VELLANI E MIELE INFIAMMANO LA SFIDA AL  4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
VELLANI E MIELE INFIAMMANO LA SFIDA AL 4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
VELLANI PRIMO LEADER DEL 4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
VELLANI PRIMO LEADER DEL 4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
AL VIA IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
AL VIA IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME
LEONESSA CORSE AL SALSOMAGGIORE DOPO L’ESPERIENZA ROMANA DI MAZZOCCHI
LEONESSA CORSE AL SALSOMAGGIORE DOPO L’ESPERIENZA ROMANA DI MAZZOCCHI
RALLY DI ROMA CAPITALE DIFFICILE PER GASS RACING
RALLY DI ROMA CAPITALE DIFFICILE PER GASS RACING
IL 15° RALLY CITTA’ DI AREZZO-CRETE SENESI E VALTIBERINA  SARA’ A “TRE CIFRE”
IL 15° RALLY CITTA’ DI AREZZO-CRETE SENESI E VALTIBERINA SARA’ A “TRE CIFRE”
IL XXXIII RALLYE ELBA STORICO-TROFEO LOCMAN ITALY E’ PRONTO:  LA TRADIZIONE PROSEGUE
IL XXXIII RALLYE ELBA STORICO-TROFEO LOCMAN ITALY E’ PRONTO: LA TRADIZIONE PROSEGUE
Rally Monte San Giovanni Campano C.S 4
Rally Monte San Giovanni Campano C.S 4
L’ERREFFE RALLY TEAM SFILA … A SALSOMAGGIORE CON QUATTRO VETTURE
L’ERREFFE RALLY TEAM SFILA … A SALSOMAGGIORE CON QUATTRO VETTURE
BB COMPETITION TRA RALLY E PISTA:  LA SCUDERIA SPEZZINA ATTESA A SALSOMAGGIORE TERME E FRANCIACORTA
BB COMPETITION TRA RALLY E PISTA: LA SCUDERIA SPEZZINA ATTESA A SALSOMAGGIORE TERME E FRANCIACORTA
L’INTERNATIONAL RALLY CUP VERSO IL RALLY APPENNINO REGGIANO:  DA LÌ RIPARTE LA “VOLATA” AL TITOLO 2021
L’INTERNATIONAL RALLY CUP VERSO IL RALLY APPENNINO REGGIANO: DA LÌ RIPARTE LA “VOLATA” AL TITOLO 2021
JOLLY RACING TEAM: WEEKEND IN CHIAROSCURO AL RALLY DI ROMACAPITALE  ED OCCASIONE DI RIVALSA A SALSOMAGGIORE TERME
JOLLY RACING TEAM: WEEKEND IN CHIAROSCURO AL RALLY DI ROMACAPITALE ED OCCASIONE DI RIVALSA A SALSOMAGGIORE TERME
Simone Crosara e HP Sport RRT   al via del Rally di Scorzè valido per la Coppa Rally 4 Zona
Simone Crosara e HP Sport RRT al via del Rally di Scorzè valido per la Coppa Rally 4 Zona
L’ERREFFE RALLY TEAM TRACCIA IL BILANCIO DOPO ROMA E 2LAGHI
L’ERREFFE RALLY TEAM TRACCIA IL BILANCIO DOPO ROMA E 2LAGHI
RALLY DEL FRIULI-ALPI ORIENTALI HISTORIC: SI RIPARTE DALLA TRADIZIONE  DI PROVE SPECIALI UNICHE
RALLY DEL FRIULI-ALPI ORIENTALI HISTORIC: SI RIPARTE DALLA TRADIZIONE DI PROVE SPECIALI UNICHE
Ultimi ritocchi per il 18°Rally del Tirreno
Ultimi ritocchi per il 18°Rally del Tirreno
PAVEL GROUP RADDOPPIA IN ROMANIA: DUE FABIA R5 AL VIA AL RALLY SIBIU CON BARBU E RASPOPA
PAVEL GROUP RADDOPPIA IN ROMANIA: DUE FABIA R5 AL VIA AL RALLY SIBIU CON BARBU E RASPOPA
LA RALLY SPORT EVOLUTION COMINCIA CON UN SETTIMO POSTO IL TROFEO GR YARIS RALLY CUP
LA RALLY SPORT EVOLUTION COMINCIA CON UN SETTIMO POSTO IL TROFEO GR YARIS RALLY CUP
MM MOTORSPORT ALLA CHIAMATA “CRZ” DI SALSOMAGGIORE TERME:  A SIMONE BRUSORI LA SKODA FABIA R5 EVO
MM MOTORSPORT ALLA CHIAMATA “CRZ” DI SALSOMAGGIORE TERME: A SIMONE BRUSORI LA SKODA FABIA R5 EVO
NUMERI PAZZESCHI PER IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME: ATTESI CENTONOVANTOTTO EQUIPAGGI Ennesimo successo per gli organizzatori della corsa parmense che tra rally moderno, storico e regolarità hanno messo in archivio 198 iscrizioni; si corre sabato 31
NUMERI PAZZESCHI PER IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME: ATTESI CENTONOVANTOTTO EQUIPAGGI Ennesimo successo per gli organizzatori della corsa parmense che tra rally moderno, storico e regolarità hanno messo in archivio 198 iscrizioni; si corre sabato 31
GIANESINI: TRE PUNTI A DI TROFEO ALLA PRIMA DEL GR YARIS RALLY CUP
GIANESINI: TRE PUNTI A DI TROFEO ALLA PRIMA DEL GR YARIS RALLY CUP
UN TRIO TRA SCORZE’ E SALSOMAGGIORE
UN TRIO TRA SCORZE’ E SALSOMAGGIORE
SALSOMAGGIORE, IL SETTEBELLO DI COLLECCHIO CORSE
SALSOMAGGIORE, IL SETTEBELLO DI COLLECCHIO CORSE
MIOLO, A SCORZÈ, APRE LA CACCIA AI PRIMI PUNTI
MIOLO, A SCORZÈ, APRE LA CACCIA AI PRIMI PUNTI
SCOPEL TORNA A SCORZÈ, DA PILOTA
SCOPEL TORNA A SCORZÈ, DA PILOTA
LA DELUSIONE DI SULPIZIO, LA GIOIA DI MOZZATO
LA DELUSIONE DI SULPIZIO, LA GIOIA DI MOZZATO
EFFERREMOTORSPORT – Rally 2 Laghi archiviato, nuovo appuntamento a Salsomaggiore Terme
EFFERREMOTORSPORT – Rally 2 Laghi archiviato, nuovo appuntamento a Salsomaggiore Terme
PASSATO E FUTURO PER LO SCORZÈ DI XMOTORS TEAM
PASSATO E FUTURO PER LO SCORZÈ DI XMOTORS TEAM
JTEAM DIVENTA DREAM TEAM AL CITTÀ DI SCORZÈ
JTEAM DIVENTA DREAM TEAM AL CITTÀ DI SCORZÈ
DE ANTONI SODDISFATTO A METÀ AL ROMA CAPITALE
DE ANTONI SODDISFATTO A METÀ AL ROMA CAPITALE
Salcuni Domenico

Salcuni Domenico

Faggioli su Norma firma il 56° Trofeo Luigi Fagioli

Domenica, 01 Agosto 2021 18:39 Published in Salite

Faggioli su Norma firma il 56° Trofeo Luigi Fagioli

 

Il campione toscano ha trionfato per la 12esima volta a Gubbio interrompendo i successi di Merli, che sull'Osella è dietro di un soffio dopo aver vinto gara 2 al culmine di un intenso duello. Sul podio anche Cubeda sull'altra Fa30. Il settimo round del Tricolore Montagna ha incassato l'ennesimo successo organizzativo e premiato l'osimano Giacché fra le storiche, mentre il padrone di casa Urbani si aggiudica il Trofeo Rampini come miglior umbro e Fazzino il Trofeo Cecilioni per l'Under 25

Gubbio (PG), 1° agosto 2021. Duello al fotofinish nel concentrato di adrenalina del 56° Trofeo Luigi Fagioli, la settima prova del Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) che non smentisce le attese e ha premiato sul primo gradino del podio Simone Faggioli e la Norma M20 Fc Zytek. Per il pluricampione fiorentino è il 12esimo centro personale sui 4150 metri della Gubbio-Madonna della Cima. Il successo gli mancava dal 2015 ed è arrivato dopo l'intenso duello con Christian Merli, il trentino secondo assoluto e sull'Osella Fa30 Evo Zytek staccato di appena 9 decimi in totale nel tentativo di rimonta che gli ha garantito la vittoria parziale nella seconda salita di gara, mentre l'etneo Domenico Cubeda ha concluso terzo con la Fa30 Zytek completando il podio come nel 2020. Nell'edizione della gara in formato internazionale, con al lavoro anche gli osservatori della FIA, è ancora una volta la girandola d'emozioni finale a decidere tutto, ma i colpi di scena non sono mancati neppure nelle altre categorie e in particolare nella prima metà di gara 1: auto storiche e parte delle Turismo moderne hanno affrontato il tracciato ancora umido dopo la pioggia caduta abbondante un'ora prima del via. Un imprevisto che ha condizionato le prestazioni di molti dei 196 piloti ammessi al via, ma non la gestione complessiva dell'evento. Infatti, il Comitato Eugubino Corse Automobilistiche (CECA) e la direzione gara con a capo Fabrizio Fondacci hanno risolto celermente tutte le evenienze sopraggiunte con mezzi e professionalità che l'organizzazione eugubina ha di nuovo dimostrato di saper mettere in campo e far funzionare nella maniera più efficace. Un successo organizzativo e logistico che completa le tante iniziative intraprese e coronate nell'edizione 2021 del Trofeo Fagioli. In primis quella della diretta televisiva dell'evento, grazie alla produzione garantita da ACI Sport che ha messo la gara a disposizione di tutti su ACI Sport TV (canale 228 di Sky) e sui rispettivi canali social via web. Prima del weekend, i momenti più emozionanti sono stati invece la consegna di un riconoscimento alla famiglia in ricordo di Marcello Cecilioni, storico ufficiale e direttore di gara eugubino scomparso a fine gennaio al quale è stato dedicato anche un Trofeo assegnato al primo under 25 in gara (vinto dal giovane siciliano Luigi Fazzino), e la cerimonia del Memorial Angelo e Pietro Barbetti, che mercoledì è stato consegnato alla nota firma di “Autosprint” Mario Donnini, che nell'occasione è stato protagonista di una spassosa “chiacchierata” sul motorsport con un incontenibile Arturo Merzario. il già pilota F.1 che ricevette a sua volta il Memorial anni fa tornato a Gubbio ospite del Rotary Club per raccontare tanti episodi e aneddoti.

 

Tornando alla domenica del “Fagioli”, Simone Faggioli e la sua Norma-Zytek hanno vinto la 56esima edizione grazie soprattuto al tempo messo a segno nella gara 1 mattutina, coperta in 1'33”45, che sommato all'1”34”72 colto in gara 2 gli ha permesso di svettare su Merli con il tempo totale di 3'08”17, tempo che oltre all'assoluta lo pone in testa anche al gruppo dei prototipi E2SC. Il rivale trentino, staccato di 1 secondo nella prima salita con il prototipo-monoposto di casa Osella, ha cercato la rimonta nel pomeriggio, aggiudicandosi di un soffio gara 2 in 1'34”57 ma restando secondo nell'assoluta per soli 9 decimi, vincendo comunque il gruppo delle monoposto E2SS. Sul podio generale, alla presenza del sindaco Stirati e dell'assessore Damiani e con tanto di inno nazionale suonato e cantato dai bersaglieri dell'esercito, è salito anche Cubeda, terzo come nel 2020 e capace di contenere i due campioni europei con due salite piuttosto regolari.

Tanti i duelli anche sotto al podio. Quarto ha concluso il potentino Achille Lombardi con la prima Osella di classe 2000, la Pa2000 Honda con la quale ha contenuto il ritorno di Luigi Fazzino sulla versione Turbo in gara 2. Il 22enne driver siracusano ha così completato la top-5 assoluta, aggiudicandosi il Trofeo Marcello Cecilioni come primo under 25 al traguardo. Seguono quindi l'esperto siciliano Franco Caruso (Nova Proto Np01 Zytek), il driver salernitano Angelo Marino (alle prime esperienze sull'Osella Pa30 Zytek) e, ottavo, il francese Seb Petit. Il pluricampione transalpino era a Gubbio per testare e continuare lo sviluppo della Nova Proto Np01 4x4 Turbo, primo esemplare del genere della casa francese a calcare i percorsi italiani, fra l'altro con riscontri incoraggianti in vista della prossima tappa sul Mont Dore. Hanno completato la top-10 i duellanti del gruppo Motori Moto il milanese Giancarlo Maroni jr. e il ragusano Samuele Cassibba sulle rispettive Osella Pa21 JrB, mentre il vincitore tra i prototipi CN, l'eugubino Gianni Urbani (Osella Pa21 Honda), è stato premiato anche con il Trofeo Mauro Rampini, dedicato al pilota concittadino e assegnato al primo driver umbro al traguardo (13esimo).

“Scendendo” dai prototipi, è di Luca Gaetani il gradino più alto sul prestigioso podio del gruppo GT, categoria che a Gubbio ospitava marchi come Ferrari, Lamborghini, Porsche e Lotus. Sulla 488 Challenge del Cavallino il pilota padovano ha vinto in rimonta per soli 7 decimi su Rosario Iaquinta, il calabrese di Castrovillari che si era aggiudicato di un soffio gara 1 con la lambo Huracan ST. Terza l'altra Ferrari 488 in versione Challenge di Roberto Ragazzi. Fra le vetture Turismo più “estreme”, successo prezioso in gruppo E2Sh per il teramano Marco Gramenzi sul “vicino” ascolano Alessandro Gabrielli nel “derby” fra le ammirate Alfa Romeo 4C in versione Silhouette; In gruppo E1, invece, sorprende in gara 2 Giuseppe Aragona, il driver calabrese che con la Mini Cooper supera di appena 17 centesimi il potentino Carmine Tancredi, che si era aggiudicato gara 1 con la Ford Escort Cosworth.

Nei più classici dei gruppi FIA dominano le Mitsubishi Lancer Evo: in Gr.A ennesimo exploit dell'alto-atesino Rudi Bicciato, mentre il pilota di Sansepolcro Lorenzo Mercati si è aggiudicato il Gr.N al culmine di un weekend perfetto al rientro dopo un mese e mezzo. Duelli sempre accesi e colpi di scena a ripetizione in Racing Start. Fra le Cup, il giovane siciliano Andrea Palazzo si impone in totale sulla Peugeot 308 Racing Cup, pur arrendendosi per un solo decimo in gara 2 all'ottima verve del poliziotto salernitano Gianni Loffredo, che fa sua la classe RsTc1 con la 308 in versione Tcr. In Plus successo per lui pesante in ottica tricolore del driver pugliese Giacomo Liuzzi, che sulla Mini Cooper torna a vincere a Gubbio con un nuovo record di categoria. Fra le turbo benzina svetta il capoclassifica e pluricampione Antonio Scappa, al volante della Peugeot 308 Gti sulla quale il driver reatino è sempre più a suo agio. La sorpresa è la vittoria “in rosa” tra le turbodiesel/aspirate di Anna Maria Fumo, la pilota pugliese che ha costruito il successo al volante della Mini Cooper Sd soprattutto nelle condizioni di umido di gara 1. La prova dell'Italiano Bicilindriche con le “sguscianti” Fiat 500 in stile Minicar premia Andrea Currenti, che in gara 2 resiste al tentativo di rimonta di Angelo Mercuri, mentre tra le scadute di omologazione successi pieni per l'orvietano Gabriele Bissichini sulla Renault Clio Williams in Produzione Evo e per l'altoatesino Lukas Kerschbaumer con la Honda Civic in Produzione Serie.

Autore anche del miglior riscontro nelle prove ufficiali, Giacinto Giacché ha portato la Fiat 131 Abarth in vetta alla competizione riservata alle auto storiche con il tempo totale di 5'00”28. Per il pilota di Osimo, il paese originario proprio di Luigi Fagioli prima dell'approdo a Gubbio, è il primo centro nella gara umbra, nella quale si è aggiudicato anche il 3. Raggruppamento. Alle sue spalle Marco Naibo, il giuliano a sua volta primo nel 4. Raggruppamento con la Ford Sierra Cosworth, ed Ennio Bragagni, proveniente da Pieve Santo Stefano e vincitore del 2. Raggruppamento sulla Fiat Giannini 650 Hp.

 

Ordine di arrivo ufficioso dei primi 10: 1. Faggioli (Norma M20 Fc Zytek) in 3'08”17; 2. Merli (Osella Fa30 Evo Zytek) a 0”94; 3. Cubeda (Osella Fa30 Zytek) a 11”58; 4. Lombardi (Osella Pa2000 Honda) a 13”89; 5. Fazzino (Osella Pa2000 Turbo) a 14”21; 6. Caruso (Nova Proto Np01-2 Zytek) a 15”56; 7. Marino (Osella Pa30 Zytek) a 17”74; 8. Petit (Nova Proto Np01 4x4 Turbo) a 18”68; 9. Maroni (Osella Pa21 JrB) a 18”93; 10. Cassibba (Osella Pa21 JrB) a 23”51.

 

L'UFFICIO STAMPA

Rif. Gianluca Marchese

COPPA SLALOM 5^ ZONA - CAMPIONATO SICILIANO -

 

GIROLAMO INGARDIA CONQUISTA IL 5° SLALOM ALTOFONTE-REBUTTONE. GIUSEPPE GIAMETTA BATTUTO

PER 39 CENTESIMI

 

 Girolamo Ingardia fa suo il 5° Slalom Altofonte-Rebuttone, gara valevole per la Coppa Slalom 5^ Zona Aci/Sport e per il Campionato Regionale Slalom, organizzata dall’A.S.D. Scuderia Armanno Corse. Il pilota della Trapani Corse ha preceduto di soli 39 centesimi, Giuseppe Giametta. Il vincitore della precedente edizione ci ha provato fino all’ultima manche senza però riuscire ad abbassare il tempo di 2:42.61, ottenuto al primo tentativo.

Completa il podio Salvatore Arresta (2:46.74), che ha chiuso davanti a Nicolò Incammisa. Sul percorso, di 3,8 km, sulla SP5-SP Bis, che collega Altofonte a Piana degli Albanesi, si è messo in mostra anche il pilota locare, Sergio Castellese, primo nel Gruppo RS.

 

 

Altofonte, 31 luglio – Girolamo Ingardia si aggiudica il 5° Slalom Altofonte-Rebuttone, fermando il cronometro in 2:42.22. Il pilota della Trapani Corse sale così sul gradino più alto del podio, precedendo Giuseppe Giametta di soli 39 centesimi. Davvero un niente. C'è stata incertezza fino all'ultimo momento ma per il pilota del T.M. Racing non c'è stato nulla da fare. Giametta ha dato tutto e i tre tempi cronometrati, davvero vicini, l'uno dall'altra, ne sono una prova.

 

Ingardia ha fatto la differenza nel secondo giro, migliorandosi di più di tre secondi: "Il cambio nuovo mi ha dato problemi nella prima salita - ammette ai nostri microfoni il vincitore - e così nella seconda ho deciso di tornare alla leva. Penso di aver fatto un giro quasi alla perfezione".

 

Niente terza manche - Ingardia ha deciso di rischiare e di non scendere in pista per il terzo tentativo: "Si poteva migliorare ma visto il caldo e altri fattori ho deciso di fermarmi. 39 centesimi di distacco? Vuol dire che siamo lì, che abbiamo fatto bene entrambi. Sono distacchi che ci stanno, ci ho pure perso in altre circostanze; ormai, basta un centesimo per fare la differenza".

 

Ingardia, dunque, esulta senza salire in macchina per il terzo giro, così come Salvatore Arresta, sul podio con la sua Gloria Suzuki, con il tempo di 2:46.74. Chiude con un quarto posto, invece, Nicolò Incammisa, alla guida della sua Radical SR4. Il presidente della Trapani Corse (2:53.98), che paga un distacco di ben 11,76 secondi dal primo, si è messo alle spalle Salvatore Gentile (Elia Avrio Suzuki) e Salvatore Catanzaro (Predator's Yamaha), entrambi piloti della Scuderia Armanno Corse.

 

Motivo per ricordare che la gara, valevole per la Coppa Slalom 5^ Zona Aci/Sport e per il Campionato Regionale Slalom, è stata organizzata dall’A.S.D. Scuderia Armanno Corse. Un plauso va davvero a tutti i ragazzi dell'organizzazione che hanno fatto sì che lo slalom si svolgesse senza alcun intoppo. Presente, a seguire, tutte le fasi della gara anche il presidente Gaetano Armanno, vero cuore pulsante della manifestazione.

 

Tornando alla gara, la top 10 è completata da Alfredo Giamboi, settimo con la sua Fiat X1/9, e da altri due piloti dell'Armanno Corse, Francesco Castello (ottavo con la sua Fiat 500 S.) e Giovanni Francesco La Manna (decimo con la sua Fiat 500). Tra i due, in nona posizione, troviamo, invece, Gabriele Giaimo (Fiat 500 S). Per quanto riguarda la speciale classifica Lady, Angelica Giamboi, alla guida della FIAT X1/9, ha fermato il tempo in 3:35.79, 33esima assoluta, davanti a Rossella Pappalardo, 46esima su Fiat 500.

 

 

Da sottolineare poi la grande gara di Sergio Castellese. Il pilota locale, dell'Armanno Corse, era chiaramente tra i più attesi. Con la sua Peugeot 106 R si è messo tutti alle spalle nel Gruppo RS, con il miglior crono di 3:35.57 e precedendo Girolamo Reina (3:44.99) e Rosario Rattenuti (3:53.38)

 

Per quanto riguarda gli altri Gruppi, vittorie per Fabio Ippolito (RS PLUS), Mario Radici (N), Tommaso Massimo Burgio (A), Giorgio Caschetto (BC), Alfredo Giamboi (S), Francesco Castello (E1), Gianfranco Barbaccia (PS), Filippo Cerniglia (E2 SH), Girolamo Ingardia(E2SS) e Nicolò Incammisa (E2 SC).

 

Dando uno sguardo alle auto storiche, il primo posto assoluto se lo aggiudica Salvatore Battaglia, che con la sua BMW M3, ha preceduto Salvatore Parisi (Fiat Uno Turbo) e Rosolino Francesco Barbaccia, primi rispettivamente nei Gruppi HST1 e HST3. Tra le Attività di Base, invece, si registra solo il tempo di Francesco Burgio, in 3:51.19

 

 

TOP TEN

 

1 - Girolamo Ingardia (2:42.22)

2 - Giuseppe Giametta (2:42.61)

3 - Salvatore Arresta (2:46.74)

4 - Nicolò Incammisa (2:53.98)

5 - Salvatore Gentile (3:03.26)

6 - Salvatore Catanzaro (3:06.51)

7 - Alfredo Giamboi (3:06.90)

8 - Francesco Castello (3:10.32)

9 - Gabriele Giaimo (3:13.15)

10 - Giovanni Francesco La Manna (3:14.38)

 

Per ulteriori informazioni sul 5° Slalom Altofonte-Rebuttone si invita a consultare il sito scuderiaarmannocorse.com.

 

Addetto stampa 5° Slalom Altofonte-Rebuttone, Martin Sartorio

VELLANI E MIELE INFIAMMANO LA SFIDA AL  4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME

Il varesino replica a Vellani nella Ps2 ma il reggiano si rifà nella Ps3 riportandosi al comando dell’assoluta.

Salsomaggiore (PR) – Il Rally di Salsomaggiore Terme è entrato nel vivo e la sfida sta diventando infuocata.

Dopo l’iniziale leadership di Vellani-Maletti (Skoda MS Munaretto) nella giornata di ieri, Simone Miele ed Erika Badinelli (Skoda DreamOne) si sono portati al comando con lo scratch nella prima prova odierna, la Pellegrino. Nemmeno il tempo di gioire che sulla successiva Varano, Vellani si è rifatto avanti sopravanzando l’avversario nella generale di 1”5.  La scelta delle gomme è stata per il momento decisiva: tutti equipaggiati Pirelli, i primi della lista hanno optato per scelte differenti; Miele ha giovato inizialmente delle gomme intermedie, più adatte sula Pellegrino mentre Vellani, Medici e gli altri, hanno approfittato del maggiore grip delle gomme da asciutto nella Varano.

“Per ora siamo contenti – spiega Roberto Vellani- perché è una bella sfida nella quale ci stiamo esprimendo al meglio; vedremo se e come il meteo cambierà influenzando le strategie di gara.”

Terza piazza provvisoria per il reggiano Davide Medici con la lombarda Silvia Rocchi: i due, al debutto su VW Polo R5 di Erreffe, stanno facendo una gara ad ottimi ritmi specie se si considera l’anno di assenza dalle corse; il loro distacco da Vellani è di 5”3.

Tosi (GIMA) è quarto a 6”9 e punta a progredire mentre Antonio Rusce (Erreffe), quinto, è sconsolato: il suo distacco di 11”7 è dovuto ad un problema alla valvola pop off.

Anche nelle storiche è bagarre. Il reggiano Lusenti fa sua la prima prova mentre il paese Ghezzi vince la seconda e la terza seppur con esiguo margine. Lusenti al primo parco assistenza arriva con 1”3 di vantaggio ma l’impressione è che la gara sarà tiratissima.

Giacoppo-Randon su Lancia Fulvia comandano nella gara di regolarità con 10 penalità; la Volvo di Fabbri-Sartore è seconda con 16 mentre con 17, in terza piazza, figurano Ertola e Paradisi (Opel Kadett) primi leader dopo la prova di ieri.

La corsa è organizzata dalla Media Rally Promotion e dalla SalsoRally&Promotion.

 

Addetto stampa Luca Del Vitto

VELLANI PRIMO LEADER DEL 4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME

Sabato, 31 Luglio 2021 22:13 Published in Rally

VELLANI PRIMO LEADER DEL 4° RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME

Parte sotto l’insegna del reggiano Vellani la quarta edizione del Rally di Salsomaggiore Terme. Seguono Rusce e Miele, entrambi a meno di un secondo di svantaggio.

 

Salsomaggiore (PR) – Solo un chilometro e ottocento metri ma utili per far capire alcune cose. E’ partito con uno spettacolare prologo cronometrato il Rally di Salsomaggiore Terme 2021.

Intanto che la corsa è entrata nel vivo, che Roberto Vellani fa sul serio e che tutti i principali avversari sono già concentrati sulla sfida che si dipanerà domani sui tratti di Pellegrino e Varano. Dopo aver visto sfumare la vittoria nelle ultime due edizioni per una foratura e per un guasto, il driver reggiano Roberto Vellani, in coppia con Silvia Maletti è partito facendo capire le intenzioni bellicose come già dichiarato sul palco partenze: “Mi bruciano ancora  le vittorie mancate degli scorsi anni e non voglio concedere altre chance ai rivali che già sono numerosi ed agguerriti.” Pronto fatto ed il pilota della Skoda R5 by MS Munaretto ha messo il muso davanti a tutti nella Salsomaggiore Show con il tempo di 1’10”3. Secondo il campione in carica Antonio Rusce mentre terzo è il varesino Simone Miele, entrambi su Skoda. Quarto è Tosi (Skoda) mentre quinto è Medici su Polo ma anche per loro si parla di distacchi contenuti.

La prima “non R5” è la Clio S1600 di Vescovi-Guzzi che puntano alla finale di Modena passando proprio da Salsomaggiore. Ricci, 25° è primo di gruppo N con la Subaru Impreza Wrx.

Tra le storiche la prima affermazione è di Loris Lusenti e Francesca Romei su Porsche 911 gruppo 4  (3° Raggr). Il loro tempo totale di 1’19”9 è migliore per 1”8 di quello dei pavesi Ghezzi e Benenti Porsche 911 Sc, alla prima volta sulle strade parmensi. Podio provvisorio per i bravi Lenci e Celli a bordo della piccola Peugeot 205 1.9; ancora una volta il talento del driver del leone rampante è in evidenza! Non partita la Achino (Fiat Uno) e ritirato anche Vasino (Porsche 911 ST).

La corsa è organizzata dalla Media Rally Promotion e dalla SalsoRally&Promotion.

 

Addetto stampa Luca Del Vitto

COPPA SLALOM 5^ ZONA - CAMPIONATO SICILIANO 

 

SONO 66 I PILOTI CHE HANNO VERIFICATO E CHE DOMANI PRENDERANNO IL VIA AL 5° SLALOM

ALTOFONTE-REBUTTONE

 

 

Si sono concluse nel tardo pomeriggio di oggi le verifiche del 5° Slalom Altofonte-Rebuttone, propedeutiche alla gara che avrà il suo inizio domani, alle ore 08.00, con un giro di ricognizione, prima delle tre manches cronometrate. Son 66 i piloti che hanno verificato e che in mattinata si sfideranno sul tradizionale percorso, che si dirama per 3,8 km, sulla SP5-SP Bis. La gara, ricordiamo, è valevole per la Coppa Slalom 5^ Zona Aci/Sport e per il Campionato Regionale Slalom ed è organizzata dall’A.S.D. Scuderia Armanno Corse.

 

Altofonte, 31 luglio – Giornata calda in tutti i sensi ad Altofonte. Presso la Piazza Falcone e Borsellino del comune della Città Metropolitana di Palermo si sono svolte le verifiche in vista del 5° Slalom Altofonte-Rebuttone. La gara, inserita all’interno del calendario della Coppa Slalom 5^ Zona Aci/Sport e del Campionato Regionale Slalom, si svolgerà domani. Lo start è previsto alle ore 08.00, con il giro di ricognizione, prima delle tre manches cronometrate.

 

I piloti – ben 66 i verificati - sono dunque pronti a darsi battaglia, sull'ormai consueto percorso, che si dirama per 3,8 km, sulla SP5-SP Bis, che collega Altofonte a Piana degli Albanesi.

 

Oggi, dunque, nel primo pomeriggio sono iniziate le verifiche, propedeutiche alla gara di domani. Gli appassionati sono accorsi ad ammirare alcune delle macchine che scenderanno in pista. L'adrenalina è a mille e lo si tocca con mano tra i ragazzi dell'organizzazione, l’A.S.D. Scuderia Armanno Corse, instancabili e mai fermi per regalare uno spettacolo che possa soddisfare i piloti e tutti gli appassionati.

 

Presente alle verifiche, anche Sergio Castellese. Il pilota locale, dell'Armanno Corse, è chiaramente tra i più attesi. Con la sua Peugeot 106 R è pronto a regalare spettacolo: "Il circuito è abbastanza impegnativo e guidato - esordisce Castellese ai nostri microfoni - Obiettivi? Portare la macchina a casa, sana e salva (sorride, ndr.). Poi, è ovvio che quando si corre, si sale in macchina per vincere ma l'importante è divertirsi e riuscire a dare il meglio".

Per quanto riguarda l'assoluto, Castellese non ha dubbi - "Ingardia e Giametta si giocheranno il gradino più alto del podio ma attenzione a Salvatore Gentile e Nicolò Incammisa. Sarà davvero una battaglia".

 

Castellese così come il papà, è in prima linea, con tutta l'Armanno Corse, e i tantissimi volontari, per la realizzazione della gara: "Papà è un grande appassionato e una grande persona, in prima linea con tutto il team Altofonte Corse. Ci auguriamo davvero di veder crescere lo Slalom Altofonte-Rebuttone".

 

Tra i primi ad arrivare ad Altofonte, anche Nicolò Incammisa. L'esperto pilota della Trapani Corse, reduce da un grande risultato a Sant'Angelo Muxaro, pone l'obiettivo e fa il suo pronostico per la gara: "Dopo il secondo posto, spero di andare a podio - esordisce Incammisa -. Ci proveremo anche se non sarà facile. Ingardia e Giametta, infatti, si giocheranno il primo posto, poi ci sono io ed altri che ci proveremo. Io parto sempre per arrivare primo (sorride, ndr.). Il percorso è abbastanza impegnativo ma daremo come sempre il massimo, è una promessa".

 

Domani, dunque, come confermano i piloti intervistati, a giocarsi il gradino più alto del podio saranno Girolamo Ingardia, con la sua Ghipard Suzuki, e Giuseppe Giametta. Il pilota del T.M Racing ha mantenuto le promesse e domani proverà a difendere il successo dello scorso anno, con la sua Gloria B4 Yamaha, rimessa in pista velocemente dopo i problemi avuti nelle ultime uscite.

 

Per ulteriori informazioni sul 5° Slalom Altofonte-Rebuttone si invita a consultare il sito scuderiaarmannocorse.com.

 

Addetto stampa 5° Slalom Altofonte-Rebuttone, Martin Sartorio

A Gubbio motori accesi e sfide annunciate

Sabato, 31 Luglio 2021 21:57 Published in Salite
A Gubbio motori accesi e sfide annunciate
 
Domenica le due gare dalle 9 e dalle 11 in live streaming e diretta su ACI Sport TV.
Sin dalle ricognizioni il 56° Trofeo Luigi Fagioli promette spettacolo. Tra Faggioli e Merli solo 28 centesimi dopo le ricognizioni, diversi pronti a contendersi il podio, con Cubeda più attaccato ai primi, poi Lombardi e Fazzino. Gianni Urbani in evidenza tra i piloti di casa, migliore di gruppo CN.

Gubbio 31 luglio 2021. Non si smentisce la rodata macchina organizzativa del Comitato Eugubino Corse automobilistiche e già dalle ricognizioni il 56° Trofeo Luigi Fagioli ha saputo regalare emozioni con cadenza regolare e fluida. A parte il caldo estivo l’atmosfera è sempre più frizzante in vista delle due salite di gara che scatteranno domani, domenica 1 agosto a partire dalle 9 e dalle 11 la gara umbra sarà visibile in live streaming e in diretta su ACI Sport TV (228 Sky).

Ha debuttato su un tracciato italiano la Norma M20 FC in versione 4x4 ed il francese Sèbastien Petit, autore del 7° crono di giornata, ne ha apprezzato l’alto potenziale e la motricità, consapevole del lavoro di sviluppo ancora necessario e alle prese con un set up da ottimizzare sul fondo impegnativo perché a volte scivoloso. Non si è fatta attendere l’anteprima del duello che tutti attendono tra Simone Faggioli su Norma M20 FC Zytek e Christian Merli su Osella FA 30 Zytek. Il fiorentino ed il trentino che hanno usato da veri esperti i dati in loro possesso per regolare il set up delle rispettive biposto ufficiali. Per la gara saranno determinanti le scelte di mescola di pneumatici, resa ancora più difficile dalle alte temperature esterne. Dopo una prima salita dove il vincitore e recordman delle ultime due edizioni della gara ha ottenuto il miglior riscontro, nella seconda è arrivata puntuale la risposta del leader tricolore, ma la differenza sull’interpretazione dei 4,150 KM, si è fermata a 28 centesimi di secondo.

Anche il catanese Domenico Cubeda ha usato i riferimenti già in su possesso per regolare l’Osella FA 30 Zytek, con cui ha ottenuto il terzo riscontro di giornata e si è maggiormente avvicinato ai due driver ufficiali, contendenti del tricolore e dell’europeo. Hanno mostrato di potersi giocare il podio della gara anche l’esperto Achille Lombardi, il potentino che ha ritrovato appieno l’Osella PA 2000 Honda, poi il giovane siciliano Luigi Fazzino che ha trovato un ottimo tracciato per le sue doti di guida ma soprattutto per il potenziale del motore turbo dell’Osella PA 2000. Prove dai riscontri positivi anche per il salernitano Angelo Marino che riesce a trarre sempre più dall’Osella PA 30 Zytek. Ha ottenuto il miglior riscontro in gruppo CN ed è stato il miglior pilota locale in prova Gianni Urbani, che ora è pronto all’assalto della categoria al volante dell’Osella PA 21S. Tra i primi 10 riscontri delle ricognizioni l’altro siciliano, l’esperto Franco Caruso sempre concentrato in prova al volante della Nova Proto NP01-2 Zytek, poi i protagonisti ancora una volta annunciati della sfida per le sportscar con motorizzazione motociclistica, ossia il giovane lombardo Gian Carlo Maroni jr con la versione da 16.6 dell’Osella Suzuki e il siciliano Samuele Cassibba sulla Jrb Suzuki da 1000 cc. Per gli altri gruppi il calabrese Rosario Iaquinta su Lamborghini Huracan si è portato in evidenza tra le super car del gruppo Gt, ma Luca Gaetani ha preparato la contro mossa sulla Ferrari 488. Per le Shilhouette E2SH Alessandro Gabrielli ha per ora preceduto in prova Marco Gramenzi, per l’anteprima del duello tra Alfa 4C. Carmine Tancredi ha immediatamente confermato le scelte di set uo per la Ford Escort Cosworth con cui ha prenotato il ruolo di protagonista. Rudi Bicciato, su Mitsubishi Lancer ha rallentato nella seconda salita dopo aver incontrato un concorrente uscito di strada, ma l’altoatesino ha ugualmente prenotato il gruppo A. alle prese con la riparazione della Mitsubishi. Si è sentito già in prova il rientro in gruppo N del valtiberino Lorenzo Mercati che ha testato con successo il pieno ripristino della Mitsubishi Lancer, anche se la leader Gabriella Pedroni ha opportunamente affilato le armi sulla sua Lancer. Racing Start Plus Cup Andrea Palazzo ha ottenuto il miglior riscontro di giornata sulla Peugeot 308, come  in Racing Start Plus ha fatto il giovane altoatesino figlio d’arte Lukas Bicciato, sempre più convincente al volante della Renault Clio. Per la racing Start Antoni Scappa ha l’en plein nel mirino suo e della Peugeot 308, ma in evidenza anche il giovane eugubino figlio d’arte Alex Picchi, che tornato dopo l’esordio di iniziato stagione a Sarnano, sulla MINI, punta in alto per la gara.

Entusiasmo palpabile in una Gubbio in cui son tornati i turisti, la città meta di tanti visitatori fa come sempre da cornice attiva alla apprezzata gara denominata non a caso “Montercarlo delle Salite”.

 

 

 

L'UFFICIO STAMPA 

Rif. Gianluca Marchese

AL VIA IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME

Sabato, 31 Luglio 2021 21:50 Published in Rally

AL VIA IL RALLY DI SALSOMAGGIORE TERME

Completate le verifiche e lo shakedown si attende la  prova spettacolo pomeridiana per dare il via alle danze. Sei i non verificati mentre c’è già un primo vincitore: Antonaci-Badaracco hanno trionfato nella competizione dedicata ai simulatori.

 

Salsomaggiore (PR) – Un cielo azzurro saluta l’ultimo giorno di luglio in una Salsomaggiore Terme agghindata a festa per la quarta edizione della corsa organizzata dalla Media Rally Promotion e dalla SalsoRally&Promotion.

Centonovanta al via - Dopo le fasi preliminari di verifica e lo shakedown sono pronti al via di oggi pomeriggio ben 190 equipaggi che già alle ore 16.24 prenderanno parte alla prima prova speciale, la Salsomaggiore Show che con il suo chilometro e ottocento metri rappresenta uno spettacolare prologo alle piesse di domani, domenica 1 agosto: i tratti teatro della sfida saranno la Pellegrino e la Varano da ripetersi entrambe tre volte.

Nella rosa dei pretendenti non figurano sei equipaggi che hanno rinunciato alla sfida: mancheranno con certezza Bedini-Mucci (n.31), Sangermani-Pisati (n.71), Zigliani-Zigliani (n.87), Spiga-Guiotto (n.102), Darbusti-Darbusti (n.110) e Bugna-Tognolini (n.129). Tutti presenti invece, gli iscritti alla 3° edizione dell’Historic così come quelli della Classic, la gara di regolarità.

Pronostico difficile – Non è facile indicare un vincitore per la 4° edizione della corsa parmense: sono molti infatti coloro che hanno le carte in regola per ambire al gradino più alto del podio. In primis Antonio Rusce: il driver di Rubiera è il vincitore delle ultime due edizioni e conosce bene il tracciato così come la Skoda Fabia R5 Evo che sta utilizzando nel Campionato Italiano ed in altri contesti. Non sarà l’unico con priorità vista la presenza del leader della serie Irc Simone Miele che però, parcheggiata temporaneamente la sua Wrc, utilizzerà per la prima volta su strada la Skoda Fabia che dovrebbe utilizzare con assiduità dal 2022. Guai a non considerare però altri due reggiani dal piede pesante: in primis il “contadino volante” Gianluca Tosi, presente per la terza volta a Salsomaggiore e secondo un anno fa. Anche lui su Skoda ha ormai acquisito una certa dimestichezza con la vettura della Freccia Alata ma dovrà stare attento al conterraneo Davide Medici che debutterà su Volkswagen Polo R5. Anche se è un terraiolo doc, fari puntati anche sul modenese Andrea Dalmazzini che mira ad accrescere la sua esperienza su asfalto a bordo di una Ford Fiesta.

La gara avrà validità anche per il trofeo CFB2 Racetech dedicato alle BMW Racing Start: al via sei vetture.

Il rally sarà valido per la Coppa di Zona 5 a coefficiente 1,5 e vedrà la disputa anche per l’R Italian Trophy, il Trofeo Peugeot, il Michelin ed il Pirelli

 

Rally anche in virtuale- Se le vetture reali devono ancora prendere il via, nel mondo virtuale il Rally di Salsomaggiore Terme ha già un vincitore: si tratta dell’equipaggio ligure formato da Mario Antonaci e Giovanni Badaracco: 17 anni il primo, 19 il secondo, i due portacolori della Lanterna Corse hanno condotto una Skoda Fabia R5 staccando di 21” il primo degli inseguitori, De Santis-Vitale. La gara si è svolta grazie al simulatore per PC Assetto Corsa con i tracciati, fedeli alle vere prove del Rally di Salsomaggiore, elaborati dalla Racing Sport Team Italia. “La prova più bella? La Varano” ha sentenziato Antonaci che domani verrà a ritirare la coppa insieme al suo navigatore durante le celebrazioni finali della corsa. Antonaci è attualmente il leader del Campionato Italiano dopo la vittoria al recente Roma Capitale.

 

Addetto stampa Luca Del Vitto

LEONESSA CORSE AL SALSOMAGGIORE DOPO L’ESPERIENZA ROMANA DI MAZZOCCHI

 

Gara travagliata al Roma Capitale per Mazzocchi. Ora la Leonessa Corse pensa al Rally di Salsomaggiore Terme dove sarà impegnata con gli Stizzoli.

 

Brescia – Il Rally Roma Capitale è alle spalle: è stata una gara tribolata per Andrea Mazzocchi e Silvia Gallotti, equipaggio della Leonessa Corse partito con la Skoda Fabia R5 affidatagli dal team M33. Conclusa la gara in 23° posizione assoluta, il driver piacentino traccia un bilancio:

Sapevamo che sarebbe stata una gara estremamente impegnativa e tale si è rivelata. Arrivare in fondo era importante e quindi non ci lasciamo affliggere dai problemi che abbiamo trovato: per noi questa è una stagione in cui è importante imparare e ogni gara ci sta insegnando parecchio. All’inizio abbiamo patito problemi di assetto in quanto non riuscivamo a trovare le soluzioni ottimali; grazie ai notevoli sforzi del team siamo riusciti strada facendo ad apportare le dovute migliorie finché nella parte conclusiva, una guasto ci ha costretto a procedere lentamente. Siamo arrivati e questo è ciò che conta; devo ringraziare ACI Sport ed il Team M33 così come Pirelli che permettono a me e Silvia di vivere questa esperienza: senza il loro appoggio non saremmo nemmeno qui” ha detto Mazzocchi.

La pausa estiva però è ben lungi da venire per la Leonessa che nel fine settimana alle porte sarà impegnata con due equipaggi al Rally di Salsomaggiore Terme. Due new entry faranno parte della scuderia bresciana e più precisamente gli equipaggi Stizzoli-Anselmi e Stizzoli-Pozzan.

Papà Tiziano Stizzoli, driver veronese di Lavagno classe 1961, affronterà la sfida del CRZ a coefficiente 1,5 insieme a Simone Anselmi su una Peugeot 208 T16 R5 (GF Racing); dopo i ritiri maturati al Bardolino, al Valpolicella ed al Benacus, l’equipaggio veneto conta di riscattare il credito con la fortuna trovando così il primo traguardo di stagione.

In gara con i colori della Leonessa Corse ci sarà anche Andrea Stizzoli, figlio di Tiziano, che verrà navigato dalla fidanzata Valentina Pozzan. Entrambi del 1991, i due giovani veneti gareggeranno con una Peugeot 208 R2B. Come per Tiziano, anche Andrea Stizzoli utilizzerà una vettura del team GF Racing.

La corsa parmense si disputerà sabato 31 luglio e domenica 1 agosto sulle speciali Salsomaggiore Show, Varano e Pellegrino per un totale che supera i cinquanta chilometri cronometrati.

AL “VULTURE MELFESE” SCATTA LA SESTA SFIDA DEL TRICOLORE SLALOM

Oggi e domani 78 piloti in gara sulle strade lucane per il Campionato Italiano ACISPORT. 

I “big” a caccia di punti pesanti: al via Emanuele, Venanzio, Schillace, Puglisi e Vinaccia.

 COMUNICATO STAMPA n. 2 – 31 luglio 2021 - vigilia

 

 

Ai piedi del vulcano di Monte Vulture, in Basilicata, si gioca questo fine settimana la sesta e strategica tappa del Campionato Italiano Slalom ACI Sport 2021 che, dopo la prova di quattordici giorni fa a Genova, ha attraversato lo stivale per l’appuntamento strategico con l’8° Trofeo “Vulture Melfese - Città di Melfi e Rapolla”: qui, i big del circus tricolore ci sono già stati lo scorso anno - quando la competizione organizzata da Basilicata Motorsport e da ASD Melfi Corse è entrata nel calendario della massima serie -, conoscono il tracciato e le sue insidie, e puntano al bottino pieno. Primo tra tutti, il vincitore della passata edizione e campione italiano assoluto in carica Salvatore Venanzio: su Radical SR4, il campano vuole riscattare la prestazione negativa in Liguria e deve vincere per poter riprendere in mano le sorti della stagione. Su stessa vettura, i siciliani della TM Racing Emanuele Schillace, attuale leader della classifica, e Michele Puglisi provano invece a dare continuità all’andamento positivo registrato nella prima metà del torneo e ad amministrare il vantaggio conquistato. E poi ci sono i campioni plurititolati, a bordo delle loro Osella PA/90: con il numero 1 sulla monoposto Alfa Romeo, il molisano Fabio Emanuele in questa corsa può puntare a svettare al comando della graduatoria assoluta, sulla vettura numero 2 motorizzata Honda, gli occhi sono puntati sul decorato driver della costiera sorrentina Luigi Vinaccia.

 

 

Sono 78 gli iscritti all’evento valido anche per il Memorial “Gerardo Mossucca” e per il 18° Challenge Interregionale CPB (Campania Puglia Basilicata). Il gruppo N è numericamente il più consistente, con 24 piloti al via: su Renault Clio RS, Alessandro Tortora cercherà di confermare la sua posizione in testa alla classifica di Campionato Italiano Slalom; Domenico Murino, su Peugeot 106 Rallye, mira al primato negli Under 23. Sono dieci i piloti in E2SC, nove i piloti in E1 Italia, tra cui Jessica Scarafone, prima nella classifica femminile di campionato al volante della sua Citroën AX, e nove nel Gruppo Speciale Slalom, sei in Gruppo E2 SH e altrettanti in Gruppo A, cinque in Racing Start, quattro in RS Plus, un prototipo, una bicilindrica e una formula. A difendere i colori di casa, tra gli altri, è in gara il pilota di Melfi Giuseppe Bocchetta, vincitore dell’edizione 2019, su Fiat 127 proto.

 

 

Il programma, domani, domenica 1 agosto, inizierà alle ore 9.30 con la ricognizione ufficiale dall’abitato di Rapolla (PZ) a quello di Melfi seguito da tre manches cronometrate sullo stesso percorso, lungo 3500 metri, allestito con 15 postazioni di rallentamento da quattro file. La premiazione è prevista alle ore 16.45 presso il Bar Hollywood in via Stazione a Melfi. Per informazioni: www.basilicatamotsport.com      

 

L'ufficio stampa

 

La scuderia RO racing pronta ad affrontare un nuovo avvincente fine settimana agonistico.

Jessica Scarafone dovrà difendere la sua leadership nella classifica di campionato italiano femminile al 7°Trofeo Vulture Melfese, in Basilicata. Impegni anche in Sicilia allo Slalom Altofonte Rebuttone.

Ci saranno gli slalom nel fine settimana sportivo della scuderia RO racing. Il sodalizio di Cianciana sarà, infatti, presente con i suoi piloti al 7° Trofeo Vulture Melfese, valevole per il Campionato italiano di specialità e al 5° Slalom Altofonte Rebuttone che si fregia della validità per la Coppa Acisport.

Una nuova trasferta per Jessica Scarafone che sarà al via in Basilicata, al 7° Trofeo Vulture Melfese, per difendere la sua leadership nel Campionato italiano femminile che si disputa tra i birilli.

La grintosa ragazza frusinate affronterà la trasferta nelle Terre del Vulture per ribadire, a bordo della sua Citroen Ax, la supremazia anche nella classe E1 Italia 1400.

In Sicilia invece al 5° Slalom Altofonte Rebuttone, valevole per la Coppa Acisport, saranno tre i piloti che rappresenteranno la scuderia. In classe N 1400, Danilo Puleo con la sua Peugeot 106, da autentico stakanovista sarà a caccia di punti importanti per il campionato. Sempre con una Peugeot 106, ma del Gruppo E1 Italia classe 1600, sarà della partita Pino Imparato. Tra le Auto storiche, Totò Parisi inseguirà un nuovo successo, a bordo della sua inseparabile Fiat Uno Turbo.

 

“Tiferemo per Jessica e sappiamo che anche questa volta farà di tutto per non deludere i suoi tanti supporter – ha detto Rosario Montalbano direttore sportivo della scuderia – l'obiettivo resta fisso ed è la conquista del Titolo italiano”.  

 

 

Privacy Policy