Simone Faggioli vittoria con record in Slovacchia
Simone Faggioli vittoria con record in Slovacchia
Man bassa Ac Racing di successi in pista e in salita
Man bassa Ac Racing di successi in pista e in salita
Aralla torna in pari con il 49° Trofeo Vallecamonica e domina tra le storiche
Aralla torna in pari con il 49° Trofeo Vallecamonica e domina tra le storiche
Denny Zardo segna la migliore prestazione e vince nel TIVM. Joël Volluz sbanca nella FIA HCC
Denny Zardo segna la migliore prestazione e vince nel TIVM. Joël Volluz sbanca nella FIA HCC
Christian 2° in Slovacchia
Christian 2° in Slovacchia
Il 49° Trofeo Vallecamonica prepara un grande spettacolo
Il 49° Trofeo Vallecamonica prepara un grande spettacolo
Sono 161 i verificati al 49° Trofeo Vallecamonica
Sono 161 i verificati al 49° Trofeo Vallecamonica
La 62a SALITA MONTI IBLEI SI RIFA’ IL LOOK E SI PREPARA ALLA SFIDA DEL 1° SETTEMBRE
La 62a SALITA MONTI IBLEI SI RIFA’ IL LOOK E SI PREPARA ALLA SFIDA DEL 1° SETTEMBRE
Tutto il rosa del 49° Trofeo Vallecamonica
Tutto il rosa del 49° Trofeo Vallecamonica
Nebrosport brava e vincente allo Slalom di Novara
Nebrosport brava e vincente allo Slalom di Novara
Christian allo start in Slovacchia  8° Round del Campionato Europeo della Montagna
Christian allo start in Slovacchia 8° Round del Campionato Europeo della Montagna
IL TROFEO FABIO DANTI-XXXII LIMABETONE TORNA “ALL’ANTICO”:  DUE MANCHE DI GARA
IL TROFEO FABIO DANTI-XXXII LIMABETONE TORNA “ALL’ANTICO”: DUE MANCHE DI GARA
165 al via del 49° Trofeo Vallecamonica
165 al via del 49° Trofeo Vallecamonica
«Trento Bondone», una macchina complessa.La Scuderia Trentina puntualizza alcuni aspetti
«Trento Bondone», una macchina complessa.La Scuderia Trentina puntualizza alcuni aspetti
Apprezzata la 38^ Cesana - Sestriere è tornata “lunga”
Apprezzata la 38^ Cesana - Sestriere è tornata “lunga”
La 38^ Cesana - Sestriere di nuovo sui 10,4 Km
La 38^ Cesana - Sestriere di nuovo sui 10,4 Km
Il Trofeo Luigi Fagioli è tutto nuovo e sempre più internazionale
Il Trofeo Luigi Fagioli è tutto nuovo e sempre più internazionale
PINTARALLY A PODIO IN BONDONE CON 8 PILOTI, GHEZZI TERZO ASSOLUTO
PINTARALLY A PODIO IN BONDONE CON 8 PILOTI, GHEZZI TERZO ASSOLUTO
Aperte le iscrizioni alla 57° Svolte di Popoli
Aperte le iscrizioni alla 57° Svolte di Popoli
AL VIA LA 2^ COPPA VILLE LUCCHESI:  VENERDÌ 12 LUGLIO LA TRADIZIONE ACCENDE I MOTORI
AL VIA LA 2^ COPPA VILLE LUCCHESI: VENERDÌ 12 LUGLIO LA TRADIZIONE ACCENDE I MOTORI
AC Racing ai vertici del tricolore
AC Racing ai vertici del tricolore
LA PIOGGIA NON FERMA FRANCESCO CARINI ALLA TRENTO BONDONE CHE VINCE LA CLASSE 1000 CON LA WOLF THUNDER APRILIA DELLA SCUDERIA BESTLAP
LA PIOGGIA NON FERMA FRANCESCO CARINI ALLA TRENTO BONDONE CHE VINCE LA CLASSE 1000 CON LA WOLF THUNDER APRILIA DELLA SCUDERIA BESTLAP
Simone Faggioli fa record di vittorie alla Trento Bondone
Simone Faggioli fa record di vittorie alla Trento Bondone
La tempesta spezza le classifiche in Bondone
La tempesta spezza le classifiche in Bondone
Alla Trento-Bondone Peruggini secondo di gruppo Gt e quarto assoluto.
Alla Trento-Bondone Peruggini secondo di gruppo Gt e quarto assoluto.
Trento-Bondone 2019: l’Università del Tempo Perso...
Trento-Bondone 2019: l’Università del Tempo Perso...
Faggioli a segno per la 10ª volta sul Bondone
Faggioli a segno per la 10ª volta sul Bondone
TRENTO-BONDONE: ADOLFO BOTTURA CONCEDE IL BIS FRA LE STORICHE CON L’OSELLA PA 9/90 E MARIO TACCHINI E’ TERZO ASSOLUTO IN RACING START CON LA MINI COOPER. FUORI MICHELE FATTORINI PER UN CONTATTO DELLA SUA OSELLA FA 30 CON IL GUARD-RAIL
TRENTO-BONDONE: ADOLFO BOTTURA CONCEDE IL BIS FRA LE STORICHE CON L’OSELLA PA 9/90 E MARIO TACCHINI E’ TERZO ASSOLUTO IN RACING START CON LA MINI COOPER. FUORI MICHELE FATTORINI PER UN CONTATTO DELLA SUA OSELLA FA 30 CON IL GUARD-RAIL
Faggioli doma la tempesta alla 69^ Trento - Bondone
Faggioli doma la tempesta alla 69^ Trento - Bondone
Simone Faggioli il più veloce nei test del sabato Domani alle ore 10 scatta la 69ª «Trento Bondone»
Simone Faggioli il più veloce nei test del sabato Domani alle ore 10 scatta la 69ª «Trento Bondone»
Esplode il fascino della 69^ Trento - Bondone
Esplode il fascino della 69^ Trento - Bondone
Loconte: primo giorno di scuola all’univeristà delle salite
Loconte: primo giorno di scuola all’univeristà delle salite
Sono 297 i piloti e le vetture nella entry list Domani prove al via alle 9, strada chiusa dalle 8
Sono 297 i piloti e le vetture nella entry list Domani prove al via alle 9, strada chiusa dalle 8
IL PILOTA FRANCESCO MIKEA CARINI DOMANI AL VIA CON LA WOLF THUNDER APRILIA DELLA SCUDERIA BESTLAP ALLA TRENTO BONDONE NELL’EDIZIONE DA RECORD DI PARTECIPANTI
IL PILOTA FRANCESCO MIKEA CARINI DOMANI AL VIA CON LA WOLF THUNDER APRILIA DELLA SCUDERIA BESTLAP ALLA TRENTO BONDONE NELL’EDIZIONE DA RECORD DI PARTECIPANTI
CST a due punte sul Bondone
CST a due punte sul Bondone
Il 26, 27 e 28 luglio 2019 torna fino a Pian de Valli l'avvincente sfida sulla montagna di Rieti, con il percorso lungo 13, 450 km.
Il 26, 27 e 28 luglio 2019 torna fino a Pian de Valli l'avvincente sfida sulla montagna di Rieti, con il percorso lungo 13, 450 km.
Domani scattano le verifiche in Piazza Dante
Domani scattano le verifiche in Piazza Dante
AC Racing all'esame Bondone
AC Racing all'esame Bondone
COPPA TEODORI, UN’EDIZIONE DI ALTO LIVELLO
COPPA TEODORI, UN’EDIZIONE DI ALTO LIVELLO
Elite Motorsport torna in azione con grandi novità a Trento e Adria
Elite Motorsport torna in azione con grandi novità a Trento e Adria

SI RIACCENDONO I MOTORI DEL TROFEO LODOVICO SCARFIOTTI  - CRONOSCALATA SARNANO-SASSOTETTO

Da venerdì 19 a domenica 21 maggio arrivano nel cuore dei Sibillini settecento persone, fra piloti e team. Tutto esaurito negli alberghi da Sarnano a Tolentino.

Gara ad ingresso gratuito e bus navette del Comune di Sarnano messi a disposizione del pubblico per raggiungere il percorso.

Macerata - L’edizione 2017 del Trofeo Scarfiotti è stata presentata presso la Sala Consiliare della Provincia di Macerata. Antonio Pettinari, presidente provinciale ha introdotto l’incontro: “Il Trofeo Scarfiotti è un evento di fondamentale importanza per apprezzare e valorizzare il territorio che rappresenta. La popolazione maceratese si è subito rimboccata le maniche e chiede alle istituzioni di poter ripartire.” Il presidente dell’AC Macerata Enrico Ruffini ha ricordato: “Siamo di fronte ad un evento leader in Europa: solo a Sarnano corrono per il campionato nazionale sia le moderne che le storiche. La risposta dei piloti è stata strordinaria, il gruppo di lavoro è una squadra meravigliosa, abbiamo già vinto ancora prima di iniziare.” Per il Sindaco di Sarnano: “Tornare alla normalità è il problema principale. Noi abbiamo voluto la continuità delle nostre iniziative per dare una risposta positiva. Questa volta la manifestazione darà benefici sulla ricettività di un territorio più vasto.” Il delegato provinciale CONI Giuseppe Illuminati ha elogiato lo staff organizzatore: “State dando un fortissimo segnale. La comunità e viva e deve continuare a reagire.” Euno Carini, vicepresidente dell’ASD AC Macerata ha aggiunto: “Abbiamo come sempre concentrato gli sforzi sull’adeguamento e la sicurezza del percorso e ringraziamo l’Amministrazione Provinciale per il gran lavoro che ha portato a termine. Numeri da record per le partecipazioni, tanto personale, 51 postazioni di commissari, una manifestazione che vuole rispondere con la qualità e l’accoglienza, malgrado tutte le difficoltà.”

Duecentotrentasette piloti e quasi cinquecento persone fra staff, team e familiari: almeno settecento persone provenienti da tutta Italia sono attese a Sarnano per il Trofeo Lodovico Scarfiotti - Cronoscalata Sarnano-Sassotetto, che si svolge il prossimo fine-settimana (19, 20 e 21 maggio).Molto più che semplici numeri: in questo, che è già uno splendido risultato addirittura migliore rispetto a molte delle edizioni precedenti, c’è dentro tutto il cuore dei partecipanti e degli organizzatori che hanno fortemente voluto questa edizione del Campionato Italiano Velocità Montagna automoderne (CIVM) e del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche (CIVSA).Un’occasione unica per restituire l’immagine di una regione che, ancorché ferita, è tutt’altro che doma ed anzi è già pronta con la sua straordinaria bellezza ad accogliere turisti e villeggianti per la stagione estiva ormai alle porte.Si tratta di un ritorno non solo in termini d’immagine per il nostro territorio, ma anche e soprattutto economico perché - da Sarnano a Tolentino - ogni stanza disponibile è stata prenotata e i piloti che non sono riusciti a trovare camere libere, ed hanno deciso di venire noleggiando camper o dormendo nei furgoni.Quei nove chilometri del percorso - tutti in salita - diventano il simbolo della ripresa oltre ogni difficoltà, una ripartenza resa possibile dalla collaborazione fra l’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva AC Macerata, che dell’iniziativa sono promotori e organizzatori, e l’Amministrazione Comunale di Sarnano, l’Associazione Sarnano In Pista, che si occupa della sicurezza passiva sul percorso e l’allestimento del paddock, la Sarnano Corse e i numerosi volontari di Sarnano. Fondamentale il contributo della Provincia di Macerata, che gestisce il tratto stradale interessato.

Primo evento sportivo di levatura nazionale che si svolge nel cratere del sisma, il Trofeo Lodovico Scarfiotti - Cronoscalata Sarnano-Sassotetto prevede un ricco programma per il prossimo fine settimana: venerdì 19 maggio le verifiche sportive e tecniche, sabato 20 maggio le prove ufficiali cronometrate, domenica 21 maggio gara auto storiche al mattino e gara auto moderne al pomeriggio. Tutti gli eventi sono ad ingresso libero, con navette per il pubblico che dal centro di Sarnano portano sul percorso.La strada che ospita la gara era terreno d’allenamento del campione marchigiano Lodovico Scarfiotti, che vinse negli anni sessanta due titoli europei della montagna, e negli anni si è sempre contraddistinta come uno dei percorsi più difficili ed entusiasmanti per i piloti.Altra singolarità della gara dei Sibillini è il fatto di ospitare nel centro città il paddock per vetture e piloti cui sono riservate tre aree (parcheggio Bozzoni, piazza della Libertà e via Benedetto Costa). Chi vorrà raggiungere Sarnano nel prossimo fine settimana potrà gustare da vicino anche tutto il backstage della gara assistendo dal vivo alla messa a punto delle vetture impegnate in gara. Il circus della montagna annovera tante belle vetture derivate dalla serie o progettate esclusivamente per le competizioni: Ferrari, Bmw, Lamborghini, Alfa Romeo, Lancia, Porsche, Abarth, Osella, Norma, Radical, sono solo alcuni dei marchi che hanno scritto e faranno scrivere fiume di parole per lo spettacolo sportivo, la storia delle cronoscalate ed anche della cultura dell’automobile.

Per il terzo anno consecutivo Sarnano, unica location in Italia, ospita la 27^ edizione del CIVM e la 10^ del CIVSA: per le auto moderne sarà la seconda prova e per le storiche la quarta di campionato italiano.Al miglior pilota marchigiano delle auto moderne verrà assegnato il 7° Memorial Giovanni Battistelli, dedicato al presidente dell’AC Macerata che riuscì a far ripartire nel 2008 la manifestazione a Sarnano.Molti gli eventi collaterali che animeranno il centro dei Sibillini fra venerdì e domenica, tutti sempre ad ingresso gratuito: nei locali della Sala Congressi viene allestita la mostra fotografica del Circolo Diaframmazero di Tolentino, che con i suoi numerosi soci partecipa attivamente da diverse edizioni per documentare ogni fase dell’evento; sabato 20, dopo le prove ufficiali, si svolgono presso la Sala Congressi le premiazioni Acisport dei migliori piloti marchigiani del 2016, a cura della Delegazione Regionale Acisport Marche; sicura la presenza della pilota milanese Rachele Somaschini, testimonial della Fondazione Fibrosi Cistica con la campagna “Correre per un respiro”. La Scuderia Speed Motor di Gubbio verserà alla comunità locale colpita dal terremoto il ricavato di una raccolta di beneficenza, ulteriore testimonianza di vicinanza e solidarietà del mondo dei motori.

Note per gli appassionati: torna con grande entusiasmo il pilota calabrese Salvatore Caramia di Melito di Porto Salvo - in gara per le storiche con una Porsche - che aveva partecipato alla prima edizione del Trofeo Scarfiotti del 1969. Tra i tanti campioni iscritti, si preannuncia all’ultimo respiro il duello tra i due piloti che stanno dominando il Campionato Europeo della Montagna dopo le gare disputate in Austria, Portogallo e Spagna: il toscano Simone Faggioli (Norma-Zytek), pluricampione italiano ed europeo e vincitore delle ultime tre edizioni della gara di Sarnano, ed il trentino Christian Merli (Osella-Fortech). Otto le ragazze iscritte: tra esse la milanese Rachele Somaschini, testimonial della Fondazione Fibrosi Cistica.

Ufficio Stampa Trofeo Scarfiotti - Giuseppe Saluzzi - Maria Laura Pierucci

Related items

  • UN DEBUTTO POSITIVO PER DIMETTO AL BASSANO

    UN DEBUTTO POSITIVO PER DIMETTO AL BASSANO

    Il pilota bolognese, in gara per i colori Irontech Motorsport, porta al traguardo la Peugeot 207 Super 2000 di Pascoli, alla sua prima uscita su fondo asfaltato

    Ospedaletto Euganeo (Pd), 04 Ottobre 2017 – Seppur la classifica finale del trentaquattresimo Rally Città di Bassano, corso nel recente weekend, lo veda al quinto posto di classe S2000 e lontano dalla vetta il bilancio di Davide Dimetto, nuovo acquisto della famiglia Irontech Motorsport, al “Mundialito Triveneto” è da archiviarsi con un buon segno positivo.

    Per il pilota bolognese, affiancato da Simone Fraccaro alle note, si trattava infatti di un esordio: dopo aver preso in mano, per la prima volta, il volante della Peugeot 207 Super 2000 di Pascoli, al termine della passata stagione sugli atipici sterrati del Prealpi Master Show, al Bassano si consumava il debutto con la potente trazione integrale d'oltralpe su asfalto.

    Un contesto non certamente agevole, uno degli eventi più tecnici e selettivi dell'intero panorama rallystico nazionale, ha visto Dimetto prendere confidenza con la 207, speciale dopo speciale, aumentando sensibilmente il passo dalla prima alla seconda tornata.

    Dopo un primo giro cauto il portacolori di Irontech Motorsport ha migliorato il proprio score, in quasi tutti i crono in programma, centrando quello che era l'obiettivo dichiarato alla vigilia.

    “Il Rally Città di Bassano è una gara stupenda” – racconta Dimetto – “con delle prove speciali bellissime e con un'organizzazione molto efficiente. È sempre bello poter partecipare ad eventi così importanti. Dal canto nostro abbiamo cercato di prendere sempre più confidenza con una vettura davvero impegnativa sull'asfalto. Va molto forte e, alla nostra prima uscita, non potevamo nutrire nessuna ambizione se non quella di portar a termine la gara, con l'unico intento di farci più chilometri possibili ed imparare. Nonostante nel secondo giro siamo partiti con un treno di gomme usate siamo riusciti a migliorare sensibilmente, di circa una quindicina di secondi, il nostro tempo sulla Valstagna, considerata l'università dei rally. Nelle prove successive abbiamo patito un po' l'usura delle gomme ma ci siamo divertiti tanto. Voglio ringraziare di cuore il team Pascoli perchè ci ha fornito un mezzo al top e, soprattutto, ci è stato molto vicino e ci ha dato consigli utili per cercare di progredire. La 207 è uno spettacolo.”

    Con la stagione agonistica 2017 che si avvia alla sua conclusione per Dimetto ed Irontech Motorsport non è ancora giunto il momento di appendere il casco al chiodo.

    In questi giorni si sta definendo infatti la concreta possibilità che il driver bolognese si presenti ai nastri di partenza del Prealpi Master Show, per mettere a frutto l'esperienza maturata nella passata edizione, con un particolare occhio di riguardo alla preparazione fisica.

    “Al Bassano ci siamo resi conto di quanto la 207 sia impegnativa” – aggiunge Dimetto – “e noi, che non siamo professionisti, abbiamo lavorato sino al giorno antecedente la gara, pagandone le conseguenze. Eravamo molto provati a fine gara e, parlando anche con altri equipaggi, siamo stati, in tanti, contenti che l'ultima speciale sia stata annullata. Eravamo cotti. Da qui in avanti lavoreremo per cercare di essere al via del Prealpi Master Show. Si tratterebbe della terza uscita con la 207 Super 2000, nonché la seconda nella stessa gara. Staremo a vedere.”

    Immagine a cura Nordvideocorse 

    L'Ufficio Stampa

    Fabrizio Handel

     

  • LA X CAR MOTORSPORT PRONTA PER IL GRAN FINALE DI PEDAVENA

    LA X CAR MOTORSPORT PRONTA PER IL GRAN FINALE DI PEDAVENA


    Cinque i piloti al via per l’ultima gara del Campionato Italiano Velocità Montagna , con l’obiettivo di conquistare punti pesanti in chiave Civm e Tivm.

    Civita Castellana (Vt): La X Car Motorsport è pronta per affrontare l’ultima gara stagionale, la  35° Pedavena- Croce d’Aune,  gara conclusiva del Campionato Italiano Velocità Montagna e valida anche per il Trofeo Italiano Velocità Montagna zona Nord, in programma dal 6 all’8 Ottobre 2017 a Pedavena (Bl).

     Alla gara bellunese sarà al via la consueta parterre della squadra di Civita Castellana: cinque piloti, impegnati dalla Racing Start 1.4 passando per la Racing Start 1.6 fino alla Racing Start Plus 1.6.

    Nella RS 1.4 saranno al via ben tre piloti, tutti sulle Fiat 500 assistite e preparate dalla P&G Racing: stiamo parlando di Stefano Bosi, Giorgio Massaini e Mario Benvenuti.

    Per Stefano Bosi la gara di Pedavena, sarà un importantissimo banco di prova, atto a dimostrare ancora una volta la competitività messa in mostra sin dalle prima gara stagionale, oltre che utile a conquistare punti preziosi in ottica Tivm.

    Gara importante anche per l’under 25 Giorgio Massaini, che vede la possibilità di chiudere la stagione nelle prime tre posizioni della classifica under 25 del Tivm  nord : l’obiettivo è quello di disputare una buona gara, utile alla conquista di punti preziosi in chiave campionato e divertirsi, confermando la crescita costante messa in campo in questa stagione.

    In cerca di conferme anche Mario Benvenuti, che dopo la strepitosa performance di Orvieto, cercherà senz’altro di fare una buona gara, con la grinta e la dedizione che contraddistinguono questo pilota.

    Nella Racing Start 1.6 sarà impegnato invece Fabrizio Massaini con la sua Citroen Saxo Vts , sempre preparata ed assistita dalla P&G Racing:  weekend importante per lui, soprattutto per conquistare punti preziosi in ottica classifica di classe del TIVM, dove al momento occupa la seconda posizione , posizione che sottolinea i buon feeling avuto con la vettura francese.

    Luigi Gallo, impegnato nella Racing Start Plus 1.6 con la Citroen Saxo Vts, invece avrà come obiettivo il disputare una buona gara, ipotecato il titolo TIVM di classe, il pilota civitonico cercherà di conquistare punti preziosi per chiudere nella top 3 della classifica di classe del Civm.

    Massaini Giorgio:. “ Siamo giunti alla gara di Pedavena: da un lato sono felice, perché sia il tracciato, sia l’atmosfera di questa gara mi piacciono da matti, dall’altra non sono contentissimo perché significa che la stagione è praticamente finita. Ho voglia di fare una buona gara, sia perché sarebbe la giusta chiusura di una stagione in crescendo ( la prima per me n.d), sia perché ho voglia di prendere punti utili per la classifica di classe nel Tivm e per la classifica Under 25 del trofeo, dove sono al terzo posto. La determinazione c’è, non resta che salire in macchina e dare il massimo!”

    Bosi Stefano:”           Nuova gara, nuova avventura. E' la mia prima Pedavena-Croce d'Aune e l'obiettivo è di confermare il trend di quest'anno. Ormai i giochi per i vari titoli sono praticamente fatti e, quindi, correrò con lo scopo di divertirmi e senza ansie per la classifica. La classe RS 1.4 è una delle più combattute all'interno della quale ci sono vetture profondamente diverse anche a livello prestazionale. Comunque vada, quindi, sono ampiamente soddisfatto dei risultati di quest'anno. E' stata la mia prima stagione. Credo che di più non avrei potuto pretendere.”

    Benvenuti Mario: “Ultimo appuntamento con una gara impegnativa e di grande fascino dove cercherò come sempre di dare il meglio.”

    Massaini Fabrizio: “Pedavena è una gara senz’altro molto bella, dal tracciato fino alla fantastica atmosfera di festa che si respira. L’obiettivo, senza nascondersi, è di fare bene per conquistare punti preziosi per chiudere il Tivm in seconda posizione di classe e perché no toglierci anche qualche soddisfazione per chiudere al meglio la stagione.”

    Luigi Gallo: “ Eccoci pronti per affrontare questa gara , la Pedavena –Croce d’Aune, gara descritta come da tutti bella ed affascinante. L’obiettivo, onestamente, è quella di fare una buona gara senza prendere troppi rischi, visto ormai l’ipoteca messa sul Tivm zona nord di classe e prendere punti utili in ottica Civm per consolidare la terza posizione in classifica di classe.”

    Il programma di gara prevede per Venerdì 6 Ottobre le verifiche tecniche-sportive, sabato 7 Ottobre invece sono previste le due sessioni di prove  alle 9,30. Domenica 8 Ottobre invece la gara si disputerà su due manches co partenza alle 9,30.

     

    L'ufficio stampa

    Massaini Giorgio

     

     

     

  • TRIDENTE XMOTORS PER LA PEDAVENA CROCE D'AUNE

    TRIDENTE XMOTORS PER LA PEDAVENA CROCE D'AUNE

    Al via dell'ultimo appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna la scuderia di Montebelluna si presenta con Mezzacasa ed i fratelli Gaio

    Montebelluna (Tv), 04 Ottobre 2017 – Xmotors si conferma, ancora una volta, scuderia poliedrica e si prepara ad affrontare, per il prossimo weekend, l'ultimo appuntamento del CIVM, massima espressione tricolore della velocità in salita.

    Saranno ben tre gli alfieri, tutti bellunesi, che il sodalizio di Montebelluna schiererà al via dell'edizione numero trentacinque della Cronoscalata Pedavena Croce d'Aune, valida quest'anno anche per il Trofeo Italiano Velocità Montagna, il Trofeo della Montagna Slovenija Triveneto e per il Campionato Italiano Energie Rinnovabili ed Alternative.

    In virtù delle ottime prestazioni sin qui sfoderate Denis Mezzacasa tenterà di puntare ad un posto al sole nel TIVM Nord, nel quale figura terzo, alla guida della Renault Clio, di classe E1 2000, curata personalmente, assieme a Marcon Engineering e Black Performace.

    “Dopo il problema alla Verzegnis” – racconta Mezzacasa – “dove abbiamo rotto l'asta del cambio sono arrivate due vittorie, assoluta allo Slalom di Alpago e di classe all'Alpe del Nevegal. Corriamo la Pedavena dal 2012 e, visto che siamo andati a podio lo scorso anno chiudendo terzi, speriamo nel podio nel TIVM, anche se sarà una battaglia davvero dura.”

     Se il driver, classe ottanta di Valle Agordina, è uno specialista della velocità salita non da meno sono i due rinomati navigatori bellunesi che, in occasione della cronoscalata di casa, indossano i panni del pilota, mettendosi sempre in luce con brillanti prestazioni: stiamo parlando dei fratelli Gaio, che saranno della partita con l'intramontabile Renault Clio Williams, gruppo A, da rally.

    Classe '78 per il maggiore, Alessandro, originario di Feltre e da due anni trevigiano di adozione ed '83 per il minore, Simone, di Cesiomaggiore, teatro della prova speciale di “Busette”.

    “È la mia dodicesima partenza alla Pedavena” – racconta Alessandro Gaio – “e saremo della partita con una Clio gruppo A del team Sacar. Sappiamo bene che non abbiamo né la vettura adatta né le capacità per competere con i veri specialisti del CIVM ma ci teniamo ad esserci e a ben figurare. Partiamo per divertirci, anzi per vincere. Se poi non ci riusciamo, pazienza. Nel 2009 avevamo centrato la vittoria con la 5 GT Turbo e nel 2012 arrivò il terzo gradino del podio con la Clio Super 1600. Quel che conta davvero? Stare davanti a mio fratello Simone.”

     Gli fa eco il più piccolo di casa Gaio.

    “Il mio obiettivo è naturalmente battere Alessandro” – racconta Simone Gaio – “anche se lui parte con un vantaggio visto che, lo scorso anno, non ho potuto partecipare per impegni di lavoro. Il problema è che lui guida sempre pulito mentre a me piace tirare la leva. L'unica volta che ho provato a guidare come lui ho fatto ancora peggio. Saremo al via con una Clio gruppo A di Motul Tech, con la quale speriamo di sfatare questo tabù dell'eterno secondo in famiglia.”

     

    L'Ufficio Stampa

    XMOTOR

    Fabrizio Handel

  • SIMONE DEBUTTA SULLA CLIO R3 AL RALLY DEL MOLISE

    SIMONE DEBUTTA SULLA CLIO R3 AL RALLY DEL MOLISE

    GDA Communication schiera, in uno degli eventi più blasonati del centro sud, il pilota di Cercemaggiore, brillante protagonista degli ultimi slalom di zona.

    Vignola (Mo), 04 Ottobre 2017 – Dopo aver ben figurato negli ultimi due slalom disputati, vincendo a Campobasso e sfiorando il bis a San Giuliano del Sannio, per Biase Simone è giunto il momento di alzare l'asticella ed affrontare un doppio banco di prova, altamente selettivo.

    I prossimi 7 e 8 Ottobre il portacolori di GDA Communication scenderà dalla pedana di partenza della ventiduesima edizione del Rally del Molise, evento organizzato da ACI Campobasso e Isernia, al volante di una Renault Clio R3 del team Trodella Racing.

    Per il pilota di Cercemaggiore si tratta del primo rally in questa stagione 2017, nonché esordio assoluto alla guida della trazione anteriore transalpina, nel quale sarà affiancato da Battista Giammasi, storica conoscenza di famiglia.

    “Dopo aver raccolto due bei risultati in altrettante uscite negli slalom di zona” – racconta Simone – “finalmente torniamo a fare sul serio e siamo molto felici di poter prendere parte al Rally del Molise, una delle gare più belle di tutto il nostro territorio e che vanta una tradizione molto importante. Basti pensare che a fine anni '90 questa gara era valida per il Campionato Italiano Due Ruote Motrici, dove si sfidavano le case ufficiali Peugeot e Renault con nomi del calibro di Travaglia, Deila, Longhi e molti altri ancora. In realtà volevamo iscriverci con una Clio gruppo A ma, purtroppo, in Trodella Racing era rimasta solo disponibile la versione R3. Il rapporto di profonda amicizia e stima che ci lega al team ci ha spinto ad accettare l'offerta. Ho già navigato su questa vettura ma non ho la più pallida idea di come sia guidarla e, per questo motivo, nei prossimi giorni abbiamo programmato una giornata di test. Sarà la prima volta anche in questo, di solito salgo al buio. Sono molto felice di avere Battista al mio fianco. Sarà la nostra seconda gara assieme ma lo conosco da molti anni perchè navigava mio fratello. Mi dà molta sicurezza.”

    L'edizione numero ventidue del Rally del Molise scatterà, Sabato sera, da Corso Vittorio Emanuele, con i concorrenti che si dirigeranno verso il Centrum Palace per prendere il via della “ACI Molise Show”, speciale spettacolo di due chilometri.

    La gara vera e propria si vivrà Domenica sulle prove speciali di “Busso” (6,15 km), di “Casalciprano” (10,80 km) e di “Bosco Sessano” (15,00 km), tutte da ripetere per tre passaggi ad eccezione dell'ultima.

    Saranno oltre trecento i chilometri di gara complessivi, dei quali poco più di ottanta di tratti cronometrati, con il primo concorrente che rientrerà a Campobasso, in serata, attorno alle sette.

    “Per noi sono strade del tutto nuove” – sottolinea Simone – “e, da quel che ho potuto scoprire, le prove speciali sono bellissime. Il fondo dovrebbe essere abbastanza sconnesso e, quindi, dovremo stare molto attenti. La gara è davvero lunga ed impegnativa, così come la vettura con la quale parteciperemo. La nostra vera vittoria sarà quella di salire sulla pedana di arrivo, alla Domenica sera. Dobbiamo partire cauti e progredire con costanza. I morti si contano alla fine.”

     L'Ufficio Stampa

    Gda Comunicazioni 

    Fabrizio Handel

  • Movisport e Zelindo Melegari alla stretta finale del Campionato Europeo: vincere per . . . vincere

    Movisport e Zelindo Melegari alla stretta finale del Campionato Europeo: vincere per . . . vincere.

     

    Melegari/Barone questo fine settimana affronteranno l’ultima prova del Campionato Europeo in Lettonia cercando di portare a Reggio Emilia il titolo continentale del Gruppo N.

     Impegno difficile, con soli quattro punti di vantaggio sul rivale più diretto. Lo scorso fine settimana Medici e Tosi nella top ten del Rally Appennino Reggiano.

     Andrea Casarotto, pur sfortunato a Bassano, ha incamerato il titolo Renault di zona.

     

    Reggio Emilia, 04 ottobre 2017 – Movisport è alla resa dei conti del Campionato Europeo Rally. Questo fine settimana il sodalizio sarà al via dell’ultimo atto della stagione continentale, in Lettonia, per il Rally Liepaja, dove Zelindo Melegari e Maurizio Barone avranno da sostenere il delicato compito di tentare la conquista del titolo di Gruppo N (ERC 2).

     

    A disposizione di Melegari e Barone, sulla loro Mitsubishi Lancer Evo IX della GCar Sport, ci saranno le veloci strade sterrate del nord Europa e solo quattro punti di vantaggio sul diretto rivale, l’ungherese Erdi, il quale li ha avvicinati in classifica dopo il forzato forfait di Melegari a Roma per un lutto familiare.

     

    Non vi sono particolari strategie da adottare se non quella di cercare di stare davanti al rivale, sfruttando al meglio l’esperienza maturata lo scorso anno in questa gara, dove infatti l’equipaggio di Movisport prese il via saggiandone le particolari caratteristiche che ha. Sono quindi di fronte alla classica gara che vale una stagione intera.

     

    “Dopo un’intera stagione in giro per l’Europa siamo alla stretta finale – dice Melegari – siamo sempre stati al comando del Campionato e lo siamo anche adesso ma con un vantaggio risicato, quattro punti, che non promettono nulla di buono. Ci costringeranno a dare fondo a passione, esperienza, voglia di riscatto, voglia di far vedere che l’Italia da rally c’è, insomma dobbiamo solo che stare davanti al nostro avversario più diretto, che ci ha avvicinati in classifica dopo il forfait obbligato di Roma. Sarà la classica gara che vale una stagione, noi ci impegneremo a fondo per portare a Reggio Emilia, in Italia un titolo continentale”.

     

    Il Rally ha come centro nevralgico la città di Liepaja, sul cordone litorale che separa il Mar Baltico dalla laguna omonima, a circa 180 km a ovest-sud-ovest della capitale del Paese, Riga. Il percorso prevede la disputa di tredici Prove Speciali, 204,220 chilometri competitivi sui 723,150 dell’intero percorso.

     

    GRANDI PERFORMANCE ALL’APPENNINO REGGIANO

    Lo scorso fine settimana Movisport è stata tra i grandi protagonisti del Rally Appennino Reggiano, gara quindi casa. Onorata al meglio con il secondo posto assoluto ottenuto da Davide Medici, affiancato per la prima volta da Danilo Fappani su una Citroen DS 3 R5. Una grande performance, per il pilota di Vezzano Sul Crotolo, che oramai ha ridotto le proprie partecipazioni rallistiche, nelle quali fa sempre sfoggia di un grande “mestiere”. Lo stesso che ha mostrato un Gianluca Tosi, insieme al fido Alessandro Del Barba, in grande spolvero: sesti assoluti e primi fra le vetture a due ruote motrici oltre che anche primi di classe.  

    Sfortunato invece Ivan Ferrarotti, fermatosi con la sua Clio R3T nelle prime battute di gara per un guasto, mentre Marcello Nicoli - Matteo Grisanti (Peugeot 208 R2) hanno finito con un esaltante primo posto di classe, Stefano Ferrarini - Roberto Debbi (Renault Clio RS) sono finiti quinti nella N3 e Giuliano Giovani - Giuseppe Aldini (Renault Clio R3C) hanno firmato un perfetto quindicesimo posto assoluto. Nicola Grisanti - Filippo Govi (Renault Clio RS) sesti nella N3,  e Roberto Costi - Simona Franzoni (Renault Clio RS) ottavi.

    Due gli equipaggi al partecipatissimo Rally Città di Bassano, valido per la Coppa Italia e per la Mitropa Rally Cup. Andrea Casarotto e Luca Guglielmetti, con al Renault Clio R3C, gradito ritorno in questa gara dopo tre anni di assenza, non hanno potuto vedere l’arrivo per via di una “toccata” nella seconda prova che ha danneggiato irreparabilmente il ponte posteriore. Un peccato il non poter suggellare a Bassano una stagione davvero invidiabile nella quale è stato il dominatore del Trofeo Renault Clio di zona. Al via c’era anche Michele Bigon, affiancato dall’esperto Luigi Pirollo, su una Peugeot 208 R2. La loro prestazione si è chiusa al sesto posto di classe.

     

    Foto: Melegari in azione (foto J. Petru)

    PRESS OFFICE

    Alessandro Bugelli

    studio MGTCOMUNICAZIONE