Sun Energy 1 e Mercedes-AMG si aggiudicano la 12 Ore di Bathurst, Valentino Rossi è sesto
Sun Energy 1 e Mercedes-AMG si aggiudicano la 12 Ore di Bathurst, Valentino Rossi è sesto
FORMULA E E NEW ERA CAP UNISCONO LE FORZE NELLA PARTNERSHIP PER I CAPPELLI
FORMULA E E NEW ERA CAP UNISCONO LE FORZE NELLA PARTNERSHIP PER I CAPPELLI
Il team Airflow Racing pronto all'esordio in Formula 4
Il team Airflow Racing pronto all'esordio in Formula 4
Primo appuntamento del Winter Motor Game porta la firma di Cristian Fedeli.
Primo appuntamento del Winter Motor Game porta la firma di Cristian Fedeli.
Alla 24 Ore di Daytona l’Acura conquista la vittoria nell’era dei prototipi ibridi. Tra le GT si impongono Mercedes e Aston Martin
Alla 24 Ore di Daytona l’Acura conquista la vittoria nell’era dei prototipi ibridi. Tra le GT si impongono Mercedes e Aston Martin
WEHRLEIN CONQUISTA IL DOPPIO A DIRIYAH E LA GUIDA DEL CAMPIONATO - RAPPORTO CORE DIRIYAH E-PRIX ROUND 3 2023
WEHRLEIN CONQUISTA IL DOPPIO A DIRIYAH E LA GUIDA DEL CAMPIONATO - RAPPORTO CORE DIRIYAH E-PRIX ROUND 3 2023
Daytona Giorni Endurance di Tuono...
Daytona Giorni Endurance di Tuono...
VITTORIA PER PASCAL WEHRLEIN E PORSCHE AL CORE DIRIYAH E-PRIX 2023 ROUND 2
VITTORIA PER PASCAL WEHRLEIN E PORSCHE AL CORE DIRIYAH E-PRIX 2023 ROUND 2
ACI avvia la fase 2 della vendita dei biglietti per i GP di Formula 1 di Monza e Imola
ACI avvia la fase 2 della vendita dei biglietti per i GP di Formula 1 di Monza e Imola
Nasce Lamborghini Roma by DL Racing per puntare in alto nel GT 2023
Nasce Lamborghini Roma by DL Racing per puntare in alto nel GT 2023
L'AZIENDA INDIANA LEADER NELLE ENERGIE RINNOVABILI GREENKO NOMINATA TITLE SPONSOR DEL GREENKO HYDERABAD E-PRIX 2023
L'AZIENDA INDIANA LEADER NELLE ENERGIE RINNOVABILI GREENKO NOMINATA TITLE SPONSOR DEL GREENKO HYDERABAD E-PRIX 2023
Il Porsche Club GT 2023 svela un calendario di lusso
Il Porsche Club GT 2023 svela un calendario di lusso
Blomqvist con l’Acura strappa la pole position alla 24 Ore di Daytona, le Mercedes dominano tra le GT
Blomqvist con l’Acura strappa la pole position alla 24 Ore di Daytona, le Mercedes dominano tra le GT
La Formula 2000 e la F.20 Cup puntano in alto
La Formula 2000 e la F.20 Cup puntano in alto
La Porsche del team Pure Rxcing si aggiudica la 6 Ore di Abu Dhabi con sette secondi di vantaggio su quella di Herberth Motorsport
La Porsche del team Pure Rxcing si aggiudica la 6 Ore di Abu Dhabi con sette secondi di vantaggio su quella di Herberth Motorsport
LIFESTYLE BRAND CORE NOMINATO TITLE SPONSOR DEL CORE DIRIYAH E-PRIX 2023
LIFESTYLE BRAND CORE NOMINATO TITLE SPONSOR DEL CORE DIRIYAH E-PRIX 2023
Nuovi traguardi internazionali per Rovera su Ferrari nel 2023
Nuovi traguardi internazionali per Rovera su Ferrari nel 2023
Il Team WRT trionfa nella 24 Ore del Dubai conquistando il primo gradino del podio ed il terzo con Valentino Rossi
Il Team WRT trionfa nella 24 Ore del Dubai conquistando il primo gradino del podio ed il terzo con Valentino Rossi
JAKE DENNIS VINCE LA PRIMA GARA DELL'ERA GEN3 - 2023 HANKOOK MEXICO CITY E-PRIX RACE REPORT
JAKE DENNIS VINCE LA PRIMA GARA DELL'ERA GEN3 - 2023 HANKOOK MEXICO CITY E-PRIX RACE REPORT
Partita oggi la 24 Ore del Dubai, prima gara del Campionato 24h Series: dopo 9 ore di gara la BMW M4 di Valentino Rossi è terza
Partita oggi la 24 Ore del Dubai, prima gara del Campionato 24h Series: dopo 9 ore di gara la BMW M4 di Valentino Rossi è terza
FORMULA E: DOVE GUARDARE LA PRIMA GARA DELLA STAGIONE E IL DEBUTTO DELLA NUOVISSIMA AUTO DA CORSA GEN3
FORMULA E: DOVE GUARDARE LA PRIMA GARA DELLA STAGIONE E IL DEBUTTO DELLA NUOVISSIMA AUTO DA CORSA GEN3
HOLA GEN3 ERA! STAGIONE 9 E ANTEPRIMA E-PRIX DI HANKOOK CITTA' DEL MESSICO 2023
HOLA GEN3 ERA! STAGIONE 9 E ANTEPRIMA E-PRIX DI HANKOOK CITTA' DEL MESSICO 2023
FORMULA E E DHL RINNOVANO LA PARTNERSHIP CHE INIZIA CON LA NUOVA ERA GEN3
FORMULA E E DHL RINNOVANO LA PARTNERSHIP CHE INIZIA CON LA NUOVA ERA GEN3
Pubblicato l’elenco iscritti al Campionato Mondiale Endurance 2023: ben 13 Hypercar presenti
Pubblicato l’elenco iscritti al Campionato Mondiale Endurance 2023: ben 13 Hypercar presenti
Ferrari annuncia la formazione dei due equipaggi che parteciperanno al FIA WEC 2023 con la 499P LMH
Ferrari annuncia la formazione dei due equipaggi che parteciperanno al FIA WEC 2023 con la 499P LMH
Zinox è Title partner di F2000 Trophy e F2.0 Cup 2023
Zinox è Title partner di F2000 Trophy e F2.0 Cup 2023
Peugeot punta a segnare il debutto negli Esports con un ottimo risultato nella 24 Ore di Le Mans Virtual
Peugeot punta a segnare il debutto negli Esports con un ottimo risultato nella 24 Ore di Le Mans Virtual
Iron Lynx ha annunciato la formazione della squadra che parteciperà alla 24 Ore di Daytona
Iron Lynx ha annunciato la formazione della squadra che parteciperà alla 24 Ore di Daytona
Raptor Engineering con Lorenzo Ferrari nella Carrera Cup 2023
Raptor Engineering con Lorenzo Ferrari nella Carrera Cup 2023
Test di fine anno a Vallelunga per La Ferrari 499P
Test di fine anno a Vallelunga per La Ferrari 499P
TEST PRE-STAGIONALI DI FORMULA E: I PILOTI REAGISCONO AI PRIMI TEST UFFICIALI SULLA NUOVA AUTO DA CORSA GEN3
TEST PRE-STAGIONALI DI FORMULA E: I PILOTI REAGISCONO AI PRIMI TEST UFFICIALI SULLA NUOVA AUTO DA CORSA GEN3
PEUGEOT 9X8 – IL FASCINO NATO PER LA CORSA
PEUGEOT 9X8 – IL FASCINO NATO PER LA CORSA
HANKOOK TIRE PARTNER DI FORMULA E PER IL PROGRAMMA FIA GIRLS ON TRACK 2023
HANKOOK TIRE PARTNER DI FORMULA E PER IL PROGRAMMA FIA GIRLS ON TRACK 2023
Parte la vendita dei biglietti per il Formula 1 Gran Premio d’Italia 2023
Parte la vendita dei biglietti per il Formula 1 Gran Premio d’Italia 2023
Raptor Engineering porta all’esordio Guirreri in GT Winter Series
Raptor Engineering porta all’esordio Guirreri in GT Winter Series
LA FORMULA E È AL TOP DELLA SOSTENIBILITÀ GLOBALE INDIPENDENTE NELLE CLASSIFICHE SPORTIVE
LA FORMULA E È AL TOP DELLA SOSTENIBILITÀ GLOBALE INDIPENDENTE NELLE CLASSIFICHE SPORTIVE
Academy Motorsport rilancia con il grande salto di Tziortzis in EuroNascar Pro
Academy Motorsport rilancia con il grande salto di Tziortzis in EuroNascar Pro
L'attesa è finita, siamo di nuovo in pista.
L'attesa è finita, siamo di nuovo in pista.
DL Racing si proietta nel 2023 dopo un anno “a tutto campo”
DL Racing si proietta nel 2023 dopo un anno “a tutto campo”
Rovera è d’argento alla 12 Ore del Golfo su Ferrari
Rovera è d’argento alla 12 Ore del Golfo su Ferrari
Paolo Rignanese

Paolo Rignanese

Heritage al Salone Retromobile Show 2023

Mercoledì, 25 Gennaio 2023 12:15 Published in Altre Notizie

Heritage al Salone Retromobile Show 2023

Dal 1 al 5 febbraio 2023 si tiene alla Porte de Versailles di Parigi la 47a edizione del Salone Retromobile, il più antico salone di auto d'epoca d'Europa.
Tra gli oltre 600 espositori presenti quest'anno, lo stand Heritage, sul quale sono presentati quattro gioielli: un'Alfa Romeo S.Z. (1989) e un'Alfa Romeo 1900 Super Sprint (1956), una Lancia Rally 037 (1983), una Fiat-Abarth 850 TC (1964).
Valorizzare il patrimonio storico dei marchi Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia. Questi gli obiettivi dell'ente Heritage, che offre così nuovi servizi e opportunità agli appassionati di auto d'epoca. Come le visite all'Heritage Hub di Torino e al Museo Storico Alfa Romeo di Arese, un programma completo di certificazione, restauri e molti altri servizi.

 

 

 

130.000 visitatori attesi, più di 600 espositori da tutto il mondo e più di 1.000 auto esposte: questi i numeri della 47a edizione di Rétromobile a Parigi, Porte de Versailles, il più antico salone di auto storiche d'Europa.

L'ente Heritage, creato a Torino nel 2015 con la missione di preservare, valorizzare e promuovere il patrimonio storico dei marchi Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia, mette in luce valori ancora oggi attuali. Sia partecipando ai principali eventi internazionali, ma anche offrendo nuovi servizi e opportunità agli appassionati di auto d'epoca.

Servizi e opportunità evidenziati attraverso i veicoli presenti sullo stand: Alfa Romeo S.Z. e Alfa Romeo 1900 Super Sprint richiamano così le nuove procedure adottate per certificare l'autenticità delle auto d'epoca del marchio, in stretto coordinamento con l'Headquarters.

La Lancia Rally 037, che quest'anno festeggia i 40 anni dalla vittoria nel Mondiale Rally, è solitamente esposta nell'area “Era del Rally” dell'Heritage Hub. Racchiude la ricchezza della collezione storica dei marchi italiani del gruppo Stellantis, aperta al pubblico in via Plava a Torino, nel complesso industriale di Mirafiori. L'Heritage Hub si estende su una superficie di 15.000 mq e ospita circa 300 vetture dei tre marchi Abarth, Fiat e Lancia, oltre a un numero significativo di Alfa Romeo, Autobianchi e Jeep. Lo spazio è aperto alle visite tramite prenotazione online. Rivela un patrimonio storico inestimabile, testimone di un'avventura iniziata più di 120 anni fa.

Infine, la Fiat-Abarth 850 TC, acquisita da Heritage in condizioni "barn find", verrà riportata all'antico splendore grazie ad un meticoloso e diligente restauro di carrozzeria, meccanica, strumentazione interna ed esterna, realizzata dai tecnici di Officine Classiche . L'auto è esposta durante il restauro, a testimonianza della qualità del lavoro svolto.

Esaminiamo ora nel dettaglio i quattro gioielli in mostra.

Alfa Romeo SZ (ES30), 1989

L'esemplare esposto è unico. Questa vettura "franco fabbrica", proveniente dal circuito prove di Balocco, dove è stata utilizzata per vari esperimenti, è uno dei primi esemplari prodotti. Autentica vettura laboratorio, è talmente diversa dalle altre SZ prodotte successivamente da poter essere considerata un prototipo.

Si tratta di un progetto ambizioso, denominato ES30, ovvero "Experimental Sportcar 3.0 litri", nato dalla volontà di Alfa Romeo di riaffermare la sua lunga tradizione di vetture sportive a trazione posteriore, pur utilizzando nuove tecnologie, e affidando la produzione di mille esemplari alla carrozziere Zagato, che li assemblava nella periferia di Milano.

Nacque così l'Alfa Romeo S.Z. (Sprint Zagato), un'auto sportiva filante dalle linee aggressive e ineguagliabili. Montata su un basamento in acciaio, la carrozzeria esterna è realizzata in materiali compositi, mentre pianale e meccanica derivano dall'Alfa Romeo 75 da competizione (Gruppo A), con motore V6 da tre litri portato a 207 CV. per una velocità massima di 245 km/h. Oltre alle nuove fibre composite utilizzate per la carrozzeria, è inedito anche l'utilizzo dei primi sistemi di progettazione e produzione denominati CAD/CAM (Computer Aided Design, Computer Aided Manufacturing). L'utilizzo di questa tecnologia consente per la prima volta di ridurre sensibilmente i tempi di progettazione ma soprattutto migliorie e modifiche in corso d'opera.

La vettura esposta è stata completamente smontata e ampiamente restaurata presso Officine Classiche. Il corpo è stato spogliato e trattato. L'interno è stato completamente ristrutturato, seguendo un approccio conservativo. Il serbatoio del carburante è stato pulito con un trattamento speciale. Anche il motore è stato accuratamente controllato e revisionato. Per quanto riguarda i cerchi, hanno beneficiato di una pulizia completa, preservandone l'originalità.

Alfa Romeo 1900 Super Sprint, 1956

Nel 1955 la 1900 Sprint fu sostituita dalla versione "Super Sprint", rimasta in produzione fino al 1958 per un totale di 599 esemplari. Molto simile al modello che l'ha preceduta, la 1900 Super Sprint presentava un nuovo cambio a cinque marce, sempre al volante, ma con rapporti più corti. La meccanica è la stessa della berlina 1900 Super TI, con cilindrata di 1975 cc, e due carburatori a doppio corpo invertito. Il motore, quattro cilindri in linea, erogava 115 cv. a 5500 giri/min per una velocità massima di 190 km/h.

Tutta l'eleganza dell'Alfa Romeo è racchiusa nel disegno della carrozzeria Touring, che, insieme alla ricerca sui materiali, conferisce alla vettura quelle caratteristiche di leggerezza e basso coefficiente aerodinamico, ottimali per alte prestazioni in competizione.

Grazie al certificato di origine rilasciato da Heritage - Alfa Romeo Classiche, possiamo confermare che l'esemplare esposto sullo stand è stato prodotto il 14 luglio 1956 e venduto 3 giorni dopo, a Parigi. Sia il colore della carrozzeria che il motore sono originali.

Lancia Rally 037 Gruppo B, 1983

Per le stagioni agonistiche degli anni 1982-83, Lancia, con l'ausilio di Abarth, sviluppa l'evoluzione della Lancia Rally conosciuta anche con il nome in codice "progetto 037" e presentata al Salone dell'Automobile di Torino nel 1982. In quel periodo , per ottenere l'omologazione nel Gruppo B, il marchio doveva costruire 200 vetture stradali.

Con un motore 4 cilindri bialbero a camme dotato di compressore volumetrico e installato in posizione longitudinale centrale per una migliore accessibilità, che sviluppa tra 260 e 305 CV a seconda della cilindrata (da 1.995 a 2.111 cc), il Rally 037 è un alto vettura performante, con eccezionale tenuta di strada e design Pininfarina. La cellula centrale dello 037 è una struttura monoscocca in alluminio. Per mantenere la leggerezza, la carrozzeria è realizzata in fibre di poliestere e Kevlar e soprattutto è completamente sfoderabile, il che consente un facile accesso ai componenti dell'auto, essenziali per un'auto da corsa.

La versione da corsa fece il suo debutto al Rallye Costa Smeralda nell'aprile 1982, e corse ufficialmente nella stagione 1983, dominando il Campionato del Mondo fin dalla prima gara del Rally di Montecarlo, vinta da Walter Röhrl. Lo stesso anno, nonostante l'agguerrita concorrenza dei nuovi modelli Audi Quattro a trazione integrale, la Lancia Rally 037 vince il titolo Costruttori nel Campionato del Mondo 1983 e il secondo posto nel Campionato del Mondo Piloti (con Walter Röhrl). Passa alla storia del World Rally Championship come l'ultima auto da corsa 2WD a vincere il titolo supremo.

Vinse anche il campionato italiano ed europeo, guidata da Miki Biasion, che all'epoca aveva solo 25 anni.

Nel corso degli anni sono state preparate per le corse un totale di 53 Lancia Rally 037. L'arrivo della Lancia Delta S4 nel 1985 segnò la fine della sua carriera dopo 6 vittorie nel Mondiale Rally e una traccia indelebile nella storia delle corse automobilistiche.

Questa vettura fa parte della collezione Heritage. È esposto all'Heritage Hub di Torino. Si presenta nella sua livrea più iconica nei colori Lancia Martini.

Fiat-Abarth 850 TC, 1964

Questa rarissima Fiat-Abarth 850 TC, basata sulla Fiat 600, è stata meticolosamente restaurata da Officine Classiche Heritage. La carrozzeria si presenta senza finiture e senza sedili per permettere di apprezzare i lavori di restauro.

La cura maniacale con cui Carlo Abarth ha ridisegnato le parti meccaniche e la ciclistica dimostra il carattere sportivo di questa vettura. Come ognuna delle bielle dei 4 pistoni, riequilibrate inserendo microscopici pesi in titanio all'interno del pezzo, e ognuna delle quali porta la firma autografa dell'operatore che ha eseguito il lavoro.

La Fiat-Abarth 850 TC è la prima vettura dello Scorpione a fregiarsi del badge “Turismo Competizione”. Una tranquilla auto familiare trasformata in un'auto da corsa agile, leggera e reattiva che ha vinto molte gare europee. Partendo dalla Fiat 600 D, equipaggiata con un quattro cilindri in linea da 767 cc e passando ad un alesaggio di 62,5 e una corsa di 69 mm, Abarth aumenta la cilindrata del suo modello fino a raggiungere gli 847 cm3. Da qui il nome della vettura che adotta la cilindrata: 850 TC.

L'auto così trasformata raggiunge i 140 km/h, il che richiede un intervento sull'impianto frenante e la sostituzione dei tamburi con dischi sulle ruote anteriori. Inoltre, la 600 curata da Abarth cambiò rapidamente aspetto: comparvero i radiatori dell'olio sotto - poi invece - del paraurti anteriore, e per raffreddare ulteriormente il motore sempre più potente, il cofano posteriore fu mantenuto in posizione alta grazie a supporti (per generare anche supporto durante le gare in circuito), prefigurazione di quello che diventerà l'ala posteriore, altra firma delle vulcaniche Abarth.

I successi in pista non si fanno attendere, soprattutto nelle gare di durata, che mettono in risalto le prestazioni, ma anche l'affidabilità della 850 TC.

Si segnala, infine, che l'esemplare esposto allo stand ha una storia particolare: l'auto infatti apparteneva alla Guardia di Finanza, che la utilizzava come auto non contrassegnata per la prevenzione e la repressione del contrabbando.

IL RALLY DEI LAGHI APRE LE ISCRIZIONI CON UN GRADITO RITORNO: LA PROVA SPETTACOLO ALL’INTERNO DELL’IPPODROMO DI VARESE!

Dal 25 gennaio sarà possibile iscriversi alla gara varesina che apre le danze della Coppa Rally di Zona2. Torna la spettacolare prova all’interno dell’Ippodromo Le Bettole, la “Magugliani Arena” di Varese, nella serata di venerdì 24 febbraio. Le altre sei prove si terranno sabato 25.

 

 

Varese- Il Rally dei Laghi apre i battenti: il via alle iscrizioni di mercoledì 25 gennaio sancirà l’inizio del canonico conto alla rovescia che si concluderà venerdì 24 febbraio quando la bandiera tricolore sventolerà la partenza della trentunesima edizione della gara organizzata dall’Asd Rally dei Laghi. Se già negli scorsi giorni Andrea Sabella, a capo del gruppo organizzatore, aveva anticipato le principali linee del percorso, ora è ufficiale anche l’inserimento, quale prova spettacolo di apertura, della “Magugliani Arena”, stage che si svolgerà interamente all’interno dell’ippodromo varesino “Le Bettole” come già felicemente sperimentato nel 2018. Uno show, quello del venerdì sera, aperto a tifosi e famiglie che potranno godere di un comodo spettacolo dalle tribune dell’impianto cittadino capace di ospitare qualche migliaia di spettatori. “Il Covid ci ha impedito di riproporre negli anni scorsi questo contesto che calza benissimo con la nostra realtà sportiva- racconta Sabella – ma ora, valutata la fattibilità con la proprietà dell’impianto ed il Comune di Varese, abbiamo voluto cogliere nuovamente questa bella opportunità!”

 

 

Largo al Rally dei Laghi dunque, che da mercoledì 25 gennaio darà a tutti la possibilità di prendere parte alla 31esima edizione: oltre alla già citata “Magugliani Arena” di venerdì 24 febbraio, il giorno seguente ci saranno due passaggi su Cuvignone, due sul Sette Termini e due sulla Valganna per un totale che sfiora i settanta chilometri, il massimo consentito da Aci Sport per le gare di zona. Il Rally Internazionale dei Laghi potrà godere della prestigiosa partnership con Automobile Club Varese, collaboratore e patrocinatore della corsa; preziosi anche i patrocini di Regione Lombardia e di Camera di Commercio di Varese attraverso il progetto Varese Sport Commission e il sostegno del main sponsor Magugliani.it nonché di Fox Town ed Euroceramiche ai quali si aggiungono La Prealpina, Samar, Chicco d’Oro, IperGomme, Banca Generali, Concessionario Castiglioni, Clerici Auto, Ricambi Auto Cocquio, Sidermetal, Sunshine, Crugnola Pratiche Auto, Lonati Bagni, Colacem, Dema Infortunistica, Concessionaria Autolaghi Luino e Autodemolizioni Borrelli. La Prealpina e Radio Village Network saranno media partner.

Per tutte le informazioni legate al Rally dei Laghi è attivo il sito www.varesecorse.it.

Rallye Monte-Carlo da protagonisti per Christian Merli e la Pintarally Motorsport

 

 

Inizia alla grande il 2023 per la Pintarally Motorsport con il grandissimo campione trentino Christian Merli con alle note Marco Zortea al 91° Rallye Monte-Carlo a bordo della Skoda Fabia Evo2 del team Erreffe. Partito 39°, chiude, dopo quattro giorni di gara sui 325.02 chilometri delle 18 prove speciali, 25° assoluto, 13° posto su 40 partecipanti nelle WRC2, 8° posto nella categoria Challenger e 3° posto tra gli equipaggi italiani. “Sono felicissimo di aver concluso la gara. C’erano veramente tante incognite. Per me che sono alla prima esperienza in gare così importanti, ho trovato tante novità. Qui si fanno solo due passaggi e quindi c’era qualche errore anche nella stesura delle note. Per questo sono veramente felice di essere arrivato. Ho imparato tante cose che spero di mettere in pratica in futuro. Quest’anno sarò ancora impegnato con il Campionato Europeo della Montagna però i rally mi hanno sempre affascinato. Sicuramente mi dedicherò ai rally in futuro, anche solo per passione. È stato difficile. La prima sera ho fatto qualche errore di troppo, però ci sta; poi, un po’ alla volta abbiamo preso confidenza. Per me l’importante era arrivare sul palco. È stato bello, divertente, faticoso. Un sogno che avevo da tanti anni e che ho realizzato. Grazie all’ottimo navigatore Marco Zortea, al team Erreffe che mi ha fornito una macchina perfetta. Non dimentico i ricognitori, gli sponsor, gli amici e la Scuderia Pintarally Motorsport”.

Prossimi appuntamenti:

- 3° Rally Valli del Tevere, 11-12 febbraio 2023 con Alessandro Bettega navigato da Paolo Cargnelutti su Skoda Fabia Evo2 R5 del team Erreffe

- Rally Valchiampo, 11-12 febbraio 2023 con Michele Sambugaro navigato da Mauro Cumerlato su Skoda Fabia Evo2 R5

BARCELLA-GHIDOTTI HANNO VINTO LA WINTER MARATHON 2023 SU FIAT 508 C DEL 1938

AL 2° posto Fabio e Marco Salvinelli, al 3° Lorenzo e Mario Turelli; annullati i trofei sul lago ghiacciato

 

 

L'equipaggio bergamasco, a bordo della Fiat 508 C numero 12 della scuderia 0-30 Squadra Corse, partito dalla settima posizione conquistata nella prima tappa disputata giovedì sera, ha saputo interpretare al meglio la seconda e più impegnativa frazione di venerdì conquistando infine il secondo personale successo nella manifestazione dopo quello ottenuto nel 2019. A completare il podio due coppie bresciane composte entrambe da padre e figlio: Fabio e Marco Salvinelli su Fiat 508 C del 1938 (numero 10), nuovamente a podio dopo il 3° posto del 2021 e Lorenzo e Mario Turelli su Lancia Aprilia del 1937 (numero 7, Scuderia Brescia Corse) per la prima volta sul podio della Winter Marathon. È stata, questa, una edizione fortemente caratterizzata dalla neve caduta copiosamente nella serata di giovedì e presente anche nel 'tappone' di venerdì su tutti i passi dolomitici più caratteristici (Gardena e Pordoi in particolare) e il consueto freddo estremo che ha toccato quota -12°C sulla cima del Passo Pordoi. Molti gli apprezzamenti da parte dei concorrenti e altrettanto soddisfatti gli organizzatori che hanno garantito, con l'aiuto del personale di servizio lungo tutto il percorso di gara e il costantemente monitoraggio delle vetture tramite il sistema di tracking GPS installato da BE Traced, lo svolgimento del percorso base con la disputa di tutte le prove previste, due sole delle quali annullate a causa del malfunzionamento di un'apparecchiatura dei cronometristi. La gara. L’evento, iniziato ufficialmente giovedì 19 gennaio con le verifiche al Savoia Palace Hotel (sportive) e nella centrale Piazza Sissi (tecniche), è proseguito in serata con la Tappa 1 che ha impegnato i concorrenti in un percorso di oltre 110 km attraverso la Val di Sole con partenza e arrivo in Piazza Righi a Campiglio e la sosta per la cena a metà percorso al Ristorante La Baracca sul passo Tonale (m. 1884), con il nuovo transito delle vetture in centro a Folgarida per la disputa di inedite prove e la conferma dei passaggi già molto apprezzati nell’edizione del 2022 in centro a Ponte di Legno - calorosa l’accoglienza del pubblico al controllo timbro predisposto in Piazza XXVII Settembre - e nella Pista Ghiaccio Val di Sole che è stata nuovamente teatro di alcune fra le prove più impegnative e spettacolari dell’intera manifestazione.

 

CLASSIFICA FINALE

 

Sotto una costante nevicata e con strade completamente imbiancate la prima tappa si concludeva con Alberto e Federico Riboldi (Fiat 508 C, 1937) al comando della classifica parziale con 83 penalità davanti a Barcella-Vecchi (Porsche 356 C Coupé, 1963) con 84, i Turelli a 88, Aliverti-Valente e Bellini-Tiberti (entrambi su Fiat 508 C del 1937) fermi rispettivamente a 96 e 98, Gatta-Maffina (Lancia Ardea, 1941) a 100, Barcella Ghidotti a 103, Salvinelli-Salvinelli a 104, Sala-Cioffi (Lancia Aprilia, 1937) e Belometti-Vavassori (Fiat 508 C, 1937) a chiudere la top ten con 108 penalità. Venerdì 20 gennaio alle 13.30 la gara ripartiva dal centro di Campiglio per la Tappa 2 di oltre 360 km con gli equipaggi presentati come sempre dall’inconfondibile voce di Guido Schittone. La prima parte di percorso portava i concorrenti al valico del Passo Mendola (m. 1363) fino al Safety Park di Vadena; svolte le 7 prove all’interno del moderno centro di guida sicura a sud di Bolzano la carovana si spostava in direzione della Val Gardena attraverso Castelrotto e il Passo Pinei (m. 1437). Nei gruppi di prove cronometrate e di media sin qui previste (le uniche in diurna), i Turelli prendevano il comando della gara con 142 penalità seguiti da BarcellaVecchi (151), i Riboldi (156), Barcella-Ghidotti (166), Aliverti-Valente (168), Bellini-Tiberti (182), BelomettiVavassori (183), i Salvinelli (190), Gatta-Maffina (195) e Sala-Cioffi (decimi con 202 penalità).

Giunti ai piedi del Passo Gardena (m. 2136) gli equipaggi si preparavano ad affrontare quella che tradizionalmente è la più impegnativa parte di percorso, resa ancor più suggestiva dalla tanta neve presente sulla strada e dal freddo pungente che ha toccato anche quota -12°C; con il valico nell’ordine dei passi Gardena, Campolongo (m. 1875) e Pordoi (m. 2239) prima della discesa in Val di Fassa la classifica cambiava ancora con Barcella-Ghidotti che prendevano la testa con 236 penalità superando i Turelli (fermi a 241) e precedendo Aliverti-Valente (263), Barcella-Vecchi (265), i Salvinelli (in costante recupero a 275), i Riboldi (281), Malucelli-Bernuzzi su Lancia Beta Montecarlo del 1976 (339), Sala-Cioffi (345), Bellini-Tiberti (che scivolavano a 364 per un problema tecnico su una prova cronometrata) e Sisti-Gualandi (Lancia Aprilia, 1937) con 384. Il transito in Val di Fassa portava i concorrenti all’ultima serie di prove predisposte sui passi Costalunga (m. 1752) e Nigra (m. 1690) che non portavano a grossi scossoni nella graduatoria, con Barcella-Ghidotti (267 penalità) che mantenevano il comando allungando sui Turelli (280) con Aliverti sempre terzo a 294 e Salvinelli quarto a sole 6 penalità dal podio; la sosta per la cena, per la prima volta tenutasi al Four Points by Sheraton nel moderno complesso fieristico di Bolzano, permetteva agli equipaggi di godere di un po’ di riposo prima del rush finale. L’ultima parte di gara riportava le vetture a Bolzano attraverso il passo Palade (m. 1518) con le ultime PC della gara prima del rientro a Campiglio attraverso la Val di Non e la salita da Folgarida verso passo Campo Carlo Magno. Barcella-Ghidotti non commettevano errori e centravano così il secondo personale successo (dopo quello del 2019) seguiti da Fabio e Marco Salvinelli che completavano una grande rimonta che li portava al secondo posto finale precedendo di un soffio i Turelli con Aliverti-Valente al quarto posto e i giovani Barcella-Vecchi al quinto; sesti i Riboldi seguiti da Sala-Cioffi e Bellini-Tiberti. A chiudere la top ten MalucelliBernuzzi e Bisi-Cattivelli su Porsche 356 B Coupé del 1964. Gli altri risultati. Al primo posto fra gli equipaggi interamente stranieri gli inglesi Massimiliano e Edoardo Ottochian su Austin Mini Cooper S Mk I del 1960 che bissano il risultato del 2022 mentre fra le Scuderie il successo è andato alla Franciacorta Motori che ha preceduto, nell'ordine, Brescia Corse e 0-30 Squadra Corse; il primato nella classifica riservata agli equipaggi under 30 è dell'equipaggio Barcella-Vecchi, ottavi assoluti su Porsche 356 C Coupé del 1963 mentre il primo equipaggio femminile è quello formato da Emanuela Cinelli e Loretta Stofler su Innocenti Mini Cooper Mk I del 1969. Primo equipaggio nella speciale graduatoria della Prove di Media è quello composto dai piacentini Pighi-Callegari su Porsche 356 B Roadster del 1961 con il numero 28 sulle fiancate. Terminata invece con un verdetto netto la sfida-nella-sfida fra i due amici e commentatori di Sky Sport Davide Valsecchi e Guido Meda: a spuntarla è stato il primo, navigato da Gabriele Ricco su Lancia Fulvia Coupé Rallye 1.3 HF del 1968 che è arrivato 56° assoluto anticipando il 'collega', navigato da Stefano Valsecchi, che ha invece chiuso all'86° posto su Alfa Romeo 1750 Berlina del 1970. La Winter Marathon 2023, di fatto, si è chiusa qui; non si sono disputate infatti le caratteristiche prove spettacolo sul laghetto ghiacciato. Dopo un sopralluogo effettuato venerdì mattino, in accordo con le autorità locali, è stato riscontrato che non c'erano le condizioni per garantire la sicurezza e l'incolumità dei partecipanti, ritenendo quindi necessario il provvedimento adottato. Premiazioni. Alle ore 11.00 di sabato 21 gennaio si è dunque svolta la cerimonia di premiazione in Piazza Sissi con la consegna di trofei e premi speciali: per il podio del Trofeo Porsche erano previsti altrettanti premi da collezione consegnati da Stefano Mor, direttore generale del Gruppo Saottini Auto. Al primo equipaggio straniero (Massimiliano ed Edoardo Ottochian) sono andati due trofei e un monopattino elettrico Sparco, che ha consegnato anche un riconoscimento per la partecipazione a Guido Meda e Davide Valsecchi. 3 voucher offerti da Digitech Timing (per la partecipazione scontata al Franciacorta Historic del prossimo aprile) erano previsti per l’equipaggio italiano proveniente da più lontano (Virdis-Giordo) e per il 3° e 2° classificato fra gli under 30 (Bertoni-Brendolan e Bonomi-Maiolini) mentre al primo equipaggio femminile - Cinelli-Stofler su Innocenti Mini Cooper Mk I del 1969 - oltre ai due trofei sono andati 2 cofanetti VIP offerti da Nashi Argan. Premiato anche l’equipaggio greco Argyros-Bakos (Porsche 911, 1965) con una pregiata riproduzione di arma da fuoco offerta da Uberti Replicas. Le migliori scuderie hanno ricevuto come premio confezioni di formaggi Auricchio mentre il primo equipaggio classificato nelle Prove di Media (Pighi-Callegari) altri due trofei e un orologio da collezione di Perazzi; ai primi 20 equipaggi classificati 2 coppe e altrettante confezioni di formaggi Ambrosi per concludere con gli equipaggi a podio premiati con 3 grandi formati di vino Villa Trasqua e 6 paia di occhiali Persol della collezione Steve McQueen. Emozionante infine la consegna del trofeo dedicato ad Alberto Bergomi (scomparso esattamente un anno prima) vinto da Alberto e Federico Riboldi per aver interpretato al meglio le 6 PC previste nella Pista Ghiaccio sul Passo Tonale. Va dunque in archivio anche questa 35ª edizione della Winter Marathon con il prossimo appuntamento già programmato per venerdì 7 e sabato 8 aprile quando prenderà il ‘via’ la 16a edizione del Franciacorta Historic.

 

Sarezzo, 24 gennaio 2023

In RO racing si premiano i Campioni sociali del 2022 con ben 20.000 euro.

In casa RO racing è tempo di classifiche e premiazioni, definite e confermate le graduatorie delle sei sezioni del Campionato sociale 2022.

 



Quella appena conclusa è stata, per la scuderia RO racing, una stagione agonistica ricca di partecipazioni e soddisfazioni. Per il sodalizio di Cianciana sono giunti diversi titoli nazionali e regionali con i propri portacolori che hanno tenuto portato in alto il vessillo della scuderia. Piloti e navigatori si sono altresi distinti nel Campionato sociale che ha messo in palio più di 20.000,00 euro sia in denaro sia in abbigliamento sportivo. Nei rally riservati alle vetture moderne a salire sui tre gradini del podio sono stati: "Mattonen" Mario Trotta e Giuseppe Testa, nella stessa categoria riservata alle auto storiche la vittoria è andata al Campione italiano Angelo Lombardo che ha preceduto Natale Mannino e Lucio Da Zanche. Nella classifica riservata ai navigatori delle due discipline si è imposta Giulia Taglienti davanti a Fabiano Cipriani e Melo Cappello che hanno completato le restanti posizioni del podio. Nella velocità in salita e nelle gare in pista il successo è andato al cronomen Antonino Torre che ha preceduto il giovane pistard Andrea Fersini e al veterano delle salite Matteo Adragna. Nella stessa sessione riservata alle storiche a porre il proprio sigillo sul Campionato è stato Vincenzo Serse, autentico mattatore della propria categoria in tutte le gare del Civsa. La piazza d'onore è andata a Federico Parrinello che ha preceduto il pilota preparatore Mimmo Guagliardo. Nella lotta tra i tantissimi praticanti della disciplina degli Slalom a svettare è stato il nome di Maurizio Marino che ha preceduto Antonino Di Matteo e Antonino Bellitti. Tante le sorprese che lo staff della scuderia RO racing si propone di riservare per i propri associati nella serie che li vedrà nuovamente protagonisti nel 2023. Ad essere rimpinguato sarà sicuramente il montepremi in denaro, questa la prima delle molteplici note liete della stagione agonistica che sta per cominciare.

Dopo l’importante titolazione per lo Slalom di Dorgali, arriva anche il Corso per Commissari di Percorso ACI Sport

E' in programma i prossimi 23-24-25 Febbraio il Corso per Ufficiali di Gara organizzato dall’Autosport Dorgali, l'Automobile Club Nuoro, sotto il coordinamento della Delegazione Sardegna ACI Sport. Dopo l’importante titolazione ricevuta dalla Commissione slalom come Trofeo d’Italia Nord, i ragazzi dello Slalom di Dorgali investono anche sulla formazione di nuovi Commissari di Percorso (CP).

 

 

L'evento costituirà un'occasione immancabile per tutti gli appassionati locali per entrare a far parte in prima persona del mondo del motorsport in veste di Commissario di Percorso.

Il corso è totalmente gratuito ed è aperto a tutti gli appassionati non solo di Dorgali ma di tutte le cittadine limitrofe. I partecipanti assisteranno, oltre all’insegnamento sui regolamenti ACI Sport, a lezioni tecniche antincendio e all'introduzione al primo soccorso a cura del personale medico del servizio 118.

Gli iscritti verranno preparati da Paolo Masuri (Segretario di Manifestazione), Mauro Nivola (Commissario Sportivo Regionale, Segretario di Manifestazione e DAP), Gabriele Scurosu (AS Antincendio) oltre al medico incaricato del 118.

Per gli allievi del corso la tre giorni terminerà con l'esame finale, da sostenersi davanti alla commissione esaminatrice composta da: Giuseppe Pirisinu (Delegato/Fiduciario Regionale ACI Sport), Graziella Arberi (Commissario Sportivo Nazionale) e Ninni Marinelli (Commissario Sportivo Regionale).

Il Delegato/Fiduciario Regionale ACI Sport, Giuseppe Pirisinu: “quest'anno, come Delegato/Fiduciario Regionale ho intrapreso un cammino importante per gli UdG, grazie alla collaborazione con i quattro Automobile Club della Sardegna e alcuni Organizzatori. Sono stati indetti corsi per commissari di percorso, verificatori tecnici e commissari di percorso qualificati. Questo è un percorso che in pochi mesi porterà alla Sardegna un importante incremento di UdG. Il tutto è nato dal confronto costante con gli Organizzatori che negli anni scorsi hanno avuto difficoltà nel reperire un numero congruo di commissari di percorso. Sicuramente anche gli organizzatori stessi dovranno garantire delle situazioni più agevoli e idonee per assicurare la presenza dei nuovi CP”.

Modulo iscrizione: http://bit.ly/3JdLjH3

Il modulo, compilato in tutte le sue parti, dovrà essere inviato alla seguente mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Delegazione ACI Sport 
Regione Sardegna

WSK rimanda l’esordio delle nuove categorie OK-N e OKN-J

Martedì, 24 Gennaio 2023 12:16 Published in Kart

WSK rimanda l’esordio delle nuove categorie OK-N e OKN-J

La decisione a causa dei test ancora in corso da parte dei team per la preparazione tecnica.

 

 

Maglie (ITA), 23.01.2023

WSK Promotion rinvia l’esordio delle due nuove categorie OK-N e OKN-Junior che sarebbe dovuto avvenire nella WSK Super Master Series, in quanto molti team sono ancora impegnati a svolgere i test di preparazione e il reperimento del materiale tecnico. 

Quindi per poter mettere tutti nelle migliori condizioni di partecipare agli eventi WSK, l’esordio delle due nuove categorie OK-N e OKN-Junior nei campionati WSK è rimandato alle due prove della WSK Euro Series.

 

Infowww.wskarting.it/index.asp

 

WSK Promotion

Ufficio Stampa

La Formula 2000 e la F.20 Cup puntano in alto

Lunedì, 23 Gennaio 2023 16:29 Published in Pista

La Formula 2000 e la F.20 Cup puntano in alto

Partenza lanciata del nuovo Title Partner Zinox nella serie ideata da Piero Longhi pronta a prendere il centro della scena sui più importanti circuiti italiani ed europei. Aperte le iscrizioni ai campionati 2023, cambiano le denominazioni delle classi F.3 in Platinum, Gold, Silver e Bronze

 

 

Borgomanero, (NO). 23 Gennaio 2023. Autentica partenza lanciata del marchio Zinox Laser al fianco di Formula 2000 e F2.0 Cup, serie per la quale è stato pubblicato il calendario dei 7 round per la classe regina, mentre saranno 6 per la cadetta. Entrambe, prevedono due gare ogni weekend. Per la stagione 2023 Technosystem sarà a fianco delle serie in particolare della F2.0 Cup, comparendo col marchio TS sul logo. La fiducia nell’efficace comunicazione dei due campionati è stata confermata anche da Se.Ven e MyParking. Pirelli rimane fornitore ufficiale di pneumatici con il prezioso supporto dei suoi tecnici sui campi di gara. E’ possible gia adesso iscriversi ai campionati 2023 sul sito: https://www.f2trophy.it/iscrizione/ Si comincia il 26 marzo con l’appuntamento in terra toscana al Mugello, il circuito riconosciuto come fra i più tecnici al mondo, dove si tornerà in autunno l’8 ottobre. Ad aprile si correrà il 23 ad Imola, sulla pista intitolata ad Enzo e Dino Ferrari, mentre la prima trasferta oltre confine sarà il 21 maggio in Austria al Red Bull Ring. Si torna in Italia l’11 giugno con la tappa laziale presso l’Autodromo romano “Piero Taruffi” di Vallelunga e poi ancora all’estero, il 9 Luglio ma solamente per i driver della F.2000 che si sfideranno in Belgio sul mitico tracciato di SPA. La F2.0 Cup invece osserverà un turno di riposo e dopo la pausa estiva tornerà ad affiancare la massima serie per il secondo appuntamento al Mugello previsto l’8 ottobre.

 

 

Chiusura della stagione per entrambi i campionati il 9 novembre al Misano World Circuit Marco Simoncelli. In 5 delle 7 gare si rinnova l’appuntamento con la Drexler l’omologa serie F.3 austriaca, nelle due estere e nelle due al Mugello e a Imola. Per quanto riguarda la divisione in classi il regolamento 2023 prevede delle novità rispetto alle denominazione delle classi PRO, PRO/AM e AM. Al fianco delle più recenti Superformula, vetture fabbricate dal 2020 in poi, saranno schierate le Platinum, le Gold e le Silver secondo gli anni di produzione, le relative caratteristiche tecniche, oltre che per l’esperienza del pilota, mentre le Bronze e le Formula Entry saranno completamente conformi al regolamento tecnico d’origine. Resta invariata invece, la F2.0 Cup con la suddivisione delle Formula Renault in PRO e LIGHT Piero Longhi nell’ufficializzare il calendario 2023 ha dichiarato con soddisfazione: -“Anche quest’anno siamo riusciti a trovare accoglienza per le nostre gare nei più bei circuiti italiani oltre che al Red Bull e a Spa raggiungendo l’obiettivo che c’eravamo prefissati di offrire il massimo divertimento ai piloti e una promozione adeguata ai partner che ci danno fiducia e meritano questi importanti palcoscenici. Abbiamo inoltre ritoccato la suddivisione nelle classi della F.3, per mantenere l’equilibrio in pista fra le vetture in gara con simili prestazioni favorendo così lo spettacolo.

ALLA CITTÀ DELLA SPERANZA NEL NOME DELLA OSSATO

Lunedì, 23 Gennaio 2023 16:21 Published in Altre Notizie

ALLA CITTÀ DELLA SPERANZA NEL NOME DELLA OSSATO

Venerdì scorso, nella sede patavina della fondazione, si è tenuta la consegna del ricavato, ben 15.000 €, del calendario ideato da Beatrice Croda e da Mario Leonelli.

 

 

Rosà (VI), 23 Gennaio 2023 – Aprire una nuova annata donandosi agli altri è il modo migliore per iniziare una nuova avventura sportiva e la chiusura del cerchio, avvenuta lo scorso Venerdì presso la sede della Città della Speranza, ha saputo regalare importanti soddisfazioni.

Nato dall'idea della navigatrice Beatrice Croda e dal fotografo Mario Leonelli il calendario che ha visto protagoniste dodici colleghe di note della portacolori di Rally Team, nel ricordo della compianta Ilenia Ossato che lo scorso Aprile è stata sconfitta da una grave malattia, ha saputo coinvolgere un considerevole numero di persone, tra addetti ai lavori e semplici appassionati, concretizzandosi nella raccolta di un importante aiuto verso l'associazione patavina.

Proprio nel cuore della struttura, nella quale ogni giorno la ricerca oncologica pediatrica combatte a fianco dei più piccoli, sono stati devoluti i 15.000 € ottenuti dall'iniziativa benefica.

Come non ricordare quindi le magnifiche dodici modelle per un giorno: Selena Pagliarini, Dani Stagno, Haianes Tania Bertasini, Sandra Tommasini, Alice Mosele, Eleonora Mori, Chiara Corso, Silvia Dall'Olmo, Milena Danese, Silvia Mosena, Alice De Marco e la stessa coideatrice, assieme a Leonelli, Beatrice Croda, alcune delle quali presenti alla cerimonia di consegna.

“Questo progetto è nato da una battuta tra me e Mario” – racconta Croda – “per poi diventare presto realtà, permettendoci di donare una somma importante alla Città della Speranza. Per me e per tutte le altre navigatrici coinvolte è stato un bellissimo percorso, ricco di emozioni. In tanti ci hanno sostenuto ed è stato bello poter aiutare la ricerca oncologica pediatrica. Senza il nostro sostegno la ricerca non può andare avanti ed è un messaggio che porterò agli altri.”

“È stata una bellissima esperienza” – aggiunge Leonelli – “soprattutto per quanto riguarda la sfera umana perchè non mi ero mai trovato a confrontarmi con la realtà della beneficenza. Quanto ci è stato raccontato dai vertici della Città della Speranza, sul modo nel quale portano avanti il loro operato, mi rende ancora più felice nell'aver contribuito a questo progetto.”

Nel tardo pomeriggio di Venerdì scorso il sodalizio con base a Rosà, presente con il presidente Pier Domenico Fiorese, ha consegnato, direttamente nelle mani del direttore della Città della Speranza ovvero il dottor Maurizio Muraca, l'importo ottenuto dalla vendita dei calendari.

“Quando la nostra Beatrice e Mario ci hanno proposto il progetto non abbiamo esitato a sostenerlo” – racconta Fiorese – “e vedere con che determinazione lo hanno portato a compimento è stata per noi una grossa fonte di orgoglio. Siamo felici di avere dato il nostro contributo alla Città della Speranza, attraverso la realizzazione di questo bellissimo calendario.”

“La prima considerazione è l'ammirazione per la capacità che avete avuto, partendo da zero, di raccogliere una somma così importante in tempi così difficili” – gli fa eco Muraca – “ed è evidente che ci avete messo cuore. Non c'è altra spiegazione perchè non siete certamente dei professionisti in questo ambito. Essere qui insieme, in questo momento, è un bel esempio di quello che sa esprimere il nostro paese. È una sintesi di eccellenza scientifica, di volontariato e quindi di disponibilità a mettersi al servizio degli altri ma anche di imprenditorialità perchè è grazie a quest'ultima che la Città della Speranza è nata.”

A dare il proprio appoggio, patrocinando l'intero percorso dalla sua nascita, non poteva mancare l'ACI Vicenza, presente alla consegna con il direttore Gian Antonio Sinigaglia, al quale si è aggiunto anche il Comune di Rosà, nella persona del sindaco Elena Mezzalira.

“Fa doppio piacere questa iniziativa” – racconta Sinigaglia – “ed in primo luogo per il carattere sociale in quanto ACI, essendo ente pubblico, deve essere sempre molto sensibile a questi progetti. Il mondo sportivo è riuscito a farsi protagonista di un'iniziativa, credo, unica in Italia, almeno per quanto riguarda il mondo ACI. Siamo orgogliosi di aver fatto parte di tutto questo.”

“Mi complimento per questa iniziativa dal forte messaggio sociale” – aggiunge Mezzalira – “nata dalla collaborazione di dodici donne, amiche e colleghe, che, spinte dalla loro forza e generosità, sono riuscite a raccogliere questo significativo contributo che oggi sono qui a consegnare ufficialmente alla Città della Speranza. L'amministrazione comunale di Rosà ha voluto essere al fianco di queste donne, alle loro famiglie ed alla Città della Speranza, sostenendo questo importante progetto con il nostro patrocinio. Rosà crede fermamente che con questo spirito e coraggio, insieme, riusciremo a raggiungere traguardi ambiziosi e ringrazia, sin da ora, chi si impegna e lavora, ogni giorno, per questo.”

 

immagine a cura di Città della Speranza

IL “MONTECARLO” DI MOVISPORT: GRYAZIN VINCE MA E’ PENALIZZATO, PATERA CON IL SORRISO

La classica apertura del Campionato del Mondo Rally ha confermato la scuderia reggiana ai vertici iridati, pur se il pilota russo è stato penalizzato di 5 secondi per il “taglio” di una curva a seguito di un reclamo di un team concorrente, mancando per soli cinque decimi una vibrante vittoria conquistata sul campo. Per Silvano Patera quinto posto nella “Masters Cup” e primi punti iridati con ampia soddisfazione.

 

 

Reggio Emilia, 23 gennaio 2023 – Movipsort ha esordito nella stagione 2023 con due grandi performance al 91° Rallye Monte Carlo, prima prova del Campionato del Mondo Rally, nel fine settimana appena passato, sulle alpi francesi.

Vittoria conquistata sul campo, nella categoria WRC-2 e nono posto assoluto, per il russo Nikolay Gryazin sulla nuova Skoda Fabia Rall2 di TokSport, con la quale il pilota di Mosca, assecondato da Konstantin Aleksandrov punterà al titolo WRC-2. Questo è quanto è stato il verdetto a fine gara, ma successivamente l’equipaggio di Movisport è stato penalizzato di 5 secondi a seguito di un reclamo interposto da un concorrente avversario per un taglio di una curva al km 13.2 sulla Prova Speciale n. 14, quando Gryazin era incappato in una foratura, con la vettura ingovernabile. I commissari sportivi del rally monegasco hanno deciso di penalizzare il pilota russo, che ha ricevuto 5 secondi di penalità perdendo così la vittoria di categoria per soli 5 decimi in favore del francese Rossel.

“Non voglio commentare nulla di quanto accaduto a Monte Carlo - commenta Gryazin - Ma dico: "torneremo più forti". No. Perché siamo già forti. Abbastanza forti da concentrarci solo sulle cose positive come il team TokSport WRT, incredibilmente professionale al nostro fianco, tutti i nostri meccanici che lavorano duramente, il nostro ingegnere, Freerallyservice con il suo appoggio non solo dal lato professionale ma anche dal lato umano. Ogni successo che otteniamo è dovuto all'enorme sostegno che ci circonda. Un ringraziamento speciale alla squadra per aver fatto un lavoro impeccabile! E un enorme ringraziamento a tutti gli ingegneri che hanno sviluppato questo fantastico “Green Monster”! Mi godo davvero ogni secondo che trascorro all'interno di questa bestia da rally! Grazie a Movisport, sempre al nostro fianco, ai tanti tifosi del rally per il loro costante supporto!”

 

 

Gara tra le più iconiche al mondo, la competizione monegasca, ha visto al via, con Movisport, anche il gentleman driver piemontese Silvano Patera, affiancato da Giacomo Tiraboschi. Per Patera era la seconda esperienza al Rallye Montecarlo, disputata su una Skoda Fabia R5 EVO della scuderia PA Racing, iscritto alla “Masters Cup”.

Ha concluso al 33° posto assoluto con la soddisfazione dell’aver conquistato i suoi primi punti iridati con la quinta posizione nella speciale classifica.  

 

 

Nella foto: Gryazin e Patera in azione al Rallye Montecarlo

Privacy Policy