Maurizio di Gesù pronto per il 53° Rally del Salento
Maurizio di Gesù pronto per il 53° Rally del Salento
DA NORD A SUD PER CIWRC E CRZ
DA NORD A SUD PER CIWRC E CRZ
BELLUNESE, VIA ALLA CRZ DI MONDIN
BELLUNESE, VIA ALLA CRZ DI MONDIN
DAL BELLUNESE FINOTTI E DORIA FANNO SUL SERIO
DAL BELLUNESE FINOTTI E DORIA FANNO SUL SERIO
IL RALLY INTERNAZIONALE CASENTINO LANCIA LA SFIDA: RIFLETTORI PUNTATI SULLA NUOVA PROPOSTA DI SCUDERIA ETRURIA SPORT
IL RALLY INTERNAZIONALE CASENTINO LANCIA LA SFIDA: RIFLETTORI PUNTATI SULLA NUOVA PROPOSTA DI SCUDERIA ETRURIA SPORT
RALLY DEL CAMUNIA STREGATO PER FARINA FABIO­­­­­­­­­­­
RALLY DEL CAMUNIA STREGATO PER FARINA FABIO­­­­­­­­­­­
MOVISPORT IN CERCA DI PUNTI IRIDATI. IN PORTOGALLO CON DUE PUNTE: GRYAZIN E LAPPI
MOVISPORT IN CERCA DI PUNTI IRIDATI. IN PORTOGALLO CON DUE PUNTE: GRYAZIN E LAPPI
ARIA DI NOVITÀ PER XMOTORS TEAM AL BELLUNESE
ARIA DI NOVITÀ PER XMOTORS TEAM AL BELLUNESE
AL RALLY “ABETI” TORNA IN GARA STEFANO BIZZARRI
AL RALLY “ABETI” TORNA IN GARA STEFANO BIZZARRI
RALLY di ALBA “PLUS”: TORNA HYUNDAI MOTORSPORT, TORNA OTT TÄNAK
RALLY di ALBA “PLUS”: TORNA HYUNDAI MOTORSPORT, TORNA OTT TÄNAK
53°RALLY DEL SALENTO E 3°RALLY STORICO DEL SALENTO: UNA SFIDA PER 81.
53°RALLY DEL SALENTO E 3°RALLY STORICO DEL SALENTO: UNA SFIDA PER 81.
Asd SCS Motorsport al Rally del Salento
Asd SCS Motorsport al Rally del Salento
Giorgio Liguori risponde presente al 53° Rally del Salento
Giorgio Liguori risponde presente al 53° Rally del Salento
Posto d’onore per Trevisani e HP Sport RRT al Camunia Rally
Posto d’onore per Trevisani e HP Sport RRT al Camunia Rally
La maledizione del Grappolo colpisce Roberto Gobbin scalda i muscoli al Grappolo
La maledizione del Grappolo colpisce Roberto Gobbin scalda i muscoli al Grappolo
L’ERREFFE RALLY TEAM COL SORRISO: VARISTO È 4 AL CAMUNIA
L’ERREFFE RALLY TEAM COL SORRISO: VARISTO È 4 AL CAMUNIA
Rally Italia Sardegna: la Porto Cervo Racing risponde presente!
Rally Italia Sardegna: la Porto Cervo Racing risponde presente!
IL RITORNO DI SCOPEL NEL FEUDO BELLUNESE
IL RITORNO DI SCOPEL NEL FEUDO BELLUNESE
TRIDENTE DI OBIETTIVI, DAL BELLUNESE, PER RAMPAZZO
TRIDENTE DI OBIETTIVI, DAL BELLUNESE, PER RAMPAZZO
SCATTA IL 2021 DI PERUZZO, ARRIVA IL BELLUNESE
SCATTA IL 2021 DI PERUZZO, ARRIVA IL BELLUNESE
Taglienti-Petrone: che sfortuna al Rally del Grappolo!
Taglienti-Petrone: che sfortuna al Rally del Grappolo!
ELWIS CHENTRE E FULVIO FLOREAN COLGONO IL “GRAPPOLO”
ELWIS CHENTRE E FULVIO FLOREAN COLGONO IL “GRAPPOLO”
BONDIONI-D’AMBROSIO, VITTORIA AL FOTOFINISH AL 7° CAMUNIA RALLY
BONDIONI-D’AMBROSIO, VITTORIA AL FOTOFINISH AL 7° CAMUNIA RALLY
ELWIS CHENTRE E FULVIO FLOREAN COLGONO IL “GRAPPOLO”
ELWIS CHENTRE E FULVIO FLOREAN COLGONO IL “GRAPPOLO”
MABELLINI E BONDIONI: CHE DUELLO AL 7° CAMUNIA RALLY!
MABELLINI E BONDIONI: CHE DUELLO AL 7° CAMUNIA RALLY!
MABELLINI METTE LA FRECCIA AL 7° CAMUNIA RALLY
MABELLINI METTE LA FRECCIA AL 7° CAMUNIA RALLY
BONDIONI INAUGURA IL 7° CAMUNIA RALLY!
BONDIONI INAUGURA IL 7° CAMUNIA RALLY!
Il 12 e 13 Giugno 2021 torna il Rally di Caltanissetta Trofeo Totò Tornatore
Il 12 e 13 Giugno 2021 torna il Rally di Caltanissetta Trofeo Totò Tornatore
AL VIA IL 7° CAMUNIA RALLY!
AL VIA IL 7° CAMUNIA RALLY!
Un ritorno in Super 1600 per Alessio Profeta e Sergio Raccuia al Camunia Rally
Un ritorno in Super 1600 per Alessio Profeta e Sergio Raccuia al Camunia Rally
Rosa Guerra

Rosa Guerra

LA CASARANO RALLY TEAM CONFERMA IL PROPRIO MOMENTO DI GRANDE LAVORO E
AMPIE SODDISFAZIONI. ARCHIVIATA LA TARGA FLORIO CON “PINOPIC” IN EVIDENZA
CI SI PREPARA AL DOPPIO IMPEGNO DEL RALLY DEL GRAPPOLO E DEL CAMUNIA.

 

 

 


Casarano (Le), 13 maggio 2021. La Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team sta attraversando un periodo positivo. Intenso, anche per il grande lavoro che deve sostenere ed esaltante per i risultati che sta conseguendo. Lo scorso fine settimana la compagine diretta da Pierpaolo Carra, si è messa in bella evidenza in un contesto prestigioso quale il Rally Targa Florio, la corsa automobilistica più antica del mondo, valida quale terza prova del Campionato Italiano Rally Sparco. Il merito va ascritto a “PinoPic” alias Giuseppe Picciuca, che alla sua quarta gara su una R5, la seconda su una Volkswagen Polo Gti, ha confermato i progressi in termini di prestazioni assolute già palesati in occasione del Rally Citta di Casarano.

In coppia con il messinese Roberto Longo e a bordo dell’affidabilissima tedesca messagli a disposizione dal team capitolino Step Five Motorsport, il trentunenne di Polizzi Generosa, si è reso autore di una prestazione convincente al cospetto dei più validi interpreti della disciplina e degli specialisti siciliani, facendo segnare tempi in costante progressione.“PinoPic” e Longo hanno ultimato la gara, preceduti da nomi illustri, in sedicesima posizione assoluta, giungendo quarti tra gli equipaggi siciliani. Per loro anche la soddisfazione di essere stati considerati da più parti come l’equipaggio più spettacolare nel corso della PS1 trasmessa in diretta tv su RaiSport. Più che sfortunata invece la gara di Sara Carra e Giovanni Barbaro, che sono stati costretti al ritiro dopo la speciale di apertura per un problema al gruppo frizione della piccola DR1 di classe
R1A Nazionale fornitagli dal team campano LM Motorsport Racing Team.

Purtroppo per loro non c’è stata, come invece si era inizialmente ipotizzato, nemmeno la possibilità di rientrare in gara dopo il ritiro con la formula del “Super Rally”, in quanto durante le fasi di riparazione della vettura è emerso un altro problema, stavolta irrisolvibile che ha interessato il cambio.

Archiviata l’avventura siciliana per la Casarano Rally Team gli impegni incalzano. Già questo fine settimana la squadra salentina sarà nuovamente rappresentata in due distinte e contemporanee gare valide per la Coppa Rally ACI Sport di Zona. Al 5°Rally del Grappolo, prima sfida stagionale per la Zona 1, di scena sulle colline Astigiane tra Langa e Monferrato, assisteremo al ritorno in gara a distanza di due mesi dal soddisfacente impegno del Motor Rally Show in quel di Castelletto di Branduzzo, della famiglia Menegaldo con papà Massimo schierato a bordo della Skoda Fabia R5 e il figlio Mattia al volante della Peugeot 208 R2B, ambedue preparate da Miele Racing.


Avendolo disputato nel 2019, Massimo già conosce le difficoltà del percorso monferrino, fatto di staccate al limite, inversioni e zone rese scivolose da ghiaia e terriccio e darà il meglio per ben figurare nella classe di vertice che conta 28 iscritti, tra i quali tantissimi nomi noti del rallysmo tricolore.

Affiancato per la prima volta dalla giovanissima sandamianese Federica Scaglione, il driver brianzolo punta a raccogliere i primi punti nel CRZ ma anche nei trofei ad esso abbinato ossia l’R Italian Trophy, 1°raggruppamento e il Michelin Zone Rally Cup. Obiettivi simili, ma con un approccio un po’ più prudente, dettato dalla necessità di
accumulare esperienza, quelli a cui ambisce anche il figlio Mattia che dopo aver rotto il ghiaccio nel Motodromo pavese, vincendo tra gli Under 25, farà il suo debutto in un rally vero affidandosi per la lettura delle note alla cuneese Federica Botta. In R2B il primogenito di casa Menegaldo sarà opposto a 15 quotati avversari.

L’altro fronte su cui la Casarano Rally Team promette battaglia è il 7°Camunia Rally di scena in provincia di Brescia, valido come prova di metà cammino del CRZ Zona 2 e dove il genovese Davide Craviotto avrà il compito di raggranellare punti preziosi utili per proseguire la scalata ai vertici della coppa riservata alla classe R2B che attualmente lo vede in seconda posizione.

Anche se non sarà certamente “l’uomo da battere” considerando che sulle strade della Val Camonica non vi ha mai scorso prima, la determinazione a puntare ad un buon risultato rimane considerevole, così come la consapevolezza di disporre di una vettura, la Peugeot 208 Vti preparata da by Bianchi, all’altezza delle aspettative.

Craviotto che sarà navigato dall’alessandrino Fabrizio Piccinini ha nelle sue mire non solo la coppa di zona di categoria ma anche la Michelin Zone Rally Cup dove detiene la leadership provvisoria, seppur in coabitazione e l’R Italian Trophy, dove invece occupa la settima posizione del raggruppamento 2.

 

 


Nella fotografia allegata (di PhotoZini) “PinoPic” e Roberto Longo su Volkswagen Polo Gti R5 in azione sulle strade del Rally Targa Florio.

 

L'ufficio stampa

 

Magliona Motorsport e Mannu al Rally del Grappolo su Clio R3

Venerdì, 14 Maggio 2021 16:50 Published in Rally

Magliona Motorsport e Mannu al Rally del Grappolo su Clio R3

Sabato e domenica la scuderia sassarese è impegnata a San Damiani d'Asti con il pilota di Osilo all'esordio con la sua nuova Renault navigato da Frau in vista dei rally di casa in Sardegna

 

 

 

 

Sassari. Fra gli oltre 180 iscritti al Rally del Grappolo il 15-16 maggio sarà in gara anche l'equipaggio della scuderia Magliona Motorsport formato da Giuseppe Mannu e, nel ruolo di navigatore, da Massimiliano Frau. Per i due portacolori del sodalizio sassarese si tratta di un impegno particolarmente importante in vista della stagione 2021, che, al terzo anno insieme, li vede esordire sulla Renault Clio di classe R3C preparata dalla Tomauto Sport in collaborazione con Flavio Brossa. Dopo i successi in classe N3 è dunque tempo di nuove sfide al volante della versione R3 della berlina francese per il pilota di Osilo, che dopo l'impegno nel rally piemontese tornerà a calcare le strade delle gare di casa.

 

 

“E' davvero bello ritrovarsi di nuovo in gara e sotto le insegne della Magliona Motorsport - dichiara Mannu -; un motivo in più è il fatto che il Rally del Grappolo per noi è la prima esperienza su quest'auto e non nascondo la curiosità che sento nel poterla provare. Di fatto sarà una gara-test per macinare chilometri e metterla a punto in vista degli impegni casalinghi nei rally sardi, a iniziare da quello del Parco Geominerario. L'obiettivo stagionale sarà infatti disputare e ottenere risultati nella Coppa Italia Rally nona zona.”

Sabato 15 maggio in programma le operazioni di verifica e lo shakedown, prima occasione di “collaudo” su strada per auto ed equipaggi. La partenza del Rally “Il Grappolo” è fissata per domenica alle 8.00 in Piazza della Libertà a San Damiano d'Asti. Durante la giornata “Ronchesio”, “Revigliasco” e “Ferrere” sono le tre sfide contro il cronometro da percorrere due volte per un totale di sei prove speciali. Arrivo nel pomeriggio in via Hope (per info: www.sandamianorallyclub.it).

 

L'ufficio stampa

Rally dellaValpolicella complessivamente positivo per B&B Technology

 

 


Belfiore, VR (11 maggio 2021) 

E’ di otto vetture arrivate al traguardo, sulle dodici che avevano preso il via con i colori della B&B Technology, oltre ad un buon quinto posto nella graduatoria riservata alla
scuderie, il bilancio al termine della terza edizione del Rally della Valpolicella.


Due dei ritiri, quello di Loris Bennati e quello di Marco Rancan sono arrivati nelle prime fasi di gara, a causa di una rottura sull’asse posteriore della Subaru Impreza per il primo ed in seguito ad una toccata per il secondo. Gli altri due ritiri, quelli di Gabriele Tosoni e di Paolo Zerbato, sono capitati durante l’ultimo giro di prove ed entrambi a causa della rottura del motore.


Tra coloro che sono arrivati al traguardo, che per tutti era comunque l’obiettivo principale, buon risultato di Nicola Beverari e Diego Beltrame, terzi di classe A7 al termine di una gara solida. In N3 Luigi Tomasi ha condotto la sua Renault Clio al settimo posto di classe, mentre in A6 è arrivato un altro podio con la terza posizione conquistata da Visentin e Aldegheri, però con un po’ di rammarico per un risultato che sarebbe potuto essere migliore se un’uscita di strada con la vettura che è rimasta incastrata nel
guardrail non avesse compromesso le speranze di una posizione migliore già nella prima prova speciale.

 


Un grazie comunque alla “compagnia della spinta” che ha permesso ai portacolori della B&B Technology di ripartire.Altro podio, con la seconda posizione di K10 per Zanoni - Girardi, ma anche qui si possono fare le stesse considerazioni fatte per Visentin a causa di una toccata che ha tolto Zanoni dalla lotta per la vittoria di classe già nelle prime fasi di gara. Per lui, in ogni caso, grande soddisfazione per essere tornato alle corse dopo oltre due anni. Lunga assenza, dai rally perché dagli slalom era stata interrotta qualche settimana fa, anche per i fratelli Lovato che hanno portato la loro vettura al sesto posto di classe A5, al termine di una gara che doveva servire soprattutto per riprendere fiducia e ritmo gara, obiettivo ampiamente centrato.


Nell’affollatissima classe N2, i due equipaggi iscritti hanno concluso la gara nella parte superiore della classifica, con Alessandro e Paolo Scappini subito vicini ai primi nonostante l’assenza da oltre un anno dalle corse e sesti al termine della gara, due posizioni più dietro sono arrivato Mauro Poli e Alberto
Corradi.


Tra le regolarità sport, oltre al ritiro di Paolo Zerbato, bisogna segnalare la conclusione della gara per Nicola Battocchio che da esordiente assoluto nei rally, ha portato la sua Peugeot 205 all’arrivo di San Pietro Incariano, anche qui grandissima soddisfazione per il pilota e la B&B Technology.

 

L'ufficio stampa

NO AI TEST RALLY ABUSIVI: NETTA CONDANNA DI AC LUCCA ALLE PROVE NON AUTORIZZATE

 

 

 

 

LUCCA, 13 maggio 2021 

 No ai test rally abusivi. È netta la presa di posizione dell’Automobile Club di Lucca che, attraverso le parole del presidente Luca Gelli, accende un riflettore sulle prove non autorizzate che periodicamente vengono organizzate sulle strade della provincia di Lucca. “Non organizzate test abusivi - incalza il presidente Gelli -. Questo appello è rivolto a piloti, navigatori e scuderie, ma anche alle stesse amministrazioni comunali, che pensano sia sufficiente pubblicare l’ordinanza di chiusura delle strade interessate dal test per essere a posto con le autorizzazioni. Non è così: l’ordinanza non copre eventuali responsabilità in caso di problematiche o incidenti. I test rally per non essere considerati abusivi devono essere organizzati secondo il regolamento sportivo della Federazione sportiva Aci Sport, l’ente che autorizza e monitora appuntamenti di questo tipo: non solo, quindi, le gare, ma anche le prove. Ecco perché l’ordinanza di chiusura non è sufficiente, perché mancano comunque tutti quei presidi di sicurezza indispensabili quando si corre macchina”.

La presa di posizione non è casuale. L’Automobile Club di Lucca è infatti venuto a conoscenza di un nuovo test abusivo previsto nei prossimi giorni in Valle del Serchio: test già segnalato alla Polizia Municipale, così da intervenire come è opportuno fare.

“Per la sicurezza di tutti, partecipanti e cittadini, e per il corretto svolgimento dell’evento, è infatti necessario il parere della Federazione - continua Massimiliano Bosi, fiduciario sportivo Ac Lucca -. Ma non solo. Come si legge nella normativa vigente, i test possono essere organizzati solo da titolari di licenza di organizzatore o di costruttore Aci Sport in corso di validità, o dai team titolari di licenza che rappresentino ufficialmente una casa automobilistica costruttrice. E ancora: per il corretto svolgimento della prova, devono essere prese precise misure di sicurezza mediche e tecniche, come la presenza di ambulanze e dei team di decarcerazione, per permettere l’intervento medico e paramedico in caso di bisogno. E serve la sottoscrizione di una polizza assicurativa che copra danni a cose e persone. Insomma, ci sono regole e norme da rispettare per organizzare questi eventi, disposizioni che garantiscono la sicurezza di tutti: non possono essere ignorate”.

“C’è poi l’ultimo aspetto, non meno importante - conclude il presidente Gelli -. Il danno di immagine che questi test abusivi fanno nei confronti di uno sport complesso come il rally. Chi tiene al rally, chi corre il rally, chi ama il rally dovrebbe fare di tutto per diffondere nel modo più genuino, più spontaneo, più positivo possibile questo sport. Per questo motivo chiediamo a tutti, alle amministrazioni locali, alle scuderie, ai potenziali organizzatori, di rispettare il regolamento vigente e di porre la giusta e necessaria attenzione. D’altro canto, non possiamo fare altro che prendere una posizione netta: chiunque contravverrà a questa norma e agevolerà un test abusivo, non potrà più far parte del mondo di ACI e sarà deferito alla Procura Federale di ACI Sport. Nell’Automobile Club trovate l’interlocutore giusto: noi siamo a disposizione per supportare gli sportivi, aiutarli nella gestione degli aspetti normativi e burocratici. Proprio per questo motivo stiamo già lavorando con la Federazione per semplificare al massimo le procedure per organizzare test regolari. E, contemporaneamente, abbiamo già preso la decisione, come Ac Lucca, di realizzare almeno quattro test rally l’anno, prima dei quattro eventi rallistici della nostra provincia”.

 

Per qualsiasi tipo di chiarimento o approfondimento, il direttore di AC Lucca, Luca Sangiorgio, e il Fiduciario Sportivo, Massimiliano Bosi, sono a disposizione. Per contattarli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.aciluccasport.it

 

L'ufficio stampa

 

Graziano Taglienti e Gianluigi Petrone tornano in pista al 5° Rally del Grappolo

 

 

 



Appuntamento il 15 e 16 Maggio con partenza e arrivo da San Damiano d’Asti in Piemonte

Dopo il Rally Ronde del Canavese e il Rally Città di Casarano, il pilota Graziano Taglienti, questa volta affiancato dal navigatore Gianluigi Petrone che sostituisce Davide Mariani, sale di nuovo sulla sua Clio Williams A7 per la quinta edizione del Rally del Grappolo di San Damiano D'Asti, importante e bellissima tappa sulle colline astigiane della Coppa Aci Sport di Zona 2021.
183 gli iscritti e purtroppo ancora porte chiuse al pubblico. Dirette Facebook sulla pagina https://www.facebook.com/rallygrappolo e sul canale Youtube https://www.youtube.com/channel/UCQQH5DxBqz0ihl7AtZyNkDQ a cura del San Damiano Rally Club.
L’equipaggio Taglienti-Petrone corre per la scuderia A.N.G. Rally Team (Autofficina Nano Gomme) di Monte San Giovanni Campano, Frosinone, assistito dalla DrcSportManagement di Cesare Funari.
Dal sito del San Damiano Rally Club: “Tre le prove speciali in programma, Ronchesio, Revigliasco e Ferrere, da ripetere due volte ciascuna. Il via Domenica 16 alle ore 8.00 da Piazza della Libertà a San Damiano. Dopo i passaggi a Ronchesio e Revigliasco i concorrenti torneranno a San Damiano per il Riordino e l’Assistenza prima di affrontare il terzo tratto cronometrato di Ferrere al quale farà seguito nuovamente Ronchesio. Un altra tappa a Sandamiano e poi le ultime due prove a Revigliasco e Ferrere. L'arrivo alle ore 16.56 sulla pedana allestita in via Hope a San Damiano.”

In bocca al lupo Graziano e Gianluigi!

 

L'ufficio stampa

LA SCUDERIA 5 SPEED DI SCENA QUEST’ANNO PIU’ IN PISTA CHE IN SALITA CON CLAUDIO BISCEGLIA NEL TROFEO ITALIA STORICO E LA FIGLIA CAMILLA, PIU’ DAVIDE E FRANCESCO FASOLINO, NEL TROFEO ITALIA CLASSICO

 

 

 

La stagione agonistica 2021 vede la scuderia 5 Speed impegnata sia in pista che in salita, anche se su quest’ultima specialità la presenza dei suoi piloti potrebbe essere stavolta meno frequente.

“Ci siamo concentrati di più sulla pista – dice Claudio Biscegliaperché le insostenibilità regolamentari e gli spostamenti di data che già si sono verificati per le gare di velocità in montagna non ci concedono di fatto lo spazio per la programmazione. È chiaro però che disputeremo anche qualche cronoscalata, almeno quelle che potranno essere programmabili”.

 

 

Relativamente ai piloti delle vetture storiche e turismo, Claudio Bisceglia – già vincitore in passato della coppa di classe nel tricolore della montagna – rimane al volante della Fiat Ritmo 105 Tc, con la quale in circuito disputa il Trofeo Italia Storico all’Autodromo dell’Umbria “Mario Umberto Borzacchini” di Magione. La figlia di Claudio, Camilla Bisceglia, partecipa invece al Trofeo Italia Classico con la Peugeot 106 nella classe 1.4 del gruppo Racing Start.

Sempre nel “Classico”, ci sono anche Davide e Francesco Fasolino (rispettivamente padre e figlio), campani di Giugliano, che hanno iniziato senza dubbio con il piede giusto il 2021. Nella prima gara del trofeo, Davide con la Citroen Saxo ha ottenuto il terzo posto nella classe 1600 del gruppo N, mentre Francesco – stessa vettura – ha dominato la Racing Start e si trova in testa al campionato, oltre che ovviamente alla classe 1.6.

 

“L’obiettivo che mi sono posto è proprio quello di ben figurare a Magione – ha dichiarato Francesco Fasolino – e il prologo non avrebbe potuto essere migliore. Ora dobbiamo proseguire su questa strada”.

E il prossimo week-end (15 e 16 maggio) appuntamento di nuovo sulla pista di Magione con i quattro portacolori tutti di scena nelle gare delle rispettive categorie.

 

Nelle foto:
- i quattro piloti della 5 Speed in azione a Magione. La Fiat Ritmo 105 di Claudio Bisceglia, la Peugeot 106 di Camilla Bisceglia e le Citroen Saxo di Davide e Francesco Fasolino

L'ufficio stampa

ALLENAMENTO DA PODIO, PER DAL BEN, A TRIESTE

Mercoledì, 12 Maggio 2021 15:42 Published in Rally

ALLENAMENTO DA PODIO, PER DAL BEN, A TRIESTE

 

La prima edizione dello slalom friulano sorride al pilota di Cadoneghe, secondo di classe N1600 e di gruppo N, in attesa di iniziare il cammino nella CRZ.

 

 

 

 

Abano Terme (PD), 12 Maggio 2021 – È risaputo che in qualsiasi attività sportiva la forma fisica e mentale resta ad alti livelli con la pratica costante e proprio seguendo questo pensiero Nicola Dal Ben ha partecipato, lo scorso fine settimana, alla prima edizione dello Slalom Trieste, evento dal significato profondo per il mondo dell'automobilismo di tutto il Triveneto.

Il percorso ricalcava infatti un tratto della storica competizione, facente parte all'epoca del calendario continentale, che vide sfidarsi nomi celebri come Tazio Nuvolari che, nell'edizione del 1930, portò sul gradino più alto del podio assoluto una certa scuderia Ferrari.

In attesa del via della Coppa Rally ACI Sport di zona quattro, con il Rally Bellunese in programma a fine mese, il pilota di Cadoneghe ha quindi deciso di mantenersi in forma nello slalom friulano, cogliendo un brillante secondo posto di classe N1600 e di gruppo N.

Alla guida della Citroen Saxo produzione il segretario di Funny Team ha anche aggiunto una buona sedicesima posizione nella classifica assoluta, il modo migliore per guardare al futuro.

 

Che emozione ragazzi” – racconta Dal Ben – “presentarsi ad un evento con una storia così importante. Il nostro intento era quello di fare un po' di allenamento perchè, la prossima settimana, inizieremo con la Coppa Rally ACI Sport in quarta zona e volevamo presentarci in forma. La gara è anche andata molto bene, la vettura pure quindi non possiamo che essere soddisfatti. Ora ci attende il Rally Bellunese e cercheremo di partire con il giusto piede.”

 

Prese le misure ad una tipologia di evento che non fa della sola velocità pura la migliore dote, unendola necessariamente alla precisione nell'affrontare le porte, Dal Ben chiudeva la prima manche di gara al terzo posto di classe e quinto di gruppo, cambiando decisamente passo nella salita successiva, archiviata al secondo posto in entrambe le classifiche.

Se nella terza ed ultima tornata il risultato, in N1600 ed in gruppo N, non cambiava il pilota della vettura del double chevron, preparata da Cognolato Racing, si migliorava ulteriormente in assoluta, firmando la quattordicesima prestazione su quarantaquattro concorrenti arrivati.

Tanta la soddisfazione per il portabandiera della scuderia di Abano Terme, il quale sta pensando di allargare il proprio calendario anche alla gara di casa, lo Slalom dei Colli Euganei e Città di Este valevole per il Campionato Italiano Slalom, che si terrà al 19 Settembre.

 

Nella prima manche sono partito calmo” – aggiunge Dal Ben – “per capire le condizioni del percorso, commettendo anche qualche errore di troppo. Nelle altre due salite sono riuscito a migliorare, con costanza, ottenendo buoni riscontri con il cronometro. La vettura si è comportata al meglio anche se non è proprio la tipologia di evento adatta. Sono soddisfatto anche se, per un mio errore sull'ultima manche, ho visto sfumare il primo posto, per soli tre millesimi. Grazie a Cognolato Racing, a Funny Team, a tutti i partners che credono in me, ai ragazzi che mi han supportato da casa ed aiutato in alcune decisioni e, per finire, ai ragazzi della TRC Racing per il gran bel weekend che abbiamo vissuto a Trieste, tutti assieme.”

 

 

Immagine di Nicola Dal Ben, in azione ,a cura di Mauro Valvasori .

L'ufficio stampa

MADDALOSSO SALVA IL DEBUTTO AL VALPOLICELLA

Mercoledì, 12 Maggio 2021 15:34 Published in Rally

MADDALOSSO SALVA IL DEBUTTO AL VALPOLICELLA

 

La neonata scuderia Motor Valley Racing Division festeggia con il solo podio del pilota di Albignasego

mentre sia Righetti che Montemezzo sono costretti al forfait anticipato.

 

 

Modena, 12 Maggio 2021 – Il primo atto della Coppa Rally ACI Sport di terza zona, il Rally della Valpolicella dello scorso fine settimana, è coinciso con la nascita di una nuova scuderia, con base a Modena, dal nome chiaro ed inequivocabile: Motor Valley Racing Division.

Erano tre i portacolori della neonata compagine emiliana impegnati nell'appuntamento scaligero ma soltanto uno è stato in grado di essere più forte della dea bendata, salendo sul podio.

La punta di diamante per il bersaglio grosso era certamente il locale Roberto Righetti, al via con Arianna Faustini sulla Citroen DS3 R5 curata da GF Racing, ma il pilota scaligero, dopo aver viaggiato nei piani alti della classifica assoluta, si è visto costretto al ritiro per una noia tecnica.

 

Seppure fossimo settimi assoluti non eravamo competitivi come volevamo” – racconta Righetti – “perchè l'assetto era troppo rigido per questa tipologia di strade. Nel momento in cui avevamo capito la strada da prendere con il setup si è rotto il tripode del semiasse posteriore destro, sulla penultima prova speciale. Davvero un peccato ma contiamo di rifarci al Benacus.”

 

Scendendo tra le vetture duemila del produzione l'unico a salvare il bilancio della scuderia di Modena è stato Roberto Maddalosso, autore della terza posizione di classe N3 ed ottimo nono nella generale di gruppo N, affiancato da Nicola Doria sulla Renault Clio RS di PR2 Sport.

Il pilota di Albignasego è stato protagonista di un passo costante, confermandosi sempre sul gradino più basso del podio ad ogni passaggio, ad esclusione dell'ultimo chiuso al quarto.

Siamo molto soddisfatti di questo debutto con la nuova scuderia” – racconta Maddalosso – “grazie ad una vettura sempre performante ed ottimamente preparata. La nostra gara è stata un po' in sofferenza, da circa metà, per un mio problema fisico alla gamba. Stringendo i denti abbiamo sempre segnato il terzo tempo di classe, alzando il piede solo sull'ultima quando le posizioni erano ormai definite. Grazie a Nicola ed a tutta la PR2 Sport, sempre impeccabili.”

 

La palma della sfortuna è andata di diritto ad Andrea Montemezzo, in coppia con Andrea Fiorin sull'Opel Kadett GSI gruppo A curata da Tuning Carenini, impegnato nella prima edizione del Rally della Valpolicella Storico, evento andato in scena in coda a quello per auto moderne.

Il pilota di Bastia di Rovolon, dopo aver siglato il nono assoluto sulla speciale di apertura, si vedeva costretto ad alzare bandiera bianca a causa di un guasto tecnico al motore.

Avevamo già sentito qualcosa di strano ancora prima del via” – racconta Montemezzo – “ma abbiamo fatto gli scongiuri nella speranza che non accadesse nulla in gara. D'altronde il nostro motore ha vissuto un numero di gare spropositato, senza darci mai alcun tipo di noia, ed è naturale che, prima o poi, si doveva intervenire. Peccato perchè il risultato della prima speciale ci faceva sperare per una bella gara. Pazienza, avremo modo di rifarci sulle prossime uscite.”

 

 

Immagine di Roberto Righetti, Roberto Maddalosso ed Andrea Montemezzo in azione ,a cura di Actualfoto - Mario Leonelli .

L'ufficio stampa

DALLA SICILIA AL VENETO IL WEEKEND DI RALLY TEAM

Mercoledì, 12 Maggio 2021 12:47 Published in Rally

DALLA SICILIA AL VENETO IL WEEKEND DI RALLY TEAM

 

Sulpizio è quindicesimo assoluto, in crescita, alla Targa Florio, valida per il CIR, mentre nella CRZ di terza zona, al Valpolicella, poca fortuna per Bertazzolo e Colombaro.

 

 

 

Rosà (VI), 12 Maggio 2021 

Fine settimana intenso quello che ha visto protagonista Rally Team, impegnato agli estremi dello stivale rallystico, legato tra la Sicilia ed il Veneto.

All'edizione numero centocinque del Rally Targa Florio l'unico a difendere i colori della scuderia di Rosà era Liberato Sulpizio, in coppia con Alessio Angeli sulla Skoda Fabia R5 di Turbocar Sport Italia, impegnato nel ridurre il gap che lo separa dai migliori del Campionato Italiano Rally.

Il pilota frusinate ha concluso la trasferta con il quindicesimo posto assoluto, di gruppo R e di classe R5 nonché undicesimo tra gli iscritti al Campionato Italiano Rally Asfalto.

La Targa Florio emoziona già solo nel nome” – racconta Sulpizio – “ed essere li, in un pezzo di storia, non ha prezzo. Siamo soddisfatti a metà. Abbiamo accorciato il gap dai primi, rispetto alla gara precedente, ed abbiamo capito molto sulla vettura, grazie al lavoro di Turbocar Sport Italia. Abbiamo fatto una gara in crescendo ma dobbiamo lavorare ancora molto per avvicinarci ai migliori. La vettura è molto buona, mai un problema ed abbiamo solo lavorato per adattarla alle condizioni del percorso ed al mio stile di guida. Grazie ai nostri partners, a Rally Team ed a tutto il popolo siciliano dei rally che ci ha accolto con amore. È stato davvero commovente.”

Risalendo lo stivale due erano gli alfieri iscritti da Rally Team alla terza edizione del Rally della Valpolicella, appuntamento di apertura della Coppa Rally ACI Sport in terza zona.

Problemi con le gomme hanno penalizzato pesantemente la gara di Fabio Bertazzolo, in coppia con Lorenzo Micheletto su una Citroen AX GTI gruppo A, in carenza di grip con un posteriore che spesso lo ha reso protagonista di vari testacoda, allontanandolo molto presto dalla vetta.

Il secondo tempo sull'ultima speciale, a 2”4 dallo scratch, è il punto dal quale ripartire per cancellare la quinta piazza finale, in classe A5, e rilanciarsi nella lotta per la CRZ di zona tre.

Peggio andava a Paolo Emilio Colombaro, alla prima con Loretta Tedesco su una Citroen Saxo gruppo N curata da Green Motorsport, struttura facente capo allo stesso pilota.

Più volte rallentato dal concorrente che lo precedeva, al debutto nei rally, il portabandiera di Rally Team si vedeva costretto ad alzare bandiera bianca per una toccata, dicendo addio alla settima posizione di N2, unita ai punti per il Trofeo Rally Veronesi e per il Trofeo ACI Vicenza.

 

Abbiamo lottato con le gomme per tutta la gara” – racconta Bertazzolo – “con la vettura che si metteva sempre di traverso. Solo sull'ultima abbiamo trovato la quadra ma era troppo tardi. Ci accontentiamo e vedremo di rifarci nei prossimi appuntamenti della terza zona di CRZ.”

 

Abbiamo patito tanto il raggiungere chi ci precedeva” – gli fa eco Colombaro – “perchè, nonostante la richiesta fatta alla direzione gara, non ci hanno mai dato i due minuti. Chi ci precedeva era all'esordio ed è un peccato non aver potuto spingere come volevamo. Sulla quinta, purtroppo, abbiamo toccato e la nostra gara è finita li. Ci rifaremo al prossimo Benacus.”

Immagine di Liberato Sulpizio, in azione al Rally Targa Florio 2021, ed una di Fabio Bertazzolo e di Paolo Emilio Colombaro, in azione al Rally della Valpolicella 2021 , a cura di Actualfoto - Mario Leonelli .

 

L'ufficio stampa

Jean Claude Vallino vincente anche nel Rally Cross

Mercoledì, 12 Maggio 2021 12:35 Published in Altre Notizie

Jean Claude Vallino vincente anche nel Rally Cross

Cambia la specialità ma non il risultato, con il sedicenne pilota della Val Pellice che dopo aver vinto su ghiaccio e nei rally in circuito fa sua la propria categoria anche nel Rallycross. Pur al volante della datata Opel Astra, si impone con autorevolezza sulla pista terra-asfalto di Castelletto di Branduzzo, conquistando così la terza vittoria consecutiva in tre specialità diverse. Foto Magnano

 

 

 


CASTELLETTO DI BRANDUZZO (PV), 11 maggio 

Se un pilota è vincente, vince in tutte le specialità. Assioma difficile da dimostrare, specie nei tempi attuali, quando l’iperspecializzazione di gare e vetture porta i piloti a impegnarsi in una e una sola specialità.


Sta invece impegnandosi a dimostrare quanto questo postulato sia verità Jean Claude Vallino, che nell’arco di pochissimi mesi è riuscito a vincere nelle gare di Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, poi nei rally in circuito e nello scorso fine settimana nel Rallycross, imponendosi nella propria categoria nella gara di Campionato Italiano RX che si è svolta sull’impianto di Castelletto di Branduzzo (PV).

 


Ancora una volta in inferiorità tecnica, il sedicenne di Angrogna non si è minimamente scomposto e ha dominato la gara facendo sue tre delle quattro manche di qualificazione che formavano la griglia di partenza per la finale di sei giri sulla pista di 1430 metri; per poi andare a vincere perentoriamente anche la finale con un vantaggio di quasi 4” sul migliore inseguitore staccando inoltre il giro più veloce.


“È stata una gara molto divertente, anche se ho scoperto che gareggiare in bagarre, sportello contro sportello non mi piace tanto quanto spingere da solo la vettura al limite come accade in prova speciale” afferma il talentuoso pilota portacolori di Meteco Corse, che immediatamente chiarisce di non aver paura del contatto fisico, che pure ha lasciato più di un segno sulla carrozzeria della sua Opel Astra, quanto per una perfezione tecnica che nella bagarre raramente si riesce ad avere. “A differenza delle gare su ghiaccio, dove le batterie sono sì formate da sei concorrenti che però scattano scaglionati, qui era bagarre pura e tutti i sei concorrenti della batteria scattano insieme all’accendersi del semaforo verde. Questo significa dimenticarsi la traiettoria ottimale, quella più veloce, perché devi impostare il tuo percorso sulla traiettoria che ti permetta di difendere la posizione da attacchi, anche estremi, se sei davanti, o di infilare l’avversario se sei all’inseguimento”.


Chiarita questa piccola, ma significativa, avversione nei confronti delle gare sportello a sportello, Jean Claude Vallino ha subito fatto valere la sua classe, imponendosi con autorevolezza sugli altri sei avversari della categoria Supertouring con la sua Opel Astra Gruppo N, una vettura che pagava debito di potenza peso ed età nei confronti delle più moderne e performanti Renault Clio, Honda Civic, Citroën Saxo. Il pilota della Val Pellice ha dimostrato non solo di essere molto veloce in pista ma di avere anche una chiara visione della strategia di gara giocandosi il giro jolly (un giro di pista obbligatorio per ogni batteria, leggermente più lungo e diverso dagli altri giri consueti, che ha lo scopo di rimescolare le carte, un po’ come il pit stop nelle gare di Formula 1) nel momento più opportuno.


“In partenza, anche nelle volte in cui ero in pole position, venivo superato da almeno un altro concorrente, essendo la mia Astra meno reattiva al semaforo verde. In quel caso se non riuscivo subito a recuperare la prima posizione, mi giocavo immediatamente il Supergiro, in modo da uscire dalla variante distanziato dagli altri concorrenti, avere tutta la pista libera davanti a me e poter spingere al massimo, recuperando terreno fino a ritrovarmi al comando senza nemmeno bisogno di effettuare il sorpasso quando gli avversari effettuavano il loro Supergiro. Quando sono riuscito a mantenere il primato in partenza ho rivoluzionato la strategia, spingendo a fondo per staccare gli avversari in modo da acquisire quel vantaggio che mi permettesse di rimanere al comando anche quando effettuavo il Supergiro”.


La strategia, come dimostrano i riscontri cronometrici, ha perfettamente funzionato e a fine giornata Jean Claude Vallino è salito sul gradino più dal podio, alzando la coppa al cielo per festeggiare la sua terza vittoria consecutiva, dimostrando anche un costante miglioramento delle sue prestazioni, passando dall’1’25” con cui ha effettuato i primi giri all’1’19”457, giro record della finale.


“Il Rallycross è una specialità molto interessante e anche particolarmente tecnica, visto che si svolge su piste in parte asfaltate e in parte sterrate. È molto divertente il momento in cui si passa dalla terra all’asfalto con le gomme tutte impastate di terriccio che hanno scarsissima tenuta e in quel momento la vettura sembra andare dove vuole lei. Sicuramente in qui momenti mi sono state molto utili le esperienze fatte in inverno nelle gare su ghiaccio per premettermi di controllare perfettamente la vettura” afferma il pilota della Val Pellice che aggiunge un altro tassello verso il record di 101 vittorie di papà Claudio e nel frattempo si interroga sul suo futuro.


“Non so ancora quale sarà il mio prossimo impegno. Mi dicono che in Lettonia si può correre nei rally a sedici anni. Qualcuno ha uno sponsor da girarmi che permetta di andare a gareggiare nei Paesi Balitici?

 

L'ufficio stampa