Print this page

L’ERREFFE RALLY TEAM TRACCIA IL BILANCIO DOPO ROMA E 2LAGHI

Il team piemontese non ha certo goduto dei favori della fortuna in un weekend che poteva regalare risultati significativi.

Castelnuovo Scrivia (Al) –Il fine settimana appena trascorso rappresenta al meglio il concetto secondo il quale non sempre le cose vanno come si vorrebbe.

Nelle due gare in cui era impegnato, il team Errreffe ha raccolto molto meno di quanto si sarebbe meritato ma non per questo si lascia affliggere: già nel prossimo fine settimana avrà modo di riscattarsi.

Sugli asfalti internazionali del Rally Roma Capitale il pavese Giacomo Scattolon e Giovanni Bernacchini stavano mostrando di essere pimpanti sulla VW Polo R5 ma ben tre forature hanno condizionato pesantemente la loro condotta concedendogli al meglio, la piazza numero undici della graduatoria finale; valutando gli esigui distacchi con gli equipaggi arrivati davanti, il duo dell’Erreffe avrebbe potuto ambire alla Top5 dell’assoluta.

Anche il reggiano Antonio Rusce non può ritenersi soddisfatto; lui ed il fidato Sauro Farnocchia hanno portato la Skoda Fabia R5 Evo in 25° posizione assoluta dopo che sul loro conto, sono state assegnate due penalità per falsa partenza.

Nelle valli dell’Ossola invece, nel Piemonte Orientale, Stefano Pelfini se l’è cavata bene al volante della Renault Clio S1600 insieme alla bresciana Jessica Rosa; il forte nubifragio abbattutosi sulla zona e le difficili scelte di pneumatici (visto il repentino cambio atmosferico) hanno decisamente segnato le sorti della classifica ma non hanno certo tolto il sorriso al driver di casa.

La rottura del cavo dell’acceleratore della Clio S1600  ha invece privato il giovane Igor Iani di un piazzamento all’interno della top ten assoluta; a poche battute dalla conclusione il driver vigezzino ha dovuto salutare la compagnia quando occupava la sesta posizione generale. Un grande rammarico per lui ed il copilota Nicola Puliani che accarezzavano pensieri da zona alte della classifica.

Tutte le vetture erano equipaggiate con pneumatici Pirelli e sfoggiavano le scritte Zinox Laser.

Salcuni Domenico