Il 50° Trofeo Vallecamonica cambia data e torna al 17-19 luglio 2020
Il 50° Trofeo Vallecamonica cambia data e torna al 17-19 luglio 2020
Il 55° Trofeo Luigi Fagioli romba a Gubbio il 21-23 agosto 2020
Il 55° Trofeo Luigi Fagioli romba a Gubbio il 21-23 agosto 2020
DA MACERATA APPUNTAMENTO AL 2020 CON IL TROFEO SCARFIOTTI E LA MILLE MIGLIA NEL MESE DI MAGGIO
DA MACERATA APPUNTAMENTO AL 2020 CON IL TROFEO SCARFIOTTI E LA MILLE MIGLIA NEL MESE DI MAGGIO
“3^ COPPA FARO”
“3^ COPPA FARO”
Cubeda è d'argento all'Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30
Cubeda è d'argento all'Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30
Merli conquista l’Avon Super Master
Merli conquista l’Avon Super Master
Ufficializzate le date degli eventi sportivi Automobile Club Brescia 2020
Ufficializzate le date degli eventi sportivi Automobile Club Brescia 2020
Cubeda sfida la pista all'Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30
Cubeda sfida la pista all'Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30
Denny Zardo vince il Trofeo Italiano Velocità Montagna Nord
Denny Zardo vince il Trofeo Italiano Velocità Montagna Nord
PREMIAZIONI SALITA FIA A TRENTO, CON IL GS AC ASCOLI CO-PROTAGONISTA
PREMIAZIONI SALITA FIA A TRENTO, CON IL GS AC ASCOLI CO-PROTAGONISTA
I big del Campionato Europeo della Montagna premiati ieri al Palazzo della Regione a Trento
I big del Campionato Europeo della Montagna premiati ieri al Palazzo della Regione a Trento
The Doctor tenta il tris a Binetto
The Doctor tenta il tris a Binetto
GRUPPO SPORTIVO AC ASCOLI PICENO A TRENTO PER LE PREMIAZIONI FIA DELLA MONTAGNA
GRUPPO SPORTIVO AC ASCOLI PICENO A TRENTO PER LE PREMIAZIONI FIA DELLA MONTAGNA
I big europei della salita premiati sabato a Trento La cerimonia FIA torna ai piedi del Bondone
I big europei della salita premiati sabato a Trento La cerimonia FIA torna ai piedi del Bondone
La Pedavena-Croce d'Aune confermata nel Campionato Italiano Velocità Montagna 2020
La Pedavena-Croce d'Aune confermata nel Campionato Italiano Velocità Montagna 2020
Il Trofeo Vallecamonica festeggia la 50^ edizione con il ritorno nel Campionato Italiano Velocità Montagna 2020
Il Trofeo Vallecamonica festeggia la 50^ edizione con il ritorno nel Campionato Italiano Velocità Montagna 2020
Confermate 12 gare nel CIVM 2020
Confermate 12 gare nel CIVM 2020
IL 2019 RICONFERMA SEMPRE UBERTO BONUCCI SULLA VETTA D’EUROPA
IL 2019 RICONFERMA SEMPRE UBERTO BONUCCI SULLA VETTA D’EUROPA
La Porto Cervo Racing vince la coppa scuderia alla “30ª Cronoscalata Iglesias-Sant'Angelo”
La Porto Cervo Racing vince la coppa scuderia alla “30ª Cronoscalata Iglesias-Sant'Angelo”
Magliona costretto al ritiro alla 30^ Iglesias Sant'Angelo
Magliona costretto al ritiro alla 30^ Iglesias Sant'Angelo
Riolo fa il bis alla 4^ Floriopoli – Cerda
Riolo fa il bis alla 4^ Floriopoli – Cerda
La 4^ Floriopoli – Cerda pronta allo start
La 4^ Floriopoli – Cerda pronta allo start
Bilancio positivo per Drace alla Pedavena - Croce d’Aune
Bilancio positivo per Drace alla Pedavena - Croce d’Aune
La Porto Cervo Racing presente alla “30ª Cronoscalata Iglesias-Sant'Angelo”.
La Porto Cervo Racing presente alla “30ª Cronoscalata Iglesias-Sant'Angelo”.
Vittoria e sguardo proiettato al 2020 per Vincenzo Ottaviani
Vittoria e sguardo proiettato al 2020 per Vincenzo Ottaviani
LEONESSA CORSE: SORETTI, UN SECONDO POSTO CHE VALE ORO!
LEONESSA CORSE: SORETTI, UN SECONDO POSTO CHE VALE ORO!
La 4^ Floriopoli - Cerda pronta alle sfide
La 4^ Floriopoli - Cerda pronta alle sfide
Magliona presente alla 30^ Iglesias Sant'Angelo su Osella
Magliona presente alla 30^ Iglesias Sant'Angelo su Osella
Silvia Simoni chiude settima la MINI Challenge Lite 2019. Luciano Moscardi secondo in RS2.0 alla XXXVII Pedavena Croce d'Aune
Silvia Simoni chiude settima la MINI Challenge Lite 2019. Luciano Moscardi secondo in RS2.0 alla XXXVII Pedavena Croce d'Aune
MOSENA A PODIO, TRA LE DAME, A PEDAVENA
MOSENA A PODIO, TRA LE DAME, A PEDAVENA
Simone Faggioli si aggiudica la 37^Pedavena-Croce d'Aune
Simone Faggioli si aggiudica la 37^Pedavena-Croce d'Aune
Merli 2°a Pedavena
Merli 2°a Pedavena
Faggioli su Norma vince la 37^ Pedavena - Croce D’Aune
Faggioli su Norma vince la 37^ Pedavena - Croce D’Aune
I campioni onorano le prove della 37^Pedavena-Croce d'Aune
I campioni onorano le prove della 37^Pedavena-Croce d'Aune
Si accendono le sfide alla 37^ Pedavena - Croce D’Aune
Si accendono le sfide alla 37^ Pedavena - Croce D’Aune
Vueffecorse chiude la stagione in salita a Pedavena.
Vueffecorse chiude la stagione in salita a Pedavena.
Pronta allo start la 37^Pedavena-Croce d'Aune
Pronta allo start la 37^Pedavena-Croce d'Aune
Tandalò si conclude con i sorrisi di tutti
Tandalò si conclude con i sorrisi di tutti
Le Autostoriche protagoniste alla 4^ Floriopoli - Cerda
Le Autostoriche protagoniste alla 4^ Floriopoli - Cerda
Drace a caccia di successi alla Pedavena - Croce d’Aune
Drace a caccia di successi alla Pedavena - Croce d’Aune

«Trento Bondone», una macchina complessa.La Scuderia Trentina puntualizza alcuni aspetti

Non c'è dubbio. La 69ª edizione della «Trento Bondone» sarà ricordata a lungo. Il livello altissimo dei concorrenti in gara, il record di iscrizioni, la diretta streaming con cinque telecamere e poi quel finale deciso dal Giove Pluvio, sfuggito ad ogni copione, che ha lanciato sul podio per la decima volta Simone Faggioli, accanto a due sorprese assolute come Manuel Dondi e Giuseppe Ghezzi. Rimane un po' di amaro in bocca per il fatto che alcuni piloti top, complice la strada bagnata o inconvenienti tecnici, non siano riusciti a conquistare le posizioni a cui avrebbero potuto ambire in condizioni normali, ma i 15.000 spettatori distribuiti lungo i 17 chilometri di percorso si sono certamente divertiti.
Il nubifragio che ha colpito Trento e la sua montagna poco prima della partenza dei big ha creato non poche difficoltà all'organizzazione, che si è trovata a dover sospendere la competizione per oltre un'ora, e ha dato il “la”, come si poteva prevedere a qualche discussione in merito ai tempi di svolgimento della «Trento Bondone», sulla quale è opportuno ritornare a qualche giorno dalla gara.
«Siamo perfettamente consapevoli del fatto che è finita tardi e che la pausa forzata ha creato dei disagi a tutti, – afferma a bocce ferme il direttore di gara Gianpaolo Rossi – ma non si poteva fare diversamente. Molti ci hanno chiesto come mai non abbiamo anticipato lo start, una volta appreso che vi erano alti rischi di incorrere in un temporale. La risposta è semplice: una competizione di questo tipo necessita di una macchina organizzativa molto complessa, che richiede precise autorizzazioni per la chiusura del percorso, nonché la mobilitazione programmata di pubblica sicurezza, assistenza sanitaria, servizi di recupero delle vetture, servizi antincendio, commissari di percorso, servizi radio e via dicendo. C'erano circa 800 persone impegnate sul percorso e nemmeno conoscendo le previsioni meteo a pochi giorni dallo start sarebbe stato possibile annullare o modificare le procedure burocratiche ed organizzative attivate, perché non vi sono i tempi per farlo».
Molti osservano che si potrebbe comunque, a prescindere dalle condizioni meteorologiche, anticipare l'orario di inizio della gara, allineandolo a quello delle altre competizioni europee. È una strada praticabile?
«Mi stupisco un po' quando sento queste osservazioni, – afferma il presidente della Scuderia Fiorenzo Dalmeri – soprattutto quando ci pervengono da addetti ai lavori, perché sembra che non conoscano l'unicità e la complessità di una gara come la nostra. La Trento Bondone non può essere paragonata alle altre competizioni italiane ed europee, perché il suo percorso è lungo più di 17 chilometri. È questo che nel tempo l'ha trasformata in un mito, nell'università della salita, come la chiamava Mauro Nesti, ed è per questo, soprattutto, che i piloti non vogliono mancare. Allestire un percorso di questo tipo è molto complesso, così come, una volta chiusa la strada, è necessario dare il tempo al pubblico di sistemarsi lungo il tracciato. Il nostro obiettivo è anche quello di permettere ad un numero più cospicuo possibile di appassionati di seguirla dal vivo, ma gli accessi al tracciato sono pochi e non facili da raggiungere. Se vogliamo che, oltre ai suoi aspetti tecnici e sportivi, la gara diventi uno spettacolo anche per la cornice che offre, gli addetti ai lavori devono accettare i tempi che noi abbiamo definito come ideali. Credo, fra l'altro, che gli stessi piloti siano contenti di essere applauditi dal pubblico, questo giova a loro ed agli sponsor che li sostengono. Quindi non si possono esaltare le peculiarità di questo evento senza poi tenere conto di ciò che esse inevitabilmente comportano. Ovviamente tutto si può migliorare e noi lavoriamo un intero anno per cercare di rendere la macchina organizzativa sempre più efficiente, ma all'interno di vincoli precisi».

 

 

 

Ufficio Stampa

PegasoMedia

Last modified on Martedì, 16 Luglio 2019 13:59