Ventiquattro anni senza Ayrton
Ventiquattro anni senza Ayrton
Iacoviello Elmo una vita per i motori
Iacoviello Elmo una vita per i motori
Lino Acco una vita nei Rally
Lino Acco una vita nei Rally
Luigi DE SALVIA
Luigi DE SALVIA
Massimo SANSONE la passione al di la di tutto
Massimo SANSONE la passione al di la di tutto
Sandro MUNARI
Sandro MUNARI
Matteo COCCIA
Matteo COCCIA "COCCINO"
Il
Il "Mago" Maurizio MORLINO
Enza Allotta…a tutto slalom!
Enza Allotta…a tutto slalom!
Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese
Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese
Il mio ricordo di Ayrton Senna
Il mio ricordo di Ayrton Senna
Mauro NESTI - IL
Mauro NESTI - IL "RE delle Montagne".
Paolo Gargano. Il Tornante n° 10
Paolo Gargano. Il Tornante n° 10
Germano NATALONI raccontato da Paolo Rignanese
Germano NATALONI raccontato da Paolo Rignanese
Il sogno nel cassetto
Il sogno nel cassetto

Piloti

GRID LIST

Matteo COCCIA "COCCINO"

Feb 03, 2018 Hits: 1390
Matteo COCCIA "COCCINO" di Paolo Rignanese Per noi di Monte Sant'Angelo e per tutti gli…

Il "Mago" Maurizio MORLINO

Gen 23, 2018 Hits: 945
Il "Mago" Maurizio MORLINO Di Paolo Rignanese Maurizio Morlino nato nel 1969 a…

Enza Allotta…a tutto slalom!

Gen 18, 2018 Hits: 1142
Enza Allotta…a tutto slalom! Di Paolo Rignanese Enza Allotta driver di Belmonte Mezzagno…

Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese

Gen 05, 2018 Hits: 1954
Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese Rally, cronoscalate, pista e motoslitta…

Il mio ricordo di Ayrton Senna

Nov 03, 2017 Hits: 812
Il mio ricordo di Ayrton Senna(in occasione del 56°compleanno 2016) Nel volere ricordare…

Mauro NESTI - IL "RE delle Montagne".

Nov 02, 2017 Hits: 2176
Mauro NESTI - IL "RE delle Montagne". di Paolo Rignanese Mauro Nesti il Re delle Montagne…

Ventiquattro anni senza Ayrton

 

 

Per certi versi quel 1 maggio di ventiquattro anni fa ha segnato la vita per i milioni di appassionati dell' automobilismo che erano incollati al teleschermo, già duramente provati dalle immagini della tragedia del giorno precedente per la morte del pilota austriaco Roland Ratzenberger per poi raggiungere il culmine con l'incidente in gara di Ayrton Senna poco dopo le 14:15.

Da quello che è nei miei ricordi il mese di maggio è contraddistinto da tragedie nell'automobilismo, ricordo Attilio Bettega (02/05/85), Henri Toivonen (02/05/86), Sergio Cresto (02/05/86) e Paolo Gargano (03/05/86), il week end del 1994 rimarrà ben impresso nella mia memoria al pari di quello vissuto nel 1986.
Ayrton Senna per molti un icona per altri un grande Campione ma tutti conoscono il suo nome e ricordano le sue gesta sia dentro l'abitacolo che fuori. Un guerriero con la sua monoposto a fargli da cotta di maglia tanto da sembrare inattaccabile come un eroe dei fumetti con un finale scritto ad ok e quasi sempre a lieto fine.
Quella domenica invece le cose sono andate tutte al contrario di tutto, Senna parte con la bandiera dell' Austria nel suo abitacolo, il suo sguardo ripreso sulla griglia di partenza dice tutto, non è il solito Ayrton lo si vede sommerso dai troppi pensieri che gli affollano la mente, lo si vede incredulo e preoccupato, il viso tirato quasi rassegnato al destino che il giorno prima si portò via il collega, fu un po come trovarsi senza del suo scudo protettivo quasi a cercare il suo angelo custode e non trovarlo, fu proprio la sua corazza la sua monoposto a tradirlo poco dopo.
Incollato al televisore finalmente inizia la gara, di quel weekend maledetto, alla curva del Tamburello del circuito di Imola per un attimo il mondo crolla il tempo sembra essersi fermato, ero a casa seduto a tavola nessuno parla ci guardiamo in faccia e non si trova il coraggio di dire la parola "è morto" dopo alcuni minuti quando Senna è disteso a terra ricordo mio padre dire "cambia canale che qua non c'è più niente da guardare"...era proprio cosi, a casa tutti Ferraristi sfegatati ma innamorati della guida unica di Ayrton Senna, delle sue gesta del suo essere genuino e pulito, effettivamente senza quel casco giallo-oro in pista non c'era più niente da vedere.
Ciao Ayrton.

 

 

di Paolo Rignanese