Per Movisport in Sardegna lacrime “iridate” e sorrisi “tricolori”
Per Movisport in Sardegna lacrime “iridate” e sorrisi “tricolori”
June 17, 2019
“Sardegna” sfortunata per XRace Sport: Dalmazzini-Ciucci costretti al ritiro
“Sardegna” sfortunata per XRace Sport: Dalmazzini-Ciucci costretti al ritiro
June 17, 2019
BASSO-GRANAI (SKODA FABIA R5) SI AGGIUDICANO AL FOTOFINISH GARA 2 AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019. ORA COMANDANO IL CIR
BASSO-GRANAI (SKODA FABIA R5) SI AGGIUDICANO AL FOTOFINISH GARA 2 AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019. ORA COMANDANO IL CIR
June 16, 2019
MIRABOLANTE VITTORIA DI SORDO SU HYUNDAI AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
MIRABOLANTE VITTORIA DI SORDO SU HYUNDAI AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
June 16, 2019
IL RALLY D’ITALIA PER ALTRI TRE ANNI IN TERRA DI SARDEGNA
IL RALLY D’ITALIA PER ALTRI TRE ANNI IN TERRA DI SARDEGNA
June 16, 2019
TANAK DOMINA LA 2^ TAPPA DEL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
TANAK DOMINA LA 2^ TAPPA DEL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
June 15, 2019
VALLI OSSOLANE DAL CAMPIONATO SVIZZERO ALLE PROVE SOTTO LA LENTE D’INGRANDIMENTO: OGGI TOCCA ALLA “CRODO”
VALLI OSSOLANE DAL CAMPIONATO SVIZZERO ALLE PROVE SOTTO LA LENTE D’INGRANDIMENTO: OGGI TOCCA ALLA “CRODO”
June 15, 2019
BIS NEL CIRT PER STEPHANE CONSANI E THIBAULT DE LA HAYE (SKODA FABIA R5) AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
BIS NEL CIRT PER STEPHANE CONSANI E THIBAULT DE LA HAYE (SKODA FABIA R5) AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
June 15, 2019
AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019 ORA E’ TANAK DAVANTI
AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019 ORA E’ TANAK DAVANTI
June 15, 2019
SIMONE BARONCELLI IN EVIDENZA AL RALLY ITALIA SARDEGNA: SUA LA “TOP TEN” NEL  CONFRONTO TRICOLORE TERRA
SIMONE BARONCELLI IN EVIDENZA AL RALLY ITALIA SARDEGNA: SUA LA “TOP TEN” NEL CONFRONTO TRICOLORE TERRA
June 15, 2019
SORDO SU HYUNDAI AL COMANDO DEL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
SORDO SU HYUNDAI AL COMANDO DEL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
June 14, 2019
LATVALA E LA TOYOTA IN TESTA AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
LATVALA E LA TOYOTA IN TESTA AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
June 14, 2019
ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL SULL’ASSE FRANCIA-MILANO-SARDEGNA
ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL SULL’ASSE FRANCIA-MILANO-SARDEGNA
June 13, 2019
OGIER-INGRASSIA (CITROEN C3 WRC) SUBITO IN TESTA AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
OGIER-INGRASSIA (CITROEN C3 WRC) SUBITO IN TESTA AL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
June 13, 2019
DAL TARO AL DOLOMITI… MS MUNARETTO GRANDE PROTAGONISTA
DAL TARO AL DOLOMITI… MS MUNARETTO GRANDE PROTAGONISTA
June 13, 2019
SCUDERIA NEW TURBOMARK TRA SARDEGNA E MILANO RALLY SHOW
SCUDERIA NEW TURBOMARK TRA SARDEGNA E MILANO RALLY SHOW
June 13, 2019
CON MAZZOCCHI IN SARDEGNA È UNA LEONESSA CORSE IN FORMATO MONDIALE
CON MAZZOCCHI IN SARDEGNA È UNA LEONESSA CORSE IN FORMATO MONDIALE
June 12, 2019
SCATTA IL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
SCATTA IL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019.
June 12, 2019
VISINTIN DI NUOVO IN PISTA, CON AMBIZIOSI PROGETTI
VISINTIN DI NUOVO IN PISTA, CON AMBIZIOSI PROGETTI
June 12, 2019
UN TABARELLI DI SPESSORE ALL'OMBRA DELLE DOLOMITI
UN TABARELLI DI SPESSORE ALL'OMBRA DELLE DOLOMITI
June 12, 2019
Gara di assoluto prestigio per Andrea Crugnola che nel prossimo fine settimana sarà impegnato nella sedicesima edizione del Rally Italia Sardegna 2019, quarto round del Campionato Italiano Rally.
Gara di assoluto prestigio per Andrea Crugnola che nel prossimo fine settimana sarà impegnato nella sedicesima edizione del Rally Italia Sardegna 2019, quarto round del Campionato Italiano Rally.
June 11, 2019
PASSO FALSO PER BELLAN AL DOLOMITI
PASSO FALSO PER BELLAN AL DOLOMITI
June 11, 2019
RAMPAZZO È TERZO, CON RIMPIANTO, AL DOLOMITI
RAMPAZZO È TERZO, CON RIMPIANTO, AL DOLOMITI
June 11, 2019
MASCHERA E DALL'Ò, ENTRAMBE VINCENTI AL DOLOMITI
MASCHERA E DALL'Ò, ENTRAMBE VINCENTI AL DOLOMITI
June 11, 2019
UN TARO FORMATIVO PER RABAGLIA
UN TARO FORMATIVO PER RABAGLIA
June 11, 2019
FOFO’ DI BENEDETTO ANCORA PROTAGONISTA NELL’IRC CON I COLORI DELL’ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL
FOFO’ DI BENEDETTO ANCORA PROTAGONISTA NELL’IRC CON I COLORI DELL’ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL
June 11, 2019
PRESENTATO IL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
PRESENTATO IL RALLY ITALIA SARDEGNA 2019
June 11, 2019
SECONDO SFUMATO PER FINOTTI AL DOLOMITI
SECONDO SFUMATO PER FINOTTI AL DOLOMITI
June 11, 2019
DUE GIOIE SU TRE PER BALDON RALLY AL DOLOMITI
DUE GIOIE SU TRE PER BALDON RALLY AL DOLOMITI
June 11, 2019
Al rally R.A.A.B. un percorso modificato ma ispirato alla tradizione
Al rally R.A.A.B. un percorso modificato ma ispirato alla tradizione
June 11, 2019
Poker d’assi Movisport al rally Italia-Sardegna “mondiale”: Andolfi, Gryazin, Hoelbling e Scandola
Poker d’assi Movisport al rally Italia-Sardegna “mondiale”: Andolfi, Gryazin, Hoelbling e Scandola
June 11, 2019
OGLIARI PRONTO A METTERE IL CASCO PER IL SUO MILANO RALLY SHOW
OGLIARI PRONTO A METTERE IL CASCO PER IL SUO MILANO RALLY SHOW
June 11, 2019
UN “TARO” REDDITIZIO PER TOSI-DEL BARBA: SEMPRE TERZI NELL’IRCup.
UN “TARO” REDDITIZIO PER TOSI-DEL BARBA: SEMPRE TERZI NELL’IRCup.
June 11, 2019
Tutto pronto per l’avventura mondiale:  Giuseppe Testa  e Massimo Bizzocchi sbarcano in Sardegna per mettersi in mostra
Tutto pronto per l’avventura mondiale: Giuseppe Testa e Massimo Bizzocchi sbarcano in Sardegna per mettersi in mostra
June 11, 2019
LEONESSA CORSE: AL RALLY DEL TARO È UN BECCHETTI RUGGENTE
LEONESSA CORSE: AL RALLY DEL TARO È UN BECCHETTI RUGGENTE
June 10, 2019
Pasquale Pucella in Sardegna per la prima esperienza nel WRC
Pasquale Pucella in Sardegna per la prima esperienza nel WRC
June 10, 2019
UN CIR TERRA MONDIALE PER IL RALLY ITALIA SARDEGNA
UN CIR TERRA MONDIALE PER IL RALLY ITALIA SARDEGNA
June 10, 2019
IN SARDEGNA FORD IN FORMAZIONE DA MONDIALE
IN SARDEGNA FORD IN FORMAZIONE DA MONDIALE
June 10, 2019
“Profumo iridato” per XRace Sport: al Sardegna mondiale con Dalmazzini-Ciucci
“Profumo iridato” per XRace Sport: al Sardegna mondiale con Dalmazzini-Ciucci
June 10, 2019
PRESENTATO ALLA STAMPA IL 55° RALLY VALLI OSSOLANE
PRESENTATO ALLA STAMPA IL 55° RALLY VALLI OSSOLANE
June 10, 2019
Mattipelecorse - Rally
Paolo Rignanese

Paolo Rignanese

LA MALEDIZIONE DI LUISE COLPISCE ANCORA

Lunedì, 03 Giugno 2019 13:35 Published in Rally

LA MALEDIZIONE DI LUISE COLPISCE ANCORA

La dea bendata si prende gioco dell'adriese, per la seconda volta consecutiva, togliendogli di mano la vittoria e costringendolo al ritiro sull'ultima prova speciale.

 

 

 

Adria (Ro), 03 Giugno 2019 – Mancano le parole per descrivere l'amarezza e la delusione che Matteo Luise si è trovato, nuovamente, ad incontrare sul proprio cammino, in occasione della quindicesima edizione del Rally Campagnolo, andata in scena nel recente fine settimana.

Il pilota di Adria si è visto costretto, ancora una volta, ad alzare bandiera bianca quando aveva tra le mani la vittoria in classe A-J2/2000, 49”2 il vantaggio sul primo degli inseguitori, per un problema tecnico al propulsore della Fiat Ritmo 130 Abarth, griffata Team Bassano. 

“Dura, dura, dura, non ci voleva anche questa” – racconta Luise – “e la beffa nella beffa è che ci siamo ritirati a cinquecento metri da dove ci siamo fermati quattro anni fa, sulla stessa prova speciale. Il colpo gobbo che abbiamo vissuto al Valsugana, circa un mese fa, sembrava fosse il punto più basso, della nostra storia sportiva con la Ritmo, ed invece pare che la fortuna non voglia proprio darci una mano. Ritrovarsi, ancora una volta, a doversi fermare quando manca una sola prova speciale al termine e quando hai la vittoria in tasca è una sensazione davvero triste. La cosa che fa più male è proprio questa perchè, quando ti manca una sola prova alla fine, mentalmente cominci a pensare che ormai è fatta e cerchi di stare attento per arrivare sulla pedana di arrivo. Non so, alla prossima gara, cosa mi verrà da pensare quando mi troverò allo start, davanti al semaforo, dell'ultima prova. Mi dispiace un sacco per Melissa che, seppur alle prime gare, è costretta a digerire un sacco di delusioni, spesso pesanti come le ultime due. Mi dispiace tanto per tutta la nostra squadra, da Silvano Amati a Valentino Vettore ed a tutti i nostri ragazzi, mossi dalla passione autentica, che condividono con noi tanti bocconi amari.”

Data l'impossibilità di ripristinare, in tempo utile, il cuore pulsante della trazione anteriore della casa torinese Luise affrontava l'appuntamento valido per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche con una soluzione alternativa ma, nonostante questo, infliggeva oltre un secondo al chilometro sulla speciale di apertura, la “Torreselle”, affrontata Venerdì sera.

Il ruolino di marcia dell'adriese non lasciava spazio alla concorrenza: al giro di boa di Sabato tutte le prove disputate portavano la sua firma ed il divario dal sescondo saliva a 36”3.

Con un margine cospicuo e con la voglia di vedere il traguardo Luise iniziava a tirare i remi in barca, vincendo il secondo passaggio a “Gambugliano” e controllando il rientro degli avversari.

Usciti dalla ripetizione a “Recoaro 1000” erano quasi cinquanta i secondi da gestire su Frainer, secondo, ed oltre un minuto e mezzo su Bianco, terzo, ma la sorte aveva deciso diversamente. 

“Non è stata una gara bella per noi” – sottolinea Luise – “perchè abbiamo affrontato quasi metà giornata senza spingere. L'unica cosa che ci dà ottimismo è che, nonostante non avessimo il nostro motore operativo, eravamo comunque tranquillamente al comando nella nostra classe, con quasi un minuto di vantaggio. Ci piacerebbe trovare un po' di continuità e non di vederci sfuggire di mano dei risultati prestigiosi come accaduto qui al Campagnolo ed al Valsugana.”

RALLYSTI IN KART GIOCA IN CASA ALL'ADRIA RACEWAY

Lunedì, 03 Giugno 2019 13:29 Published in Altre Notizie

RALLYSTI IN KART GIOCA IN CASA ALL'ADRIA RACEWAY

La terza edizione della kermesse organizzata da a.s.d. Taglio di Po Rally Club e Dienne è pronta a sbarcare, Sabato 15 Giugno, sul rinomato circuito polesano.

 

 

Taglio di Po (Ro), 03 Giugno 2019 – Non c'è due senza tre ed ecco che, nel rispettare a pieno il classico detto, Sabato 15 Giugno, presso l'Adria International Raceway, andrà in scena il terzo capitolo di Rallysti in Kart.

L'appuntamento organizzato da a.s.d. Taglio di Po Rally Club, in collaborazione con Dienne, è reduce dal brillante successo ottenuto durante l'ultima edizione, tenutasi a metà Marzo, sul circuito di Chioggia, in provincia di Venezia.

Una ventata di importante novità a partire dalla location, con l'autodromo polesano fulcro della manifestazione che permetterà ai concorrenti iscritti di calcare lo stesso tracciato utilizzato per le prove del mondiale WSK.

Un contesto così prestigioso non poteva che tradursi nel tutto esaurito, con ben sessanta partenti che si daranno battaglia sotto l'insegna della passione comune verso il mondo dei rally.

Eros Finotti e Nicola Doria, a capo della macchina organizzativa, sono pronti a dare il via. 

“Terza edizione di Rallysti in Kart alle porte” – racconta Finotti – “con il binomio composto da a.s.d. Taglio di Po Rally Club e Dienne pronti ad accogliervi in una cornice nuova, per il nostro evento. Una struttura di ultima evoluzione, l'Adria Karting, all'interno dell'Adria International Raceway, sarà il contesto ideale per vivere una nuova giornata all'insegna della sana passione, dell'amicizia e della sportività. Era inevitabile che, prima o poi, si sarebbe arrivati al circuito di casa. Nonostante il calendario rallystico denso di appuntamenti e gli impegni della struttura adriese siamo riusciti a trovare una data ideale, Sabato 15 Giugno. In poco tempo abbiamo raggiunto il limite massimo, previsto in sessanta iscritti. Siamo molto soddisfatti del risultato.” 

Semplicità sarà la parola d'ordine per il terzo Rallysti in Kart, come da tradizione, con un regolamento semplice, capace di mettere anche un amatore nelle condizioni di vincere.

I sessanta iscritti alla kermesse polesana si suddivideranno in quattro batterie: si partirà con la prima sessione di prove libere dalla quale saranno generate le varie divisioni per le qualifiche, entrambe sulla durata di dieci minuti, che andranno a delineare la griglia di partenza.

La gara vera è propria si svilupperà sulla lunghezza di dieci tornate. 

“Grazie di cuore a tutti” – sottolinea Finotti – “a partire dalla disponibilità di Mario Altoè, alias Adria International Raceway, ed a tutti i partners che, anche per questa terza edizione, hanno deciso di sostenere il nostro progetto. Ricchi premi in palio, di varia natura. Buoni sconto in abbigliamento tecnico e su iscrizioni ai rally oppure shakedown gratuiti. Avremo al via partecipanti da tutto il nord Italia, da un'età minima di sedici anni sino ai settantenni.” 

Appuntamento quindi fissato per le ore 16:30 di Sabato 15 Giugno, presso l'Adria International Raceway sul circuito Adria Karting, per la terza edizione di Rallysti in Kart.

Susanna Mazzetti  di nuovo a segno: vittoria “rosa” al Rally Abeti con la Clio Williams

Oltre un mese dopo dalla Coppa Liburna con la quale si è aggiudicata il titolo “rosa” del Campionato Raceday Terra, la rallista pratese, di nuovo affiancata da Sara Baldacci ha trovato una nuova soddisfazione

 

 

03 giugno 2019 

Ha ripreso il dialogo con l’asfalto, Susanna Mazzetti, nel fine settimana appena passato, al 37. Rally degli Abeti e dell’Abetone, sulla Montagna Pistoiese. Una gara già disputata due volte e che in questa occasione le ha regalato un nuovo alloro, quello della vittoria “rosa” e seconda di classe A7, affiancata daSara Baldacci, sulla Renault Clio Williams Gruppo A. 

Dunque, il programma della stagione duemiladiciannove di Mazzetti, organizzata insieme al partner Luilor ed al Team Katori, ha avuto un nuovo input importante, con le sensazioni che al termine della gara montanina sono state quelle andate nella direzione giusta, quelle che si volevano alla vigilia. 

Quel “conto in sospeso” in essere dallo scorso anno con la gara “più verde d’Italia” è dunque stato regolato, con una prestazione decisamente interessante sotto il profilo tecnico, oltre che sportivo, avendo potuto provare diverse soluzioni di set-up in una gara rivelatasi molto difficile, caratterizzata anche da un percorso molto vario come fondo. L’esperienza di questa gara ha aggiunto molto anche sotto l’aspetto della joint con Sara Baldacci, il che ha fatto chiudere il Rally Abeti con il bilancio senza dubbio positivo. 

“Gara positiva sotto ogni aspetto direi. Sono soddisfatta - commenta Mazzetti - perché ho fatto progressi e sono riuscita a tentare settaggi un poco più da "bambina grande". Ho usato questa gara per provare a migliorare un po’ in tutto e direi che qualche risultato c'è stato, forse anche più di quello che avevo sperato e in una gara molto selettiva e che non lascia spazio alle distrazioni. La macchina perfetta in tutto e il feeling con Sara è cresciuto ancora. Spero di poter mettere in pratica i passi avanti fatti nella prossima gara”.

 

#RallyAbeti2019  #Rally   #MontagnaPistoiese   #Abetone  #MazzettiBaldacci  #RenaultClioWilliams #ladydriver 

 

foto Simonelli

 

 

UFFICIO STAMPA

MGTCOMUNICAZIONE

 

ALESSANDRO BUGELLI

Magliona costretto allo stop alla 50^ Verzegnis Sella Chianzutan

Sfortunato weekend in Friuli per l'otto volte campione italiano della CST Sport, rallentato dalle noie riscontrate al propulsore dell'Osella Pa2000 per l'intero round del Tricolore Velocità Montagna

 

 

Sassari, 3 giugno 2019. L'Osella Pa2000 Honda di Omar Magliona è già in viaggio per la factory Osella di Atella e il propulsore raggiungerà la sede milanese del preparatore Moreno. Il portacolori della scuderia siciliana CST Sport ha vissuto un weekend “al rallentatore” alla 50^ Verzegnis Sella Chianzutan, la classica friulana quarto round el Campionato Italiano Velocità Montagna. Fin dalle prove ufficiali di sabato e poi in gara 1 domenica l'otto volte campione italiano non ha potuto lottare per le posizioni di vertice a causa delle noie riscontrate al propulsore del prototipo di classe E2Sc 2000 gestito dalla SaMo Competition. Le soluzioni provate durante la giornata dedicata alle ricognizioni non hanno infatti avuto effetto e i l pilota sardo, impegnato anche nella promozione della onlus Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, non ha preso il via di gara 2 dopo il quinto posto ottenuto in gara 1 (con un crono, 2'37”00, più da gruppo Cn che da E2Sc), anche per evitare possibili ulteriori danni all'unità motrice. Mentre la Pa2000 tornerà “a casa Osella” per alcuni lavori di affinamento, il motore sarà a fondo controllato da Moreno in vista del prossimo round tricolore a Morano Calabro il 14-16 giugno. Nonostante lo stop forzato, Magliona resta leader assoluto e di categoria nel Campionato Italiano Velocità Montagna. Magliona dichiara: “Purtroppo le corse sono anche questo. Dispiace anche perché al cinquantesimo della Verzegnis tenevo in particolare, ma dobbiamo accettare la realtà e rimboccarci le maniche. Ci avevamo provato anche sabato, rifacendo il cambio per riuscire almeno a guadagnare qualcosa in termini di competitività, ma era necessario molto di più e ora smonteremo ogni elemento. Confido nella professionalità di tutta la squadra, abbiamo bisogno di ripresentarci a Morano in perfette condizioni per rimanere protagonisti”.

 

Foto: Mike's Photo – Rallyciak

 

L’Ufficio Stampa

Aprono le iscrizioni per il 49° Trofeo Vallecamonica

Lunedì, 03 Giugno 2019 10:45 Published in Salite

Aprono le iscrizioni per il 49° Trofeo Vallecamonica

Per la prima volta le procedure saranno completamente digitali. La cronoscalata, valida per TIVM Nord e FIA International Hill Climb Cup, si disputerà dal 19 al 21 luglio. Grande attesa nel mondo delle salite.

 

 

Brescia, 03.06.2019 – Aperte oggi le iscrizioni al 49° Trofeo Vallecamonica, la cronoscalata organizzata dall'Automobile Club Brescia che, con il patrocinio di Regione Lombardia, si disputerà dal 19 al 21 luglio prossimi sugli 8.800 metri della celebre Malegno-Ossimo-Borno.

Le procedure di iscrizione, accessibili sulla pagina dedicata del sito ufficiale www.trofeovallecamonica.it, saranno quest'anno completamente digitali e resteranno attive e disponibili fino al 10 luglio per la gara FIA ed al 15 luglio per la gara ACI SPORT. I concorrenti dovranno anzitutto identificarsi come partecipanti alla gara storica o alla cronoscalata moderna e quindi inserire i dati personali e della vettura. A questo punto il sistema stabilirà automaticamente la tassa da versare. Per procedere nella domanda di iscrizione i partecipanti dovranno quindi caricare il pdf del bonifico effettuato e poi compilare il modulo con tutti i dati solitamente richiesti anche sulla scheda di iscrizione cartacea.

Al termine del processo l'utente riceverà un messaggio di conferma e la domanda di iscrizione sarà inoltrata all'Ufficio Sportivo dell'Automobile Club Brescia che vaglierà la richiesta e invierà nei giorni successivi una conferma via email sull'accettazione dell'iscrizione. La Segreteria Organizzativa del 49° Trofeo Vallecamonica e l'Ufficio Sportivo stesso sono a disposizione dei concorrenti per supportarli in questa nuova procedura.

Il 49° Trofeo Vallecamonica, alla luce dell'importante validità internazionale FIA International Hill Climb Cup, sarà quest'anno di particolare interesse. Lo staff tecnico è già da mesi al lavoro per definire gli allestimenti del percorso e i dettagli logistici dell'evento che si prepara ad accogliere non solo concorrenti di grande prestigio, ma anche e soprattutto il consueto pubblico festoso e appassionato delle cronoscalate.

Proprio per garantire agli spettatori un'esperienza indimenticabile, è stata confermata non solo la radiocronaca live in filodiffusione sul percorso, ma anche la trasmissione della gara in audio streaming sul sito ufficiale www.trofeovallecamonica.it. Grazie a questa iniziativa il portale web ufficiale nel corso dell'evento, sia per le prove che per la gara, permetterà di ascoltare la radiocronaca da ogni punto del tracciato. Basterà collegarsi con un qualsiasi dispositivo, smartphone, pc o tablet, e seguire l'evolversi dell'azione in diretta.

La manifestazione prenderà il via venerdì 19 luglio dalle 14.00 con le verifiche sportive e tecniche all'Edil Partì di Borno, primo momento nel quale gli appassionati potranno vedere da vicino le vetture da corsa, vere protagoniste dell'evento. Sabato 20 i motori torneranno a ruggire sugli 8.800 metri del tracciato con le due sessioni di prove ufficiali, dalle ore 9:00, che coinvolgeranno tutti i concorrenti e permetteranno la fondamentale messa a punto dei set-up per la gara. La sfida vera e propria andrà in scena come da tradizione domenica 21 con due manches, sempre dalle 9:00, tutte da seguire, che regaleranno sicuramente un adrenalinico spettacolo.

Il Municipio di Borno, sulla sommità della salita, ospiterà la Direzione Gara e la Sala Stampa, fulcro logistico e organizzativo dell'evento, mentre alla Edil Partì, oltre al parco chiuso tra le manches, si svolgeranno le premiazioni finali al termine della seconda ascesa.

Aggiornamenti e informazioni disponibili sul sito ufficiale e sulle pagine social Facebook e Instagram @trofeovallecamonica

Villorba Corse ha testato la squadra per le 24 Ore di Spa e Le Mans

Intenso weekend su due importanti fronti per il team veneto, che ha concluso la 1000 km del Paul Ricard nella top-10 di classe con Pampanini-Calamia-Monaco sulla Mercedes-AMG GT3 e ha completato i test ufficiali sul leggendario circuito della Sarthe con la Dallara-Gibson LMP2. Amadio: “Massima concretezza”

 

 

Treviso, 3 giugno 2019. Importante doppio test di conferma per Villorba Corse in Francia. A Le Castellet nel Blancpain GT Series e a Le Mans nei test ufficiali il team veneto ha testato la squadra in prospettiva delle 24 Ore di Spa, in luglio, e di Le Mans, a metà giugno. Positiva rimonta e top-10 in Silver Cup nella 1000 km del Paul Ricard con la Mercedes-AMG GT3 dell'equipaggio composto da Roberto Pampanini, dallo svizzero Mauro Calamia e dal 20enne pilota italo-svizzero Stefano Monaco. Consistente e regolare la prestazione complessiva del team diretto da Raimondo Amadio, che con precisione e accuratezza ha permesso ai tre piloti di completare le sei ore di gara, anche in notturna. La squadra è dunque ora pronta in vista di Spa, nuovo impegno della Blancpain GT Series Endurance Cup nel weekend del 28 luglio. Prima della maratona belga, la Mercedes-AMG GT3 scenderà in pista nel contesto della 24 Ore di Le Mans per partecipare al terzo round della Le Mans Cup, serie internazionale in cui sono impegnato Roberto Pampanini e Mauro Calamia che sul circuito della Sarthe prevede una prestigiosa gara denominata Road to Le Mans nel venerdì della 24 Ore. Alla leggendaria gara endurance francese, valida per il Campionato del Mondo, Villorba Corse si presenta per la terza volta consecutiva con la Dallara P217 numero 47 con i colori Cetilar Racing. Il team ha completato i test ufficiali nello stesso weekend del 2 giugno. Al di là dei rilievi cronometrici, anche condizionati dal traffico, l'equipaggio formato da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi ha percorso oltre mille chilometri e senza riscontrare alcun problema sul prototipo di classe LMP2. Proprio questo era uno degli obiettivi principali che la squadra si era posta dopo le noie elettroniche patite a Monza. Ora alla 24 Ore di Le Mans del 15-16 giugno la parola d'ordine sarà regolarità.

 

 

Il team principal Amadio dichiara: “Concreto il bilancio del weekend francese. A Le Castellet tutta la squadra è stata protagonista di una 1000 km in rimonta. Sul traguardo siamo riusciti a entrare nella top-10 di categoria ma è soprattutto il fatto di non aver commesso neppure una sbavatura e infrazione ai box a convincerci che questo impegnativo banco di prova in vista della 24 Ore di Spa sia stato un ottimo test. La nostra Mercedes-AMG ha funzionato senza problemi per sei ore e quindi faccio i complimenti a tutti i ragazzi del team. Abbiamo confermato dettagli preziosi e il Blancpain GT Series è certamente esaltante. E' un contesto di alto prestigio lo scenario vissuto al Paul Ricard con line-up e case costruttrici, ottimizzato dalla perfetta regia della SRO. E' un campionato dove Villorba Corse ha intenzione di rientrare in pianta stabile e il fine settimana è stato utile anche per allacciare e riallacciare contatti e relazioni che favoriranno questo rientro nelle serie targate SRO. Per quanto riguarda Le Mans, il team ha lavorato molto bene e senza contrattempi. Per noi uno dei dati più importanti da raccogliere era quello relativo all'affidabilità e siamo soddisfatti dei riscontri. Dobbiamo continuare a puntare sulla regolarità e sul passo gara, mentre più in generale da quanto abbiamo visto nei test ufficiali una delle chiavi cruciali di quest'anno sarà anche la gestione del traffico. La squadra è tranquilla, ha vissuto un weekend sereno e sa che cosa deve fare. Siamo pronti alla grande sfida”

37° RALLY DEGLI ABETI E DELL’ABETONE: E’ BIS PER PIEROTTI-MILLI (SKODA FABIA R5)

La gara della Abeti Racing, anche quest’anno ha offerto due giorni di grande sport, con la vittoria andata per la seconda volta all’equipaggio lucchese, dopo aver approfittato di un errore del locale Gasperetti, leader dalle prime battute di stamane. Il resto del podio per Moricci (Hyundai i20 R5) e Gasperetti, Gaddini (Renault Clio S1600) ha vinto tra le “due ruote motrici” La gara storica andata al pisano Gian Marco Marcori, con una Porsche 911 SC, davanti al garfagnino Mori (BMW M3).

 

 

San Marcello Pistoiese (Pistoia), 02 giugno 2019 – Hanno firmato il loro secondo sigillo, dopo quello dell’anno scorso, sull’albo d’oro del Rally degli Abeti e dell’Abetone, i lucchesi Luca Pierotti e Manuela Milli, alla terza gara con una Skoda Fabia R5. Un successo, in questo terzo appuntamento della Coppa rally di sesta Zona, valido anche per il Trofeo Rally Toscano, che è anche un bis stagionale dopo quello de recente Rally Valdinievole di sole due settimane fa. 

Una gara avviata al comando ieri pomeriggio con la “superprova” di Gavinana, per Pierotti e Milli, poi portata avanti conoscendo l’avanzata degli attesissimi locali Gasperetti-Ferrari, al debutto, invece, con la Fabia R5. La coppia locale, che inseguiva il settimo alloro in questa 37^ edizione del Rally “più verde d’Italia”, era infatti passata al comando dalla prima “piesse” odierna, la temutissima “Torri di Popiglio”, con la quale avevano immediatamente tentato l’allungo. Una leadership poi incrementata sino al primo passaggio della prova del Melo (PS 4), dove un “lungo” ha azzerato tutto il vantaggio, costringendo il pilota di Abetone ed il copilota di Mammiano a rincorrere. 

Alla fine, la seconda posizione l’hanno incamerata i montecatinesi Moricci-Garavaldi, ancora ben ispirati dalla loro Hyundai i 20 R5, con la quale hanno cercato sempre di dare pepe alla sfida nonostante un feeling con la vettura coreana ancora non completato. Per loro è il secondo “argento” dopo quello del recente Valdinievole, andando così a riproporre il proprio nome al vertice insieme a quello dei vincitori. 

Gradino più basso del podio quindi per Gasperetti e quarta posizione finale per il Campione in carica “di zona”, l’altro valdinievolino Fabio Pinelli, anche lui con una Hyundai i20 R5, sulla quale era affiancato in modo estemporaneo dal locale Alessandro Vivarelli, tornato a leggere le note dopo oltre dieci anni di pausa. Una gara sofferta, quella di Pinelli e Vivarelli, dovuta soprattutto a problemi di set-up, una nuova soluzione per la vettura mai provata prima. 

Completa la top five il gentleman lucchese Pierluigi Della Maggiora, con Moriconi al fianco, su una Skoda Fabia R5 anche loro. Una nuova prestazione di vertice per “Pier”, che ha proseguito così la sua striscia positiva di risultati, divertendosi assai alla guida della vettura boema. 

Primo tra le due ruote motrici in una sfida frizzante e spettacolare, è un altro lucchese di alto livello, Stefano Gaddini, in coppia con Innocenti, su una Renault Clio S1600, alla fine sesti assoluti. Una gara sempre a testa alta quella di Gaddini(pur con il brivido di una foratura a fine della quinta prova), che ha confermato il buon feeling con le “piesse” montanine, nelle quale aveva peraltro primeggiato nell’edizione 2003. 

Punti di interesse particolare erano anche le diverse altre validità dei trofei monomarca. Il monomarca Renault Clio R3 “Open” R3T e R3C è andato all’ennesimo lucchese di alto profilo, Luca Panzani, in coppia con Grilli (Renault Clio R3). Pur con una gara sofferta per problemi soprattutto ai freni, Panzani (anche quest’anno protagonista del tricolore rally) ha avuto ragione di un “cattivo cliente”, come il conterraneo Fanucchi (con copilota Dinelli), con vettura analoga. I due hanno finito rispettivamente settimo ed ottavo assoluto. Il Trofeo “Corri con Clio N3 Open” l’ha fatto suo invece il fiorentino Leonardo Santoni, assecondato da Butelli (Renault Clio RS). 

Tornando alla top ten assoluta, meritevoli di menzione sono i pratesi Zelko-Cecchi (Renault Clio S1600), noni assoluti con una prestazione regolare e sempre di vertice, e decimo un altro valido driver locale, Marco Tamburini, con Turini, su una Renault Clio Williams mentre, sempre tra i piloti del luogo, sfortunatissimi in tre: Fabio Ceccarelli (Renault Clio R3T), ritiratosi nel finale quando stava accarezzando una posizione dei dieci dell’assoluta, stessa sorte toccata ad Alessio Beneventi (Peugeot 106) ed anche Nicola Franceschi, con una Peugeot 208 R2, a lungo protagonista sotto i riflettori di prima scena sino a due prove dal termine, si è fermato quando era settimo assoluto. 

Tra le “dame” successo della pratese Susanna Mazzetti (Renault Clio Williams), ritirata invece la versiliese Giulia Serafini (Peugeot 106), per guasto, quando era al comando.

Per gli amanti delle statistiche, ben cinque equipaggi dei dieci dell’assoluta sono lucchesi, a conferma del grosso e qualificato bacino sportivo presente in provincia. 

 

 

A MARCORI-NERI (Porsche 911 SC) LO “STORICO”

E’ stato il pisano Gianmarco Marcori, in coppia con Barbara Neri, il vincitore del 7° Rally Abeti Storico, valido per il Trofeo Rally di 3^ zona. Dopo lo spunto iniziale del ligure Manuel Villa e la sua BMW M3, il pilota di Santa Croce sull’Arno ha preso in consegna la classifica dalla seconda prova di “Torri”, quasi ad imitare Gasperetti, con l’altro poi fermato da problemi di alimentazione. Marcori ha marciato decisamente come un treno, sfruttando la sua Porsche nelle difficili e selettive strade montane. Ha vinto co ampio margine sui validi lucchesi Mori-Cesaretti, con una BMW M3, sulla quale stavano testando per la prima volta pneumatici di fabbricazione indiana, praticamente sconosciuti. Una gara di alto livello ed anche spettacolare, quella di Mori (anche vincitore del quarto raggruppamento), meccanico, che prepara in conto proprio la vettura bavarese, unica superstite sotto la bandiera a scacchi, in quanto sia il ligure Villa (alimentazione) che il pratese Guarducci (problemi elettrici) hanno alzato bandiera bianca durante la mattinata. Terzo al traguardo Gilli-Zandanel, con una Ford Sierra Cosworth. Marcori ha vinto anche il Terzo Raggruppamento davanti alla A112 Abarth del vincitore “storico” dell’anno scorso, Simone Nardi, il secondo è andato al sammarinese Graziano Muccioli, affiancato da Luisa Zumelli su una Porsche 911 Carrera. Notevole la prestazione del versiliese Bertolozzi con una Renault 5 GT Turbo e sfortunata invece la gara del pistoiese Matteucci, appiedato dalla sua affascinante Citroen Visa 1000 Pistes 4x4 dalla rottura di un manicotto dell’acqua. Non ha avuto poi miglior fortuna l’altro attesissimo locale Piergiorgio Barsanti, il campione del TRZ 2017 nonché presidente della Abeti Racing, in gara con la Ford Sierra 4x4. Già assillato da problemi alla frizione palesati il primo giorno di gara, ha alzato bandiera bianca per il solito problema durante il prima passaggio su “Torri”, di prima mattina oggi. 

Nuova ed ampia soddisfazione da parte dell’organizzazione Abeti Racing, che ha saputo portare anche quest’anno sulla montagna un plateau di iscritti di alto livello, il che ha generato un forte interesse di appassionati e addetti ai lavori, accorsi in grande numero sulla montagna pistoiese. Ricordando che l’evento ha notevole importanza sull’indotto turistico ricettivo oltre che per la comunicazione del territorio. 

CLASSIFICA FINALE (TOP TEN): 1. Pierotti-Milli (Skoda Fabia R5) in 59’21”0; 2. Moricci-Garavaldi (Hyunda i20 R5) a 43”4; 3. Gasperetti-Ferrari (Skoda Fabia R5) a 45”7; 4. Pinelli-Vivarelli (Hyundai i20) a 1’09”8; 5. Della Maggiora-Moriconi (Skoda Fabia R5) a 3’12”1; 6. Gaddini-Innocenti (Renault Clio S1600) a 3’26”6; 7. Panzani-Grilli (Renault Clio R3C) a 4’12”4; 8. Fanucchi-Dinelli (Renault Clio R3C) a 4'53”3; 9. Zelko-Cecchi (Renault Clio R3C) a 5’35”4; 10. Tamburini-Turini (Renault Clio Williams) a 6’22”6.

 

 

CLASSIFICHE COMPLETE: https://bit.ly/2KfImHo

 

 

FOTO: LUCA PIEROTTI (Skoda) E GIANMARCO MARCORI (Porsche), in azione (Foto Simonelli)

 

#rally  #montagnapistoiese   #RallyAbeti   #Pistoia  #Abetone  #CoppaRallyZona  #TrofeoRallyToscano

 

UFFICIO STAMPA

 

MGTCOMUNICAZIONE

 

ALESSANDRO BUGELLI

PAVEL GROUP NELLA TOP TEN AL RALLY DEGLI ABETI: LUCA PANZANI AVVIA IL TROFEO CLIO CON UN SUCCESSO

Prestazione di spessore, per il pilota lucchese, che ha finito dentro la top ten assoluta, vincendo la classe e la classifica del monomarca francese nonostante qualche difficoltà tecnica. Filippo Puccetti è andato a podio in classe N2 mentre è stata sfortunata la trasferta della versiliese Giulia Serafini, fermata dalla rottura del motore quando dominava la classe e la classifica femminile. Gara da dimenticare anche per Danesi, fermato dopo due prove anche lui per problemi al motore.

 

 

 

03 giugno 2019 

Ha portato grande soddisfazione, la novità di Luca Panzani nella fila di Pavel Group al 37° Rally degli Abeti, terza prova della Coppa Rally di 6^ Zona, nel fine settimana appena passato a San Marcello Pistoiese. 

In collaborazione con la scuderia Jolly Racing Team, erano al via quattro presenze di contenuti forti, e Luca Panzani, “arruolato” per concorrere al Trofeo Renault di zona(che oltre a questa gara prevederà “Lucca”, “Pistoia” e “Como”, la finale della Coppa Italia), affiancato da Federico Grilli, l’ha fatta da protagonista, alla guida di una Renault Clio R3C. 

Pur con alcune difficoltà di ordine tecnico, soprattutto all’impianto frenante, poi risolti nel finire della gara da un grande lavoro dei tecnici della squadra, Panzani ha finito settimo assoluto e primo sia nel Trofeo Clio che nella classe R3C, in una competizione ricca di momenti esaltanti e non molto lontano anche dai vertici delle vetture a trazione integrale. Questa prima presa di contatto, con la vettura e con la squadra, che senza le difficoltà tecniche poteva aspirare alla top five assoluta, è un punto di avvio importante della “campagna di zona” che adesso guarda a mettere a fuoco bene il prossimo impegno di Lucca a fine luglio. 

Se Panzani ha regalato una grande gioia a Pavel Group, non da meno è stata quella conferita anche da Filippo Puccetti, in coppia con Omar Barsottelli, Peugeot 106 anche per loro. In cerca di un risultato vibrante in una classe assai accesa, hanno finito con ampio merito in seconda posizione, in virtù di una prestazione in grande progressione, dalla quinta posizione iniziale del sabato. 

Molti degli occhi di appassionati ed addetti ai lavori erano puntati anche su Giulia Serafini, affiancata ancora da Andrea Matteucci, sulla Peugeot 106 rally. La versiliese aveva in target nuovi ed importanti punti per Coppa di VI Zona ma purtroppo l’assalto è andato a vuoto, dovendosi ritirare dopo quattro prove per rottura del motore. Sino ad allora Serafini era ampiamente in testa alla classe N2 oltre che alla classifica femminile, dando conferma di una forza notevole. 

Al via nella gara “più verde d’Italia” c’erano anche Massimiliano Danesi e Iuri Rosignoli, con una Renault Clio RS. Erano pronti a farla da protagonisti tra le vetture Renault del Gruppo N, ma la performance non è stata possibile: dopo un confortante quarto posto nella prima prova speciale del sabato, alla ripresa delle ostilità della domenica hanno dovuto poi alzare bandiera bianca anche loro per rottura del motore.

 

FOTO: Panzani in azione (foto Simonelli)

 

 

#Rally #PavelGroup #motorsport  #JollyRacingTeam #GiuliaSerafini  #LucaPanzani  #MichelinZone RallyCup  #rallypassion

 

UFFICIO STAMPA

MGTCOMUNICAZIONE

 

ALESSANDRO BUGELLI

RO racing weekend con il pollice in sù.

Lunedì, 03 Giugno 2019 00:12 Published in Rally
RO racing weekend con il pollice in sù.
 
Arrivano risultati positivi da tutte le specialità 
 
 
Cianciana, Domenica 2 Giugno- Conferme positive da tutti i fronti, questo è stato l’inteso fine settimana che ha visto impegnati i portacolori della RO racing tra i Rally dei Templi la Cronoscalata del Santuario e lo Slalom dell’Agro Ericino.
Al Rally dei Templi il novizio Gaspare Bosciglio di Cianciana, Peugeot 106 rally Faical Corse, con al suo fianco il messinese Alfredo Cicirello, fanno sua la Classe A5 vincendo anche il premio MIMMO MONTALBANO, (donato alla AC Agrigento dal Comune di Cianciana).
 
 
Buggea- Vitello “Autostoriche” Porsche 911 Guagliardo, portano al termine una gara in solitaria, concepita come gara test in vista di più importanti appuntamenti.
Quindi si aggiudicano l’assoluto riservato alle storiche. 
Cronoscalata del Santuario (Cefalù- Gibilmanna),
il palermitano  Claudio La Franca, anche se non contento perché ancora afflitto dalle bizze di una rinnovata Porsche 911 Carrera RS 3.0, della SPM, vince il 2º raggruppamento e si piazza al 4º posto assoluto della “virtuale” classifica generale. 
 
 
Nelle classifica riservata alle auto moderne exploit del giovane messinese Dario Salpiero, che con una seconda manche da gran manico, riesce a stravolgere il risultato portandosi a casa un inaspettata 9ª posizione assoluta, un 1º di Gruppo e un 1º di classe PodS 1.6. 
Slalom dell’Agro Ericino, Fabrizio Ferrauto con la sua nuova Peugeot 106 di classe Rs 1.6, dimostra di avere sempre più filing, infatti riesce a conseguire un ottimo 2º posto di classe, in gruppo N doppietta stagionale per Benedetto Guarino, il saccense dimostra di essere davvero in palla, bissando il successo ottenuto a Campobasso. 
 
 
Per Saverio Miglionico purtroppo Erice, rimane una gara che non gli permette di esprimere il suo vero potenziale, si classifica infatti con il tempo conseguito alla 1ª Manche 7º Assoluto, alla 2º una penalità non gli permette di migliorare  il propio tempo di 3” circa, la 3ª manche viene fermato anzitempo da noie meccaniche che lo costringono a ritirarsi.
 
 
RO racing 
motorsport event 

Il sigillo di Zardo sulla 50^ Verzegnis Sella Chianzutan

Domenica, 02 Giugno 2019 20:50 Published in Salite

Il sigillo di Zardo sulla 50^ Verzegnis Sella Chianzutan

Il pilota veneto della Norma M20 Fc vince per la seconda volta la prova friulana del Campionato Italiano Velocità Montagna, che ha vissuto la speciale edizione, celebrata dalle autorità, nel segno delle emozioni. Podio completato dalle Osella di Fattorini e Vacca

 
 

Udine. La 50^ Verzegnis Sella Chianzutan dà spettacolo e celebra la speciale edizione con una girandola di emozionanti duelli che al termine di una sfida sul filo dei decimi in gara 1 e l'allungo in gara 2 ha premiato Denny Zardo e la Norma M20 Fc Zytek sul gradino più alto del podio, completato da Michele Fattorini (Osella Fa30 Zytek) e da Giuseppe Vacca (Osella Pa2000 Honda). Il pilota veneto ha vinto il quarto round del Campionato Italiano Velocità Montagna valido anche per il Trofeo Italiano zona Nord e il Campionato Austriaco, Sloveno e regionale aggiudicandosi entrambe le salite di gara disputate sui 5640 metri da Ponte Landaia a Sella Chianzutan e concludendo con il tempo totale di 5'02”45 (gara 1: 2'32”45; gara 2: 2'30”00). Avvincente fino alla fine la domenica dell'evento promosso dall'Asd E4Run, che, tra condizioni meteo perfette e il pubblico che merita una grande occasione, ha celebrato la 50esima edizione anche grazie a una cerimonia che ha coinvolto l'assessore regionale Barbara Zilli, il neo-eletto sindaco di Verzegnis Andrea Paschini e il vicequestore di Tolmezzo Alessandro Miconi insieme a Eleonora Rizzi, presidente del sodalizio organizzatore.

Su un tracciato di gara tirato a lucido, Zardo, che a Verzegnis ha così bissato il successo ottenuto nel 2014 e che era stato di un soffio più veloce anche in prova sabato, ha preceduto Fattorini di 3”93. Il pilota umbro, sull'Osella Fa30 secondo assoluto e vincitore del gruppo delle monoposto E2SS, in gara 2 non è riuscito ad attaccare il rivale dopo che tra i due in gara 1 erano rimasti solo 29 centesimi e ha così confermato la piazza d'onore. Soddisfatto del podio assoluto conquistato (il secondo in stagione dopo quello colto a Sarnano), il giovane sardo Giuseppe Vacca è stato sicuro del terzo posto già conquistato in gara 1 quando nel “derby” fra Osella Pa2000 Honda il corregionale Sergio Farris si è ritirato per una “pizzicata” in gara 2. Ai piedi del podio ha quindi concluso Federico Liber sulla Gloria C8P Suzuki. Il driver veneto si è così aggiudicato la prova tricolore tra le Sportscar Motori Moto inseguito dal potentino Achille Lombardi, che con la prima delle Osella Pa21 JrB ha completato la top-5. Alle loro spalle, sono entrati nei primi dieci, l'esperto partenopeo Piero Nappi, sesto in rimonta con l'Osella Pa30 Judd, i giovanissimi Luigi Fazzino, Danny Molinaro e Giancarlo Maroni nell'ordine sulle altre Pa21 JrB e, decimo assoluto, Franco Caruso al volante della Radical Sr4. Quinto al termine di gara 1, non ha preso il via di gara 2 Omar Magliona, fin da sabato alle prese con le non perfette condizioni del propulsore dell'Osella Pa2000 con la quale si era imposto al Nevegal e resta leader assoluto del CIVM. Con il 23esimo posto assoluto, Marietto Nalon sulla Lola B99 di F.3000 è invece il miglior pilota friulano classificato al traguardo.

 
 
Mentre Rosario Iaquinta ha compiuto la missione dell'assolo in gruppo CN sull'Osella Pa21 Evo, le ammirate Silhouette del gruppo E2SH hanno esaltato gli spettatori grazie alla sfida di vertice tra i protagonisti del Tricolore, dove Alessandro Gabrielli ha rinsaldato la vetta della classifica sull'Alfa Romeo 4C Picchio. Il pilota ascolano ha auto la meglio sul bresciano Mauro Soretti, che sulla Subaru Impreza ha attaccato a fondo in gara 2 riuscendo a superare sul podio l'altra Silhouette dell'Alfa 4C, denominata Furore e motorizzata Zytek, del pluricampione teramano Marco Gramenzi. Domina il gruppo GT Luca Gaetani e con questo successo il pilota veneto balza in vetta al Tricolore al volante della Ferrari 458 GT3. In gruppo E1 Karl Schagerl conclude in trionfo l'ennesima partecipazione a Verzegnis, dove, dopo i problemi all'acceleratore riscontrati in prova, ha deliziato il pubblico al volante dell'estrema Volkswagen Golf Rallye Tfsi-R, con la quale ha preceduto lo sloveno Milan Bubnic (Lancia Delta Proto); settimo e primo degli italiani Daniele Pelorosso con la Renault Clio Proto. Nelle sfide fra Mitsubishi Lancer, in gruppo A l'altoatesino leader tricolore Rudi Bicciato regola l'austriaco Roland Hartl, mentre in gruppo N Lorenzo Mercati ha confermato con il successo il dominio che lo stesso driver aretino aveva mostrato nelle ricognizioni sabato.

Con tutti i protagonisti su Mini Cooper, è stata avvincente fino all'ultimo la lotta per la “corona” di RS Plus, conquistata dal vincitore di gara 1 Vito Tagliente. Il pilota pugliese ha resistito in gara 2 al ritorno del catanese Salvo D'Amico, mentre l'aquilano Serafino Ghizzoni mantiene la vetta tricolore completando il podio davanti al pordenonese Fabrizio Martinis (4°) e Giacomo Liuzzi, autore del miglior tempo in prova sabato, è fermato dalla rottura del semiasse al via di gara 1. Sfida tra Mini anche in Racing Start con successo pieno del pugliese Oronzo Montanaro tra le turbo benzina davanti a Giovanni Loffredo sulla versione turbodiesel. Si parla veneto tra le scadute di omologazione con Marco Cappello vincitore in rimonta del gruppo delle vetture ProdS sulla Honda Civic e con Roberto Boscariol davanti a tutti in ProdE sulla Renault Clio Williams. Infine, il pilota rodigino Giovanni Ambroso è stato il più veloce tra le auto storiche sull'Osella Pa9/90 con la quale si è imposto nel Quarto raggruppamento precedendo la Volkswagen Golf Rallye G60 dell'austriaco Reinhard Sonnleitner. Positiva prestazione per il friulano di Cividale Rino Muradore (Ford Escort Rs), autore del terzo tempo più veloce e vincitore nel Secondo raggruppamento, mentre gli austriaci Gerald Glinzner (Porsche 911 Carrera) e Andreas Gleissner (Nsu Bergspyder) si sono aggiudicati rispettivamente il Terzo e il Primo raggruppamento.


Classifica ufficiosa top-10 assoluta 50^ Verzegnis-Sella Chianzutan: 1. Zardo (Norma M20 Fc Zytek) in 5'02”45; 2. Fattorini (Osella Fa30 Zytek) a 3”93; 3. Vacca (Osella Pa2000 Honda) a 8”57; 4. Liber (Gloria C8P Evo Suzuki) a 13”42; 5. Lombardi (Osella Pa21 Jrb Bmw) a 16”21; 6. Nappi (Osella Pa30 Judd) a 17”19; 7. Fazzino (Osella Pa21 Jrb Suzuki) a 17”79; 8. Molinaro (Osella Pa21 Jrb) a 21”52; 9. Maroni (Osella Pa21 Jrb) a 23”92; 10. Caruso (Radical Sr4) a 24”38.