vettura gemella di Jean-Eric Vergne, Mikkel Jensen e Paul di Resta è stata costretta al ritiro dopo diversi improvvisi spegnimenti del motore forse dovuti ad un problema di elettronica.

LMP2

Sean Gelael, Robin Frijns e Rene Rast hanno conquistato la seconda vittoria consecutiva della stagione per il Team WRT, mentre il trio della JOTA n.38 composto da Antonio Felix da Costa, Roberto Gonzalez e Will Stevens si fregia del titolo LMP2.

La Oreca 07 Gibson n.31 ha preso il comando durante la terza ora con Rast che ha superato l’Oreca n.22 United Autosports guidata da Phil Hanson.

Sia Rast che poi Frijns hanno incrementato il loro vantaggio sugli avversari, mantenendo la leadership fino al traguardo. Al secondo posto la vettura n.23 United Autosport USA di Alex Lynn, Oliver Jarvis e Josh Pierson, che hanno condotto un’ottima gara; in terza posizione sono giunti Da Costa, Gonzalez e Stevens con la JOTA Oreca n.38, sufficiente per aggiudicarsi il titolo LMP2.

Vincitori di classe e campioni 2022 della LMP2 Pro/Am sono Francois Perrodo, Nicklas Nielsen e Alessio Rovera sulla Oreca n.83 AF Corse.

LMGTE Pro

Alessandro Pier Guidi e James Calado e la Ferrari hanno conquistato rispettivamente i titoli Piloti e Costruttori del GT FIA World Endurance in una gara davvero spettacolare ed emozionante.

La loro Ferrari 488 GTE Evo n.51 è giunta alla bandiera a scacchi con un problema al cambio sorto nella settima ora. La gara è quindi stata vinta dall’altra vettura, la n.52 di Antonio Fuoco e Miguel Molina, precedendo la Chevrolet Corvette C8.R n.64 di Nick Tandy e Tommy Milner, mentre Kevin Estre e Michael Christensen con la Porsche 911 RSR-19 n.92 si sono classificati terzi. Kevin Estre si era portato in testa alla classe LMGTE Pro nelle prime fasi di gara, prima di ingaggiare un feroce duello con la Ferrari n.52 di Fuoco.

La prima Full Course Yellow ha però condizionato le posizioni delle GT, favorendo la Ferrari n.51 di Calado e la Corvette di Nick Tandy che sono rientrate ai box per il rifornimento proprio durante il periodo di sospensione della gara. A metà gara le due Ferrari 51 e 52 erano nelle prime due posizioni di classe, fino a quando si è manifestato il problema al cambio sulla vettura di Calado che per lunghi tratti ha dovuto procedere solo con la quinta marcia.

Soddisfatta la Corvette Racing per il secondo posto di Tommy Milner e Nick Tandy nella loro stagione di debutto nel WEC.

LMGTE Am

Ben Keating e Marco Sorensen hanno concluso la loro ottima stagione aggiudicandosi il campionato LMGTE Am, seppure finendo oggi al quarto posto di classe. La Porsche n.46 del Team Project 1 guidata da Matteo Cairoli, Niki Leutwiler e Mikkel Pedersen ha ottenuto la prima vittoria della stagione 2022, dopo aver superato la dominante Ferrari delle Iron Dames a 70 minuti dalla fine. Negli ultimi minuti di gara Michelle Gatting perdeva anche la seconda posizione a favore della Porsche n.56 di Ben Barnicoat, consentendo quindi una doppietta alla squadra Project 1.

Salvatore Taronno

Foto: ©2022 Marius Hecker/focuspackmedia.com; ©2022 Harry Parvin /focuspackmedia.com

FIA WEC: ultima gara della stagione in Bahrein, Toyota conquista la pole, Porsche precede Ferrari nelle qualifiche LMGTE Pro

11 novembre 2022. Brendon Hartley ha ottenuto oggi una schiacciante pole position al Bahrain International Circuit permettendo così alla sua Toyota Gazoo Racing n.8 e ai suoi compagni di squadra Sebastien Buemi e Ryo Hirakawa di partire al meglio nell’ultima gara del Campionato che si disputerà domani: la 8 Ore del Bahrein. Il secondo miglior tempo è stato segnato dalla Peugeot TotalEnergies 9X8 n.93 condotta da Paul di Resta, distaccata di quasi un secondo; al terzo posto la Toyota Gazoo Racing n.7 con Mike Conway al volante; quarta posizione per la Peugeot n.94 di Gustavo Menezes; quinta l’Alpine ELF Team con Mathieu Vaxiviere.

In LMGTE Pro la consueta sfida Ferrari - Porsche ha visto quest’ultima prevalere nei tempi di oggi, con la vettura n.91 di Gimmi Bruni che ha preceduto la Ferrari AF Corse n.52 di Molina / Fuoco. Ma i contendenti per il titolo sono dietro: la Porsche n.92 di Christensen / Estre è terza, mentre la Ferrari 488 Evo n.51 di Alessandro Pier Guidi è andata in testacoda proprio alla fine della sessione facendo segnare quindi solo il quarto tempo.

La sfida più classica delle corse di durata proseguirà dunque domani e si concluderà solo dopo la bandiera a scacchi, che determinerà quale delle due avrà conquistato il titolo mondiale della classe GT.

In LMP2 la squadra Realteam by WRT ha conquistato la prima pole del 2022 con il driver francese Norman Nato, che ha preceduto la Oreca-Gibson n.38 guidata da Will Stevens. Il team United Autosports USA partirà dalla terza posizione, mentre l’italiano Alessio Rovera del Team F Corse è quarto.

Nella LMGTE Am miglior tempo per Sarah Bovy sulla Ferrari n.85 del Team Iron Dames, seconda splendida pole della stagione per l’equipaggio femminile dopo quella di Monza; mentre il leader della classifica Ben Keating sulla Aston Martin TF Sport partirà dalla seconda posizione. Terzo tempo per la Porsche n.77 del team Dempsey – Proton Racing condotta da Christian Ried. La Bapco 8 Ore del Bahrein partirà domani, sabato, alle 14,00 ora locale.

Salvatore Taronno

Foto: ©2022 Marius Hecker/focuspackmedia.com; ©2022 Harry Parvin /focuspackmedia.com; ©2022 Gabi Tomescu /focuspackmedia.com

Giornata conclusiva del Misano Racing Weekend: Franca è campione della RS Cup, Magliona conquista il titolo del Master Tricolore Prototipi classe CN

6 novembre 2022. Si conclude la stagione 2022 dei trofei Gruppo Peroni Race con l’ultima giornata di gare al Misano World Circuit, che ha incoronato i campioni delle diverse categorie in pista.

In Coppa Italia Turismo Ruben Fernandez ha vinto anche la gara di oggi, tenendo dietro un arrembante Giacomo Ghermandi. Quest’ultimo, in cerca di riscatto dopo un difficile sabato, ha cercato  a tutti i costi di agguantare la vittoria finale, anche approfittando del ritiro di Paolo Rocca, ma non ci è riuscito. In seconda divisione Gabriele Volpato ha preceduto Paolo Palanti, in terza divisione importante affermazione per Maurizio Abate. Paolo Palanti si aggiudica quindi il titolo nella classe TCR DSG, mentre Alberto Cioffi è campione nella terza divisione.

In RS Cup gara avvincente e ricca di colpi di scena: Luca Franca sbaglia la partenza e deve ringraziare la Safety Car che ha impedito ad Alex Lancellotti di allungare verso la vittoria finale. Alla ripartenza dopo la neutralizzazione Franca è infatti riuscito a superare Lancellotti, portandosi così a casa la vittoria in gara ed il titolo di campione. Nella classe dedicata alle Clio 2.0 aspirate, la vittoria è andata a Nunzio Anastasi, mentre il titolo del campionato a Massimo Massaro. Nella classifica speciale degli over 50, vince Andrea Bonifazi, mentre negli under 25 trionfano i “cugini terribili” Alex e Mattia Lancellotti.

Nel Master Tricolore Prototipi grandi emozioni in gara con il duello tra Omar Magliona e Massimo Wancolle, con un contatto tra i due dopo pochi giri costato  un testacoda per Magliona ed un drive through per Wancolle. Omar Magliona è comunque riuscito a rimontare fino alla vittoria di classe CN che gli è valsa la vittoria di campionato. In classe Special bis di vittorie per Gennaro Di Somma, già laureatosi ieri vincitore del campionato, davanti a Walter Margelli e Claudio Francisci.

In Lotus Cup Italia vittoria dalla pole position per Giacomo Giubergia che si laurea campione 2022 davanti a Daniel Grimaldi. Anche il Porsche Club GT ha assegnato oggi i titoli 2022: nella classe regina delle 911 GT3 Cup vittoria e titolo al valdarnese Daniele Polverini nella DSW 991 Cup. Nella classe top delle Porsche stradali, al milanese Aldo Grossi è bastato il secondo posto per assicurarsi l’alloro del campionato nella gara vinta da Andrea Giorgi.

Nella Boss GP, Haralds Slegelmilh fa il bis di vittorie nel weekend di Misano. Nel Mitjet Italia Racing Series invece una vittoria a testa per Pier Andrea Demarco e per il francese Marius Fossard.

Salvatore Taronno

Foto: ©2022 Gruppo Peroni Race

Annunciato a Portimão l’accordo tra Lamborghini e Iron Lynx per la gestione delle competizioni GT nel 2023 e per il programma LMDh nel FIA WEC e IMSA nel 2024

5 novembre 2022 – Lamborghini Squadra Corse e il team Iron Lynx hanno stretto un accordo per la partecipazione alle competizioni GT per la stagione 2023 nonché, a partire dal 2024, per la gestione del programma Lamborghini LMDh nel Campionato Mondiale Endurance FIA WEC ed in quello americano IMSA WeatherTech Sportscar Championship. L’accordo con DC Racing Solutions Ltd. permetterà a Lamborghini di avvalersi anche delle competenze tecniche e dell’esperienza maturata sui campi di gara dalla PREMA Engineering. L’annuncio dell’accordo è stato dato ieri a Portimão, nel corso delle Grand Finals del Super Trofeo, da parte del Lamborghini Chairman e CEO Stephan Winkelmann, insieme a Giorgio Sanna, responsabile di Lamborghini Motorsport.   

La collaborazione prenderà il via dunque da gennaio 2023, quando Iron Lynx schiererà la nuova Lamborghini Huracán GT3 EVO2, di colore verde e numero di gara 63, alla 24 Ore di Daytona. La squadra prenderà parte al GT World Challenge Europe Endurance Cup e all'IMSA WeatherTech SportsCar Championship Endurance Cup negli Stati Uniti. Ci sarà anche una seconda vettura, dalla peculiare livrea fucsia “Iron Dames” con numero di gara 83, affidata ad un equipaggio femminile, più una terza identica vettura con il n.19.

Confermata anche la partecipazione dell'Iron Lynx alla stagione 2023 del Lamborghini Super Trofeo Europa, dopo l'esordio a Portimão di una Huracán Super Trofeo EVO2 Iron Dames affidata a Doriane Pin e Michelle Gatting.

All'annuncio dell’accordo erano presenti anche Deborah Mayer, Chairwoman di DC Racing Solutions Ltd., che ha sede in Svizzera, e Andrea Piccini, Team Principal di Iron Lynx.

Salvatore Taronno

Foto: ©Automobili Lamborghini S.p.A.

A Misano le gare del sabato del Gruppo Peroni Race: Fernandez vince in Coppa Italia Turismo, Lancellotti si aggiudica la RS Cup

5 novembre 2022. Il Misano World Circuit ospita questo weekend le ultime gare della stagione, quelle organizzate dal Gruppo Peroni Race. Oggi si sono svolte le gare del sabato: sette competizioni che hanno riempito la giornata fino all’imbrunire offrendo un apprezzato spettacolo agli appassionati prima della pausa invernale.

La Coppa Italia Turismo ha regalato grande spettacolo, grazie ad una serie di colpi di scena: le primissime fasi di gara sono state infatti caratterizzate da un contatto tra Giacomo Ghermandi e Paolo Rocca, con il primo penalizzato con un drive through ed il secondo costretto al ritiro. Con due dei favoriti fuori dai giochi, è stato Sabatino Di Mare a condurre la gara fino all’ultimo giro, quando un errore alla curva della Quercia lo ha costretto a cedere la posizione allo spagnolo Ruben Fernandez, che così è andato a prendersi la vittoria. In seconda divisione è stato Gabriele Volpato ad avere la meglio sul compagno di squadra Paolo Palanti, mentre in terza divisione è stato Mattia Pioppi a trionfare.

In RS Cup spettacolare duello nei primi giri tra il polesitter Mattia Lancellotti ed il rivale Luca Franca, con quest’ultimo impegnato in un’aspra lotta anche con Pietro Alessi, che gli ha impedito di mantenere il contatto con la testa della corsa nella seconda parte di gara. Lancellotti ha dunque ottenuto la vittoria della prima gara del weekend con ampio margine, ma soltanto il round finale di domani decreterà il campione, visto che Franca è ancora il leader del campionato, per una manciata di punti. Nella sottocategoria dedicata alle Clio 2.0 Turbo, vittoria per Massimo Massaro davanti a Nunzio Anastasi.

Gara 1 decisiva per le sorti del Master Tricolore Prototipi. Il successo dalla pole position permette a Gennaro Di Somma di approfittare del ritiro di Claudio Francisci per ipotecare la vittoria del campionato del gruppo Special. Ben più movimentata la situazione nel gruppo CN, con Omar Magliona che riesce a rimontare dopo una difficile qualifica sul bagnato per battere Massimo Wancolle per la vittoria di categoria. Nulla è però ancora deciso, laddove sarà soltanto il verdetto di Gara 2 ad assegnare il titolo nel duello a due tra Magliona e Wancolle.

Nella Mitjet Italia Racing Series a spartirsi la vittoria nei due round del sabato sono stati i francesi Julien De Miguel e Romain Damiani. Nel Boss GP la vittoria in gara 1 è andata a Haralds Slegelmilh, già vincitore di tappa il mese scorso al Mugello. Nel primo round di Lotus Cup Italia, vittoria a sorpresa per Filippo Manassero che approfitta dei guai occorsi ai due rivali per il titolo Giacomo Giubergia, quarto al traguardo, e Daniel Grimaldi, ritirato.

Domani, domenica, sarà la giornata conclusiva del Misano Racing Weekend con le successive sette gare, decisive per i titoli di diversi campionati ancora da assegnare. Le gare saranno visibili su MS Motor TV (canale 229 di Sky) ed in streaming gratuito sui canali Facebook e YouTube del Gruppo Peroni Race.

Salvatore Taronno / Comunicato stampa Gruppo Peroni Race

Foto: ©Claudio Signori / Agenzia Signori

Il grande ritorno Ferrari nel mondiale Endurance: presentata la Hypercar 499P

30 ottobre 2022. Nel corso delle Finali Mondiali Ferrari che si sono svolte la scorsa settimana all’autodromo di Imola è stato presentato ufficialmente alla stampa il prototipo Le Mans Hypercar identificato con la sigla “499P” con cui la Ferrari parteciperà nel 2023 al FIA WEC, il Campionato Mondiale Endurance.

Questo campionato ha visto negli ultimi anni un forte aumento di attenzione e di interesse da parte del pubblico e da parte delle maggiori case automobilistiche. Oltre alla Toyota, l’Alpine e la Peugeot (che ha debuttato quest’anno a Monza), già presenti nel WEC, hanno recentemente annunciato la realizzazione di vetture Hypercar: la Honda con il brand sportivo americano Acura, la Cadillac, la BMW, la Porsche e la Lamborghini.

A guardare i blasoni si può quindi affermare che i prossimi anni segneranno un boom per questa tipologia di gare, che nei primi anni ’70 hanno creato dei veri e propri miti, passati anche alla cinematografia. Il primo pensiero per gli appassionati va sicuramente indietro nel tempo: alle epiche sfide della Ferrari contro la Ford e contro la Porsche.  

E lo ricordano bene anche gli uomini Ferrari di oggi, che infatti hanno creato una vettura fortemente evocativa dei fasti passati e dei successi sportivi del marchio nelle gare di durata, a partire proprio dalla denominazione: 499P.  Diversi celebri bolidi a ruote coperte del cavallino avevano una sigla che li identificava con la lettera P, seguita da un numero rappresentativo della cilindrata. Anche i colori sono fortemente evocativi di alcuni celebri modelli del passato, e si spera altrettanto beneauguranti per le prossime sfide in pista di questa vettura, fortemente proiettata nella tecnologia del futuro, con il grande onere, oltre che onore, di rappresentare un brand che ha vinto 9 volte la 24 Ore di Le Mans, e 22 titoli mondiali.

Storia dell’endurance che per la Ferrari si è interrotta 50 anni fa nelle classi regine, da cui deriva il numero di gara 50 già impresso sulla 499P e che identificherà, con il consecutivo numero 51, le due vetture della squadra Ferrari nelle gare di campionato.       

Il prototipo Ferrari rispetta i dettami tecnici previsti dal regolamento della classe Le Mans Hypercar (LMH), che prevede l’utilizzo nel FIA World Endurance Championship di vetture con propulsori ibridi, dotate della trazione integrale e con un peso minimo non inferiore a 1.030 chilogrammi.

Molto forte è l’impegno della Casa nella realizzazione di questo progetto, che ha coinvolto tutte le forze tecniche, professionali e umane, affidandone il coordinamento e la direzione ad Antonello Coletta, responsabile di Attività Sportive GT, con la direzione tecnica di Ferdinando Cannizzo.

Il powertrain ibrido della 499P combina un motore termico, dislocato in posizione centrale-posteriore, a un motore elettrico, sull’asse anteriore.

Il telaio è monoscocca in fibra di carbonio, con sospensioni a triangoli sovrapposti di tipo “push-rod”.

L’impianto frenante integra un sistema di brake-by-wire per consentire il recupero della energia cinetica in frenata da parte dell’assale elettrico anteriore che, dopo essere accumulata in una batteria ad alto voltaggio viene poi utilizzata dal motore elettrico montato sullo stesso assale.

L'unità termica ICE — Internal Combustion Engine - ha una potenza massima a terra, limitata dal regolamento, di 500 kVA/ (680 cavalli) ed è derivata dalla famiglia dei V6 biturbo stradali, con cui è equipaggiata anche la nuova 296 GT3. Il V6 della 499P è sviluppato appositamente per la categoria, che comporta un suo alleggerimento e la funzione “portante” sulla parte posteriore del telaio del prototipo.   

La seconda "anima" powertrain ibrido è rappresentata dall'ERS - Energy Recovery System – un motore elettrico di potenza massima pari a 200 kW (272 Cv), montato sulle ruote anteriori, che si ricarica nelle fasi di decelerazione e frenata.

Il pacco batterie, con tensione nominale di 900 Volt, beneficia dell'esperienza maturata in Formula 1 sebbene sia stato sviluppato specificatamente per questo progetto.

Il motopropulsore è accoppiato a un cambio sequenziale a sette rapporti. 

Il disegno della 499P è frutto del coinvolgimento del Centro Stile Ferrari, sotto la direzione di Flavio Manzoni, e integra con maestria le necessità stilistiche a quelle tecniche e aerodinamiche, imprescindibili per una vettura che supera abbondantemente i 300 km orari. Ottimo, affascinante e gradevole il risultato finale. Molto elegante la "coda", caratterizzata da una doppia ala orizzontale e da un gruppo ottico continuo orizzontale.

Salvatore Taronno

Foto: ©Ferrari S.p.A.

Guidetti-Moncini su Honda NSX GT3 si aggiudicano la vittoria in gara-2 al Mugello ed il titolo Gran Turismo Sprint 2022

23 ottobre 2022. Jacopo Guidetti e Leonardo Moncini su Honda NSX GT3 si sono laureati campioni italiani Gran Turismo Sprint vincendo l’ultima gara della stagione disputata al Mugello Circuit. L’equipaggio del team Nova Race ha preceduto di 4”327 Cecotto-Di Giusto su Lamborghini Huracan GT3 LP Racing e di 7”460 Di Amato-Urcera su Ferrari 488 GT3 Scuderia Baldini. In classifica generale i neo campioni Guidetti e Moncini sono oggi passati in testa con 96 punti, superando Glock e Klingmann fermi a 78, a seguire Di Amato e Urcera con 77 punti, Di Folco con 76 e Galbiati con 75 punti.

Altri titoli sono stati assegnati dopo la gara di oggi: la GT Cup PRO-AM a Coluccio-Mazzola (su Ferrari 488 Challenge Easy Race); quello della GT Cup AM a Di Leo-Poppy (su Porsche 991 GT3 Cup AB Motorsport); nella GT4 un perfetto ex equo in casa Nova Race con il titolo diviso tra gli equipaggi Ferri-Bencivenni e Aleksander Schjerpen, entrambi su Mercedes AMG GT4.

Nella GT3 Pro-AM il titolo era già stato assegnato ieri a Cecotto-Di Giusto su Lamborghini Huracan GT3 LP Racing, mentre il GT3 AM era in mano a Patrinicola-Butti (Audi R8 LMS Audi Sport Italia) già dal penultimo round di Imola.

La gara è stata molto movimentata e caratterizzata da un Full Course Yellow e due safety car, per cui solo nelle battute finali si è delineata la vittoria dei due giovanissimi campioni italiani: Guidetti ha 20 anni, Moncini ne ha 18.

Quest’ultimo ha impostato in maniera eccellente la prima parte di gara in cui era alla guida, restando sempre incollato all’Audi di Butti e alla Lamborghini di Middleton, fino alla sosta ai box e al cambio pilota, avvenuto durante un periodo di Full Course Yellow a causa di un incidente. Al rientro in pista Guidetti si ritrovava secondo in regime di safety car e, alla ripartenza della gara superava Patrinicola e si portava in testa alla corsa. Un nuovo ingresso della safety car provocava diversi giri in gruppo dei concorrenti e alla ripartenza restavano solo alcuni minuti di gara, con la Honda di Guidetti ormai lanciata verso il traguardo.

Sono transitati secondi sotto la bandiera a scacchi i campioni italiani GT3 PRO-AM Cecotto-Di Giusto, sulla Lamborghini Huracàn, che avevano superato nelle battute conclusive l’Audi di Patrinicola-Butti, retrocessa poi al 7° posto per una penalità di 25 secondi inflitta a Butti per l’incidente causato nei confronti della Porsche dello statunitense Nelson.

Sono così risultati terzi Di Amato-Urcera sulla Ferrari 488 GT3 della Scuderia Baldini, seguiti al quarto posto da Galbiati-Cressoni con la Mercedes AMG GT3 dell’Antonelli Motorsport. Al quinto posto l’altra Honda NSX Nova Race di Greco-Guerra, sesto Alessandro Cozzi sulla Ferrari 488 GT3 AF Corse.

Delusione per Di Folco-Middleton con la Lamborghini Huracan GT3 Imperiale Racing, tra i favoriti per il titolo: dopo una gara sempre in attacco si sono ritrovati al secondo posto al momento del FCY ma poi sono stati penalizzati di 25 secondi per un contatto di Di Folco nei confronti del tedesco Glock che ha spedito quest’ultimo fuori pista.

Ci attende ora il periodo invernale di "riflessione" e preparazione alla stagione 2023 che, in base al calendario oggi noto, partirà al Misano World Circuit il prossimo 7 maggio.

Salvatore Taronno

Foto: ©2022 ACI Sport

Al Mugello l’ultimo round del Campionato Italiano Gran Turismo Sprint: Di Folco-Middleton si aggiudicano gara-1

Sabato 22 ottobre 2022. Alberto Di Folco e il britannico Stuart Middleton, sulla Lamborghini Huracàn GT3 sono i vincitori di gara-1 dell’ultimo round del campionato Italiano Gran Turismo Sprint che si corre questo weekend al Mugello Circuit. I portacolori dell’Imperiale Racing hanno preceduto sul traguardo di 2”556 la BMW M4 GT3 BMW Italia-Ceccato Racing Team di Glock-Klingmann e di 2”884 la Honda NSX GT3 Nova Race di Guidetti-Moncini. 

Questa vittoria non è stata ancora determinante ai fini dell’assegnazione del titolo 2022 che a tutt’oggi resta alla portata dei primi 5 equipaggi in classifica generale: i leader Glock-Klingmann hanno un vantaggio di 2 punti su Guidetti-Moncini, 3 su Di Folco, 11 su Galbiati e 14 su Di Amato-Urcera.

Cecotto-Di Giusto con la Lamborghini Huracan GT3, a seguito della vittoria di classe nella gara di oggi si sono invece già laureati campioni della GT3 PRO-AM.

Nella GT Cup la vittoria è andata oggi al 17enne portoghese Rodrigo Testa con la Lamborghini Huracàn del Rexal FFF Racing Team, secondi si sono piazzati Barri-Scalvini con la Lamborghini Huracàn ST del Team Italy, seguiti in terza posizione dal colombiano Andres Mendez sulla Lamborghini Huracan ST Bonaldi Motorsport.

Nella GT4 si sono imposti Ferri-Bencivenni sulla Mercedes AMG GT4 Nova Race davanti ai compagni di squadra Schjerpen-Marchetti e alla Porsche Cayman di Cerati-Fondi del team Autorlando.

Domani, domenica, la gara di 50 minuti + 1 giro scatterà alle ore 12.50 e sarà trasmessa in diretta TV su Acisport Tv (SKY 228) e in differita su RAISPORT alle ore 20.30. Gara in diretta streaming sul sito del campionato www.acisport.it/CIGT, sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Campionato.

Salvatore Taronno

Foto: ©ACI Sport

Al Mugello Racing Weekend le gare della domenica: Franca vince in RS Cup, Francisci nel Master Tricolore Prototipi, Ronconi-Gulinelli nelle storiche

16 ottobre 2022. Giunge a conclusione il Mugello Racing Weekend, evento organizzato dal Gruppo Peroni Race che ha infiammato l’autodromo toscano in questo fine settimana di metà ottobre. Non sono mancati i colpi di scena nelle sette gare della domenica, nonostante le tante conferme tra le fila dei vincitori. La RS Cup ha visto il riscatto di Luca Franca, agile vincitore dalla pole position dopo la disfatta del sabato, dove problemi tecnici lo avevano costretto a perdere punti preziosi sui cugini terribili Alex e Mattia Lancellotti.

Nel Master Tricolore Prototipi invece sono ancora Claudio Francisci e Omar Magliona a finire sul gradino più alto del podio, rispettivamente nelle classi Special e CN.

Il Mugello Historic Grand Prix valido per il Campionato Italiano Auto Storiche ha visto invece il trionfo della Porsche 930 dell’equipaggio guidato da Massimo Ronconi e Giovanni Gulinelli.

Luca Franca si è imposto facilmente in Gara 2 di RS Cup, il pilota e youtuber del team 4x4 Explorer ha imposto da subito una pressione insostenibile per Alex Lancellotti. Quest’ultimo, autore di una partenza impeccabile dalla pole position, nulla ha potuto contro l’arrembante numero 91, che si è sbarazzato del rivale nel giro di poche tornate per poi darsi alla fuga. Il driver del Faro Racing ha successivamente faticato a trattenere l’assalto di Paolo Tartabini, che è proseguito fino alle fasi finali di gara, riuscendo comunque a mantenere una preziosa seconda posizione. La classifica di campionato nella classe Clio 1.6 Turbo vede Franca ancora in testa, attualmente con 9 punti di vantaggio sui cugini Lancellotti. La vittoria nella categoria riservata alle Clio 2.0 aspirate è andata nuovamente a Mario Beltrami, autore di una doppietta nel weekend del Mugello.

Il Master Tricolore Prototipi ha riproposto gli stessi verdetti del sabato, nonostante una dinamica di gara profondamente differente. La vittoria di gara nel gruppo Special è andata a Claudio Francisci, con il veterano che si è riconfermato al termine di una scaltra rimonta. Omar Magliona è a sua volta riuscito nella seconda affermazione del fine settimana nel gruppo CN, davanti ad un Massimo Wancolle che al termine del weekend del Mugello ha perso la leadership della classifica di categoria. Wancolle è stato infatti sopravanzato per quattro punti proprio da Magliona, ora alla guida del gruppo CN. Nella Special invece si conferma nuovamente Gennaro Di Somma con un totale di 100 punti. Anche oggi segnaliamo la partecipazione alla gara di diverse monoposto del campionato austriaco Sports Car Challenge, che hanno contribuito ad innalzare il prestigio della griglia di partenza.

Anche il Mugello Historic Grand Prix ha sostanzialmente confermato i valori del sabato, con 3 gruppi su 4 che hanno visto l’autore della pole position vincere anche la gara del Campionato Italiano Auto Storiche. A vincere dunque nella categoria assoluta è stato nuovamente l’equipaggio formato da Massimo Ronconi e Giovanni Gulinelli, a bordo della Porsche 930 del 3° Gruppo. L’unico grande colpo di scena nelle posizioni di vertice è arrivato nel corso dell’ultimo giro, quando un problema di affidabilità ha fermato la TVR Tuscan Speed 8 GT di Thomas Giovannini ed Emanuele Benedini dall’ottenere il secondo posto assoluto. La vittoria nel 4° Gruppo è così andata all’altra TVR, guidata dall’equipaggio composto da Vito Truglia e Gilles Giovannini. In terza posizione i migliori del 2° Gruppo, la coppia Giovanni Ambroso e Mario Sala su Porsche 911. Nel 1°Gruppo ancora una volta a primeggiare è stato Stefano Rosina con la Maserati 3500 GT del 1962.

In Lotus Cup Italia una vittoria a testa per Giacomo Giubergia e Niccolò Loia, con Giubergia che rafforza la propria leadership in vista del round finale di campionato. Nella Boss GP, è Salvatore De Plano ad aggiudicarsi Gara 2 sul circuito toscano davanti a Marc Faggionato. Nel Topjet F2000 Trophy a spuntarla nella seconda manche del fine settimana è Sandro Zeller, con Benjamin Berta in seconda piazza. Nel Porsche Club GT è il padrone di casa Daniele Polverini ad aggiudicarsi la categoria racing al volante della 911 GT3 Cup; mentre fra le stradali, nella Goodyear GT3 RS, la vittoria è andata al pilota pugliese Ignazio D’Agosto, a bordo della Porsche 911 GT3 di ultima generazione. Come per la Lotus Cup Italia, i titoli del Porsche Club GT si decideranno nell’ultimo round a Misano.

Il prossimo appuntamento con i weekend del Gruppo Peroni Race è per il 5-6 novembre al Misano World Circuit, con il gran finale della Coppa Italia Turismo, della RS Cup e del Master Tricolore Prototipi.

Salvatore Taronno / Comunicato stampa Gruppo Peroni Race

Foto: ©Mattia Arfelli / Agenzia Signori; ©Claudia Cavalleri / Studio Cavalleri

 

Il team italiano Prema Racing vince la 4 Ore di Portimao, ultima gara della stagione, e conquista il titolo ELMS 2022

16 ottobre 2022. L’ultima gara della stagione ELMS, la 4 Ore di Portimao, è stata piuttosto movimentata e ricca di colpi di scena, anche a causa dei rovesci di pioggia che hanno influenzato le condizioni della pista e l’andamento della corsa.

Grande gioia per Prema Racing, Cool Racing e Racing Team Turkey che si sono aggiudicati rispettivamente i titoli della classe LMP1, LMP2 e LMP2 Pro-Am. Nella classe LMGTE il team Proton Competition è arrivato 5° conquistando il titolo mentre l’equipaggio delle Iron Dames hanno fatto la storia diventando la prima squadra di sole donne a vincere una gara del campionato ELMS.

Grande delusione invece per l'Inter Europol Competition che con l'equipaggio n. 13 ha perso il titolo della LMP3 per una foratura avvenuta nell'ultima ora di gara dopo un contatto con un'auto LMGTE.

A causa della pioggia la gara è partita dopo due giri in formazione dietro la Safety Car, durante i quali diverse vetture con le gomme slick sono andate in testacoda sull’asfalto bagnato. Alla partenza vera e propria l’Oreca n.47 Algarve Pro Racing di John Falb è andata in testacoda alla prima curva dopo essere stata schiacciata da altre due vetture; ciò provocava il testacoda anche della vettura n.88 AF Corse di Francois Perrodo.

Intanto Ahmad Al Harthy con la TF Sport Aston Martindell’Oman Racing n. 69 passava in testa dal 4° posto in griglia, seguita dalla Ferrari Rinaldi Racing n.32 di Diego Alessi e dalla Ferrari Iron Lynx n.83 di Sarah Bovy, che era partita in pole. Queste tre vetture hanno fatto diversi giri a stretto contatto fino a quando Alessi è riuscito a prendere il comando, ma senza rimanerci per molto, perché la collisione tra la Oreca Muehlner Motorsport n.21 di Mathias Kaiser e la Ligier Nielsen Racing n.7 di Tony Wells causava un Full Course Yellow ed il fuori gara di entrambe le vetture.

L'Aston Martin n.69 e la Ferrari n.32 si fermavano subito ai box, mentre Sarah Bovy decideva di proseguire accumulando un certo vantaggio che si è poi rivelato prezioso.

Nel frattempo l’Oreca n.43 dell'Inter Europol Competition di Pietro Fittipaldi prendeva il comando della gara precedendo l’Oreca n.9 Prema Racing di Juan Manuel Correa e la vettura n.31 TDS Racing x Vallante di Tijmen Van Der Heim.

Sarah Bovy ha effettuato il suo primo pitstop dopo aver accumulato 30 secondi di vantaggio, ed è così rientrata in pista in terza posizione.

Dopo la ripartenza dal secondo periodo di Full Course Yellow la Ferrari n.32 del Rinaldi Racing è stata sanzionata con un drive through per superamento dei limiti di pista; Diego Alessi manteneva la seconda posizione dopo aver scontato la penalità, ma dopo la sua successiva sosta ai box per rifornimento e cambio gomme la Ferrari delle Iron Dames si è ritrovata in testa, superando anche l'Aston Martin n.69.

Con la terza Full Course Yellow causata dall’uscita contro le barrire dell’Oreca n.47 dell'Algarve Pro Racing Sarah Bovy si dirigeva opportunamente ai box consegnando la Ferrari n.83 a Doriane Pin. Dopo l’uscita dai box la conduttrice francese si ritrovava con un bel vantaggio sugli inseguitori di classe. Anche Prema Racing approfittava della sospensione della gara per rientrare ai box, così come la Ligier n.13 Inter Europol Competition, leader della LMP3.

Alla terza ripartenza della gara, Ferdinand Habsburg era in testa con 35 secondi di vantaggio sull'Oreca n.31 di Mathias Beche, con Tom Gamble al terzo posto sull'Oreca United Autosports n.22.

La Ligier n.13 era in testa alla LMP3 ma una collisione con la Oreca n.31 ha causato una nuova Full Course Yellow per recuperare la vettura LMP2, mentre la Ligier si è diretta ai box. Dopo i numerosi pit-stop la gara è ripartita con la Oreca n.9 della Prema Racing condotta da Louis Deletraz al comando della gara con un discreto vantaggio sugli inseguitori.

Nella LMGTE Doriane Pin passava il volante della Ferrari n.83 a Michelle Gatting con un vantaggio di quasi due giri sugli avversari di classe. L’Oreca Prema Racing era ancora in testa alla gara precedendo di 91 secondi la vettura n.65 del Panis Racing con Job Van Uitert, seguita al terzo posto dalla Ligier Cool Racing n.17 di Malthe Jakobsen.

Drammatici momenti per il pilota portoghese Guilherme Oliveira che vedeva sfumare il titolo della LMP3 a causa di un incidente della sua Ligier, a soli 12 minuti dalla fine, con l’Aston Martin n.95 di John Hartshorne che metteva entrambe le vetture fuori gara.

Dopo l’ennesima Full Course Yellow e la ripresa della gara per soli 3 minuti la bandiera a scacchi si è abbassata per prima sulla Oreca Prema Racing n.9 di Louis Deletraz che quindi ha conquistato la vittoria assoluta precedendo l’Oreca  n.65 Panis Racing di Job Van Uitert e la Oreca Cool Racing n.37 di Yifei Ye al terzo posto.

Malthe Jakobsen con la Ligier Cool Racing n.17 ha chiuso con un giro di vantaggio sul resto del gruppo LMP3, con la Ligier n.2 United Autosports al secondo posto, e la Ligier n.27 Cool Racing Ligier n.27 al terzo. Jakobsen ha così conquistato il titolo LMP3 per il team Cool Racing e per i suoi compagni di squadra Maurice Smith e Michael Benham al termine di una gara ricca di colpi di scena.

Nella LMGTE la vittoria della Ferrari n.83 Iron Dames con Michelle Gatting al traguardo ha consegnato alla storia della ELMS la prima vittoria di classe per un equipaggio tutto femminile. L’Aston Martin n.69 dell’Oman Racing è giunta seconda al traguardo a un giro di distacco e precedendo per soli 8 secondi la Ferrari n.57 Kessel Racing di Mikkel Jensen.

La Porsche n.77 Proton Competition di Lorenzo Ferrari, Christian Ried e Gianmaria Bruni ha chiuso al 5° posto, consentendo loro la conquista del titolo piloti  LMGTE 2022 e alla loro squadra Proton Competition il titolo dei team.

Salvatore Taronno

Foto: ©ELMS

Privacy Policy