La Scuderia Nebrodi Racing sbarca in Sardegna
La Scuderia Nebrodi Racing sbarca in Sardegna
Weekend dal doppio impegno per la Porto Cervo Racing: Cronoscalata di Tandalò e Rally di Chiusdino
Weekend dal doppio impegno per la Porto Cervo Racing: Cronoscalata di Tandalò e Rally di Chiusdino
La 50^ Cronoscalata della Castellana è finale Nazionale TIVM
La 50^ Cronoscalata della Castellana è finale Nazionale TIVM
MERLI PREMIATO IN SPAGNA DALLA FIA
MERLI PREMIATO IN SPAGNA DALLA FIA
Assegnate le validità CIVM 2023
Assegnate le validità CIVM 2023
Buona la prima per Vincenzo Cimino sulla Ferrari 458 della Scuderia Suparchallenge.
Buona la prima per Vincenzo Cimino sulla Ferrari 458 della Scuderia Suparchallenge.
Tandalò, perché no?
Tandalò, perché no?
DEGASPERI VINCE L'IGLESIAS - SANT'ANGELO
DEGASPERI VINCE L'IGLESIAS - SANT'ANGELO
E-CIVM MSC: Vittoria di Maurizio Capuzzo alle Svolte di Popoli
E-CIVM MSC: Vittoria di Maurizio Capuzzo alle Svolte di Popoli
La 6^ Cronoscalata di Tandalò scalda i motori e prepara un altro grande spettacolo
La 6^ Cronoscalata di Tandalò scalda i motori e prepara un altro grande spettacolo
ACI Salerno conquista le finalissime
ACI Salerno conquista le finalissime
16a Bologna-San Luca  Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
16a Bologna-San Luca Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
La Cronoscalata della Castellana ora guarda alla 50^ edizione
La Cronoscalata della Castellana ora guarda alla 50^ edizione
Vito Tagliente chiude con una vittoria il suo 2022 in salita
Vito Tagliente chiude con una vittoria il suo 2022 in salita
Si conclude con un podio a Orvieto la stagione agonistica di Angelo “The Doctor” Loconte
Si conclude con un podio a Orvieto la stagione agonistica di Angelo “The Doctor” Loconte
BIS DI DEGASPERI, NUOVO SIGILLO SUL TIVM
BIS DI DEGASPERI, NUOVO SIGILLO SUL TIVM
Onore alla Sicilia dalla Cronoscalata La Castellana
Onore alla Sicilia dalla Cronoscalata La Castellana
Faggioli fa il bis alla 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Faggioli fa il bis alla 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Successo per la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi
Successo per la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi
16^ Bologna-San Luca   Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
16^ Bologna-San Luca Gara di Velocità in Salita per Auto Storiche
Pronta una avvincente 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
Pronta una avvincente 49^ Cronoscalata della Castellana di Orvieto
MSC E-CIVM: Manolo Polonioli fa suo il primo appuntamento alla Coppa Nissena
MSC E-CIVM: Manolo Polonioli fa suo il primo appuntamento alla Coppa Nissena
La 49^ Cronoscalata della Castellana è entrata in fase clou
La 49^ Cronoscalata della Castellana è entrata in fase clou
Angelo “The Doctor” Loconte già in modalità race   a Orvieto per la finalissima TIVM
Angelo “The Doctor” Loconte già in modalità race a Orvieto per la finalissima TIVM
Ad Orvieto sfida di fine stagione per i migliori del TIVM
Ad Orvieto sfida di fine stagione per i migliori del TIVM
Presentata la 49^ Cronoscalata della Castellana con 237 iscritti
Presentata la 49^ Cronoscalata della Castellana con 237 iscritti
Cassibba alla finale di Orvieto
Cassibba alla finale di Orvieto
Torna la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi con oltre 60 vetture.
Torna la Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi con oltre 60 vetture.
VITTORIA DI CHRISTIAN MERLI NELLA 19ª SUBIDA ARONA TENERIFE (SPAGNA)
VITTORIA DI CHRISTIAN MERLI NELLA 19ª SUBIDA ARONA TENERIFE (SPAGNA)
La 49^ Cronoscalata della Castellana già oltre quota 200
La 49^ Cronoscalata della Castellana già oltre quota 200
Caprino Veronese pronto ad accogliere la festosa Rievocazione della Caprino-Spiazzi
Caprino Veronese pronto ad accogliere la festosa Rievocazione della Caprino-Spiazzi
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
MERLI IN GARA NELLA 19ª SUBIDA ARONA A TENERIFE (CANARIEA – SPAGNA)
MERLI IN GARA NELLA 19ª SUBIDA ARONA A TENERIFE (CANARIEA – SPAGNA)
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
Il sogno ora è realtà: la «Levico Vetriolo» torna nel calendario motoristico nazionale
La 49^ Cronoscalata della Castellana è sicurezza, agonismo e storia
La 49^ Cronoscalata della Castellana è sicurezza, agonismo e storia
SCOPEL VINCE IL TIVM IN ZONA NORD
SCOPEL VINCE IL TIVM IN ZONA NORD
MSC E-CIVM 2022 alle porte, 6 tappe da vivere full gas
MSC E-CIVM 2022 alle porte, 6 tappe da vivere full gas
Stagione da incorniciare per Manuel D'Antoni
Stagione da incorniciare per Manuel D'Antoni
Brilla Riolo anche nell’ultima del Tricolore Auto Storiche
Brilla Riolo anche nell’ultima del Tricolore Auto Storiche
Francesco Conticelli su Nova Proto vincitore della Monti Iblei 2022
Francesco Conticelli su Nova Proto vincitore della Monti Iblei 2022
Paolo Rignanese

Paolo Rignanese

Rovera iridato bis nel FIA WEC, il secondo titolo è in LMP2 Pro Am

Il pilota varesino ufficiale Ferrari firma la quarta vittoria su sei gare nella finale 8 Ore del Bahrain e alla prima stagione nei prototipi al volante della Oreca 07 del team AF Corse agguanta il trofeo mondiale insieme ai compagni di squadra Perrodo e Nielsen, con i quali in stagione si è imposto anche a Sebring, a Spa e al Fuji e lo scorso anno trionfò nella categoria GTE-AM sulla 488 GTE del Cavallino Rampante

 

 

Sahkir (Bahrain). Come nel 2021, il trionfo alla 8 Ore del Bahrain ha consentito ad Alessio Rovera di centrare l’obiettivo iridato per il secondo anno consecutivo, stavolta conquistando il titolo della classe LMP2 Pro-Am del Mondiale Endurance. Il 27enne pilota varesino ufficiale Ferrari ha vinto il secondo titolo alla sua prima stagione fra i prototipi, esordendo al volante della Oreca 07 motorizzata Gibson gestita dal team AF Corse insieme ai compagni di squadra François Perrodo e Nicklas Nielsen. Il trio aveva già condiviso l’iride 2021, in quel caso arrivata nella categoria GTE-AM con la 488 GTE del Cavallino Rampante. Il passaggio nella classe dei prototipi non ha cambiato il risultato finale e l’equipaggio di AF Corse è stato autore di una cavalcata straordinaria anche nel FIA World Endurance Championship 2022, in una stagione lunga e combattutissima inaugurata con pole e vittoria alla 1000 Miglia di Sebring.

Il successo ottenuto in marzo sullo storico circuito della Florida, in un esordio nell’esordio fra pista e vettura per Rovera, ha segnato il miglior avvio possibile della scalata mondiale in una categoria nuova per lui e di fatto anche per la squadra. Poi, sempre con la LMP2 numero 83 condivisa con il pilota francese e il giovane danese, Rovera ha siglato altri due trionfi: in maggio alla 6 Ore di Spa (con tanto di sua pole position) e a settembre alla 6 Ore del Fuji, alla prima presenza sul circuito giapponese. In mezzo è arrivato anche il podio casalingo alla 6 Ore di Monza. Sabato 12 novembre, infine, la quarta vittoria stagionale alla 8 Ore del Bahrain, dove proprio all’ultimo round tra giorno e notte sui 5412 metri del tracciato del Sahkir Alessio e compagni hanno matematicamente ottenuto la certezza del trionfo generale in campionato.

 

 

Rovera ha dichiarato alla conclusione del Mondiale Endurance 2022: “E’ stata una stagione durissima, anche in questo finale nel deserto, ma la squadra è stata straordinaria e abbiamo potuto coronare nella maniera più esaltante, sul primo gradino del podio, il successo in campionato. Abbiamo visto per la prima volta la Oreca solo un anno fa e nel giro di pochi mesi già a Sebring ci siamo presentati ai vertici. Poi ci siamo mantenuti lì davanti round dopo round, lottando metro su metro con rivali competitivi, grazie alla dedizione e alla determinazione che ognuno ha saputo mettere in questa impresa. Siamo davvero felici e personalmente sono felice che questo secondo titolo, seppure stavolta non su una Ferrari, sia arrivato alla prima stagione nei prototipi e da pilota ufficiale di Ferrari Competizioni GT. Era una nuova, emozionante sfida e i risultati ci hanno dato ragione”.

 

 

AL 31° RALLY CITTA’ DI SCHIO VOLATA FINALE DEL TROFEO RALLY ACI VICENZA. L’ELENCO ISCRITTI GIA’ OLTRE LE “TRE CIFRE”

Coefficiente maggiorato a 1,5 per la gara scledense, in programma per il 18 e 19 novembre, che rappresenta l’ultima prova del Campionato Sociale dell’AC provinciale. Un percorso ispirato “al classico” con qualche variante, per l’edizione di quest’anno che accoglierà nuovamente le vetture storiche. Tanto fermento, intorno all’evento, che anche quest’anno avrà un elenco iscritti che andrà a superare le “tre cifre”.

 

 

Schio (Vicenza), 09 novembre 2022 – Il 31° Rally Città di Schio, previsto per il 18 e 19 novembre sarà anche l’ultima prova, a coefficiente maggiorato di 1,5, del Trofeo Rally ACI Vicenza.  

L’evento scledense, organizzato da Power Stage, con la collaborazione dell’Automobile Club Vicenza sarà dunque la classica chiusura del cerchio di una stagione avvincente, che ha visto le strade del triveneto teatri di duelli come consuetudine spettacolari, avvincenti, come nella più viva tradizione del rallismo del nord-est, la culla della specialità.

Come consuetudine intorno alla gara vi è tanto fermento, tanto interesse sia da chi corre che dagli appassionati di rally. Le iscrizioni, che sono in dirittura di arrivo, hanno già delineato ampia parte del plateau che supera le “tre cifre”, decretando quindi un rinnovato, quasi scontato, successo. Una performance che vede, in questo caso, ancora primo il sempreverde Remigio Baù, innamorato da sempre della gara e che anche quest’anno è stato il primo ad inviare la propria iscrizione. Correrà con una Peugeot 208.

“MODERNO” E ANCORA “STORICO”

Il 31° Rally Città di Schio, torna a “sdoppiarsi”: oltre alla gara nazionale “moderna” avrà di nuovo al via, sarà la sesta volta, le auto storiche, tanto a ribadire appunto il forte legame con la tradizione delle corse su strada. Altra conferma dell’essere una gara “a misura di pilota”, come nei due anni addietro avrà il suo svolgimento tra il venerdì 18 e sabato 19 novembre, lasciando libera la domenica sia per potersi godere il territorio che comunque per agevolare i rientri di piloti e squadre. Un format nelle due precedenti edizioni è stato assai apprezzato, quindi riproposto con convinzione. Il totale della distanza competitiva, per le auto “moderne” sarà di 59,920 chilometri sui 275,560 dell’intero percorso, mentre le vetture storiche ne correranno una di meno, quindi arrivando sotto la bandiera a scacchi prima un‘ora prima, questo per rendere il giusto tributo a vetture che hanno scritto la storia delle corse su strada.

LA VOLATA FINALE “MODERNA” E “STORICA”

Ci è voluto il Rally Città di Bassano, nella duplice configurazione moderno e storico, per dare diversi assestamenti alle classifiche e preannunciare un avvincente rush finale a Schio.

Tra le auto moderne, a Bassano (a coefficiente 1,5 anche in questo caso) a trarne il vantaggio maggiore è stato Nicola Dall’Osto che alla guida della Renault Clio RS si è piazzato al secondo posto di classe e di Gruppo incamerando ben 39 punti che sommati ai 28 del “Dolomiti-Brenta” lo proiettano al comando con un sensibile vantaggio su Manuel Sossella (Hyundai i20) che ne incassa solo 3 e sale a quota 35, tallonato a 33,5 da Gabriele Cappellari su Peugeot 106. Andrea Sassolino, ritirato con la Renault Clio Williams, scivola in quarta posizione e mantiene mezzo punto di vantaggio su Giovanni Costenaro con la Skoda Fabia R5. Dall’Osto col risultato di Bassano del Grappa mette anche una pesante ipoteca sulla vittoria nella propria classe. Pochi i cambiamenti al vertice tra i copiloti: Christian Camazzola resta al comando nonostante il ritiro in gara e altrettanto dicasi per Andrea Dal Maso; Matteo Zaramella rimane terzo e rosicchia 1,5 punti al duo di testa ma alle sue spalle si porta Domagoj Dujman che sale al quarto posto completando un quartetto racchiuso in soli otto punti. Nelle classifiche speciali, Cappellari passa al comando tra i piloti “under 25” ai danni di Costenaro mentre Dal Maso resta in testa tra i navigatori, e altrettanto dicasi per Beatrice Croda nella femminile navigatrici.

 

 

Sorpasso al vertice anche nelle classifiche delle auto storiche con Giorgio Costenaro e Lucia Zambiasi su Lancia Stratos che approfittano del ritiro patito da Riccardo Bianco e Matteo Valerio passando in testa con 11 punti sul duo della Ford Sierra RS Cosworth; Paolo e Giulio Nodari, grazie al bottino pieno e alla vittoria assoluta con la Subaru Legacy sono rimontati fino al terzo posto e si mettono in lizza per un gran finale. Altrettanto dicasi per Gianluigi Baghin che alla Guida dell’Alfetta GTV ha incassato a Bassano il bottino pieno vincendo classe e 3° Raggruppamento. Passo in avanti anche per Marco Franchin, ora quinto assoluto, col fratello Mattia che sale invece al terzo posto tra i navigatori. Nelle classi si registrano variazioni nella 2-2000 del 3° Raggruppamento con Baghin che sorpassa Franchin e nella A-1600 del 4° dove tocca ad Alberto Bressan con l’Opel Corsa GSI, salire al comando ai danni del compagno di scuderia Andrea Marangon.

Nella “over 60” piloti Baghin recupera punti nei confronti di Costenaro che con 29 di vantaggio pare difficilmente raggiungibile e altrettanto dicasi per Lucia Zambiasi che nella femminile ne ha ben 41 rispetto a Cristina Merco saldamente al secondo posto.

PARTENZE ED ARRIVI IMPORTANTI

Tutta in un giorno, la gara, sabato 19 novembre, con partenza dalla zona del Service Area (Palasport “Livio Romare” di Schio) dalle 08,01 ed arrivo in Piazza Rossi a Schio per le vetture storiche dalle 17,31 mentre il rally “moderno” chiuderà dalle 19,31. I riordinamenti, con anche un punto di ristoro per i partecipanti,  saranno organizzati nell’area dell’Azienda Menegatti Metalli Srl, anche main sponsor della gara, l’assistenza sarà come consuetudine nell’area attigua al Palasport.

 

NELLE FOTO:   Costenaro (foto Leonelli) e dall’Osto (foto Zini)

 

A.S.D. PowerStage

Via Zamenhof, 795 - 36100 Vicenza -

Tel. 392 2125734  -  3425765061

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

https://www.rallycittadischio.it/

 

#Rally #motorsport  #rallypassion  #RCdS22 #RallySchio2022 #PowerStage #Triveneto #Schio #Thiene  #RallySchio #RallyCittàdiSchio #Retakes

 

 

UFFICIO STAMPA

PER GASS RACING WEEKEND AL RALLY DELLE MARCHE

Mercoledì, 09 Novembre 2022 18:27 Published in Rally

PER GASS RACING WEEKEND AL RALLY DELLE MARCHE

 

 

Dopo due mesi di pausa Gass Racing sarà di nuovo impegnata nel Campionato Italiano Rally Terra che vivrà il suo quinto e penultimo atto stagionale nella quindicesima edizione del Rally delle Marche che tornerà a svolgersi come nella migliore tradizione sugli sterrati di Cingoli nei pressi di Macerata. Sulle impegnative strade bianche del “Balcone delle Marche” la Scuderia capitanata da Albino Gabriel sarà al via come ormai consuetudine nel Tricolore Terra con una Skoda Fabia R5 affidata a Walter Olli che per l’ occasione sarà navigato da Nicolò Gonella. Per il rallysta austriaco il Rally delle Marche sarà una tappa fondamentale che dovrà confermare il trend positivo di risultati evidenziato da prestazioni in continuo crescendo che gli hanno sovente consentito di lottare per la top-10 nella graduatoria assoluta. Per Olli inoltre la gara marchigiana rappresenterà anche una ghiotta occasione per confermare la sua leadership nella classifica della Coppa ACI Sport Under 25 – Trofeo Pucci Grossi. Dopo lo shake down di sabato pomeriggio in località “Colognola” già utilizzato nelle scorse edizioni la gara si articolerà su un totale di 9 Prove Speciali, 3 da ripetere per 3 volte, con la lunghezza complessiva del percorso di km. 220 cui km 57 di Prove Speciali. L’arrivo è previsto in Piazza Vittorio Emanuele II a Cingoli nel pomeriggio di domenica.

 

 

Ufficio Stampa

GASS RACING

La gara giapponese torna nel WRC dopo 12 anni di assenza

Mercoledì, 09 Novembre 2022 15:52 Published in Rally

La gara giapponese torna nel WRC dopo 12 anni di assenza

FORUM8 Rally Japan torna in calendario per la prima volta dal 2010.

  

 

 

Dodici anni dopo la sua ultima apparizione nella lista degli appuntamenti, FORUM8 Rally Japan (10 - 13 novembre) rappresenta la finale del Campionato del mondo di rally FIA 2022, segnando per la prima volta dal 2010 la terra del ritorno del Sol Levante nel WRC.

Ci saranno molte sfide in quanto, a differenza delle precedenti edizioni che si sono svolte nell'isola settentrionale di Hokkaido, il nuovissimo evento sull'asfalto di questa settimana ha sede a Toyota City, sull'isola principale del paese, Honshu.

Gli equipaggi affrontano 19 prove speciali impegnative nelle regioni montuose di Aichi e Gifu, che vantano una popolazione di circa nove milioni di persone e circa tre ore di auto dalla capitale Tokyo.

Per Toyota Gazoo Racing, è un sogno che diventa realtà.

La sede globale del marchio giapponese si trova a pochi passi dal parco servizi. Con i titoli piloti, copiloti e costruttori già nel sacco, il team spera di celebrare il suo successo globale con una forte esibizione davanti al pubblico locale.

A prendere i riflettori sarà senza dubbio Takamoto Katsuta, che guida per la squadra Next Generation di Toyota. Il 29enne è nato e cresciuto a Nagoya e inizia questo 13° round alla ricerca della sua prima vittoria nel WRC.

"Certo che so che questo sarà un grande rally", ha detto Katsuta. Ci sarà molto interesse da parte delle persone, dei tifosi e per la squadra.

“So che sarà un rally abbastanza diverso con tipi di strade diversi da quello che abbiamo visto. Ma farò del mio meglio e, ovviamente, mi godrò i palchi giapponesi!”

Ad unirsi a Katsuta in un trio di vetture GR Yaris identiche ci sono il campione di piloti Kalle Rovanperä insieme a Elfyn Evans e Sébastien Ogier, che ha al fianco il nuovo copilota Vincent Landais.

Ott Tänak segna il suo ultimo inizio per Hyundai Motorsport dopo aver confermato la sua partenza dal team i20 N alla fine della stagione.

Un risultato solido assicurerebbe al pilota estone di ritirarsi con il secondo posto in campionato, anche se il compagno di squadra Thierry Neuville - terzo in zona punti - farà di tutto per cercare di ribaltare lo svantaggio di 21 punti. Il pilota part-time Dani Sordo guida la terza vettura del team in quella che sarà la sua quinta uscita stagionale.

M-Sport Ford schiera una formazione Puma composta da due forti guidate dall'irlandese Craig Breen. Debutta al fianco del nuovo copilota James Fulton, mentre Gus Greensmith guida un'auto simile.

È anche una grande settimana in WRC2, la principale categoria di supporto dello sport. Emil Lindholm, Kajetan Kajetanowicz e l'assente Andreas Mikkelsen hanno ciascuno una possibilità di essere incoronato campione a seconda di come si svolge l'azione.

Il rally inizia giovedì sera con una super speciale al Kuragaike Park e si conclude domenica pomeriggio dopo 19 prove per un totale di 283,27 km.

 

 

 

Contenuti gratuiti per uso editoriale
Trova tutte le storie, le immagini e i video nella WRC Media Room
La sede ufficiale del rally mondiale: wrc.com

TOFFANO, DORETTO E BATTAGLIN IN EVIDENZA

Mercoledì, 09 Novembre 2022 15:33 Published in Rally

TOFFANO, DORETTO E BATTAGLIN IN EVIDENZA

Il patavino è terzo assoluto all'Halloween, il giovane friulano firma il successo tra le Rally 5 al Lazio mentre il rosso da Marostica è sesto nella Fiorio Cup.

 

 

Rosà (VI), 09 Novembre 2022 – Un fine settimana particolarmente ricco di impegni per Rally Team, divisa su tre campi gara, iniziando da una seconda edizione dell'Halloween Ronde che, tra Sabato e Domenica, ha portato in dote il secondo podio assoluto di Giovanni Toffano.

Il pilota di Bastia di Rovolon, al volante della Skoda Fabia Rally 2 Evo di MS Munaretto con Matteo Gambasin, ha fatto la voce grossa, giocandosi i quartieri nobili della generale e chiudendo con un buon terzo finale, unito a quello in gruppo RC2N ed in classe R5 - Rally 2.

“Auto perfetta, motore al top” – racconta Toffano – “ed è stato interessante approcciare una situazione così complessa. L'obiettivo era fare chilometri ma siamo molto soddisfatti della nostra prestazione, già dallo shakedown. Non abbiamo mai esagerato e dove non mi sentivo sicuro alzavo. Grazie alla scuderia, ai partners ed ai tanti amici presenti, fino a notte fonda.”

 

 

Riscontri positivi, nonostante l'uscita di strada sull'ultima speciale, per Matteo Duca, al debutto sulla Peugeot 208 Rally 4 di Baldon Rally con Giorgia Tullio, ai piedi della top ten di classe Rally 4, prima di dover alzare bandiera bianca, e soddisfatto per l'approccio alla nuova vettura.

Halloween da dimenticare in fretta invece per Fabio Bertazzolo, alle note Davide Benetton sulla consueta Citroen AX gruppo A, solamente quinto tra le A5 al termine di una due giorni storta.

Dalla Repubblica di San Marino al Rally del Lazio, finale nazionale ACI Sport Rally Cup Italia, nel quale la scuderia con base a Rosà si presentava ai nastri di partenza con Matteo Doretto.

Il giovane figlio d'arte, in coppia con Massimo Falomo sulla Renault Clio Rally 5 di Gima Autosport, ha fatto sua la classe, vincendo tre speciali e creando un buon divario con i rivali.

Un successo trasparente per il friulano, avendo chiuso secondo nella Coppa Rally ACI Sport di zona quattro, che chiude il cerchio su una stagione da considerare certamente positiva.

 

 

“Avremmo potuto essere i vincitori della finale” – racconta Doretto – “ma, causa secondo nella CRZ di zona quattro, la cosa è finita così. Grazie ad Enrico Zille e Fabrizio Martinis sto crescendo molto ed i loro consigli sono stati molto utili in una gara così complicata, per via delle condizioni del meteo. Auto e team perfetti. Siamo molto soddisfatti del nostro piazzamento.” 

Dal Venerdì e Sabato laziale verso la tre giorni di Ceglie Messapica, nel brindisino, per la seconda edizione della Fiorio Cup, svoltasi all'interno della Masseria Camarda di famiglia.

Tra tanti big della storia del rallysmo nostrano, come Aghini e Longhi, e giovani dal piede pesante, vedi Crugnola e De Tommaso, il sodalizio vicentino portava in gara Alessandro Battaglin, in coppia con Selena Pagliarini, sesto su Skoda Fabia Rally 2 Evo di P.A. Racing.

“Grazie alla famiglia Fiorio per l'ospitalità” – racconta Battaglin – “e per aver confezionato un evento incredibile. Nelle qualifiche del Venerdì siamo stati sempre in testa, accedendo da secondi per gli scarti, mentre Sabato e Domenica, tra piloti veri, siamo sopravvissuti nel fango.”

 

 

immagine a cura di Rally Team

WSK Final Cup a Lonato per il secondo round con 300 piloti

Lunedì, 07 Novembre 2022 19:57 Published in Kart

WSK Final Cup a Lonato per il secondo round con 300 piloti

Al Circuito South Garda Karting dal 9 al 13 novembre si disputa la seconda prova che assegna i titoli di categoria. La WSK saluta per la prima volta la vittoria di un pilota cinese, Yuanpu Cui (OK), e di un pilota panamense, Gianmatteo Rousseau (MINI).  

 

 

Maglie (ITA), 07.11.2022

La WSK Final Cup dopo il primo round di Sarno si sposta a Lonato per il secondo evento conclusivo del 9-13 novembre, dove l’elenco iscritti supera quota 300 piloti. Numeri davvero importanti per questa competizione di chiusura d’anno che si presenta per la prima volta con il format di due prove e una classifica finale che avrà il compito di eleggere i campioni 2022. A Lonato è attesa una grande partecipazione nella MINI con oltre 120 piloti, oltre 80 nella OKJ, circa 50 nella OK e circa 50 nella KZ2.   

In ogni categoria saranno ancora molti in grado di puntare al successo finale, visto il punteggio crescente che caratterizza la seconda prova di Lonato rispetto alla prima di Sarno: 13 punti a scalare dal primo classificato dopo le manches (+3 punti rispetto alla prima prova), 60 punti a scalare per la Prefinale (il doppio rispetto alla prima prova), 80 punti a scalare per la Finale (+30 punti rispetto alla prima prova). 

Nella OK comanda Yuanpu Cui, primo pilota cinese a vincere una gara WSK.

Nelle classifiche provvisorie dopo la prima prova di Sarno, nella OK spicca la prima posizione di un pilota cinese, Yuanpu Cui in gara con il team KR Motorsport su KR-Iame-LeCont, primo pilota cinese ad aggiudicarsi una gara internazionale delle serie WSK. Yuanpu Cui si trova al comando della OK con 65 punti grazie al successo conquistato in finale al termine di una gara alquanto combattuta. In campionato alle sue spalle Anatholy Khavalkin, l’inglese Joe Turney terzo in graduatoria nonostante la penalizzazione nella finale per lo spoiler anteriore fuori posto, il giamaicano Alex Powell e il francese Jimmy Helias.

OK, classifica provvisoria WSK Final Cup

1. Yuanpu Cui (CHN) punti 65

2. Anatoly Khavalkin punti 50

3. Joe Turney (GBR) punti 46

4. Alex Powell (JAM) punti 37

5. Jimmy Helias (FRA) punti 36.

In KZ2 l’olandese Senna Van Walstijn davanti a una gran concorrenza.

Nella categoria più prestazionale della KZ2 al comando con un buon vantaggio si è portato l’olandese Senna Van Walstijn, con il team CPB Sport su Sodikart-TM Racing-Vega, vincitore a Sarno davanti al velocissimo svedese Noah Milell che in classifica occupa la seconda posizione staccato di 37 punti. Terzo a 38 punti il francese Emilien Denner, dominatore dell’evento fino alla finale dove è costretto al ritiro per un incidente con Giuseppe Palomba. Nonostante il contatto, Palomba si piazza quarto in gara e in campionato, davanti al compagno di squadra Cristian Bertuca. Ma a Lonato la concorrenza sarà ancora più forte, con un incremento notevole di antagonisti.  

KZ2, classifica provvisoria WSK Final Cup

1. Senna Van Walstijn (NLD) punti 78

2. Noah Milell (SWE) punti 41

3. Emilien Denner (FRA) punti 40

4. Giuseppe Palomba (ITA) punti 34

5. Cristian Bertuca (ITA) punti 25.

Testa a testa in OKJ fra lo scozzese Zac Drummond e l’italiano Emanuele Olivieri.

Alla vigilia di Lonato particolarmente incerta si presenta la OK-Junior dove è solamente un punto a dividere la prima posizione dello scozzese Zac Drummond (70 punti) in gara con Parolin Motorsport su Parolin-TM Racing-Vega, dall’italiano Emanuele Olivieri (69 punti) vincitore della finale con il team IPK Official su IPK-TM Racing. Al testa a testa fra i due si aggiungono altri protagonisti della categoria in cerca di riscatto, capitanati dallo sloveno Aleksandar Bogunovic, ma un ruolo di rilievo lo potranno ricoprire anche gli importanti nuovi ingressi attesi nel secondo evento di Lonato.

OKJ, classifica provvisoria WSK Final Cup

1. Zac Drunnond (SCO) punti 70

2. Emanuele Olivieri (ITA) punti 69

3. Aleksandar Bogunovic (SVN) punti 55

4. Taym Saleh (DEU) punti 38

5. Miguel Costa (BRA) punti 25.

Nella MINI prima vittoria anche per un pilota del Panama: Gianmatteo Rousseau.

Fra i vincitori di nuove nazionalità nelle gare WSK, si inserisce anche la prima volta di un pilota del Panama, Gianmatteo Rousseau, vincitore della finale di Sarno nella MINI e al comando della classifica provvisoria con 76 punti. In gara con il team Alonso Kart by Kidix su Alonso-Iame-Vega, Rousseau è stato protagonista della categoria in tutte le fasi della gara, fino alla finale vinta in volata davanti a Vladimir Ivannikov, secondo in campionato con 68 punti, e Filippo Sala che va ad occupare il quinto posto con 36 punti, preceduto dall’australiano William Calleja (45 punti) e dal turco Iskender Zulfikari (44 punti). Tutti in grado di aggiudicarsi il successo finale.

MINI, classifica provvisoria WSK Final Cup

1. Gianmatteo Rousseau (PAN) punti 76

2. Vladimir Ivannikov punti 68 

3. William Calleja (AUS) punti 45

4. Iskender Zulfikari (TUR) punti 44

5. Filippo Sala (ITA) punti 36.

Il programma WSK Final Cup, Lonato:

Mercoledì 9 e Giovedì 10 novembre

08:45 Prove Libere

Venerdì 11 novembre

08:15 – 10:27: Prove Libere

10.30 – 12:16: Prove cronometrate

12:40 – 17:30: Manches eliminatorie

Sabato 12 novembre

08:10 – 10:04: Warm-up

10:15 – 18:00: Manches eliminatorie

Domenica 13 novembre (TV, Live Streaming)

08:30 – 10:27: Warm-up

10:30 – 13:00: Prefinali

14:00 – 16:00: Finali (14:00 MINI; 14:30 OKJ; 15:00 OK; 15:30 KZ2).

 

Infowww.wskarting.it/index.asp

 

WSK Promotion

Ufficio Stampa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ph. Sportinphoto

Successo di pubblico alla Fiorio Cup a Masseria Camarda,
Ceglie Messapica (BR).

Crugnola-Ometto onorano la Fiorio Cup, idea di successo della famiglia Fiorio.
L'equipaggio varesino vince davanti a Aghini-Cerrai e De Tommaso-Ascalone.

Andrea Crugnola concede il bis,
a Tamara Molinaro il Delta Tribute.
Ceglie Messapica, 6 novembre 2022
Andrea Crugnola e Pietro Ometto hanno messo la firma sulla seconda edizione della Fiorio Cup – Trofeo Masseria Camarda, ripetendo così il successo conquistato nella prima edizione, svoltasi nel dicembre 2021. Sul podio (nella foto sopra), come l’anno passato, Andrea Aghini, mentre Damiano De Tommaso ha dovuto accontentarsi della terza posizione. Tutti i concorrenti hanno disputato le otto prove al volante delle Skoda Fabia gommate Pirelli, messe a disposizione dalla P.A. Racing  di Alessandro Perico.
Crugnola (in azione nella foto sotto), fresco campione italiano rally, titolo conquistato in occasione del recente rally Due Valli a Verona, ha così vinto anche il confronto tra i giovani piloti italiani e i piloti del passato, che hanno avuto in Aghini il loro esponente di punta. Damiano de Tommaso sperava in una pronta rivincita dopo l’esito finale del campionato italiano, ma ha dovuto accontentarsi del terzo gradino del podio, precedendo di poco più di due secondi un altro “anziano“ come Piero Longhi, che di titoli italiani se ne intende non poco.
 
 
Un percorso difficile anche nel Delta Tribute.
Al quinto posto, un passo indietro rispetto allo scorso anno, Tamara Molinaro, che ha pagato pesantemente l’aver dovuto scartare il punteggio della prima prova, disputata ancora in condizioni di non eccessivo bagnato, a causa di un testacoda. L’ex campionessa italiana si è però presa la grande soddisfazione di aggiudicarsi il “Delta Tribute”, una gara non cronometrata disputata al volante di una Lancia Delta del Jolly Autosport (nella foto sotto), volta a premiare il miglior pilota che, a giudizio della speciale giuria presieduta da Cesare Fiorio, per stile e fluidità di guida  affrontava uno dei tratti più difficili e tecnici del percorso. Il “bonus” acquisito da Tamara Molinaro si è rivelato determinante ai fini della classifica finale, tanto da permetterle di sopravanzare Battaglin di poco più di un secondo.
Solo il settimo posto finale per il tanto atteso Harri Toivonen, che non avendo mai guidato prima una Skoda Fabia R5 non è mai riuscito  a trovare il giusto feeling con la vettura, complice soprattutto anche il pantano, o meglio acquitrino, che è stata la caratteristica di molti tratti del percorso, a causa della pioggia caduta per tutto il weekend.
Il fondo estremamente viscido è stata la maggiore difficoltà per i piloti ed ha provocato una selezione che ha impedito eventuali rimonte. Nel contempo è emersa la sensibilità di guida dei migliori, soprattutto di Crugnola e Aghini, che sino all’ultima prova si sono contesi il successo finale. Crugnola si è dimostrato il migliore, tanto da aggiudicarsi tutte le quattro prove.
 
 
La soddisfazione di Cesare Fiorio.
“Se la prima edizione si era conclusa con una promozione” - parola  di Cesare Fiorio - “questa seconda edizione, nonostante le condizioni meteo, è stata un successo. Bastava vedere il pubblico accalcato lungo i muretti, per ore fermo sotto la pioggia, seguire le acrobazie dei piloti con apprezzamenti vocali, per capire come questo genere innovativo di rally possa avere un gran seguito. Tutto è merito di Alessandro e di mia nipote Maria Paola, che da due mesi si sono dedicati a questo evento. Complimenti anche a loro.” Nella foto sotto, Fiorio si complimenta con Tamara Molinaro, vincitrice del Delta Tribute.
 
 
Hanno detto dopo la gara
Andrea Crugnola”Chiudo la stagione agonistica con un altro successo, che fa il paio con il titolo italiano. Qui non c’era nulla in palio ma vincere è sempre bello. soprattutto in casa e sotto gli occhi di chi di rally  se ne intende...”
Harri Toivonen“Di più e di meglio non potevo fare ma grazie di avermi invitato, ho ritrovato vecchi amici miei e di mio fratello Henri. L’atmosfera di questi tre giorni è stata fantastica, come ai vecchi tempi. Grazie a tutti. Kitos.” (Grazie in finlandese, ndr)
Tamara Molinaro: “Speravo di poter fare meglio ma ho buttato tutto alle ortiche per l’errore nella prima prova. Peccato, spero nella terza edizione di prendermi una rivincita.”
Andrea Aghini ”Passano gli anni ma la ruggine non si sente. Contro un Crugnola in questo stato di forma ci ho provato, ma non c’è stato nulla da fare. Complimenti a lui.”
 
CLASSIFICA FINALE:
1 Andrea Crugnola – Pietro Ometto 16’44”57
2 Andrea Aghini – Massimiliano Cerrai 17’15”02
3 Damiano De Tommaso – Giorgia Ascalone 17’37”18
4 Piero Longhi – Gianmaria Santini 17’39”76
5 Tamara Molinaro – Lorenzo Granai 17’42”44
6 Alessandro Battaglin – Selena Pagliarini 17’43”72
7 Harri Toivonen – Cedric Wrede 18’37”44
8 Davide Negri – Gianfranco Rappa 18’41”31

Tandalò, perché no?

Lunedì, 07 Novembre 2022 19:43 Published in Salite

Tandalò, perché no?

L’unica Cronoscalata su terra d’Italia si appresta a mettere in scena la 6^ edizione di un evento che rappresenta un patrimonio motoristico degno di palcoscenici importanti. Appuntamento a Buddusò dal 18 al 20 novembre.

07.11.2022 - Cronoscalata di Tandalò. Non è una velocità in salita. Non è un rally. È Tandalò. Un evento che trae spunti sia dalla specialità della montagna che dal rally, facendone un mix che in questi anni ha permesso alla Tandalò Motorsport ed a drivEvent Adventure di raccogliere soddisfazione e consensi.

Come funziona?
L’evento, pur con le linee di una cronoscalata, funziona come un rally, abbraccia anche la velocità su terra ma senza scontri diretti. Gli equipaggi (dove la vettura lo permette) possono essere anche formati da pilota e navigatore. Il tracciato di gara è collegato al Villaggio sulla sommità da un trasferimento che crea un percorso ad anello: discesa non competitiva, salita a cronometro. Sono percorse 5 salite nell’arco di due giornate: vince il più veloce nella somma dei quattro migliori passaggi e quindi con la possibilità di scartare il peggiore. I concorrenti partiranno intervallati da un minuto uno dall’altro.

Come ci si iscrive?
Come in tutte le manifestazioni ACI Sport. Pre-iscrizione obbligatoria su acisport.it (Area Riservata) e quindi seconda fase tramite i moduli disponibili su tandalo.it. Le iscrizioni chiuderanno l’11 di novembre. Potranno partecipare un massimo di 100 vetture.
 
Il programma 2022
Venerdì 18 novembre verifiche sportive e tecniche a Buddusò. I concorrenti potranno poi effettuare le ricognizioni con vetture stradale, come in un rally. Sabato 19 novembre le prove libere, o shakedown, e quindi le prime tre ascese che vengono definite PS1, PS2, PS3. Alla domenica, 20 novembre, l’evento proseguirà con PS4 e PS5 che concluderanno di fatto la gara. A seguire i migliori concorrenti della classifica di gara si sfideranno nel “Manscione finale”, salita secca e fuori classifica con l’elezione del Re di Tandalò.

Un evento che crede ancora nelle potenzialità di promozione del motorsport 
La passione è il motore trainante di questo progetto. Nicola Imperio è stato uno degli ideatori di Tandalò e recentemente la corsa ha ottenuto anche l’egida di Campionato Italiano Velocità su Terra. L’edizione 2022 sarà poi anche valida come competizione Atipica e Sperimentale e questo permetterà ovviamente la partecipazione di ogni tipo di vettura: da rally vetture moderne, vetture storiche, prototipi da terra, kart cross monoposto e buggy purché in regola con le norme di sicurezza.

Una corsa d’altri tempi
Impossibile non riconoscere il parallelismo con il Nido dell’Aquila e, spostando gli orizzonti oltre l’Oceano, alla Pikes Peak International Hill Climb che a livello nazionale ed internazionale hanno rappresentato veri e propri eventi eroici in grado di attirare migliaia di appassionati e piloti di grande prestigio. La Cronoscalata di Tandalò raccoglie il testimone di quanto iniziato da manifestazioni come queste per rilanciarlo con una nuova spinta propositiva.

Sardegna: un territorio, una cartolina
La collaborazione con la Regione Autonoma della Sardegna e il Comune di Buddusò sono una delle chiavi centrali nel progetto Tandalò. La Sardegna è forse uno dei luoghi più adatti per una manifestazione come questa: un territorio magico, ancestrale, vero. Raggiungere la sommità della Cronoscalata di Tandalò è prima di tutto una sfida contro sè stessi, una soddisfazione.

 

 

Ufficio Stampa | Cronoscalata su terra Tandalò

Vittoria di classe A6 per Lorenzo Grani della Scuderia Pintarally Motorsport al Rally Lazio Cassino-Pico

 

 

Si è disputato nelle giornate di venerdì 4 e sabato 5 novembre 2022 il Rally Lazio Cassino-Pico valido come Finale Nazionale Coppa Italia Rally ACI Sport. Al via per la Scuderia Pintarally Motorsport il pilota di Maranello Lorenzo Grani navigato da Giulia Corsellini su Peugeot 106 Gruppo A del team MT Motor. Vittoria di classe A6 e vittoria della finale nazionale di Coppa Italia. “Abbiamo fatto una gara abbastanza accorta, cercando di non guardare troppo la classifica assoluta bensì di guardare la nostra categoria. Abbiamo avuto vari problemi meccanici che, miracolosamente, i ragazzi dell’assistenza di MT Motor hanno risolto. Strepitoso! Perché con tutti quei problemi c’era alto rischio di fermarsi ma li abbiamo risolti in tempo. Siamo contentissimi del lavoro fatto. La gara è stata difficile perché c’erano delle condizioni meteo difficili: pioggia tutto venerdì e buona parte di sabato, quindi il fondo era scivoloso. In più non avevamo le gomme giuste perché Michelin non fornisce più gomme da bagnato della misura giusta per la nostra macchina. Abbiamo dovuto arrangiarci con quello che avevamo. Bottino pieno: abbiamo vinto la classe e la finale nazionale di classe A6”. Prossimi appuntamenti: Bolzano Kart Dai Trophy, 13 novembre 2022 con Daniel Rampazzo Rally delle Marche, 13 novembre 2022 con Aronne Travaglia navigato da Lorenzo Lamanda su Mitsubishi Evo X

APRE LE ISCRIZIONI IL “CIOCCHETTO”, CLASSICO APPUNTAMENTO PRE-NATALIZIO (16/18 DICEMBRE).

ADESIONI APERTE FINO A VENERDI’ 9 DICEMBRE. NOVITA’ NEL PERCORSO DI GARA, CON SEDICI PROVE SPECIALI DISTRIBUITE IN DUE TAPPE. AMMESSE AL VIA VETTURE MODERNE (WRC PLUS COMPRESE) E LE MACCHINE STORICHE

 

 

Il Ciocco (LU). Si avvicina il periodo natalizio e, per chi ama i rally, l’associazione è immediata con Il Ciocchetto Event, il rally che da ben trentuno anni raduna a Il Ciocco - nella atmosfera resa suggestiva dal panorama incantevole e dalle eleganti decorazioni natalizie - equipaggi, addetti ai lavori e amici per una gara vera, tutta all’interno della Tenuta Il Ciocco, ma anche per scambiarsi gli auguri per le Feste. Anche quest’anno Il Ciocchetto, con la sua data dal 16 al 18 dicembre, si colloca, come consuetudine, nella settimana che precede le feste di Natale. Le iscrizioni si aprono oggi, lunedì 7 novembre, con la chiusura prevista per venerdì 9 dicembre. Ammesse al via le vetture moderne di tutti i gruppi, comprese le World Rally Car, anche le “Plus”, così come le vetture storiche, che gli Organizzatori sperano di avere al via in buon numero. IL PROGRAMMA DE IL CIOCCHETTO EVENT 2022: SEDICI PROVE SPECIALI IN DUE TAPPE La novità principale de Il Ciocchetto Event 2022 è che le prove speciali diventano ben sedici, suddivise in due tratti cronometrati, da ripetere quattro volte, per ognuna delle due tappe. Sono 39,40 i km di speciali, su un percorso totale di 84,47 km, interamente su fondo asfaltato. Per agevolare il rientro di team ed equipaggi al termine della gara, “Il Ciocchetto Event” conferma, come lo scorso anno, lo svolgimento in due tappe, tra il sabato e la domenica, segnatamente il 17 e 18 dicembre, ma comprimendo l’ora di arrivo finale della domenica alle ore 14.45, con premiazione conclusiva alle ore 17.30. La prima tappa prenderà il via sabato 17 alle ore 13.30, dallo Stadio del Ciocco, con arrivo alle ore 19.46 al Parking 2. La seconda tappa scatterà domenica 18, alle ore 8.00 con arrivo finale alle ore 14.46. Direzione di Gara e Sala Stampa saranno ubicate presso Renaissance Tuscany Il Ciocco Resort & SPA. IL CIOCCHETTO, IL RALLY INVENTATO DA ICIO PERISSINOT. C’è un premio, a Il Ciocchetto Event, ambito quanto la coppa del primo assoluto, e che non manca mai di suscitare grande emozione nel vincitore. È il Trofeo, artistico quanto prestigioso che, dal 2004, è dedicato al ricordo di Maurizio Perissinot, che viene consegnato al navigatore primo classificato. E che ogni navigatore vorrebbe avere in bacheca. Maurizio Perissinot ha lasciato ricordi indelebili, tanti amici e un patrimonio di idee e “invenzioni” che, da quel dicembre 2004 in cui un male implacabile lo portò via, lo staff organizzativo dei rally al Ciocco ha sempre tutelato e cercato di portare avanti con lo stesso spirito. Come Il Ciocchetto, andato sempre in scena sulle strade tecniche, complicate e divertenti della Tenuta Il Ciocco e ancora con quell’anima natalizia che gli aveva dato “Icio”. Un altro premio “in tema” viene assegnato, alla premiazione finale, alla vettura giudicata più “natalizia”, vale a dire con la livrea o l’addobbo che verrà valutato il migliore da una votazione che verrà lanciata, nei giorni della gara, sulle pagine social Cioccorally. 

Privacy Policy