FABRIZIO FERRAUTO DOMINA, DARIO SALPIETRO  SI RITIRA.
FABRIZIO FERRAUTO DOMINA, DARIO SALPIETRO SI RITIRA.
Ottima prestazione per Massimo Sansone alla 23^Lago Montefiascone
Ottima prestazione per Massimo Sansone alla 23^Lago Montefiascone
Bis di Stefano Peroni alla 23^ Lago Montefiascone
Bis di Stefano Peroni alla 23^ Lago Montefiascone
Christian si presenta alla Coppa Teodori ad Ascoli
Christian si presenta alla Coppa Teodori ad Ascoli
La 23^ Lago Montefiascone elettrizza il Tricolore Montagna
La 23^ Lago Montefiascone elettrizza il Tricolore Montagna
RO racing con Salpietro e Ferrauto alla 21ª  Giarre Milo.
RO racing con Salpietro e Ferrauto alla 21ª Giarre Milo.
APERTE LE ISCRIZIONI ALLA 2^ COPPA VILLE LUCCHESI
APERTE LE ISCRIZIONI ALLA 2^ COPPA VILLE LUCCHESI
DOPPIO IMPEGNO PER LA NEBROSPORT TRA  SICILIA E ASPROMONTE
DOPPIO IMPEGNO PER LA NEBROSPORT TRA SICILIA E ASPROMONTE
La scuderia P&G Racing presente alla Lago Montefiascone
La scuderia P&G Racing presente alla Lago Montefiascone
Scatta la 23^ Lago Montefiascone
Scatta la 23^ Lago Montefiascone
LA SCUDERIA 5 SPEED SULLE SPONDE DEL LAGO DI BOLSENA, IN CERCA DI CONFERME.
LA SCUDERIA 5 SPEED SULLE SPONDE DEL LAGO DI BOLSENA, IN CERCA DI CONFERME.
“Ruggito” della 21a Giarre Montesalice Milo con 212 iscritti.
“Ruggito” della 21a Giarre Montesalice Milo con 212 iscritti.
COPPA TEODORI INTERNAZIONALE ALLA 58^ PUNTATA
COPPA TEODORI INTERNAZIONALE ALLA 58^ PUNTATA
FRANCO BERTO’ SESTO ASSOLUTO CON LA SUA TATUUS FORMULA ABARTH 010 NELLA CRONOSCALATA DI GORJANCI.
FRANCO BERTO’ SESTO ASSOLUTO CON LA SUA TATUUS FORMULA ABARTH 010 NELLA CRONOSCALATA DI GORJANCI.
IL Vesuvio brilla anche sul Pollino.
IL Vesuvio brilla anche sul Pollino.
La calda estate della Scuderia Trentina al via Per la «Trento Bondone» un'edizione da urlo
La calda estate della Scuderia Trentina al via Per la «Trento Bondone» un'edizione da urlo
AC Racing protagonista anche a Morano
AC Racing protagonista anche a Morano
Lamborghini Huracan, Avon e Peruggini vincono e convincono nella quinta prova del Campionato Italiano Velocità Montagna a Morano Calabro.
Lamborghini Huracan, Avon e Peruggini vincono e convincono nella quinta prova del Campionato Italiano Velocità Montagna a Morano Calabro.
Loffredo:
Loffredo: "Buona la quinta" a Morano
Nuovo record e vittoria in gara 1 a Morano per Lombardi con la Osella PA21 JrB 1000, da scartare gara 2!
Nuovo record e vittoria in gara 1 a Morano per Lombardi con la Osella PA21 JrB 1000, da scartare gara 2!
CIVM: QUARTO E SESTO POSTO ASSOLUTO
CIVM: QUARTO E SESTO POSTO ASSOLUTO
Vittoria di Merli in Calabria
Vittoria di Merli in Calabria
Al trentino Christian Merli su Osella la 9a Salita Morano–Campotenese
Al trentino Christian Merli su Osella la 9a Salita Morano–Campotenese
9a Salita Morano – Campotenese, spettacolo e natura: il via domani alle 9
9a Salita Morano – Campotenese, spettacolo e natura: il via domani alle 9
AC Racing pronta alle sfide di Morano
AC Racing pronta alle sfide di Morano
FRANCO BERTO’ E LA SUA TATUUS FORMULA ABARTH 010 DI SCENA A GORJANCI, IN SLOVENIA, DOVE IL PILOTA VERONESE GAREGGIA PER L’ALPE ADRIA HILL CLIMB TROPHY
FRANCO BERTO’ E LA SUA TATUUS FORMULA ABARTH 010 DI SCENA A GORJANCI, IN SLOVENIA, DOVE IL PILOTA VERONESE GAREGGIA PER L’ALPE ADRIA HILL CLIMB TROPHY
CIVM: MICHELE FATTORINI SU OSELLA FA 30 E ANGELO MARINO SU LOLA B99/50 SFIDANO TUTTI I “BIG” DELLA SALITA NELLA MORANO-CAMPOTENESE. IN GARA ANCHE SERGIO FARRIS CON L’OSELLA PA 2000 E, FRA LE TURISMO, VINCENZO OTTAVIANI IN GRUPPO N CON LA CITROEN SAXO
CIVM: MICHELE FATTORINI SU OSELLA FA 30 E ANGELO MARINO SU LOLA B99/50 SFIDANO TUTTI I “BIG” DELLA SALITA NELLA MORANO-CAMPOTENESE. IN GARA ANCHE SERGIO FARRIS CON L’OSELLA PA 2000 E, FRA LE TURISMO, VINCENZO OTTAVIANI IN GRUPPO N CON LA CITROEN SAXO
La Scuderia Vesuvio a Morano in forze
La Scuderia Vesuvio a Morano in forze
Impenna l’agonismo CIVM alla 9^ Morano - Campotenese
Impenna l’agonismo CIVM alla 9^ Morano - Campotenese
Merli in gara a Morano in Calabria
Merli in gara a Morano in Calabria
Loffredo di scena in Calabria per la 9^ Morano - Campotenese
Loffredo di scena in Calabria per la 9^ Morano - Campotenese
Magliona e l'Osella Pa2000 ripartono dalla Morano Campotenese
Magliona e l'Osella Pa2000 ripartono dalla Morano Campotenese
LA SCUDERIA 5 SPEED SUL PODIO ALLA CRONOSCALATA DELLO SPINO
LA SCUDERIA 5 SPEED SUL PODIO ALLA CRONOSCALATA DELLO SPINO
Anche le vetture storiche protagoniste al 49° Trofeo Vallecamonica
Anche le vetture storiche protagoniste al 49° Trofeo Vallecamonica
DOPO LA PRESENTAZIONE UFFICIALE, L’ASSOLUTO DELLA SPEED MOTOR 01 E DI ALESSANDRO ALCIDI ALL’ESORDIO IN SALITA NELLA 47ESIMA PIEVE SANTO STEFANO-PASSO DELLO SPINO, RISERVATA ALLE AUTO MODERNE. PRIMO POSTO IN RACING START PER MARIO TACCHINI SU MINI COO
DOPO LA PRESENTAZIONE UFFICIALE, L’ASSOLUTO DELLA SPEED MOTOR 01 E DI ALESSANDRO ALCIDI ALL’ESORDIO IN SALITA NELLA 47ESIMA PIEVE SANTO STEFANO-PASSO DELLO SPINO, RISERVATA ALLE AUTO MODERNE. PRIMO POSTO IN RACING START PER MARIO TACCHINI SU MINI COO
Continua la favola della Caprino-Spiazzi. Successo per la quarta edizione della
Continua la favola della Caprino-Spiazzi. Successo per la quarta edizione della
STEFANO PERONI SU MARTINI MK 32 CALA IL TRIS CON IL NUOVO RECORD NELLA 10° CRONOSCALATA STORICA DELLO SPINO
STEFANO PERONI SU MARTINI MK 32 CALA IL TRIS CON IL NUOVO RECORD NELLA 10° CRONOSCALATA STORICA DELLO SPINO
Stefano Peroni vince e fa tris allo Spino
Stefano Peroni vince e fa tris allo Spino
PRESENTATA UFFICIALMENTE A PIEVE SANTO STEFANO LA SPEED MOTOR 01, CHE HA ESORDITO CON UN BUON 3’05”77 NELLA PRIMA SESSIONE DI PROVE UFFICIALI DELLA CRONOSCALATA DELLO SPINO
PRESENTATA UFFICIALMENTE A PIEVE SANTO STEFANO LA SPEED MOTOR 01, CHE HA ESORDITO CON UN BUON 3’05”77 NELLA PRIMA SESSIONE DI PROVE UFFICIALI DELLA CRONOSCALATA DELLO SPINO
STEFANO PERONI SU MARTINI MK 32 PRENOTA IL TRIS CONSECUTIVO NELLA 10° CRONOSCALATA STORICA DELLO SPINO.
STEFANO PERONI SU MARTINI MK 32 PRENOTA IL TRIS CONSECUTIVO NELLA 10° CRONOSCALATA STORICA DELLO SPINO.

STEFANO PERONI SU MARTINI MK 32 CALA IL TRIS CON IL NUOVO RECORD NELLA 10° CRONOSCALATA STORICA DELLO

SPINO

 

PENALIZZATO DA PROBLEMI ALLA SUA OSELLA, PORTA A CASA L’ASSOLUTO DI RAGGRUPPAMENTO. NEGLI ALTRI, CONFERME PER GIUSEPPE GALLUSI, GIULIANO PERONI E ANGELO DE ANGELIS. FRA LE MODERNE, ESORDIO CON VITTORIA PER LA SPEED MOTOR 01 CON ALLA GUIDA ALESSANDRO ALCIDI.

 

PIEVE SANTO STEFANO - Tris consecutivo con record ritoccato per Stefano Peroni su Martini Mk 32 nella 10° edizione della Cronoscalata Storica dello Spino, valevole come quarta tappa del Campionato Italiano di Velocità in Salita Auto Storiche e anche per il Trofeo Toscano di Velocità in Montagna e per lo Challenge Salita Piloti Auto Storiche. Un verdetto ineccepibile in favore del 47enne di Sesto Fiorentino, portacolori del Team Italia inserito nel V Raggruppamento (monoposto formula), che ha gettato le basi della sua impresa con il 2’52”48 di gara 1, nuovo primato assoluto sui 6 chilometri esatti del tracciato allestiti lungo la provinciale 208, che collega Pieve Santo Stefano con il Passo dello Spino e il Santuario della Verna. Uberto Bonucci su Osella Pa 9/90, anche lui del Team Italia, aveva un ritardo di 4’62” (2’57”10), che poi si è dilatato in gara 2, quando il campione italiano ha alzato di un paio di secondi (2’54”59) e il detentore del titolo europeo ha concluso in 3’02”52, pagando i problemi avuti nelle prove. Totale: 5’47”07 per Peroni e 5’59”62 per Bonucci che, distanziato di 12”55, si consola con la vittoria nel IV Raggruppamento. “Sulle prestazioni della vettura non c’erano problemi – ha detto Stefano Peroni – e, dopo aver abbassato il record di un paio di secondi, in gara 2 ho preferito non esagerare; ciononostante, ho eguagliato il primato stabilito lo scorso anno”. Ed ecco Bonucci: “Ieri mi si sono rotti asta del cambio e autobloccante – ha dichiarato – per cui oggi non avevo alternative. Della serie: o avrei corso senza autobloccante, o non sarei partito. Ho optato per la prima soluzione, pensando al risultato di raggruppamento. E così è andata”. Al terzo posto, un ottimo Emanuele Aralla con la Dallara F 390, che già nelle prove ufficiali aveva dimostrato di essere in “palla” e non fa mistero della sua soddisfazione: “Ha strafunzionato tutto. Vista la potenza della vettura, limitata nei confronti di altre, l’unico sistema era quello di studiare bene assetti e aerodinamica, versanti sui quali stiamo lavorando bene. Il terzo posto allo Spino è oltremodo gratificante, non dimenticando il settimo di mio figlio Matteo, che ha compiuto una vera e propria prodezza”. Il 60enne “driver” di Lecco tiene fuori dal podio per quasi 2” aggregati Giuliano Peroni, padre di Stefano, su Osella Pa 3 (che comunque è stato autore di due salite eccellenti), mentre Piero Lottini con l’Osella Pa 9/90 deve accontentarsi del quinto posto (e del secondo nel IV Raggruppamento) davanti a Marco Piccinelli di Citerna, il migliore fra i concorrenti del circondario altotiberino, che con la sua Lucchini Sn 88 firma il top personale allo Spino e si piazza terzo nel IV Raggruppamento. Più distanziato Matteo Aralla con la Formula Renault Europe, settimo – come già ricordato - e terzo nel V Raggruppamento; completano la classifica assoluta dei primi dieci l’ottava posizione di Massimiliano Boldrini su Olmas Sn, la nona del milanese Andrea Fiume, passato alla Chevron B42 monoposto e la decima di Mario Massaglia su Osella Pa 3. Fra i “big”, sfortunato Tiberio Nocentini: rottura di un semiasse al bivio di Caprese Michelangelo e avventura finita a metà di gara 1. Undicesima per 1”35 la più veloce fra le vetture turismo, la Porsche Carrera Rs di Natale Mannino. Ed ecco le altre note salienti della giornata.

Porsche “regine” nel III Raggruppamento, con Giuseppe Gallusi trionfatore assoluto e sempre più primo in classifica. La 911 Sc del reggiano è straordinariamente regolare (3’23”13 e 3’23”76) e crea un mezzo vuoto, lasciando quasi 19” complessivi alla Bmw 2022 Tii del pur bravo bolognese Salvatore Asta, secondo con pieno merito. Gradino più basso del podio per Giampaolo Bianucci su Fiat X 1/9 Dallara, che soffia così la terza posizione alla Porsche 911 Sc di Salvatore Leone Patamia, precedendolo di quasi 3” e mezzo. Stesso discorso per la quinta posizione, ad appannaggio di Alessandro Trentini, che ha recuperato i 7 decimi di svantaggio sulla Volkswagen Golf di Salvatore Morselli. Nel II Raggruppamento, Giuliano Peroni su Osella Pa 3 impone la propria autorità, aggiudicandosi nettamente entrambe le gare con i tempi di 3’03”54 e 3’09”5. Colpo di scena fra le due salite: Giuliano Palmieri, secondo per un solo centesimo su Mario Massaglia, è costretto a dare forfait per la rottura del motore della sua De Tomaso Pantera e quindi esce di scena uno fra i protagonisti più attesi. Largo il margine di vantaggio inflitto da Peroni all’Osella Pa 3 di Mario Massaglia, che per questione di poco ha difeso la seconda posizione dagli attacchi della Porsche Carrera Rs di Natale Mannino, il quale in gara 1 gli era vicino per soli 37 centesimi. Quarto è Pierpaolo Serra su March 75 S e abbastanza definiti anche gli altri piazzamenti, con Fosco Zambelli quinto su Alfa Romeo Gtam e il valido Lucio Gigliotti sesto su Fiat 128. Alto il tempo in gara 2 per la Porsche Carrera Rs di Matteo Adragna, decimo assoluto, mentre il pievano Ennio Bragagni Capaccini ha vinto la sfida con l’amico Mario Riccardo Viggiani al volante della Fiat Giannini e ha regolato tutti nella classe 700 con responsi cronometrici di assoluto rilievo: 3’45”17 e 3’46”39. Il ternano Angelo De Angelis su Nerus Silhouette, già leader in classifica, consolida il primato nel I Raggruppamento al termine di una sfida diretta molto interessante con Antonio Di Fazio su Nsu Brixner, che ha risolto alla domenica i problemi del sabato nelle prove ufficiali. Soltanto 31 centesimi di secondo dividevano i due al termine di gara 1 in favore di De Angelis (3’38”57 e 3’38”88), che però in gara 2 si è imposto per 2”16 di vantaggio. Gradino più basso del podio per Vittorio Mandelli su Jaguar E Type, che tuttavia nel pomeriggio è stato sopravanzato al terzo posto dalla Sprite Lenham di Matteo Lupi Grassi, anche se quest’ultimo è quarto nel bilancio complessivo. Bene Alessandro Rinolfi su Morris Mini Cooper S, protagonista soprattutto in gara 1.

Non sono mancate le sorprese nella 47esima edizione della Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino, riservata alle vetture moderne. Il favorito Fabrizio Peroni su Osella Pa 20/S (gruppo CN) è stato autore del miglior tempo nella prima manche con un eccellente 2’57”12, poi però nella seconda si è girato e ha sbattuto con la vettura alla “esse” dell’Acquaiola, a pochissime centinaia di metri dal via. Il successo assoluto è andato quindi al 31enne Alessandro Alcidi di Todi e alla Speed Motor 01, che ha bagnato nel migliore dei modi il suo esordio assoluto in una gara in salita con la monoposto di produzione tutta umbra, recante il nome della scuderia di Gubbio ideatrice del progetto. Alcidi, salito al mattino in 2’59”65, ha potuto gestire bene il vantaggio e garantirsi il primo posto per somma di tempi con un 3’03”88 nella seconda manche, che ha avuto per dominatore Paolo Cornelli su Gloria C8 in 3’02”43. Nel computo finale, Alcidi vince in 6’03”53, con 1”55 su Cornelli. Più staccato il beniamino locale Michele Gregori su Gloria B5 10Y, comunque terzo a autore di due brillanti performance; al quarto posto, il veterano abruzzese Stanislao Bielanski su Lucchini P198 e al quinto Alessandro Caprioli alla guida della terza Formula Gloria presente. Seconda manche interrotta per oltre mezzora a seguito del capottamento della Renault Clio Rs di Giordano Pagliai alla “esse” delle Lastraie, vicino in pratica al traguardo; nessuna conseguenza per il pilota nemmeno in questo caso.   

Se a Stefano Peroni va il trofeo Tratos, a Nicola Veri di Pieve Santo Stefano (Renault 5 Gt Turbo, IV Raggruppamento) è stato consegnato quello messo in palio dall’altro sponsor, la BS Lubrificanti di Sansepolcro, per essere stato il miglior pilota Under 35. Gina Colotto su Formula Abarth è invece la più veloce fra le donne presenti, con un totale di 7’17”66; Camilla Bisceglia su Peugeot 106 (vetture moderne) si è distinta fra gli Under 25. Sono state 169 le auto a prendere il via - delle quali 130 fra le storiche e 39 fra le moderne – in una domenica di caldo estivo, che ha attirato diverse migliaia di spettatori lungo il percorso. Ottima, come sempre l’organizzazione della Pro-Spino Team.

 

 

Nelle foto:
  • la Martini Mk 32 n. 15 del vincitore assoluto Stefano Peroni
  • l'Osella Pa 9/90 n. 1 di Uberto Bonucci
  • la Speed Motor n. 201 di Alessandro Alcidi, primo fra le moderne
  • la Dallara F 390 n. 14 di Emanuele Aralla
  • la Bmw 2002 Tii n. 49 di Salvatore Asta
     

 

LE CLASSIFICHE

10° Cronoscalata storica dello Spino

 

(Civsa 2019)

 

Classifica assoluta

 

1°  Stefano PERONI (Martini Mk 32)                       in  5’47”07

2°  Uberto BONUCCI (Osella Pa 9/90)                                a 12”55

3°  Emanuele ARALLA (Dallara F 390)                                a 24”07

4°  Giuliano PERONI (Osella Pa 3)                                      a 26”05

5°  Piero LOTTINI (Osella Pa 9/90)                                    a 29”10

6°  Marco PICCINELLI (Lucchini Sn 88)                              a 31”07

7°  Matteo ARALLA (Formula Renault Europe)                     a 42”96

8°  Massimiliano BOLDRINI (Olmas Sn)                              a 52”95

9°  Andrea FIUME (Chevron B42)                                       a 57”28

10° Mario MASSAGLIA (Osella Pa 3)                                   a 57”92

 

 

I Raggruppamento

 

1° Angelo DE ANGELIS (Nerus Silhouette)               in 7’15”92

2° Antonio DI FAZIO (Nsu Brixner)                                   a    2”47

3° Vittorio MANDELLI (Jaguar E Type)                               a  11”21

 

 

II Raggruppamento

 

1° Giuliano PERONI (Osella Pa 3)                             in 6’13”12

2° Mario MASSAGLIA (Osella Pa 3)                                 a    31”87

3° Natale MANNINO (Porsche Carrera Rs)                       a    33”22

 

 

III Raggruppamento

 

1° Giuseppe GALLUSI (Porsche 911 Sc)                   in 6’46”88

2° Salvatore ASTA (Bmw 2002 Tii)                                 a    18”88

3° Giampaolo BIANUCCI (Fiat X 1/9 Dallara)                   a    33”50

 

 

IV Raggruppamento

 

1° Uberto BONUCCI (Osella Pa 9/90)                      in 5’59”62

2° Piero LOTTINI (Osella Pa 9/90)                                 a     16”55

3° Marco PICCINELLI (Lucchini Sn 88)                           a     18”52

 

V Raggruppamento

 

1° Stefano PERONI (Martini Mk 32)                         in 5’47”07

2° Emanuele ARALLA (Dallara F 390)                             a     24”07

3° Matteo ARALLA (Formula Renault Europe)                  a     42”96

 

 

47esima cronoscalata Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino

(vetture moderne)

 

Classifica assoluta

 

1° Alessandro ALCIDI (Speed Motor 01)                  in 6’03”53

2° Paolo CORNELLI (Gloria C8)                                      a       1”55

3° Michele GREGORI (Gloria B5 10Y)                              a    16”65

4° Stanislao BIELANSKI (Lucchini P 198)                        a     18”26

5° Alessandro CAPRIOLI (Gloria B5 Evo)                         a    20”48

 

 

Pieve Santo Stefano, 9 giugno 2019

 

 

Ufficio stampa

Pro-Spino Team