La Scuderia Nebrodi Racing sbarca in Sardegna
La Scuderia Nebrodi Racing sbarca in Sardegna
Weekend dal doppio impegno per la Porto Cervo Racing: Cronoscalata di Tandalò e Rally di Chiusdino
Weekend dal doppio impegno per la Porto Cervo Racing: Cronoscalata di Tandalò e Rally di Chiusdino
La 50^ Cronoscalata della Castellana è finale Nazionale TIVM
La 50^ Cronoscalata della Castellana è finale Nazionale TIVM
MERLI PREMIATO IN SPAGNA DALLA FIA
MERLI PREMIATO IN SPAGNA DALLA FIA
Assegnate le validità CIVM 2023
Assegnate le validità CIVM 2023
Buona la prima per Vincenzo Cimino sulla Ferrari 458 della Scuderia Suparchallenge.
Buona la prima per Vincenzo Cimino sulla Ferrari 458 della Scuderia Suparchallenge.
Tandalò, perché no?
Tandalò, perché no?
DEGASPERI VINCE L'IGLESIAS - SANT'ANGELO
DEGASPERI VINCE L'IGLESIAS - SANT'ANGELO
E-CIVM MSC: Vittoria di Maurizio Capuzzo alle Svolte di Popoli
E-CIVM MSC: Vittoria di Maurizio Capuzzo alle Svolte di Popoli
La 6^ Cronoscalata di Tandalò scalda i motori e prepara un altro grande spettacolo
La 6^ Cronoscalata di Tandalò scalda i motori e prepara un altro grande spettacolo
ACI Salerno conquista le finalissime
ACI Salerno conquista le finalissime
16a Bologna-San Luca  Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
16a Bologna-San Luca Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
La Cronoscalata della Castellana ora guarda alla 50^ edizione
La Cronoscalata della Castellana ora guarda alla 50^ edizione
Vito Tagliente chiude con una vittoria il suo 2022 in salita
Vito Tagliente chiude con una vittoria il suo 2022 in salita
Si conclude con un podio a Orvieto la stagione agonistica di Angelo “The Doctor” Loconte
Si conclude con un podio a Orvieto la stagione agonistica di Angelo “The Doctor” Loconte
BIS DI DEGASPERI, NUOVO SIGILLO SUL TIVM
BIS DI DEGASPERI, NUOVO SIGILLO SUL TIVM
Onore alla Sicilia dalla Cronoscalata La Castellana
Onore alla Sicilia dalla Cronoscalata La Castellana
Faggioli fa il bis alla 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Faggioli fa il bis alla 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Successo per la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi
Successo per la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi
16^ Bologna-San Luca   Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
16^ Bologna-San Luca Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
Pronta una avvincente 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Pronta una avvincente 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
MSC E-CIVM: Manolo Polonioli fa suo il primo appuntamento alla Coppa Nissena
MSC E-CIVM: Manolo Polonioli fa suo il primo appuntamento alla Coppa Nissena
La 49^ Cronoscalata della Castellana è entrata in fase clou
La 49^ Cronoscalata della Castellana è entrata in fase clou
Angelo “The Doctor” Loconte già in modalità race   a Orvieto per la finalissima TIVM
Angelo “The Doctor” Loconte già in modalità race a Orvieto per la finalissima TIVM
Ad Orvieto sfida di fine stagione per i migliori del TIVM
Ad Orvieto sfida di fine stagione per i migliori del TIVM
Presentata la 49^ Cronoscalata della Castellana con 237 iscritti
Presentata la 49^ Cronoscalata della Castellana con 237 iscritti
Cassibba alla finale di Orvieto
Cassibba alla finale di Orvieto
Torna la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi con oltre 60 vetture.
Torna la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi con oltre 60 vetture.
VITTORIA DI CHRISTIAN MERLI NELLA 19ª SUBIDA ARONA TENERIFE (SPAGNA)
VITTORIA DI CHRISTIAN MERLI NELLA 19ª SUBIDA ARONA TENERIFE (SPAGNA)
La 49^ Cronoscalata della Castellana già oltre quota 200
La 49^ Cronoscalata della Castellana già oltre quota 200
Caprino Veronese pronto ad accogliere la festosa Rievocazione della Caprino-Spiazzi
Caprino Veronese pronto ad accogliere la festosa Rievocazione della Caprino-Spiazzi
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
MERLI IN GARA NELLA 19ª SUBIDA ARONA A TENERIFE (CANARIEA – SPAGNA)
MERLI IN GARA NELLA 19ª SUBIDA ARONA A TENERIFE (CANARIEA – SPAGNA)
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
La 49^ Cronoscalata della Castellana è sicurezza, agonismo e storia
La 49^ Cronoscalata della Castellana è sicurezza, agonismo e storia
SCOPEL VINCE IL TIVM IN ZONA NORD
SCOPEL VINCE IL TIVM IN ZONA NORD
MSC E-CIVM 2022 alle porte, 6 tappe da vivere full gas
MSC E-CIVM 2022 alle porte, 6 tappe da vivere full gas
Stagione da incorniciare per Manuel D'Antoni
Stagione da incorniciare per Manuel D'Antoni
Brilla Riolo anche nell’ultima del Tricolore Auto Storiche
Brilla Riolo anche nell’ultima del Tricolore Auto Storiche
Francesco Conticelli su Nova Proto vincitore della Monti Iblei 2022
Francesco Conticelli su Nova Proto vincitore della Monti Iblei 2022
Paolo Rignanese

Paolo Rignanese

REVIVAL VINCENTE PER BATTAGLIN AL MONTE DI MALO

Martedì, 18 Ottobre 2022 16:08 Published in Slalom

REVIVAL VINCENTE PER BATTAGLIN AL MONTE DI MALO

Il rosso da Marostica è quarto assoluto, primo di gruppo e di classe, tra le porte di una vecchia speciale del Città di Schio mentre Masiero prepara, in anticipo, il 2023.

 

 

Rosà (VI), 18 Ottobre 2022 – La prima edizione dello Slalom Monte di Malo ha portato all'onore delle cronache la brillante idea, proposta da Rally Club Team di Isola Vicentina, di dare vita ad un evento dedicato agli specialisti delle birillate su una ex speciale del Rally Città di Schio, un mix che ha attirato numerosi rallysti che di questa strada conservano ricordi speciali.

Tra di loro, in casa Rally Team, a spiccare è stato indubbiamente Alessandro Battaglin, presentatosi al via con una vettura non propriamente adatta a questa tipologia di specialità.

Il rosso da Marostica, al volante della Hyundai i20 R5 curata da PR2 Sport, si è invece ben destreggiato tra le porte di casa, viaggiando con costanza ai piani alti della generale.

Colpaccio quasi sfiorato per lui, quarto in classifica assoluta a meno 2,08 dal podio, che non offusca la soddisfazione per la bella doppietta siglata in gruppo A ed in classe A>2000.

“È stato emozionante tornare a correre qui” – racconta Battaglin – “perchè parliamo di una delle prove speciali storiche del Rally Città di Schio. Non amo i birilli e nemmeno sono tanto digeribili dalla nostra vettura ma volevamo essere presenti per capire se eravamo a posto dopo i problemi avuti al San Martino di Castrozza. Essendo vicino a casa non ci siamo fatti sfuggire questa bella occasione e devo dire che sono rimasto molto soddisfatto dell'esperienza. Se capiterà ancora l'occasione di poterci essere non esiteremo. Il percorso si è rivelato abbastanza impegnativo perchè, porte a parte, si affrontavano veri tratti di speciale. Abbiamo portato a casa un ottimo risultato, paragonato agli specialisti di categoria. Siamo molto felici.”

Da un portacolori che guarda al prossimo futuro ad un altro già orientato alla stagione 2023.

Stiamo parlando di Emanuele Masiero, in gara con la sua consueta Citroen Saxo gruppo A, a conti fatti sesto di classe A1600 e nono nella generale di gruppo A, soddisfatto per il lavoro svolto sul setup della vettura del double chevron, rivoluzionata prima del weekend.

“Una gara molto bella” – racconta Masiero – “ed anche il percorso, nuovo per tutti. Siamo venuti qui per testare il nuovo assetto che abbiamo montato sulla Saxo. Era una prova per cercare di capire e per lavorare per il 2023. Non avendo nessuna validità abbiamo sfruttato questa occasione per evitare di guardare il cronometro. Ci siamo concentrati unicamente sul lavoro che dovevamo svolgere. Abbiamo affrontato l'intero weekend con gomme usate, proprio per questo motivo. Complimenti agli organizzatori anche se qualche pecca c'è stata, soprattutto per quanto riguarda la gestione dei tempi negli incolonnamenti. Sicuramente miglioreranno.”

“Bello rivedere le vetture in gara a Malo” – fa loro eco Pier Domenico Fiorese (presidente Rally Team) – “perchè, per i meno giovani, questa è stata una delle prove speciali storiche del Rally Città di Schio negli anni passati. Complimenti a Rally Club Team, di Isola Vicentina, per aver scelto di mettere in piedi questa manifestazione. È stato bello esserci e siamo certi che, già dalla prossima edizione, i numeri potranno crescere rapidamente. Bravi anche i nostri al via.”

 

 

immagine a cura di Mario Leonelli

AVBELJ PREPARA A COMO IL FINALE DI STAGIONE

Martedì, 18 Ottobre 2022 16:00 Published in Rally

AVBELJ PREPARA A COMO IL FINALE DI STAGIONE

Lo sloveno sarà della partita nell'ultimo atto del Campionato Italiano Rally Asfalto con l'intento di allenarsi, in vista della chiusura dell'International Rally Cup.

 

 

Maser (TV), 18 Ottobre 2022 – È da metà Luglio che in Italia si sono perse le sue tracce ma con il Rally Città di Bassano che inizia ad avvicinarsi, ultima tappa di un International Rally Cup che lo vede incontrastato dominatore con oltre cinquanta punti di vantaggio sul primo degli inseguitori, per Boštjan Avbelj è il momento di tornare a calarsi nell'abitacolo.

L'ultimo fine settimana di Ottobre potrà regalare al pilota sloveno il successo nella serie IRC e quale migliore occasione per allenarsi se non quella di confrontarsi con i protagonisti del Campionato Italiano Rally Asfalto, pronti a giocarsi l'ultimo round al Rally Trofeo ACI Como.

Un'operazione congiunta, quella messa in atto per portarlo in campo, che vedrà Xmotors Team, La Superba ed MS Munaretto, quest'ultimo impegnato a fornire una Skoda Fabia Rally 2 Evo da condividere con Damijan Andrejka, unire le proprie forze per puntare ad essere protagonisti.

“Grazie alla collaborazione con la scuderia La Superba e con MS Munaretto” – racconta Francesco Stefan (presidente Xmotors Team) – “siamo riusciti a mettere in piedi la partecipazione al Como. Sarà una presenza importante per noi, essendo la prima nel Campionato Italiano Rally Asfalto, e lavoreremo compatti per dare il meglio al nostro Boštjan. Si tratterà principalmente di una gara spot, indipendentemente dal fatto che sia l'ultima del CIRA, perchè a fine mese ci giocheremo il titolo IRC. Quest'anno abbiamo portato a casa due secondi assoluti ed una vittoria. Siamo in testa con oltre cinquanta punti sul secondo e lo scorso anno, al Città di Bassano, abbiamo fatto man bassa, battendo la concorrenza locale.”

“Sarà la nostra prima apparizione nel CIRA” – sottolinea Avbelj – “e sono particolarmente grato a tutti quelli che ci stanno dando l'opportunità di essere al via del Como. Il nostro principale obiettivo sarà quello di prepararci al meglio per il Bassano, gara che abbiamo vinto lo scorso anno e che ci permetterebbe di portare a casa l'IRC. Grazie, di cuore, ad Xmotors Team, a La Superba e ad MS Munaretto per questa opportunità. Daremo il massimo per puntare in alto.”

Saranno due le giornate di gara previste per la quarantunesima edizione dell'appuntamento comasco, iniziando da un Venerdì 21 Ottobre che si articolerà sulla speciale di “Bellagio” (11,45 km) e sulla doppia ripetizione di “Sormano - Zelbio - Nesso” (15,00 km), secondo passaggio in notturna, mentre il Sabato seguente la sfida si sposterà sulla duplice tornata di “Alpe Grande” (8,86 km) e di “Val Cavargna” (21,80 km) per un totale di oltre cento chilometri cronometrati.

“Non avendo mai corso qui” – aggiunge Avbelj – “il nostro obiettivo è quello di affrontare il maggior numero di chilometri possibili con la nostra Skoda Fabia Rally 2 Evo, preparandoci al meglio per il finale di stagione nell'IRC. Sicuramente faremo del nostro meglio per raggiungere il miglior risultato possibile. Di certo sarà un rally davvero molto difficile, caratterizzato da prove speciali con una sede stradale stretta e molto tecnica. Si tratta, per noi, di una nuova sfida quindi vedremo alla fine delle due giornate quanta velocità saremo in grado di esprimere.”

 

 

immagine a cura di Mario Leonelli

ZANONI INSAZIABILE, SUO ANCHE IL MONTE DI MALO

Martedì, 18 Ottobre 2022 15:55 Published in Slalom

ZANONI INSAZIABILE, SUO ANCHE IL MONTE DI MALO

Il pilota di Sant'Ambrogio di Valpolicella si conferma inarrestabile in questo 2022, sul gradino più alto del podio vicentino all'esordio sulla nuova Norma NP03 Suzuki.

 

 

 

Verona, 18 Ottobre 2022 – È un Alessandro Zanoni in versione cannibale quello in grado di mietere successi a ripetizione in questo 2022, firmatario dell'apertura dell'albo d'oro anche in occasione del recente Slalom Monte di Malo, andato in scena lo scorso weekend.

Dopo aver inanellato una lunga fila di vittorie assolute, culminate con la ciliegina sulla torta di un Trofeo Veneto Trentino + dominato in lungo ed in largo, il pilota di Sant'Ambrogio di Valpolicella ha deciso di mettere in pensione la sua Gloria C8P, dando vita ad una nuova sfida.

Cambiata la vettura ma non il risultato ed il pilota di casa Omega, al debutto sulla nuova Norma NP03 Suzuki, ha fatto nuovamente la voce grossa, piazzando un'altra zampata delle sue.

“Dopo aver portato a casa il titolo nel Trofeo Veneto Trentino +” – racconta Zanoni – “abbiamo deciso che era il momento di voltare pagina, di provare qualcosa di nuovo, e, assieme ai ragazzi di Rope Motorsport, abbiamo deciso di tuffarci in questa avventura, chiamata Norma NP03 Suzuki. Tante erano le incognite alla vigilia perchè era tutto nuovo, a differenza della fida Gloria C8P che conoscevamo ormai come le nostre tasche. Tutto sommato è andata bene.”

Scattato con il numero uno già la manche di ricognizione, il primo assaggio domenicale, metteva in chiaro che il portacolori della scuderia scaligera sarebbe stato un osso duro.

Presentatosi sotto la bandiera a scacchi con la seconda prestazione assoluta, il migliore in gruppo E2SC ed in classe E2SC1000, Zanoni vantava già un buon feeling con il nuovo mezzo.

Doveva essere una gara test ma il passo messo in campo nella prima tornata spostava ben presto gli obiettivi e le ambizioni, secondo parziale assoluto a meno 1,67 dall'attuale leader.

Sfruttando l'inedito tracciato vicentino il neo campione TVT+ si avvicinava ulteriormente alla vetta in gara 2, distacco ridotto a 1,32, accendendo la lotta in vista delle ultime porte.

Trovata la giusta alchimia Zanoni infliggeva al diretto rivale per la vittoria la stoccata decisiva, con gli altri ad inseguire a distanza, completando il sorpasso per 0,95 ed andando ad indossare l'ennesima corona di alloro di un'annata a dir poco trionfale, punto di partenza per il 2023.

Una brillante vittoria assoluta centrata in extremis, alla quale vanno ad aggiungersi anche il gradino più alto del podio in gruppo E2SC e quello in classe E2SC1000.

“Dovevamo essere qui soltanto per prendere le misure a questa nuova vettura” – aggiunge Zanoni – “e, onestamente, non pensavamo di poter essere già così competitivi. Rispetto alla Gloria C8P questa vettura ha degli ingombri maggiori ma è molto piacevole da guidare, ti porta ad avere subito un buon feeling. È decisamente agile nei cambi di direzione, dote fondamentale negli slalom. Con i ragazzi di Rope Motorsport abbiamo lavorato a lungo sul setup ma, quando abbiamo capito che potevamo portare a casa l'assoluta, abbiamo cercato quel qualcosa in più per riuscirci. Non eravamo i favoriti ma siamo tornati a casa da vincitori. Complimenti anche agli organizzatori perchè hanno messo in piedi un gran bel evento. Grazie a tutti quelli che ci sostengono, ai partners, alla scuderia Omega, a tutta la mia famiglia ed alla Rope Motorsport.”

 

 

immagine a cura di Fiorenzo Vaccari

GIANTIN SFIORA LA TOP TEN AL MONTE DI MALO

Martedì, 18 Ottobre 2022 15:38 Published in Slalom

GIANTIN SFIORA LA TOP TEN AL MONTE DI MALO

Il pilota di Padova porta in dote a Funny Team anche la doppietta in gruppo ed in classe, con Quintarelli e Franchini ad arricchire il corposo bottino vicentino.

 

 

Abano Terme (PD), 18 Ottobre 2022 – La prima edizione dello Slalom Monte di Malo se ne va in archivio e con essa un altro fine settimana ricco di soddisfazioni in casa Funny Team.

Tra le porte del neonato appuntamento vicentino ad emergere è stato un Antonio Giantin in forma smagliante, a bordo della sua Opel Corsa GSI, giunto ai piedi della top ten assoluta.

Il pilota di Padova, reduce da un buon Bolca, ha confermato di aver imboccato la giusta strada dello sviluppo, terminando undicesimo nella generale, primo in gruppo SS ed in classe S5.

“La gara è andata decisamente bene” – racconta Giantin – “e le modifiche apportate alla nostra auto, subito dopo il Bolca, hanno dato il risultato che speravamo. Il tracciato era molto divertente e mi ci sono trovato benissimo. Spero che gli organizzatori continuino con questo evento perchè mi è piaciuto davvero tanto. Grazie a tutta la scuderia, alla mia famiglia ed al mio preparatore. Non possiamo che essere molto soddisfatti del risultato ottenuto qui a Malo.”

 

 

Trasferta tutta giocata in difesa per Franco Quintarelli, penalizzato da problemi di natura tecnica che non gli hanno permesso di sfruttare al meglio una Fiat 127 qui in affanno.

Per il pilota di Negrar un terzo gradino del podio in classe S3 ed un quarto in gruppo SS.

“Il percorso era molto bello e veloce” – racconta Quintarelli – “ma la nostra partecipazione è stata rovinata da un cronico problema al cambio che mi ha perseguitato per tutto il giorno. Sono riuscito ad affrontare la manche di ricognizione ed il primo passaggio in gara ma non avevo proprio grip. Nel secondo giro ho cambiato le gomme ma, a quel punto, si è messo il cambio a darci noie. Pazienza, non sempre va come si vorrebbe e questo fa parte del gioco.”

Da una Fiat 127 rossa in crisi ad una gialla particolarmente pimpante, quella di un Alessandro Franchini che, alla sua seconda uscita stagionale sulla vettura gemella della casa torinese, ha messo in campo una prestazione d'autore, ponendo il proprio sigillo sulla classe S3.

Per la seconda punta da Negrar anche il secondo di gruppo SS ed il tredicesimo assoluto.

“Io e Franco siamo amici” – racconta Franchini – “ma, oltre ad essere un suo aiuto meccanico, ho iniziato a dilettarmi anche alla guida. Era la mia seconda di quest'anno ed è grazie al lavoro dei miei colleghi se sono riuscito a portare a casa la vittoria. Nel secondo giro si è rotto un semiasse ed abbiamo dovuto lavorare rapidamente per la sostituzione. Grazie, di cuore, a Franco, a Domenico ed a Marco. Grazie anche a tutti quelli che sono venuti a fare il tifo per me senza dimenticarmi mai della scuderia Funny Team. È stata davvero una bella Domenica.”

“È stato bello vedere nascere un nuovo slalom” – fa loro eco Flavio Zoccarato (presidente Funny Team) – “su una storica speciale del Rally Città di Schio. Complimenti a tutti i nostri.”

 

 

immagini a cura di Fiorenzo Vaccari

Zanoni vince il 1° Slalom Monte di Malo

Martedì, 18 Ottobre 2022 15:31 Published in Slalom

Zanoni vince il 1° Slalom Monte di Malo

Successo per il pilota veronese alla guida della Norma NP03 Suzuki nella manifestazione ben organizzata dal Rally Club Team. Gurschler e Furnari completano il podio assoluto Riccardo Bianco su Ford Sierra RS Cosworth vince tra la auto storiche e Giacoppo si aggiudica la regolarità.

 

 

Monte di Malo (VI), 16 ottobre 2022 – Avvincente e combattuta è stata la prima edizione di un riuscito Slalom Monte di Malo, che ha da poco consacrato vincitore il veronese Alessandro Zanoni alla guida di una Norma NP03 motorizzata Suzuki ed iscritta coi colori della Omega. Due volte autore del secondo tempo nelle prime due manches, nella terza ha è salito con decisione limando di oltre due secondi la prestazione personale, andando a primeggiare con 1”24 su un Roman Gurschler il quale, dopo le prime due manches col miglior responso cronometrico realizzato con la Fiat 500 Suzuki Hayabusa, pregustava una possibile vittoria. Va anche detto che l’altoatesino è stato fermato dalla bandiera rossa proprio nella decisiva manche e ha dovuto prendere nuovamente il via perdendo, forse, quella giusta concentrazione per la zampata finale visto che non riusciva a migliorarsi nella terza salita; va comunque detto che ha corso una grande gara chiudendo alle spalle del vincitore che ha festeggiato nel migliore dei modi la recente conquista del Trofeo Veneto Trentino. A completare il podio ci ha pensato un regolare Damiano Furnari con la Brc Evo 02 con la quale ha preceduto un ottimo Alessandro Battaglin, quarto e primo delle vetture “Turismo” alla guida della Hyundai i20, dimostrandosi a proprio agio anche tra i birilli dello slalom. Quinto posto per Nicolò Brunello su Peugeot 208 che soffia per pochi centesimi la posizione a Stiw Marcon su Fiat 500 Kawasaki e alle sue spalle ha chiuso Stefano Cracco, settimo alla sua seconda esperienza con la Skoda Fabia R5. Michele Mancin termina ottavo e primeggia con la Citroen Saxo nell’affollata classe “A-1600” avendo la meglio su Stefano Maccagnan, con una vettura analoga. A chiudere la to-ten, primeggiando tra le “Racing Start” è Stefano Karaner con la Renault Clio Sport. Nel Gruppo Speciale Slalom successo per Antonio Giantin su Opel Corsa, mentre nel Gruppo N la vittoria premia Giovanni Costalunga alla guida di una Renault Clio Williams. Nella gara riservata alle auto storiche si è assistito al monologo della Ford Sierra RS Cosworth 4x4 di Riccardo Bianco che ha avuto la meglio su Mauro Taverna con la Peugeot 205 Rallye e sulla Fiat Uno Turbo di Gianguido Rossi. Infine, nella gara di regolarità successo netto per Andrea Giacoppo e Lisa Oliviero con l’Autobianchi A112 Abarth a precedere Davide Giaccarello e Nicola Crivellari su Fiat Un Turbo e Andrea Permunian con Martina Fiorin su Fiat 500 Sporting. Al termine della manifestazione, svoltasi senza problemi di sorta e accompagnata da un pubblico appassionato, numerosi sono stati i commenti positivi per l’organizzazione messa in moto dal Rally Club Team col patrocinio dell’Automobile Club Vicenza, soprattutto per l’ottima logistica ed il percorso che ha soddisfatto, quest’ultimo, anche i palati più fini.

 

 

PRIMA MANCHE – Partita in perfetto orario alle 12.15, la prima manche vede Roman Gurschler staccare il miglior tempo con 1”67 su Zanoni, mentre Furnari sigla il terzo crono con un gap di 9”22. Nicolò Brunello su Peugeot 208 realizza il quarto tempo risultando il migliore tra le vetture turismo seguito a poco più di 5” da Stefano Maccagnan su Citroen Saxo. Ottima anche la prestazione di Stefan Kraner, settimo e primo tra le “Racing Star” con la Renault Clio Sport. In Rally Club Isola Vicentina www.rallyclubisola.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. evidenza anche il rallysta Alessandro Battaglin che su Hyundai i 20 avrebbe realizzato la quarta prestazione cronometrica ma 10” di penalità lo retrocedono al nono posto e a chiudere la top-ten è la Fiat 127 del Gruppo Speciale Slalom. Tra le auto storiche Riccardo Bianco sfrutta tutta la potenza della sua Ford Sierra RS Cosworth e chiude al comando la prima salita nonostante 10” di penalità precedendo la Peugeot 205 Rally di Mauro Taverna e l'Autobianchi A112 Abarth di Armando Tadiello. Nella regolarità Andrea Giacoppo e Lisa Oliviero distanziano in modo significativo gli altri equipaggi ma, essendo il pilota nella categoria “Top Driver” al termine della gara risulterà trasparente ai fini della classifica finale. SECONDA MANCHE - Roman Gurschler resta al comando migliorando di quasi 2” rispetto al primo passaggio, imitato da Zanoni che resta secondo, ora a 1”32 con Furnari terzo ma che non si migliora. Battaglin prende confidenza coi birilli e stacca il quarto crono passando in testa tra le vetture turismo e risale anche lo specialista Stefano Cracco, quinto con la Skoda Fabia R5. Ottima anche la manche di Michele Mancin, sesto con la Citroen Saxo Gruppo A, mentre Kraner si conferma leader tra le “Racing Start”. Bianco su Ford Sierra rimane indisturbato al comando tra le auto storiche. TERZA MANCHE – Zanoni dà il meglio di sé e riesce nel sorpasso ai danni di Gurschler che deve ripetere la partenza a seguito di sospensione momentanea della gara e lascia il comando dopo due ottime manches. Furnari conserva la terza posizione ed il podio e Battaglin affina i passaggi tra i birilli andando a cogliere una notevole quarta posizione assoluta. Bianco mette il terzo sigillo tra le auto storiche andando a vincere agevolmente la gara imitato da Giacoppo che alla prima esperienza in uno slalom, sbaraglia la concorrenza con distacchi pesanti. Ufficio Stampa Slalom Monte di Malo

International Rally Cup atteso al “gran finale” del Rally Città di Bassano

Il campionato promosso da IRC Sport alla sua quarta manche, sulle strade del “Mundialito del Nordest”: Bostjan Avbelj comanda nella classifica assoluta, Nicola Sartor nell’IRC Challenge e Mirco Straffi nel Trofeo Due Ruote Motrici Prestige..

 

 

 

Bedonia, 18 ottobre 2022

É pronto a riaccendersi, l’agonismo di International Rally Cup. La ventunesima edizione del campionato promosso da IRC Sport è attesa al suo atto conclusivo - il Rally Città di Bassano - appuntamento che accenderà i riflettori sulle strade della provincia di Vicenza venerdì 28 e sabato 29 ottobre e che avrà l’onere di assegnare i titoli assoluto e di classe della stagione sportiva 2022. Novantuno, i chilometri distribuiti su sei prove speciali, con partenza da Bassano del Grappa al venerdì sera ed arrivo, l’indomani, nella suggestiva cornice di Piazza Libertà.

“Rubbio”, “Valstagna” e “Cavalletto”, le prove speciali proposte da Bassano Rally Racing, asfalto che nella precedente edizione della gara assegnò a Simone Miele la vittoria di International Rally Cup.

#IRC22: LA SITUAZIONE NELLE CLASSIFICHE

A comandare la classifica generale è lo sloveno Bostjan Avbelj, vincitore del Rally Internazionale Casentino su Skoda Fabia Rally2 Evo. Una situazione assolutamente favorevole, quella vantata dal leader nei confronti dei diretti avversari, chiamati ad una condotta aggressiva sulle strade di Bassano ed a sperare in un “passo falso” da parte del pilota di MS Munaretto. Ad alimentare le loro aspettative è il coefficiente maggiorato - 1.5 - assegnato al confronto conclusivo, con Luca Rossetti ad occupare la seconda posizione recriminando sull’uscita di strada costata il ritiro al Trofeo Maremma di aprile. La conquista del podio in “Casentino” ha permesso a Nicola Sartor di insediare la terza piazza della classifica provvisoria ed alimentare ambizioni di successo nella classifica dedicata all’IRC Challenge, contesto che sta vedendo il veneto al comando e che, a Bassano, coinvolgerà un lotto di piloti ancora in corsa per la conquista del titolo: Alberto Roveta, Michele Rovatti e Gianluca Tosi, terzetto che farà leva sul coefficiente maggiorato e su un gap dal leader che - nel caso del primo inseguitore Alberto Roveta - è quantificato in venti lunghezze. Una disamina che vede interessato anche Simone Goldoni, quinto tra le gerarchie di IRC Challenge.

Una situazione decisamente più incerta, quella appena analizzata, al contrario di quella evidenziata in termini assoluti, con Bostjan Avbelj “lanciato” verso la conquista del titolo su strade che lo hanno già assecondato: sua, la vittoria nella passata edizione del confronto organizzato da Bassano Rally Racing, quello che gli appassionati definiscono “il Mundialito del Nordest”. Con Luca Rossetti primo inseguitore e Nicola Sartor a godere della terza posizione del podio, la cornice conclusiva sarà valida opportunità per Andrea Nucita di chiudere definitivamente la sfortunata parentesi che lo ha visto uscire di scena al Rally Internazionale Casentino, a causa di un problema meccanico accusato dalla sua Skoda Fabia Rally2 Evo. Stesse motivazioni per il norvegese Mads Østberg, tra i piloti più attesi a Bassano ma, anch’egli, costretto alla resa della sua Citroën C3 Rally2 al Rally Internazionale Casentino. Confermata la leadership di Pierdomenico Fiorese e la sua Mitsubishi Lancer Evolution nel confronto relativo alle vetture N5/N4/R4/Rally3, con Gianluca Crippa e Paolo Olivo parti integranti di una sfida totalmente aperta a qualsiasi pronostico. 

La classifica dedicata al Trofeo Due Ruote Motrici Prestige vede comandare il pisano Mirco Straffi, autore di due primati su tre a disposizione. La sua Peugeot 208 Rally4 si trova al vertice della categoria, con il primo inseguitore - Lorenzo Grani - costretto a guardarsi le spalle dall’avanzata di Giacomo Guglielmini, terza forza di un confronto di grandi contenuti che vede, come quarta miglior espressione Emanuele Danesi, una delle rivelazioni del campionato. Alle spalle del driver pistoiese, in quinta piazza, si trova l’esperto Davide Gatti, vincitore della manche al Rally Internazionale del Taro. Grande incertezza nella classifica di “R2B”, con Daniele Silvestri leader ma costretto a guardarsi bene le spalle da Alberto Branche - vincitore in Casentino - e Gabriel Di Pietro, chiamato a guadagnare campo dopo lo sfortunato ritiro ambientato a Bibbiena. Ben definita la situazione in classifica proposta dal Trofeo Sport, con Christian Buccino e la sua Honda Civic leader con ampio margine. Alle sue spalle, però, cercheranno punti fondamentali per congedarsi dalla kermesse nel miglior modo possibile Fabio Oppici e Fabio Breglia: dieci, i punti di distacco tra i due inseguitori. Una categoria che promette scintille a Bassano, con Davide Scarso e Stefano Ferrarini attesi alla miglior espressione sulle loro Renault Clio RS.

Accesa, la lotta tra gli Under 25: Mattia Ricciu (Peugeot 208 Rally4) si trova adesso al comando, con Gabriel Di Pietro costretto a contare tredici punti di ritardo sulla Peugeot 208 R2B ritirata sulle prove del Rally Internazionale Casentino. Un forfait costato la testa della classifica e che, al momento, vede il giovane driver nella condizione di rincorrere affiancato da Michele Bormolini, essendo entrambi accomunati dal medesimo punteggio. Il Rally Città di Bassano chiuderà la programmazione 2022 di International Rally Cup, chiamando alla sfida anche i team interessati nella lotta al titolo: PA Racing cercherà di confermare la leadership maturata, facendo leva su un vantaggio ben marcato nei confronti dei campioni in carica di MS Munaretto, con Balbosca atteso sull’asfalto dell’appuntamento conclusivo nelle vesti di terza miglior squadra.  

 

Classifiche complete su http://www.ircup.it

 

 

Nelle foto (free copyright Amicorally): Mirco Straffi, leader della classifica Trofeo Due Ruote Motrici Prestige.  

Il Rally 2Valli di Verona chiude la stagione nello Junior di Matteo Ceriali

La gara veronese della settimana scorsa segna il finale della stagione tricolore del pilota della Valsusa, affiancato in questa occasione da Vanessa Lai, navigatrice di Roure. Sceso il sipario sull’annata, il portacolori di New Racing for Genova traccia un bilancio della stagione, per lui molto formativa

 

 

COAZZE (TO) – 17 ottobre – Trascorsa una settimana dalla fine del Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco per Matteo Ceriali è il momento di trarre le conclusioni sulla sua stagione agonistica nella serie tricolore. Il pilota di Coazze (TO) ha concluso il Rally 2Valli di Verona dell’8 ottobre scorso in 32esima posizione assoluta e quinto fra gli Junior, affiancato dalla navigatrice di Roure (TO) nonché fidanzata Vanessa Lai. “Un risultato positivo in termini di prestazioni che mi ha visto costantemente vicino agli altri concorrenti dello Junior” afferma il portacolori della New Racing for Genova che aveva iniziato la gara veronese nel migliore dei modi segnando il miglior tempo nella Power Stage, la prima prova speciale del rally. Nelle prove a seguire Matteo Ceriali non è riuscito a ripetere l’exploit, ma i suoi tempi sono stati sempre molto vicini ai vincitori della speciale. “Lo spirito con cui ho affrontato il 2Valli è sicuramente diverso da quello degli altri concorrenti dello Junior. Loro si giocavano il campionato, mentre io ero già fuori dai giochi. Tutto ciò ha significato avere una minor carica di adrenalina e una maggior attenzione nel non fare danni” sottolinea Ceriali. Che precisa: “Di notevole rilievo è stato il risultato nella graduatoria assoluta. Tutti noi dello Junior siamo finiti molto in alto nella classifica assoluta, proprio per la grande battaglia che c’è stata in classe. Un risultato particolarmente significativo nonostante fossimo alla guida di una Renault Clio Rally5, una vettura di categoria decisamente inferiore alle vetture top in un rally che vedeva al via 24 R5 condotte dai miglior specialisti italiani e numerose altre vetture sulla carta più performanti della Clio” rimarca il ventitreenne valsusino. Completata la disanima della gara veneta, Matteo Ceriali passa ad analizzare quella che è stata la stagione nel CIRAS-Junior. “Lo Junior è il campionato più formativo a livello nazionale, frequentato da quelli che nei prossimi anni saranno i piloti top del tricolore. È soprattutto l’affiancamento a professionisti del settore durante i test, prima e dopo la gara ad aiutarti a crescere. Per quanto mi riguarda è stato un utile confronto con i migliori giovani italiani. A fine stagione sono quinto, avendo pagato alcuni errori, come il ritiro all’Adriatico e soprattutto il fatto di aver saltato il Mille Miglia per essermi infortunato nei giorni precedenti al rally giocando a beach volley. La stagione era partita bene, con un podio Junior a Sanremo e una buona prestazione sulla terra dell’Adriatico fino al momento in cui mi sono ritirato. Queste due sono anche le gare in cui mi sono divertito maggiormente” dice Matteo Ceriali che, con giovanile ottimismo, sottolinea: “Il 2022 è stato il mio primo anno nello Junior. Ma ho ancora diverse stagioni davanti nella serie, per cercare di crescere e fare sempre meglio”.

Roberto Gobbin: a caccia del podio nel Rally Catalunya-Costa Daurada

 

 

Ultima trasferta stagionale per il pilota pinerolese che disputerà la gara spagnola, valevole per il Mondiale Rally, alla ricerca dei punti necessari per terminare sul podio della serie FIA riservata alle R-GT. Al suo fianco torna Fabio Grimaldi; la  vettura sarà la 124 Abarth Rally curata dalla Evo Motorsport di Monforte d’Alba. La stagione 2022 di Roberto Gobbin è supportata dalla concessionaria Targa Auto di Pinerolo.

SALOU (Spagna), 17 ottobre – Ultimo assalto stagionale di Roberto Gobbin alla FIA R-GT Cup partecipando al 57° Rally Catalunya-Costa Daurada che si sviluppa nei prossimi giorni attorno alla cittadina balneare spagnola di Salou. “Non avendo ancora effettuato le ricognizioni e non avendo mai partecipato al rally spagnolo le mie informazioni sulla gara derivano dai filmati e dalle notizie sull’evento. Presumo sia una gara molto bella e molto veloce (lo scorso anno Thierry Neuville vinse il rally alla media di 109 km/h), con strade che non vengono sporcate dal fango portato dai primi concorrenti” commenta il pilota pinerolese che sarà al via con il numero 62 sulle portiere della sua 124 Abarth Rally curata da Evo Motorsport.

In questa occasione torna al mio fianco Fabio Grimaldi, il navigatore di Canelli con il quale ho corso le prime due gare della stagione a Monte-Carlo e in Valle d’Aosta. Come al solito saremo l’unica 124 Abarth Rally al via e dovremo lottare con le Alpine. L’obiettivo è quello di fare un’ottima gara cercando di ottenere quei punti necessari per rimanere sul podio del FIA R-GT, nel quale, attualmente, occupo la seconda piazza” conclude il pilota pinerolese prima di prendere la strada per la Costa Daurada.

Il 57° Rally Catalunya-Costa Daurada, in programma da giovedì 20 a domenica 23 ottobre e valido come dodicesima e penultima prova del campionato mondiale Rally, avrà come base la città di Salou, stazione balneare sulla Costa Daurada, nella provincia spagnola di Tarragona. A Salou convergeranno i concorrenti per le verifiche sportive e tecniche in programma mercoledì 19 ottobre, cui farà seguito il giorno successivo lo Shake Down mattutino. Giovedì 20 ottobre è anche il giorno della Cerimonia di Partenza che si svolgerà a partire dalle ore 19.00 sul Passeig Jaume I a Salou. Venerdì 21 ottobre è il primo dei tre giorni di gara che si concluderà domenica 23 ottobre alle 13.48 a Salou. Il 57° Rally Catalunya-Costa Daurada si sviluppa su un percorso di 1342 km 294 dei quali suddivisi in 19 prove speciali.

Nella stagione 2022, Roberto Gobbin è supportato dalla concessionaria Targa Auto di Pinerolo.

MUGELLO, CHIUSURA IN BELLEZZA NELLA BMW M2 CUP

Martedì, 18 Ottobre 2022 15:00 Published in Pista

MUGELLO, CHIUSURA IN BELLEZZA NELLA BMW M2 CUP

Seconda ed ultima trasferta sul tracciato toscano per Pinetti Motorsport, al completo con i suoi cinque portacolori Zanasi, Pellegrini, Segattini, Briselli e Stefanin.

 

 

Colorno (PR), 17 Ottobre 2022 – Tutto è pronto per l'appuntamento di chiusura della BMW M2 CS Racing Cup Italy targata 2022, di scena al Mugello Circuit nel prossimo fine settimana, e per Pinetti Motorsport i temi all'ordine del giorno lasciano ben sperare per un weekend di alto livello su un tracciato che potrebbe regalare importanti soddisfazioni al team di Colorno.

“Il Mugello è una pista molto impegnativa” – racconta Andrea Belicchi (coach Pinetti Motorsport) – “ed è considerata una delle cinque più belle in tutto il mondo. Curve con variazioni di pendenza significative e velocissime. Qui ha corso anche la Formula 1, nel recente passato, e tutti i piloti hanno apprezzato tantissimo questo tracciato. Iconiche le due curve Arrabbiata.”

In un contesto dall'elevato coefficiente di difficoltà la squadra corse parmense sarà chiamata a giocarsi le ultime carte, a partire da un Marco Zanasi che, reduce dall'uno due di Vallelunga, farà di tutto per ripetere la bella prestazione siglata nella precedente apparizione al Mugello.

Il pilota di Modena, pronto a capitanare il quintetto delle BMW M2 CS Racing griffate Pinetti Motorsport, punterà a ricucire un gap che lo vede ora terzo nella serie, a meno diciassette dal secondo, mentre la partita per il primato risulta essere sostanzialmente chiusa.

Molto ci si aspetta anche da Marco Pellegrini, attualmente nono nella generale ma con una classifica abbastanza ristretta che gli potrebbe consentire di compiere un balzo importante.

Il pilota di Milano, dopo aver sfiorato un meritato podio in gara 1 a Vallelunga, sarà alla ricerca di una ciliegina sulla torta che concretizzi la costante crescita maturata durante la stagione.

 

 

Ancora aperta la partita per quanto riguarda il Trofeo Hankook, classifica riservata ai rookie, dove sono in due a contendersi le posizioni di vertice, con un possibile colpaccio alla portata.

Riflettori accesi su un Victor Briselli in rapida risalita negli ultimi round, terzo nella provvisoria con un divario di venti lunghezze dal leader e costretto a vincere per poi sperare nella sorte.

Il pilota di Castelnovo Monti, nel reggiano, dovrà fare i conti anche con la rientrante Emma Segattini, decisa ad agganciare il podio tra gli esordienti nonché la top ten nella generale.

Per la giovane scaligera un'ultima sfida stagionale nella quale continuare a stupire il circus.

Discorso diverso per Giovanni Stefanin, chiamato a cancellare i fantasmi del passato che lo hanno visto sfortunato protagonista nella scorsa presenza sul tracciato toscano.

Positivi i riscontri avuti durante il recente test per il pilota di Milano, in crescita di affiatamento.

“Siamo all'ultima gara di campionato” – aggiunge Belicchi – “con un Mugello che è sempre stato molto congeniale a Zanasi. Nel test ha migliorato il tempo della pole di metà Luglio quindi le ambizioni sono più che buone. Ci aspettiamo la zona podio anche da Pellegrini, molto competitivo e capace di dimostrare un buon potenziale a Vallelunga. Lotta per i quartieri alti della Hankook con Briselli e Segattini sugli scudi. Il primo ha sempre avuto approcci molto intelligenti, crescendo tanto, mentre dalla seconda ci aspettiamo l'ennesimo risultato pazzesco, considerando la sua età. Stefanin è migliorato parecchio nel test ma non sarà una gara facile.”

UN MANICOTTO PRIVA DALL'ANTONIA DEL SUCCESSO

Martedì, 18 Ottobre 2022 14:52 Published in Pista

UN MANICOTTO PRIVA DALL'ANTONIA DEL SUCCESSO

Al Mugello Circuit, nell'ambito della Coppa Italia Endurance, il portacolori di Rally Team, assieme a Piccin, vive forti emozioni al volante dell'Audi RS3 LMS TCR.

 

 

Rosà (VI), 17 Ottobre 2022 – Scorrendo la classifica definitiva dell'appuntamento tenutosi lo scorso fine settimana al Mugello Circuit, nell'ambito della Coppa Italia Endurance, si potrebbe rimanere delusi in virtù dell'ottava piazza finale messa in bacheca da Romy Dall'Antonia.

Il pluridecorato portacolori di Rally Team, condividendo l'Audi RS3 LMS TCR di BF Motorsport con Samuele Piccin, si è invece reso protagonista di un fine settimana di altissimo valore.

Le due sessioni di libere del Venerdì vivevano di una crescita costante di affiatamento con la vettura della casa dei quattro anelli, terminate con la seconda posizione nella generale. 

“Al Venerdì siamo andati in progressione” – racconta Dall'Antonia – “e, mano a mano che la ruggine se ne andava, iniziavamo a segnare tempi davvero interessanti. Il setup della nostra Audi era quasi perfetto anche perchè la nostra squadra ha potuto sfruttare i dati a disposizione raccolti durante gli impegni ufficiali nel TCR. Il team BF Motorsport, che conosco da molti anni, è sempre una garanzia. Proprio qui, nel 2019, vinsi la due ore con la loro Cupra Leon TCR. Con la squadra e gli ingegneri ci intendiamo a meraviglia, loro sanno cosa voglio e io so come lavorano. Anche con Samuele, mio compagno di abitacolo, il feeling è stato subito ottimo. Erano due anni che non correvo con l'Audi ed era la prima di quest'anno in pista. Non credevo di poter essere così competitivo ed infatti anche nelle successive sessioni abbiamo fatto bene.”

Prese le misure alla vettura l'equipaggio di casa Audi riusciva a dimezzare il divario dal leader di giornata, firmando la seconda casella in griglia, con un ritardo di soli sei decimi dalla pole position, ma, al tempo stesso, creando un profondo solco con il gruppo degli inseguitori.

Tutto sembrava lasciar presagire un Sabato tutto all'attacco ma la dea bendata aveva deciso un esito diverso con un manicotto del turbo che si sfilava in partenza, compromettendo una prestazione che, tempi alla mano, li avrebbe tranquillamente candidati alla vittoria finale.

Il bilancio finale del pilota di San Vendemiano conta l'ottavo assoluto, il quarto di gruppo TCR SQ e di prima divisione, unito alla consolazione per aver segnato il giro più veloce. 

“Eravamo carichi” – aggiunge Dall'Antonia – “e pronti a fare bene ma al via della gara si è sfilato un manicotto del turbo che ha inevitabilmente compromesso il nostro risultato finale. Siamo dovuti rientrare ai box, perdendo un giro che ci ha tagliato fuori dalla lotta per il successo. Nel proseguimento della gara il cronometro ha confermato che eravamo costantemente i più veloci in pista. Conti alla mano avremmo sicuramente vinto la gara ed è questo il rammarico più grande. Al Mugello sono sempre andato molto forte ed è un peccato. La soddisfazione più grande, quando corri in macchina, è sentirsi dire via radio che sei il più veloce e che devi continuare con quel passo. L'adrenalina va a mille e devo ammettere che arrivavo da una lunga astinenza. Dopo tanto tempo lontano dall'Audi non mi sarei mai aspettato di poter essere competitivo. Partire dalla prima fila e perdere una gara così, senza poter lottare, lascia molta amarezza. Resta di positivo quanto abbiamo dimostrato con i nostri tempi sul giro.”

 

immagine a cura di Claudio Signori

Privacy Policy