Luca Caruso torna in CIVM con CST Sport
Luca Caruso torna in CIVM con CST Sport
Cambio di categoria per Antonio Scappa: al Nevegal debutta
Cambio di categoria per Antonio Scappa: al Nevegal debutta
Fine settimana redditizio per la scuderia RO racing
Fine settimana redditizio per la scuderia RO racing
LA LEONESSA CORSE: SORETTI ATTESO ALLA 46° ALPE DEL NEVEGAL
LA LEONESSA CORSE: SORETTI ATTESO ALLA 46° ALPE DEL NEVEGAL
On line procedura e moduli di accredito media per il Trofeo Fagioli 2020
On line procedura e moduli di accredito media per il Trofeo Fagioli 2020
Crescono attesa ed interesse per la 46^ Alpe del Nevegal
Crescono attesa ed interesse per la 46^ Alpe del Nevegal
Achille Lombardi difenderà i colori del Team Puglia anche nel 2020 alla guida di una aggiornata Osella PA21 JrB  1000 Bmw by LRM motors
Achille Lombardi difenderà i colori del Team Puglia anche nel 2020 alla guida di una aggiornata Osella PA21 JrB 1000 Bmw by LRM motors
Test Prestagionale per la Zero40 Racing Team con Denis Mezzacasa
Test Prestagionale per la Zero40 Racing Team con Denis Mezzacasa
Trofeo Luigi Fagioli: iscrizioni al via, anche per gli stranieri
Trofeo Luigi Fagioli: iscrizioni al via, anche per gli stranieri
“The Doctor” e la sua nuova Peugeot 308 GTI pronti ad accendere i motori!
“The Doctor” e la sua nuova Peugeot 308 GTI pronti ad accendere i motori!
La 59^ Alghero-Scala Piccada 4° round del Tricolore salita 2020
La 59^ Alghero-Scala Piccada 4° round del Tricolore salita 2020
46^Alpe del Nevegal: avanti tutta!
46^Alpe del Nevegal: avanti tutta!
RIPARTENZA TARGATA CIVT PER VISINTIN
RIPARTENZA TARGATA CIVT PER VISINTIN
Simone Faggioli primo assoluto e record alla Nagrada Malačke, in Croazia
Simone Faggioli primo assoluto e record alla Nagrada Malačke, in Croazia
Christian Merli 2° a Spalato
Christian Merli 2° a Spalato
Il Trofeo Vallecamonica in diretta con Zardo, Caffi, Bormolini e Faggioli
Il Trofeo Vallecamonica in diretta con Zardo, Caffi, Bormolini e Faggioli
La XXXVIII Pedavena-Croce d'Aune rinviata al 2021
La XXXVIII Pedavena-Croce d'Aune rinviata al 2021
Christian Merli in gara a Spalato
Christian Merli in gara a Spalato
Nel 2021 la “XXXVI Coppa Val D’Anapo Sortino”
Nel 2021 la “XXXVI Coppa Val D’Anapo Sortino”
LA COPPA FARO DI PESARO, CONFERMATA COME PROVA DEL CIVSA
LA COPPA FARO DI PESARO, CONFERMATA COME PROVA DEL CIVSA
La 46^Alpe del Nevegal aprirà il CIVM 2020
La 46^Alpe del Nevegal aprirà il CIVM 2020
Promossa la 46^Alpe del Nevegal
Promossa la 46^Alpe del Nevegal
Sono quattro le gare del Tricolore Salita Autostoriche 2020
Sono quattro le gare del Tricolore Salita Autostoriche 2020
Si assesta il calendario 2020 del Tricolore Salita
Si assesta il calendario 2020 del Tricolore Salita
Approvato il calendario 2020 del Tricolore Salita
Approvato il calendario 2020 del Tricolore Salita
UN CARO SALUTO A PASQUALINO AMODEO
UN CARO SALUTO A PASQUALINO AMODEO
La Scuderia RO racing riparte dalle Madonie
La Scuderia RO racing riparte dalle Madonie
Simone Faggioli record e seconda posizione assoluta alla 14esima Nagrada Skradina
Simone Faggioli record e seconda posizione assoluta alla 14esima Nagrada Skradina
Vittoria di Merli in Croazia
Vittoria di Merli in Croazia
Domenica gara test per Merli in Croazia
Domenica gara test per Merli in Croazia
Il Trofeo Luigi Fagioli al lavoro per l'edizione 2020
Il Trofeo Luigi Fagioli al lavoro per l'edizione 2020
LA 63aSALITA MONTI IBLEI POSTICIPA IL PROPRIO APPUNTAMENTO AL 2021
LA 63aSALITA MONTI IBLEI POSTICIPA IL PROPRIO APPUNTAMENTO AL 2021
APPUNTAMENTO AL 2021 PER LA SARNANO-SASSOTETTO / TROFEO SCARFIOTTI
APPUNTAMENTO AL 2021 PER LA SARNANO-SASSOTETTO / TROFEO SCARFIOTTI
COPPA TEODORI EUROPEA, ARRIVEDERCI AL 2021
COPPA TEODORI EUROPEA, ARRIVEDERCI AL 2021
Il 50° Trofeo Vallecamonica si disputerà nel 2021
Il 50° Trofeo Vallecamonica si disputerà nel 2021
COPPA TEODORI EUROPEA, NECESSARIO IL RINVIO
COPPA TEODORI EUROPEA, NECESSARIO IL RINVIO
La Caprino-Spiazzi 2020 rinviata a data da destinarsi
La Caprino-Spiazzi 2020 rinviata a data da destinarsi
Lo Spino 2020 rinviato a data da destinarsi
Lo Spino 2020 rinviato a data da destinarsi
Si rinvia la XXXVI Coppa Val D’Anapo - Sortino
Si rinvia la XXXVI Coppa Val D’Anapo - Sortino
La 59^ Alghero Scala Piccada cambia data
La 59^ Alghero Scala Piccada cambia data
Paolo Rignanese

Paolo Rignanese

DOPO L’ASFALTO SI RIPARTE ANCHE CON LA TERRA

Mercoledì, 05 Agosto 2020 22:38 Published in Rally

DOPO L’ASFALTO SI RIPARTE ANCHE CON LA TERRA

Finalmente si torna a derapare sulla terra del Città di Arezzo con i fratelli Marchioro, Christian e Nicolò, entrambi su Skoda Fabia R5; Casella debuttante sullo sterrato con la Peugeot 208 R2.

 

 

Schio (Vicenza) – 5agosto 2020 

Dopo aver ripreso a pieno ritmo con le gare su asfalto,MS Munaretto torna finalmente a solcare le funamboliche prove su terra. Partenza con il botto dal14° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina, in programma questo fine settimana tra l’8 e il 9 agosto. 

Lo spettacolo offerto, da quella che si configura come una delle classiche della “Terra”, assume in questa edizione varie connotazioni; nello specifico la gara sarà: apertura del Campionato Italiano Rally Terra e“finalissima” del Challenge Raceday Rally Terra. 

Inizia da qui il proprio percorso nel CIRT lo specialista degli sterrati Nicolò Marchioro il quale, affiancato dall’ormai inseparabileMarco Marchetti, porterà in gara la punta di diamante della casa ceca, la Skoda Fabia R5 in versione EVO, puntando senza farne segreto alla più alta posizione in classifica. 

Alla ricerca del risultato di rilievo sarà anche Christian Marchioro, fratello maggiore di Nicolò, impegnato al volante di una Skoda Fabia R5con la moglie e navigatrice Silvia Dall’olmonell’assalto al titolo Raceday,serie nella quale detiene al momento la seconda posizione assoluta ad un passo dal diretto avversario. 

Il percorso toscano, in passato scenario di grandi sfide mondiali, darà poi la possibilità al duo messinese composto daAlessandro Casella e Rosario Siragusano di debuttare in grande stile sullo sterrato,fondo dal quale la coppia dovrà imparare a cogliere fin da subito la maggior quantità di sensazioni possibili, da trasmettere senza filtrialla loro Peugeot 208 R2

Appuntamento sabato mattinaadAsciano alle ore 14.30 per il palco partenza, svolgimento di un totale di 7 PS per 70 km cronometrati complessivi distribuiti sui due giorni di gara e finale ad Arezzo alle ore 16.00. 

ALBA, SALSOMAGGIORE E SCORZÈ: WELL DONE!

Al 14° Rally di Alba, prima uscita del Campionato Italiano WRC, Stefano Liburdi e Andrea Colapietro centrano l’obbiettivo prefissatosi riuscendo chilometro dopo chilometro ad“amalgamarsi” a fondo con la Skoda Fabia R5, in vista del prossimo “San Martino”. Giunti al termine senza intoppi anche Massimiliano Macrì e Giulia Paganoni, calati nell’abitacolo di quella Renault Clio S1600 che gli sta regalando forti emozioni ad ogni uscita. Un vero peccato il prematuro ritiro di Andrea Carella, avvenuto nel corso della PS1, finito fuori strada dopo un incontro ravvicinato con un “muretto”; per lui solo rimandata la possibilità di farsi valere sugli avversari e dimostrare a pieno le proprie doti di guida. 

Prestazione maiuscola in terra emiliana perAntonio Rusce il quale, affiancato da Sauro Farnocchia alla guida di una Skoda Fabia R5 EVO,nel 3° Rally di Salsomaggiore Terme,grazie ad un rullino di marcia degno di un orologio svizzero, si è aggiudicato di diritto e per il secondo anno consecutivola vittoria assoluta. Torna a casa con l’amaro in bocca Roberto Vellani, soddisfatto dei propri tempi nelle singole prove-speciali, arrivando a vincerne addirittura due sul finale, ma frenato nell’assalto alla vetta dalla rottura di una candeladel motore della sua Skoda. 

Al 17° Rally Città di Scorzè grandi soddisfazioni da parte diGiovanni Toffano e Nicola Sartor.Per Toffano, con alle note Matteo Gambasin, un weekend altamente positivo al debutto con la Peugeot 207 S2000, terminato con una dodicesima posizione assoluta; stessa sorte per il funambolico Nicola Sartor, accompagnato in prova da Denis Piceno su Peugeot 208 R2, riuscito ad aggiudicarsi la vittoria di classe e la quattordicesima posizione assoluta, dopo una battaglia serratissima con lo sloveno Medved. Peccato invece per il giovane Gianmarco Lovisetto, stoppato anzitempo dal cedimento della frizione della Citroen DS3 R5 che stava portando in gara con grande maestria.

 

  

Foto: Christian Marchioro@Fabrizio Buraglio

MS MUNARETTO– Press Office

IANI-PULIANI, PRIMI DI UNDER NEL TROFEO SUZUKI AL RALLY DI ALBA

Mercoledì, 05 Agosto 2020 12:52 Published in Rally

IANI-PULIANI, PRIMI DI UNDER NEL TROFEO SUZUKI AL RALLY DI ALBA

Buon esordio nel monomarca Suzuki per i due giovani ossolani: 5° di trofeo e 4° di classe.

 

 

Domodossola (VB)- Il Rally di Alba ha dato inizio al Suzuki Rally Cup, trofeo monomarca nel quale, da quest’anno, si cimentano anche Igor Iani e Nicola Puliani. I due giovanissimi rappresentanti della scuderia New Turnbomark hanno dovuto prendere dimestichezza con le nuove strade e soprattutto con i ritmi serrati del monomarca Suzuki. Dopo una partenza poco arrembante, i due piemontesi hanno aumentato il passo in maniera progressiva collezionando tempi interessanti specie se raffrontati a quelli degli esperti rivali. Il crescendo rossiniano di Iani e Puliani è stato così suggellato del bellissimo podio sull’ultima prova speciale che ha sancito la quinta piazza finale-nonché quarta di classe- e la vittoria tra gli Under del trofeo. “Ora dobbiamo far crescere questi sei punti accumulati per cercare di migliorarci di volta in volta così come accaduto durante questa gara: non è tanto la classifica ad interessarci ora quanto i progressi che dobbiamo fare da equipaggio se vogliamo raggiungere degli obiettivi!” ha detto Iani finita la gara di Alba. Prossimo appuntamento sarà il Rally del Ciocco in programma tra due settimane in provincia di Lucca.

14° RALLY CITTA’ DI AREZZO-CRETE SENESI E VALTIBERINA ACCENDE I MOTORI: LA SFIDA SARA’ PER OLTRE 100 EQUIPAGGI

Sarà un evento di grande respiro, quello di sabato e domenica, sia perchè che si corre sulle strade del mito che per la qualità dell’elenco iscritti. Tre prove speciali diverse in programma su due territori ad ampia espressione “rallistica” tra le crete senesi e l’aretino saranno gli scenari della prima gara italiana su sterrato dopo la ripresa dell’attività motoristica in Italia. 405 chilometri totali e 70 di sfide in due giorni, il promo nella parte senese ed il secondo nel versante di Arezzo, sono il programma che attende sfide di alto livello tecnico e di grande spettacolo. L’evento per le Provincie di Arezzo e Siena e tutti i Comuni coinvolti sarà un grande veicolo di ricaduta economica turistica commerciale e promozionale

 

 

Arezzo, 05 agosto 2020

Questo fine settimana appuntamento d’eccezione, tra le provincie di Arezzo e Siena, per il 14° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina, che presenta ben tre validità tricolori. La gara organizzata da Valtiberina motorsport, infatti, sarà la prima prova del Campionato Italiano Rally Terra (CIRT), del Campionato Italiano Rally Terra Autostoriche e del Campionato Italiano Cross Country Rally, oltre ad essere valida per il, ma anche e soprattutto calda “finalissima” del Challenge Raceday Rally Terra 2019-2020 e valida quale apertura del Tour European Rally (TER) sia “moderno” che “storico”.  

Le iscrizioni, hanno dato numeri a tre cifre, ben 112 adesioni, con molto del meglio del rallismo nazionale al via, con anche diversi driver stranieri, per l’esattezza provenienti tra l’altro da Argentina, Finlandia, Francia, Gran Bretagna e Slovenia.

SFIDE DI ALTO LIVELLO SU STERRATI DA SOGNO

Grandi nomi e grandi vetture, al via della gara. Sono 75, gli iscritti alla gara CIRT per vetture moderne, di cui ben 28 vetture di classe R5. Ci sarà ad esempio il Campione in carica del “terra”, il francese Stephane Consani, una piacevole conferma per i rallies italiani, che tornerà in Italia per difendere il titolo conquistato lo scorso anno sfidando, con una Skoda Fabia R5, diversi “nomi” italiani. A partire dal pluridecorato Paolo Andreucci, in gara per la prima volta con una Citroen C3 R5, per proseguire poi con il romagnolo Simone Campedelli (Ford Fiesta R5), uno dei migliori prodotti della filiera “verde” italiana degli ultimi anni.  A questi nomi altisonanti si affiancano di diritto altri grandi personaggi delle “strade bianche” capaci di grandi prestazioni, come ad esempio l’umbro Francesco Fanari (Skoda Fabia R5, Campione uscente “Raceday”), i fratelli padovani Nicolò e Christian Marchioro, pronti a sfidarsi in maniera ravvicinata, entrambi con una Skoda Fabia R5, poi il trevigiano Giacomo Costenaro (Skoda Fabia R5), il sanmarinese Daniele Ceccoli (Hyundai i20 R5), Alessandro Bettega (Skoda Fabia R5), figlio dell’indimenticato Attilio, il veronese Luca Hoelbling (Hyundai i20 R5). Non ci sono soltanto questi a pensare ad un posto al sole della classifica assoluta, al via ci sono anche il sanremese Andrea Maselli (Hyundai i20 R5), visto in forma al “Val d’Orcia” di febbraio scorso, poco prima dello stop imposto dalla pandemia, il veneto Simone Romagna (Ford Fiesta R5), il trentino Luciano Cobbe (Skoda Fabia R5) ed il bergamasco Matteo Gamba (Skoda Fabia R5), che opera il suo rientro d’effetto dopo alcune stagioni di pausa.

Da seguire anche il piemontese Gianmarco Donetto (Skoda Fabia R5), in lizza per l’alloro Raceday. Proprio per questo argomento, la lotta per il titolo 2019-20 è ancora molto aperta con lo stesso Donetto leader a 35 punti seguito da Marchioro, Bettega, Versace a 29 e Maselli a 28. Logico quindi pensare che vi saranno scintille, sulle “piesse”, che porteranno a notevoli indicazioni tecniche oltre che sportive. Ed ovviamente eleggeranno il Campione.

Attesi poi anche i fratelli aretini Massimo e Giovanni Squarcialupi, presenza costante e piacevole nelle gare su terra tricolori, ai nastri di partenza della gara “di casa” con una Fiesta R5.

Tra i piloti stranieri che saranno al via tra le Crete Senesi e la provincia aretina fa poi certamente notizia la presenza del giovane Emil Lindholm, figlio e nipote d’arte. E’ uno degli ultimi prodotti della filiera finlandese di piloti da rally destinati a far parlare delle proprie gesta, figlio di Sebastian Lindholm, otto volte Campione finlandese di rally e protagonista nel mondiale sino a pochi anni fa, nonché cugino di Marcus Gronholm, due volte iridato.

Per gli amanti delle statistiche, le Skoda Fabia R5 sono le più utilizzate, qui ne sono iscritte ben 16.

Della partita sarà anche Tamara Molinaro, con una Citroen C3 R5 e, sempre in chiave “rosa” sarà interessante vedere di nuovo all’opera Rachele Somaschini e la sua Citroen DS3 R3, grande forza si aspetta dal senese di Montalcino Walter Pierangioli (Mitsubishi Lancer R4), il gruppo N attende sfide infiammate tra il trentino Riccardo Rigo (Mitsubishi) ed il sammarinese Stefano Guerra (Subaru) con sicure incursioni del locale Stefano Marrini, anche lui con una Lancer.

Ci saranno poi due vetture della nova classe N5, ad omologazione nazionale, una Ford Fiesta affidata ad Ezio Soppa ed una Citroen DS3 per Mattia Codato ed interessante si annuncia anche il confronto tra le due ruote motrici, categoria per la quale il pronostico appare quanto mai ostico. L’esperto friulano Fabrizio Martinis (Peugeot 208 R2) prenota il podio, ma dovrà vedersela con molti agguerriti avversari, dal sammarinese Alex Raschi al pavese Nicelli, al pistoiese “Barone”, ma anche con Trevisani, con il siciliano Casella, sino all’altro aretino Caneschi (tutti su Peugeot 208 R2) 

IL FASCINO “HISTORIC”

Di grande interesse e sicuro fascino anche la gara “historic”, che proprio in coincidenza con questo primo impegno di Campionato Italiano (CITRS) sulle strade che hanno fatto la storia dei rallies mondiali ha conosciuto un forte input di iscrizioni.  Sono infatti 19 gli iscritti (con 2 “All Stars”). La prima partire, con il numero 201 sulle fiancate sarà la Lancia Stratos del cremonese Mauro Sipsz ed il 202 sarà sulla Lancia Delta Integrale del sanmarinese Marco Bianchini. Grandi numeri si aspettano da Andrea Tonelli e la sua Ford Escort RS 2000, è atteso a anche il sammarinese Bruno Pelliccioni (Ford Escort RS 2000), Carlo Falcone avrà una Lancia Delta integrale 16V e sicuramente si gusteranno performance e spettacolo anche dall’umbro Giorgio Sisani, con la piccola A112 Abarth.

LA PRIMA VOLTA DEL CROSS COUNTRY

La rimodulazione da parte della federazione del calendario sportivo nazionale ha portato un terso vessillo tricolore alla gara, quello del Cross Country Rally, che sarà al suo debutto, in questo contesto aretino/senese. Come già detto sarà gara di apertura del tricolore della specialità, e vede iscritte ben 18 vetture, con Lorenzo Codecà (Suzuki Gran Vitara) tra i maggiori “indiziati” per il successo, con Alfio Bordonaro (stessa vettura) pronto sfidarlo a spada tratta.

UN PERCORSO “MONDIALE”

Una messe così importante di validità non poteva che avere un percorso da . . . “sogno”, un percorso di grandi ricordi iridati, tre prove speciali da ripetere, la prima giornata nel versante delle Crete Senesi e la seconda nell’aretino, andando perciò a fondere due territori sotto un unico vessillo, quello dei rallies. Non è stato semplice ridisegnare la gara dentro al vincolo delle sole 36 ore e delle sole 3 prove speciali da ripetere come da protocolli per emergenza sanitaria. Ma Valtiberina Motorsport non si è arresa, ha risposto in prima battuta “presente!”  per dare un segnale forte che i rallies ci sono e sono carichi di passione e di voglia di fare.

Quella voglia di fare che porterà nei territori anche un notevole sostegno economico nell’indotto turistico, duramente colpito da questo periodo di emergenza.

La gara che doveva essere a marzo scorso, con oltre 100 chilometri, 12 di “piesse” totali con 5 tratti diversi, è stata soltanto comunque “parcheggiata”, è stato tutto rivisto sempre cercando di mantenere alto il valore delle sfide, dello sport. “Monte Sante Marie”, “Alpe di Poti” e la nuova e bellissima “San Martino in Grania” saranno comunque un ottimo mix di storia, passione e divertimento con una gara completa e variegata a livello tecnico. 

La gara sarà a porte chiuse. Il che significa che lungo le prove speciali NON sono previste zone specifiche per il pubblico e che tutte le aree nevralgiche della competizione non ammetteranno presenza di persone non addetti ai lavori. Il parco assistenza, il riordino, la direzione gara oltre alla cerimonia di partenza e di arrivo permetteranno l’accesso solo al personale tecnico incaricato, con possibili limitazioni previste anche per gli operatori media.

 

PROGRAMMA

Venerdì 7 Agosto

dalle 18.30 alle 22:30 Verifiche Tecniche al Parco Assistenza di Arezzo

 

Sabato 8 agosto
dalle 8:00 alle 10:30 Verifiche Tecniche allo Stadio di Asciano
dalle 9:00 alle 12:00 Shakedown in località Asciano
14:30 Partenza della gara dallo stadio di Asciano

15:04 ps.1 “S.Martino in Grania 1” di 5,95 km
15:43 ps.2 “Monte S.Marie 1” di 10.96 km

16:03 – 17:23 Riordino allo Stadio di Asciano di 1h 20’

18:04 ps.3 “S.Martino in Grania 2” di 5,95 km
18:43 ps.4 “Monte S.Marie 2” di 10.96 km

20:13 – 20:58  Parco Assistenza di 45 minuti a Ponte a Chiani
21:00 Riordino notturno

 

Domenica 9 agosto

8:00 Uscita dal Riordino notturno ed entrata al Parco Assistenza di 15 minuti

8:44 ps.5 “Alpi di Poti 1” di 12,06 km

9:26 – 9:41 Riordino di 15 minuti a Motina
10:33 – 11:18 Parco Assistenza di 45 minuti

11:47 ps.6 “Alpi di Poti 2” di 12,06 km

12:29 – 12:44 Riordino di 15 minuti a Motina
13:36 – 14:21 Parco Assistenza di 45 minuti

14:50 ps.7 “Alpi di Poti 3” di 12,06 km

15:45 – 15:55 Riordino di 10 minuti a Ponte a Chiani
16:00 Arrivo a Ponte a Chiani

 

Con il sito web di riferimento dell’evento, www.valtiberinamotorsport.it e pure mediante le pagine di interazione sociale Facebook e Twitter, sono disponibili tutti gli aggiornamenti.

 

NELLA FOTO: IL CAMPIONE TRICOLORE IN CARICA CONSANI (Foto Massimo Bettiol).

 

 

VALTIBERINA MOTORSPORT

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.valtiberinamotorsport.it

 

Facebook @RallyValtiberina @vtbmotorsport

Twitter @RallyValtiberin

 

www.terseries.com

 

www.raceday.it

 

#RallyCittàdiArezzoCreteSenesiValtiberina2020 #CIRallyTerra #TerSeries #Rally #motorsport 

#rallypassion  #terra #RacedayRallyTerra

#crete #Arezzo  #Asciano  #Anghiari  #PieveSantoStefano  #Siena  #gravel

 

 

UFFICIO STAMPA

Il weekend di gara dal 4 al 6 settembre nel Tempio della Velocità
Presentato il poster ufficiale del Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2020
Progetto grafico ispirato dalla rappresentazione della velocità nel futurismo, i colori richiamano la bandiera italiana

XRace Sport bissa Salsomaggiore: Rusce a segno con la Skoda

Mercoledì, 05 Agosto 2020 09:36 Published in Rally

XRace Sport bissa Salsomaggiore: Rusce a segno con la Skoda

Il reggiano, di nuovo in gara per preparare il prossimo impegno tricolore del Ciocco ha rivinto la gara con forza in un finale incandescente. Prestazione di alto livello anche dagli altri portacolori Giovanelli, Penserini e del debuttante Leuratti

 

 

 

 

05 agosto 2020 

Ha siglato il bis, X Race Sport, al 3° rally di Salsomaggiore, con la vittoria di forza da parte di Antonio Rusce e Sauro Farnocchia, alla loro prima gara con l’ultima versione della Skoda Fabia R5 “Evo2”. Con l’esemplare del Team Munaretto, Rusce e Farnocchia hanno vinto questa prima prova della Coppa di V zona, con un classico “colpo di reni” nell’ultima prova speciale, con il quale hanno sopravanzato di solo 1”3 gli agguerriti Tosi-Del Barba, con una vettura analoga. 

La X Rossa, dunque, ha sventolato alla gara parmense per il secondo anno consecutivo, grazie all’impegno ed alla forza del pilota di Rubiera ed al copilota lucchese i quali hanno colto l'occasione propizia dopo aver patito per tutta la corsa difficoltà di adattamento alla per loro vettura nuova. Nelle ultime due prove, sistemate le noie tecniche e chiamatosi fuori il leader della corsa Damiano De Tommaso (fermo in trasferimento per un problema meccanico), Rusce ha segnato lo scratch decisivo sull'ultima prova guadagnando quel divario lieve ma necessario per trionfare su Tosi e Medici, avversari diretti per la lotta al successo. 

Il commento di Rusce:

“Grande soddisfazione vincere per la seconda volta il rally Salsomaggiore Terme, quest'anno molto agguerrito dato l'elenco partenti invidiabile. Sfortunatamente la C3 non era disponibile per il week end e abbiamo optato per la vettura Ceca, non potevo mancare a una gara vicino casa. Non mi sono trovato benissimo con la Skoda Fabia Evo2, sentivo troppo sottosterzo e non riuscivo a guidare come avrei voluto. Cercando di mantenere la calma abbiamo provato a sistemare i problemi e all'ultima prova abbiamo reagito bene dando l'ultimo colpo di reni trovando il risultato. Prossimo appuntamento al Ciocco, non vediamo l'ora”

In gara a Salsomaggiore c’erano anche Penserini-Romei su una Renault Clio S1600, finiti quinti di classe ed i debuttanti Leuratti-Del Rio, che con una Peugeot 208 R2B, sono finiti settimi di classe su ben sedici partenti. Si parla dunque di gara esaltante, per il pilota che aveva sinora solo esperienze di Autocross. 

Commenta Giorgio Del Rio, il copilota di Leuratti:  “Prima esperienza per entrambi, abbiamo scelto Salsomaggiore per la vicinanza a casa e abbiamo trovato una classe molto agguerrita con le 208 R2B, vettura che ci è piaciuta tantissimo sin dal primo approccio. Siamo entusiasti del risultato finale, non solo per il risultato in sé ma anche ma l'esperienza accumulata durante tutta la gara. Il nostro obbiettivo era di puro divertimento e alla fine sono usciti anche dei buoni tempi piazzandoci settimi di classe. Non potevamo chiedere di più, abbiamo fatto una bella figura. Ora cerchiamo di trovare il budget per essere presenti all'Appennino Reggiano, gara di casa.”

Anche l’esordio stagionale, al rally tricolore di Alba (prima prova del Campionato WRC), del reggiano Simone Giovanelli, in coppia con la moglie Erika Viappiani ha prodotto una performance di alto livello: Il pilota reggiano, che affronterà l’intero campionato tricolore con una Peugeot 208 R2 preparata da Gilauto. Ha terminato la gara in nona posizione di classe su ben venti partenti, peraltro in una classe come consuetudine assai agguerrita. 

“Bisognava togliere un po' di ruggine – commenta Simone – data la lunga pausa. Il primo giro siamo partiti cauti cercando di aumentare sempre più il passo. Con le Michelin mi sono trovato molto bene, ho un buon feeling, e ora carichiamo il sacco di esperienza fatto ad Alba e puntiamo al prossimo Rally di San Martino di Castrozza.”

 

 

#CIRally  #CIRA #XRaceSport  #motorsport  #AntonioRusce  #RusceFarnocchia #SkodaFabiaR5  #XRaceSport #MunarettoSport #motorsport #CIWRC #GiovanelliViappiani  #LeurattiDelRio

 

www.xracesport.com 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UFFICIO STAMPA 

EFFERREMOTORSPORT – Salviotti brilla in un Salsomaggiore da dimenticare

 

 

Sono davvero poche le gioie per la scuderia EfferreMotorsport alla terza edizione del Rally di Salsomaggiore, una gara stregata sin dall'inizio. Non prendono il via Paganini-Razza sulla Opel Ascona e anche per Davide Pisati, copilota di De Stefani tra i favoriti in S1600 con la Clio, per loro un'escursione sulla prima prova ed il ritiro sulla speciale numero due che li tolgono subito dalla scena, quando la gara deve ancora entrare nel vivo.
Ma, per fortuna, c'è chi è anche riuscito a vedere l'arrivo. Andrea “Tigo” Salviotti e Susy Ghisoni, giungono 67° assoluti a bordo della Suzuki Swift RS Plus 1.6, una gara maiuscola la loro, nonostante fosse la prima gara annuale, con la vittoria di classe ed il 4° posto di gruppo. Nella medesima categoria giunge al traguardo anche Claudia Spagnolo, che dettava le note ad Alberto Ciotti su Peugeot 106, per loro una 85° posizione finale.
Si fermano qui le note liete della gara parmense, Nussio-Fancoli, su Renault Clio N3, escono di strada sulla ps 4, Compagnoni-Maggi, accusano problemi all'idroguida sulla loro Peugeot 106 N2 ed escono di scena sulla prova 5, anche loro autori di una escursione non programmata.
Nella gara storica, orfana di Renato Paganini, c'era il solo copilota Ruggero Tedeschi a difendere i colori della scuderia, ma la Mitsubishi Galant VR4 di Andrea Botti accusa noie elettriche, nella parte finale della gara, ed arriva il ritiro quando si trovavano in 5° posizione assoluta.

 

JOLLY RACING TEAM E BRUNERO GUARDUCCI SUL PODIO DEL RALLY HISTORIC DI SALSOMAGGIORE TERME

Il sodalizio larcianese archivia l’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona 5, in programma sulle strade della provincia di Parma lo scorso fine settimana, conquistando la terza posizione del podio nel confronto storico con Brunero Guarducci, su BMW M3.

 

 

 

Larciano (PT), 4 agosto 2020

Un “filotto” di soddisfazioni che prosegue nella sua continuità, quello che ha elevato - anche questo fine settimana - la programmazione nazionale di Jolly Racing Team. La scuderia di Larciano, rappresentata all’Historic Rally di Salsomaggiore Terme - confronto dedicato alle auto storiche andato in scena nella location termale lo scorso fine settimana - è salita sul terzo gradino del podio con il suo portacolori Brunero Guarducci.

Una condotta, quella di Guarducci e del copilota Massimo Bazzani, basata sulle potenzialità della BMW M3, vettura che - fin dalle prime fasi di gara - si è confermata parte integrante delle alte sfere della classifica e che, all’arrivo, oltre al terzo posto ha garantito all’alfiere della scuderia valdinievolina il primato di 4° Raggruppamento.

“Una bella soddisfazione, in un contesto che non ho mai affrontato prima - il commento di Brunero Guarducci - purtroppo sappiamo bene che le BMW soffrono particolarmente nei tornanti, rendendo al meglio nei punti dove è possibile sfruttare tutta la loro potenzialità, dove è possibile stendere”.

Un confronto altamente selettivo, articolato in due giorni di gara che ha visto all’arrivo anche Sara Mosti, copilota rappresentante della scuderia Jolly Racing Team impegnata sul sedile destro della Peugeot 208 R2B di Casali, in un confronto denso di contenuto numerico e qualitativo.

 

 

Nella foto (free copyright Amicorally): Brunero Guarducci in gara.  

 

 

JOLLY RACING TEAM - UFFICIO STAMPA

BUON ESORDIO DI SIMONE RIVIA NEL SUZUKI RALLY CUP

Martedì, 04 Agosto 2020 20:31 Published in Rally

BUON ESORDIO DI SIMONE RIVIA NEL SUZUKI RALLY CUP

Ad Alba il pilota della Novara Corse ottiene un secondo posto di categoria R1 ed un 3° assoluto che fanno ben sperare per il prosieguo del monomarca Suzuki.

 

 

Salsomaggiore Terme (PR) –Caldo, impegnativo e …tambureggiante. Il Rally di Alba è stato il primo appuntamento del Suzuki Rally Cup e come da previsioni si è dimostrato tosto e capace di mettere a dura prova vetture ed equipaggi. La sfida piemontese era valevole, tra le altre, per il CIWRC e con esso, anche per il monomarca di casa Suzuki, contesto nel quale si cimenta anche quest’anno Simone Rivia. Il driver parmense, navigato dal piemontese Andrea Dresti, ha dato vita a una bella gara sulla Swift Boosterjet 1.0 della Novara Corse e preparata dalla Mr. Rent. Rivia, da anni protagonista assoluto nei trofei Suzuki, dopo una partenza contenuta, ha dato fuoco alle polveri da metà gara inanellando tempi utili a totalizzare il secondo posto finale tra le Suzuki R1 ed il 3° nella generale del Rally Cup. “Ho faticato a prendere il giusto ritmo nelle prime speciali lunghe della gara – racconta il pilota 38enne – salvo recuperare nella seconda parte di rally. Siamo contenti del risultato finale anche perché il risultato va visto in ottica campionato e non solo nella singola apparizione.” Rivia e Dresti hanno di che essere soddisfatti: hanno concluso 2° tra le R1 dietro all’elvetico Cominelli, vincitore ad Alba e 3° di generale senza aver effettuato nemmeno un test pre-gara ma prendendo dimestichezza con la vettura dopo nove mesi, solo nello shakedown. “Ringrazio il team Mr. Rent e la Novara Corse per avermi fatto trovare una vettura competitiva- conclude il pilota di Salsomaggiore- ma anche il pool di sponsor che mi sostiene e mi permette di essere al via; un grazie particolare anche a Martina Bertonasco con la quale ho corso parecchie volte: era presente in campo gara a seguirci e a dare consigli: la sua collaborazione è stata importante!”

Gass Racing al 14° Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina con Sergio Emiliano Biondi 

 

 

Casier, 04 Agosto 2020

Due settimane dopo il primo appuntamento del Campionato Italiano Rally, Gass Racing torna ad essere tra i principali protagonisti in occasione del primo round del Campionato Italiano Rally Terra.

Sarà infatti il 14° Rally Città di Arezzo - Crete Senesi e Valtiberina ad inaugurare la stagione italiana su terra con la disputa di tre prove speciali diverse in programma su due territori di classica tradizione rallistica, l’aretino e il senese, che saranno gli scenari della prima gara italiana su sterrato dopo la ripresa dell'attività motoristica in Italia.

Gass Racing sarà al via di questo rally con l’argentino Sergio Emiliano Biondi reduce dalla sua prima esperienza su asfalto al Rally di Roma Capitale che si presenterà sulla pedana di partenza al volante della Ford Fiesta R2 di Gass Racing e gestita da MT Motor. Il rallysta sudamericano tornerà sul terreno a lui più congeniale con l’intento di centrare un risultato positivo.

Diverse le novità presenti in questo rally rispetto al programma di origine, come conseguenza delle normative federali che prevedono percorsi più concentrati al fine di contenere il pericolo di contagio con un percorso caratterizzato da tre prove speciali da ripetere, confermando l’abbracciare la provincia aretina e le crete senesi.

Il programma della manifestazione avrà inizio con lo shake-down in programma nella mattinata di sabato ad Asciano, luogo che sarà teatro anche della partenza, mentre l’arrivo avverrà nella giornata di domenica ad Arezzo.

 

 

Ufficio Stampa
GASS RACING

Grande debutto con le moderne per Superti-Brunetti

Martedì, 04 Agosto 2020 18:57 Published in Altre Notizie

Grande debutto con le moderne per Superti-Brunetti

L'esperto driver bresciano centra vittoria di Gruppo N e di Classe N4 al debutto su una quattro ruote motrici moderna. A Misano weekend difficile per Diego Di Fabio nella MINI Challenge nonostante un costante passo da podio.

 

 

Brescia, 4 agosto 2020 – Un weekend con più punti di vista quello appena concluso per la Squadra Corse Angelo Caffi. Marco Superti e Battista Brunetti al 3° Rally di Salsomaggiore Terme hanno ben figurato alla prima uscita assoluta con una vettura moderna e a quattro ruote motrici, mentre Diego Di Fabio ha sudato le proverbiali sette camicie nel round di Misano valido per la MINI Challenge 2020. Per Superti passare dalla Porsche 911 storica alla Mitsubishi Lancer EVO X non era certo una passeggiata, ma la sua classe unita a quella dell'esperto navigatore Battista Brunetti ha fatto la differenza. Ventiquattresimi assoluti, primi di Gruppo N e di classe N4, i bresciani si sono difesi con grande onore in una gara che vedeva al via ben 121 equipaggi. Ottimo il feeling sulla vettura giapponese preparata dalla MFT Motorsport di Dario Morlacchi e a questo punto tanta curiosità di portarla in gara sulla terra, dato che il programma prevederà alcune incursioni nel Campionato Italiano Rally Terra 2020. “Ci siamo sicuramente divertiti, che era il primo obiettivo. - ha commentato Superti al termine. - La macchina è chiaramente molto diversa rispetto alle Porsche storiche, va guidata tanto, ci vuole molta tecnica, è diversa, bella e sicuramente la terra che andremo ad affrontare offrirà anche un punto di vista diverso sulla reale performance di questa vettura. Vorrei tranquillizzare i tanti amici, non abbandonerò la Porsche, ma sto ragionando per alternare l'impegno con entrambe le vetture.

 

 

L'importante è stare in macchina”. Weekend più complesso quello per Diego Di Fabio, che a Misano Adriatico ha affrontato il secondo round della MINI Challenge 2020. Nelle sessioni di prove il pilota pesarese aveva subito dimostrato di avere un ottimo livello sul giro secco e difatti in qualifica ha fermato i cronometri in 1'49.920 con il quinto tempo assoluto. Gara uno lo ha visto arrembante protagonista, fino a quando non si sono palesate delle noie ai freni che purtroppo hanno condizionato il resto del weekend. Di Fabio ha così colto un sesto posto in gara uno e un nono in gara due dopo essere stato a lungo terzo. “Non è stato un weekend molto positivo, anche se devo riconoscere che gli spunti interessanti ci sono stati. - il suo commento al termine. - Avevamo potenziale per andare a podio in entrambe le gare, ma qualche difficoltà con i freni ci ha costretto ad alzare il piede in entrambe le gare. In gara due, in modo particolare, ero terzo e sono finito lungo e in ghiaia nel finale. L'ingresso della safety-car quando sono riuscito a riguadagnare la pista ha reso ovviamente impossibile ogni tentativo di recupero. Peccato. Erravamo molto veloci, sono sicuro che ci rifaremo presto”