MM Motorsport e Pierre Campana ancora da “top five” nel Campionato Francese Rally:  il pilota corso è quinto assoluto al Rallye du Var
MM Motorsport e Pierre Campana ancora da “top five” nel Campionato Francese Rally: il pilota corso è quinto assoluto al Rallye du Var
SPETTACOLO GR YARIS RALLY CUP  ALLA ADRIATIC CHAMPIONS RACE: VINCE JACOPO FACCO
SPETTACOLO GR YARIS RALLY CUP ALLA ADRIATIC CHAMPIONS RACE: VINCE JACOPO FACCO
ISCRIZIONI PROROGATE AL 3 DICEMBRE  AL 14° RALLY RONDE DI SPERLONGA
ISCRIZIONI PROROGATE AL 3 DICEMBRE AL 14° RALLY RONDE DI SPERLONGA
IL CAMPIONATO PROVINCIALE ACI PISTOIA “ MEMORIAL ROBERTO MISSERI”  HA PREMIATO I SUOI “ATTORI”
IL CAMPIONATO PROVINCIALE ACI PISTOIA “ MEMORIAL ROBERTO MISSERI” HA PREMIATO I SUOI “ATTORI”
Il WRC entra nel 2023 con un entusiasmante calendario dal nuovo look
Il WRC entra nel 2023 con un entusiasmante calendario dal nuovo look
Nuovo appuntamento svedese più ritorno in Ungheria, calendario clou 2023.
Nuovo appuntamento svedese più ritorno in Ungheria, calendario clou 2023.
LE “STELLE” DELLA GR YARIS RALLY CUP  AL VIA DELLA ADRIATIC CHAMPIONS RACE DI JESOLO
LE “STELLE” DELLA GR YARIS RALLY CUP AL VIA DELLA ADRIATIC CHAMPIONS RACE DI JESOLO
IL CAMPIONATO PROVINCIALE ACI PISTOIA  “ MEMORIAL ROBERTO MISSERI”  E’ DI ILARI-MELANI
IL CAMPIONATO PROVINCIALE ACI PISTOIA “ MEMORIAL ROBERTO MISSERI” E’ DI ILARI-MELANI
A JESOLO MOTUS GROUP PUNTA SULLA SOMASCHINI
A JESOLO MOTUS GROUP PUNTA SULLA SOMASCHINI
Pubblicati i video delle prove speciali del rally del Veneto
Pubblicati i video delle prove speciali del rally del Veneto
Claudio Vallino, trasferta argentata al Valli Imperiesi sotto il segno della Yaris
Claudio Vallino, trasferta argentata al Valli Imperiesi sotto il segno della Yaris
Pro Energy nello sterrato sardo del Tandalò
Pro Energy nello sterrato sardo del Tandalò
UNO “SCHIO” DA CARDIOPALMA
UNO “SCHIO” DA CARDIOPALMA
TRA ITALIA E SLOVENIA CON TRE ALFIERI
TRA ITALIA E SLOVENIA CON TRE ALFIERI
UN CITTÀ DI SCHIO RICCO PER RALLY TEAM
UN CITTÀ DI SCHIO RICCO PER RALLY TEAM
IGOR IANI FA TRIPLETTA: PER IL TERZO ANNO CONSECUTIVO VINCE L’U25 DEL TROFEO SUZUKI
IGOR IANI FA TRIPLETTA: PER IL TERZO ANNO CONSECUTIVO VINCE L’U25 DEL TROFEO SUZUKI
TRE SU QUATTRO, A SCHIO, PER JTEAM
TRE SU QUATTRO, A SCHIO, PER JTEAM
MM Motorsport ed il Campionato Francese Rally:  attesa protagonista al Rallye du Var con Pierre Campana
MM Motorsport ed il Campionato Francese Rally: attesa protagonista al Rallye du Var con Pierre Campana
ERREFFE RALLY TEAM SFIORA IL PODIO A CHIUSDINO
ERREFFE RALLY TEAM SFIORA IL PODIO A CHIUSDINO
GRANDE PRESTAZIONE DI RICCARDO TONDINA AL RALLY 2LAGHI
GRANDE PRESTAZIONE DI RICCARDO TONDINA AL RALLY 2LAGHI
GIÒ DIPALMA PROTAGONISTA AL RALLY 2LAGHI CON LA TOYOTA YARIS GR
GIÒ DIPALMA PROTAGONISTA AL RALLY 2LAGHI CON LA TOYOTA YARIS GR
Vortici di emozioni per i fratelli Paolini a Chiusdino
Vortici di emozioni per i fratelli Paolini a Chiusdino
UNA DOPPIA TOP TEN PER PAVEL GROUP A IMPERIA
UNA DOPPIA TOP TEN PER PAVEL GROUP A IMPERIA
GR YARIS SOTTO I RIFLETTORI DEI RALLIES NAZIONALI
GR YARIS SOTTO I RIFLETTORI DEI RALLIES NAZIONALI
MOVISPORT ALL’ADRIATIC CHAMPIONS RACE CON DUE STELLE:  CRUGNOLA E GRYAZIN PER UN NUOVO ALLORO
MOVISPORT ALL’ADRIATIC CHAMPIONS RACE CON DUE STELLE: CRUGNOLA E GRYAZIN PER UN NUOVO ALLORO
BIS DI PODI, A SCHIO, CON DE BARBA E PERUZZO
BIS DI PODI, A SCHIO, CON DE BARBA E PERUZZO
DEBUTTO VINCENTE, PER SANVIDO, ALLO SCHIO STORICO
DEBUTTO VINCENTE, PER SANVIDO, ALLO SCHIO STORICO
SCALZOTTO SENIOR, A SCHIO, È SETTIMO ASSOLUTO
SCALZOTTO SENIOR, A SCHIO, È SETTIMO ASSOLUTO
UN FERRI AMAREGGIATO SFIORA LA TOP TEN A SCHIO
UN FERRI AMAREGGIATO SFIORA LA TOP TEN A SCHIO
CHE WEEKEND PER VILLARDI E PETRUCCIANI
CHE WEEKEND PER VILLARDI E PETRUCCIANI

Come un finlandese di 22 anni ha riscritto i libri dei record dei rally.

 

Seduta alla fermata del Col de Turini giovedì sera al Rallye Monte-Carlo di quest'anno, Kalle Rovanperä sembrava tutt'altro che a suo agio.

 

È stato il debutto delle tanto attese auto ibride Rally1. Nuove auto, nuova tecnologia e, con Sébastien Ogier che si impegna solo a tempo parziale, un nuovo campione garantito alla fine della stagione.

"Penso che l'equilibrio dell'auto sia davvero difficile da guidare per me", ha detto Rovanperä della sua GR Yaris dopo aver perso 42,8 secondi per 23,25 chilometri nella seconda tappa della stagione del 50° anniversario del WRC. "È abbastanza difficile per me".

Ben presto le cose cominciarono a migliorare per il giovane finlandese. Dopo aver terminato la coppia di tappe iniziali al 12° posto assoluto, venerdì è salito al nono posto e sabato stava facendo segnare i tempi della vittoria di tappa.

Chiudendo il Rally di Monte-Carlo al quarto posto, forse Rovanperä non era partito così male dopotutto.

 

Fu un mese dopo a Umeå quando Rovanperä si affermò davvero come un serio contendente al titolo. Aprendo le strade sulla neve e sul ghiaccio del Rally di Svezia, ha gestito alla perfezione i suoi pneumatici Pirelli chiodati per concludere la prima tappa di venerdì alle spalle di Thierry Neuville.

Quando è arrivato sabato, si è avventato, prendendo il comando nella primissima tappa e tenendo a bada il compagno di squadra Elfyn Evans per rimanere in testa.

Un attacco notturno ha fatto la differenza quando, nell'oscurità, Rovanperä ha gettato al vento la prudenza, estendendo il suo vantaggio sul gallese da 1,2 secondi a 8,3 secondi verso un breve giorno finale.

Quando Evans è andato a sbattere contro un cumulo di neve, era gioco, set e match. Rovanperä ha emulato le azioni di suo padre Harri da 21 anni prima di ottenere la vittoria numero tre in carriera.

Ora era in movimento. Il Croatia Rally di aprile, la prima prova su asfalto dell'era ibrida, ha prodotto alcune delle scene più emozionanti che il WRC avesse visto da molto tempo.

 

Rovanperä ha guidato dall'inizio solo per una tempesta nel penultimo test di velocità, annullando il suo sudato vantaggio.

Un emergente Ott Tänak, la cui scommessa su pneumatici Pirelli più morbidi ha dato alla sua Hyundai i20 N un vantaggio in termini di prestazioni sull'asfalto in streaming, ha ottenuto un vantaggio di 1,4 secondi prima della Wolf Power Stage, ma il pilota della Yaris ha gettato cautela al vento e ha ribaltato notevolmente quel deficit per vince di 4,3 secondi, portando i suoi punti a 29 dopo soli tre round.

La tripletta è stata completata poche settimane dopo al Vodafone Rally de Portugal. Dopo aver seguito Evans per i primi due giorni, Rovanperä ha retrocesso il suo compagno di squadra alla fine della penultima tappa.

Domenica ha esteso ulteriormente il suo vantaggio, vincendo il rally e prendendo cinque punti bonus al Wolf Power Stage per lasciare il Porto con 46 punti di vantaggio.

 

Il Rally Italia Sardegna è stato difficile. Con un occhio al campionato, Rovanperä ha avuto il dubbio compito di aprire la strada venerdì e ha lottato per la trazione sulle fasi di ghiaia sconnessa.

Una posizione su strada migliorata più avanti nel rally ha permesso al finlandese di scalare la classifica, ma non è mai stato davvero nella battaglia per il podio e alla fine si è accontentato del quinto posto assoluto, ancora la Toyota con la posizione più alta in un fine settimana deludente per il team.

Nonostante ciò, ha esteso il suo vantaggio in campionato di nove punti dopo che Evans si è fermato per problemi di sospensione.

 

Rovanperä, co-guidato dal partner di lunga data Jonne Halttunen, è tornato presto a vincere al Safari Rally Kenya.

Imperterrito dal sentirsi male, venerdì pomeriggio ha conquistato il primo posto dal compagno di squadra Ogier e da quel momento in poi è stato incontrastato, guidando uno storico 1-2-3-4 per la Toyota Gazoo Racing.

 

"Certo, questa vittoria è un po' più speciale delle altre", ha detto dopo il rally. "Essere anche l'auto vincente in un risultato come questo, è semplicemente fantastico".

 

Il Rally Estonia ha avuto lo stesso successo. Tornato sul luogo della sua prima vittoria nel Campionato del mondo di rally FIA 12 mesi prima, Rovanperä ha preso il comando venerdì pomeriggio prima di ottenere sette tempi consecutivi più veloci in condizioni meteorologiche avverse sabato.

Arrivando al traguardo con più di un minuto di vantaggio dallo sfidante più vicino Evans, e con un'altra vittoria del Wolf Power Stage, il vantaggio in campionato di Rovanperä ora era di 83 punti a soli sette round.

Con cinque anni di siccità da quando un pilota locale aveva vinto il Secto Rally Finland, la pressione era alta per il round di casa di Rovanperä WRC. Ma i festeggiamenti finlandesi sono stati sospesi quando è arrivato secondo assoluto dietro a Ott Tänak, che ha goduto di una nuova svolta di velocità con la sua Hyundai.

Ypres Rally Belgium ha presentato la prima opportunità matematica a Rovanperä di sigillare il titolo ma, per la prima volta in tutta la stagione, il giovane ha dimostrato di poter essere umano dopotutto. Scuocendo un mancino nell'apertura di venerdì, la sua Yaris è scivolata in un fosso famigerato e ha rotolato in modo spettacolare.

 

Uno sforzo monumentale da parte dei meccanici della Toyota ha permesso a Rovanperä di rientrare e recuperare il massimo dei punti Wolf Power Stage, anche se il suo vantaggio di punti su Tänak - che ha vinto il rally - è stato ridotto a 72.

Era una storia simile all'EKO Acropolis Rally Greece. Languindo al nono posto assoluto dopo una brutta giornata di apertura, l'auto di Rovanperä ha subito gravi danni al retrotreno quando ha colpito di lato un albero. È tornato in servizio e il team ha riparato l'auto, ma il danno è stato fatto e ha concluso con un modesto 15 ° posto.

Quando il WRC è tornato al Repco Rally New Zealand dopo una pausa di 10 anni, c'erano dei punti interrogativi sul fatto che Rovanperä sarebbe stato in grado di porre fine al suo brutto periodo di forma e fare abbastanza per prendere il titolo sotto.

Sulla carta, doveva superare Tänak di otto punti per portare a termine il lavoro. Vincendo il rally, tuttavia, ne richiederebbe solo sette in più rispetto al suo rivale all'undicesimo round.

Tänak è partito forte e ha guidato dopo il primo giorno, ma una penalità di 15 secondi per due violazioni delle regole ibride per l'estone ha fornito un regalo di compleanno inaspettato per l'ormai 22enne Rovanperä. Si è allontanato dal branco di inseguitori per portare un comodo tampone nel finale di quattro fasi di domenica.

La vittoria non è mai stata veramente in dubbio, ma il lavoro non era ancora finito. Con Rovanperä l'unico pilota ancora da completare, Tänak ha mantenuto il tempo di riferimento per il Jack's Ridge Power Stage. Per assicurarsi la corona, Rovanperä aveva bisogno di almeno due punti bonus, il che significherebbe essere almeno il quarto più veloce della tappa.

 

La sua risposta? Invio completo.

 

Il tempo di Rovanperä per il test di 6,77 km è stato di sei decimi di secondo più veloce di quello di Tänak, rendendolo il più giovane campione WRC nella storia di questo sport a 22 anni e un giorno.

 

Abbiamo assistito all'era Séb: potrebbe essere questo l'inizio dell'era Kalle? Solo il tempo lo dirà. Una cosa, però, è certa: ha l'età dalla sua.

Privacy Policy