Piloti

GRID LIST

Sandro MUNARI

Feb 21, 2018 Hits: 504
Sandro MUNARI di Paolo Rignanese I rally di una volta quando vetture quasi stradali,…

Matteo COCCIA "COCCINO"

Feb 03, 2018 Hits: 1239
Matteo COCCIA "COCCINO" di Paolo Rignanese Per noi di Monte Sant'Angelo e per tutti gli…

Il "Mago" Maurizio MORLINO

Gen 23, 2018 Hits: 794
Il "Mago" Maurizio MORLINO Di Paolo Rignanese Maurizio Morlino nato nel 1969 a…

Enza Allotta…a tutto slalom!

Gen 18, 2018 Hits: 1010
Enza Allotta…a tutto slalom! Di Paolo Rignanese Enza Allotta driver di Belmonte Mezzagno…

Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese

Gen 05, 2018 Hits: 1854
Christian Merli raccontato da Paolo Rignanese Rally, cronoscalate, pista e motoslitta…

Il mio ricordo di Ayrton Senna

Nov 03, 2017 Hits: 684
Il mio ricordo di Ayrton Senna(in occasione del 56°compleanno 2016) Nel volere ricordare…

Le interviste di Faby Valentina

Agosto 26, 2017

Faby Valentina intervista Domenico Cubeda

in Le Interviste di Faby Valentina by Salcuni Domenico
Faby Valentina intervista Domenico Cubeda
Salcuni Domenico

Salcuni Domenico

La «Coppa Città della Pace» si avvicina Saranno in 110 a contendersi la 26ª edizione

Per i big nazionali della regolarità la pausa invernale è già terminata. Sabato, con la «Coppa Città della Pace», il Campionato italiano riservato agli specialisti di questa disciplina si rimetterà in moto per dare vita ad un'edizione 2019 che presenta molti motivi di interesse. Da quest'anno sono cambiate le categorie di appartenenza delle vetture e sono mutati i coefficienti legati all'anno di immatricolazione da applicare alle penalità nel calcolo delle classifiche assolute. Una piccola rivoluzione, che potrebbe scompaginare non poco le gerarchie nella lotta per il titolo tricolore individuale e quello di scuderia. La gara che avrà il compito di testare queste novità è proprio la «Coppa Città della Pace» e lo farà con un numero importante di iscritti, ben 110, una cifra che eguaglia il record stabilito un anno fa e conferma il grande interesse che gravita intorno a questa sfida organizzata da 26 anni dalla scuderia roveretana Adige Sport.


Oltre alle novità regolamentari la gara propone anche quelle logistiche, dato che per la prima volta il baricentro dell'evento si sposta da Rovereto e Riva del Garda, dove partiranno, arriveranno e soggiorneranno i driver fra sabato e domenica. Il trasloco è il frutto di una nuova collaborazione fra Adige Sport e Apt Garda Trentino, che si è proposta con entusiasmo per supportare la prestigiosa gara. Il 23 febbraio le vetture partiranno dal Palacongressi e chiuderanno la propria galoppata in Piazza 3 Novembre. Il tracciato, lungo 200 chilometri e connotato da 60 controlli a pressostato e cinque orari, proporrà ai concorrenti le strade del Basso Sarca, del Lomaso e della Valle dei Laghi, per quanto concerne la sosta per il pranzo la località prescelta è Fiavé. In quanto alle verifiche tecniche e sportive del venerdì pomeriggio, esse saranno ospitate dal Grand Hotel Liberty, dove per due giorni si stabilirà anche la direzione gara.
Scorrendo l'elenco degli iscritti, si nota subito una vettura del primo raggruppamento, una Fiat 508C del 1927 condotta da Alberto Scapolo, assistito da Giuseppe Scapolo.

Nel secondo troviamo invece dieci vetture, ovvero le Lancia Aprilia del 1937 di Belotti e Belotti, Sala e Cioffi, Turelli e Turelli, Sisti e Gualandi e quella del 1939 di Scotto e Mazzoni; poi le Fiat 508C di Aliverti (1937), di Peli e Donà (1934), di Zanasi e Paruzza (1938) e di Bellini e Tiberti (1937); infine la Fiat 508S Barchetta del 1933 di Riboldi e Bacci. Detto delle auto più datate e quindi posizionate davanti a tutte per coefficiente, non bisogna però dimenticare che sarà presente anche il campione italiano e vincitore della «Coppa Città della Pace» 2018 Mario Passanante, ancora in coppia con Elisa Buccioni, che cercheranno di battere tutti con una Fiat 1100 del 1955. Sarà al via con la Renault 5 Alpine del 1984 anche il secondo classificato di un anno fa, Luca Patron (in coppia con Maurizio Farsura), nonché un asso come Nino Margiotta, in coppia Valentina La Chiana su una Volvo Pv444 del 1947. Ci sarà da divertirsi, sia per i concorrenti sia per chi vorrà seguire i passaggi lungo il percorso.

 

L'Ufficio Stampa

PegasoMedia

RIPARTE CON IL 12° FRANCIACORTA RALLY SHOW LA STAGIONE 2019 DI ELITE MOTORSPORT

 

 

Nave ( BS ), 13 Feb 2019

 

Dopo lo stop invernale, Elite Motorsport si presenta al Franciacorta Rally Show, giunto alla 12° edizione, con ben 3 equipaggi tutti su MINI JCW Evo.

Al via ritroviamo Davide Valsecchi; il campione mondiale GP2 Series ed attuale commentatore tecnico per Sky F1, che rinnova anche per quest’anno la sinergia con il team Bresciano, per l’occasione sarà navigato dall’esperto Giovanni Maifredini.

Della partita anche Luciano Calini, navigato da Chiara Tripiciano: dopo il terzo posto di classe conquistato nell’edizione 2018 si presenta pronto e combattivo ai nastri di partenza.

Crepaldi Federico con alle note Piero Botto Eraldo completa il terzo equipaggio sempre su Mini by Elite Motorsport.

Durante il week-end verranno presentati i programmi e le novità per la stagione agonistica ormai alle porte.

Si inizia Venerdì 15 Febbraio con la prima sessione di shake down dalle 13.30 alle 17.30, mentre verifiche tecnico sportive e ricognizioni sono fissate per Sabato 16 Febbraio in mattinata.

Sei le prove previste, tre al sabato e tre alla domenica, tutte ricavate all’interno del Circuito Daniel Bonara, con la partenza fissata per  Sabato 16 Febbraio dalle ore 14.51: PS1 Franciacorta Endurance di 15 Km, PS2 Franciacorta Gran Prix di 19,8 Km e PS3 Franciacorta Short Stage Lights On di 6 Km.

La partenza delle ultime tre prove alla Domenica è fissata per le ore 08.02: PS4 Lombarda Special Stage di 14,4 Km, PS5 Special Stege Memorial Angelo Caffi di 6 Km e per concludere la PS6 Daniel Bonara Tribute di 3,4 Km. Arrivo e premiazione sono previsti dalle ore 13.20.

 

L'Ufficio Stampa

 

CST con Ciuffi - Gonella ora pronti al Tricolore

Martedì, 12 Febbraio 2019 20:28 Published in Rally

CST con Ciuffi - Gonella ora pronti al Tricolore

 

Dopo l’ottimo allenamento e top five sulla Peugeot 208 T18 al Rally della Valdorcia il fiorentino ed il piemontese neo equipaggio ufficiale della filiale italiana della casa francese con il sodalizio siciliano sono pronti per l’impegno nel Campionato Italiano

L’equipaggio CST Sport Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella domenica 10 febbraio,  hanno chiuso al 5° posto assoluto il Rally della Valdorcia su Peugeot 208 T16 R5 della MM Motorsport.

Per il 25enne pilota fiorentino ed il 23enne cuneese si è trattato del debutto su una vettura di classe regina e per la prima volta anche con trazione integrale. I portacolori CST Sport contraddistinti dal Giglio Fiorentino sull’Auto, hanno disputato la gara toscana sulla terra senese come proficuo allenamento, pensando ad accumulare esperienza e a non assumere rischi superflui.

 

-“Bellissima gara il Rally della Valdorcia, dove ci siamo sempre divertititi ed in continuo crescendo, cercando di capire la macchina - ha spiegato Ciuffi - Non disponevamo del massimo del potenziale, poiché non abbiamo potuto svolgere test prima della, ad ogni prova abbiamo registrato un incremento di prestazioni. Ottimo il lavoro delle gomme ed una perfetta intesa col team e come sempre eccellente il lavoro delle gomme Pirelli. Ci è servito molto riprendere il ritmo di gara, la prima prova del Tricolore Rally a marzo si avvicina ed il rally del Ciocco è sempre più prossimo. Questa gara ci ha caricato molto, non vediamo l’ora di iniziare come equipaggio ufficiale con la Peugeot 208 R2b e con il prestigioso programma pianificato insieme a CST Sport ed ai partner che hanno confermatola fiducia in un 2019 che si presenta intenso”-.

 Ufficio Stampa - Erregìmedia

 

XRace Sport di nuovo in pista: alla seconda “tricolore” su ghiaccio di Pragelato

 

Dopo quindici giorni dal debutto di Livigno, i fratelli Gabriele Gianluca Casadei faranno tappa, questo fine settimana, in Piemonte per proseguire l’apprendistato sul ghiaccio e tornare a far punti.

 

La vettura sarà sempre la  Mitsubishi Lancer proto preparata dalla PB dei fratelli Colonna.

 

 

23 gennaio 2019

 

 

Tornare in pista – soprattutto sul ghiaccio – per proseguire “l’apprendistato” ed anche per ritrovare nuovi punti tricolori oltre che contribuire a rendere sempre più competitiva la Mitsubishi Lancer “proto”. E’ questa, la missione, per il fine settimana che sta arrivando, per i fratelli  Gabriele e Gianluca Casadei e quindi per XRACE SPORT, alla seconda prova del Campionato Italiano su Ghiaccio, in programma a Pragelato (Torino).Dunque, quindici giorni dopo il debutto stagionale di Livigno, vincolato da alcune problematiche di natura elettronica e meccanica, i fratelli romagnoli tornano sulla scena tricolore con un impegno di spessore, con il quale, sotto il piano sportivo, vogliono trovare nuovi punti tricolori.Lo scenario che si troveranno di fronte sarà lo stesso di Livigno, grandi avversari e duna pista molto tecnica, che cercheranno di assimilare al meglio, “vestendosi” la Lancer “proto” preparata dalla PB dei fratelli Colonna, per affrontare una sfida piena di adrenalina.

La struttura delle gare è pressoché immutata rispetto alle scorse stagioni con verifiche sportive e tecniche il sabato nella mattinata di sabato, con prove libere e qualifiche nel pomeriggio dalle ore 16.00, mentre la domenica si svolgerà il Warm-Up, la batteria di qualificazione e le tre manche di gara, cui farà seguito nell’immediato pomeriggio il Master King, la spettacolare sfida ruota contro ruota riservata ai piloti più veloci della giornata.

 

 

#Rally  #Ice  #XRaceSport  #IceChallenge

 

 

UFFICIO STAMPA 

 

Alessandro Bugelli

Premiazione Campionato Sociale 2018

Domenica, 30 Dicembre 2018 12:24 Published in Altre Notizie

Premiazione Campionato Sociale 2018

 

Sarà ad Agrigento il 3 Febbraio 2019 la Premiazione del Campionato Sociale 2018, la festa che la Delegazione ACI Agrigento riserva ai vincitori del Campionato Sociale 2018 cerimonia che si terrà presso Hotel Kaos in Agrigento.

L'Ufficio Stampa

L’equipaggio RO racing Buggea - Vitello, conclude in bellezza la stagione 2018 

Il driver agrigentino coadiuvato dal fido Calogero Luca Vitello riesce ad imporsi tra le auto storiche al Rally Champion Autodromo Valle dei Templi.
 
 
Racalmuto, 23 Dicembre 2018
 
Si conclude in bellezza la stagione agonistica della Scuderia RO racing, se pur al primo anno di attività, riesce bene a far sentire il proprio nome nelle varie discipline e campionati motoristici di tutta Italia.
Questa volta ad aggiungere un altro successo in bacheca, ci hanno pensato Michele Buggea con alle note Calogero Vitello.
 
 
Nella categoria auto storiche del Rally Champion non hanno dato spazio a nessuno, imponendosi sia nella classe, che nella classifica assoluta.
I portacolori RO racing hanno sfruttato al meglio gli aggiornamenti eseguiti dalla factor palermitana “Guagliardo Historic Porsche Team”.
 
Michele Buggea - Questo buon risultato ci fa chiudere un 2018 in maniera positiva, sicuramente di buon auspicio per il 2019 dove insieme alla mia Scuderia ed al mio amico Mimmo Guagliardo,mi impegnerò in un programma nazionale più sostanzioso.-
 
 
 
Comunicato stampa 
Scuderia RO racing 

UMBERTO SCANDOLA, CON D’AMORE ALLE NOTE (SKODA FABIA R5), VINCE IL CIOCCHETTO

RALLY EVENT 2018.

 

“CIAVA”-RIGHETTI (PEUGEOT 208 T16 R5) SI CONFERMANO AL SECONDO POSTO, DAVANTI A RICCARDO SCANDOLA, CON PASI (SKODA FABIA R5). IL TROFEO MEMORIAL ICIO PERISSINOT A GUIDO D’AMORE

 

Il Ciocco. Nella prima tappa ha preso il comando de Il Ciocchetto Rally Event, nella seconda frazione,conclusasi oggi, il veronese Umberto Scandola, con Guido D’Amore alle note, a bordo della Skoda Fabia R5 griffata Skoda Italia e gommata D-Mack, si è divertito e ha fatto divertire il numeroso pubblico, gestendo senza affanni un vantaggio rassicurante e dando spettacolo. “Mi sono divertito veramente molto! – dichiarava alla fine un sorridente Scandola

 

- Non avevo mai corso al “Ciocchetto” e ho scoperto una gara ed un ambiente davvero “natalizi”, un percorso difficile, con prove speciali “vere” e tanta voglia di guidare, svagandosi, senza assilli. Un bel modo di chiudere l’annata rallistica”. E Guido D’Amore riparte dal Ciocco con il prezioso Trofeo intitolato alla memoria di “Icio” Perissinot, che va a premiare il navigatore primo classificato. Dopo un iniziale duello con Rudy Michelini, con Perna (Skoda Fabia R5), uscito di strada dopo le prime tre speciali, Umberto Scandola, vice campione italiano rally quest’anno, titolo che ha vinto nel 2013, ha tenuto a distanza di sicurezza un sempre effervescente “Ciava”, assente dai rally da un anno esatto, qui con Simona Righetti e la Peugeot 208 T16 R5 MM Motorsport. Che è stato bravo a difendere un brillante secondo posto finale dai tentativi di attacco di Riccardo Scandola.

 

Il fratello del vincitore assoluto, in coppia quest’anno con Daniele Pasi, e anche lui su Skoda Fabia R5, ha confermato il terzo posto ottenuto anche nella edizione 2017, che per pochi secondi, poco meno di sette, non è divenuta una “doppietta” Scandola. L’ultima prova speciale è servita al fiorentino Paolo Ciuffi, con Spinetti, a issare la Hyundai i20 R5 al quarto posto assoluto, scavalcando in extremis il locale Federico Santini, con Romei alle note, brillante sulle strade di casa con la Skoda Fabia R5 Trico. Il sesto posto finale premia la costanza di Luca Panzani, con Alessia Bertagna alle note, nel voler trovare il giusto feeling con la inusuale Mitsubishi Spacestar R5, in debito di potenza, mentre merita una medaglia il settimo assoluto, e primo di classe N3 del veloce modenese Giacomo Guglielmini,con Panini, che ha guidato la Renault Clio Rs Light, sui fondi viscidi di questo “Ciocchetto”, come fosse una quattro ruote motrici. Sfortuna invece per Pier Verbilli, con Albertini (Renault ClioWilliams), fermato dalla rottura di un semiasse, al via della seconda tappa, quando era sesto assoluto. Luigi Marcucci, figlio del “patron” del Ciocco Andrea, sulle strade che per lui sono veramente “di casa” ha concluso con un buon ottavo posto assoluto, con la Peugeot 207 S2000 e Vellini a fianco, nonostante qualche “numero” non voluto … Doppia vittoria per Cristian Dal Castello, con Marsha Zanet al quaderno delle note, che, oltre a dominare la classe N2 con la Peugeot 106 rally, si è aggiudicato anche il concorso “social” per la macchina con la decorazione natalizia più apprezzata: ben 198 like sulla foto della loro vettura sulla pagina Facebook della gara e iscrizione gratuita per il Ciocchetto Rally Event del prossimo anno. Assegnato anche il premio di ben 5.000 euro che va a premiare il preparatore o noleggiatore con il miglior piazzamento di almeno tre vetture: a vincere S.A. Motorsport Italia, grazie ai due Scandola, primo e terzo assoluto e ad Andrea Grobberio (Skoda Fabia S2000), 14esimo assoluto.

Presente in prova speciale, e poi alla premiazione finale, per consegnare le coppe ai vincitori assoluti, Andrea Zanussi, grande protagonista dei rally anni ’80 e primo vincitore del rally  Il Ciocchetto, nel 1992, con “Popi” Amati alle note e una potente Lancia Delta HF Proto.
“Portare oltre settanta macchine al Ciocchetto Rally Event è stata una bella impresa, – rifletteva alla fine uno stanco ma contento Valerio Barsella, dal ponte di comando della gara “natalizia” – in un calendario diventato convulso, con tanti eventi. Ma soprattutto sono felice che il clima di festa, di gara vera ma affrontata con il giusto spirito e senza ansie, si sia rinnovato ancora una volta, come mi hanno confermato tanti equipaggi, compresi i “big” che hanno animato il vertice della classifica”.

 


GLI ORGANIZZATORI: I CONTATTI
ORGANIZATION SPORT EVENTS
Loc. “Il Ciocco” – 55051 Barga (Lu)

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Website: www.cioccorally.it
Valerio Barsella – Rally Events 


UFFICIO STAMPA
Responsabile: Leo Todisco Grande
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio Comunicazione Il Ciocco: Claudia Ponziani
Email: c.ponziani@ciocco.i

UMBERTO SCANDOLA, CON D’AMORE ALLE NOTE (SKODA FABIA R5), CHIUDE IN TESTA LA PRIMA TAPPA DE IL

CIOCCHETTO

RALLY EVENT 2018 (DAL 21 AL 23 DICEMBRE). 

 

GRANDE LOTTA PER I POSTI D’ONORE, CON “CIAVA” (PEUGEOT 208 R5) SECONDO E RICCARDO SCANDOLA (SKODA FABIA R5) TERZO

Il Ciocco. Il veronese Umberto Scandola, con Guido D’Amore alle note, con la Skoda Fabia R5 griffata Skoda Italia ha chiuso in testa la prima tappa di un Ciocchetto Rally Event che ha confermato la sua fama di gara divertente, quanto impegnativa e selettiva. Il vice campione italiano rally 2018, dopo una iniziale schermaglia con il lucchese Rudy Michelini, con Perna, fuori strada sulla terza speciale con la Skoda Fabia R5 PA Racing, ha poi incrementato gradualmente il suo vantaggio sulla concorrenza. Nonostante un anno di stop agonistico, il massese “Ciava”, in coppia con Simona Righetti, ha ritrovato in breve un buon passo sulle speciali del “Ciocchetto”, con la Peugeot 208 T16 R5 della MM Motorsport, che gli ha permesso di concludere in seconda posizione la prima tappa di gara.

Aiutato in questo anche da una “toccata” nella quinta prova speciale del fiorentino Paolo Ciuffi, con Luca Spinetti, con pochi danni alla Hyundai i20 R5 by Bernini ma con la classifica che lo vedeva precipitare dal secondo al quinto posto assoluto, migliorato di una posizione alla fine della giornata. Il podio di questa prima tappa di un Ciocchetto Rally Event reso insidioso e viscido da una pioggerellina a tratti e dalla nebbia è stato completato da Riccardo Scandola, fratello di Umberto, con Daniele Pasi a fianco, con la seconda Skoda Fabia R5 nei colori Skoda Italia, che ha guidato a tratti con tempi da alta classifica. Dietro al quinto classificato, il locale Federico Santini, in coppia con Gabriele Romei, autore di una buona rimonta nella seconda parte di tappa con la Skoda Fabia R5 Eurospeed, si affacciava il modenese Pier Verbilli, con Albertini alle note, ancora una volta assai veloce al “Ciocchetto” con la sempreverde Renault Clio Williams gruppo A. A fasi alterne il debutto del lucchese Luca Panzani, con Alessia Bertagna a leggere le note, al volante della acerba Mitsubishi Space Star R5, che solo in alcune occasioni gli ha permesso di esprimere il suo potenziale.

Problemi al motore della Peugeot 208 T16 R5 MM Motorsport hanno costretto al ritiro, invece, un altro atteso protagonista, Nicola Caldani, in coppia con Dario D’Esposito. Senza respiro la lotta sul filo del secondo tra le Renault Clio RS Light gruppo N di Marco Lombardi, con Riccardo Meconi e di Giacomo Guglielmini, con Alessio Panini alle note, che si sono issati, nell’ordine, fino all’ottavo e nono posto assoluto. IL PROGRAMMA DI GARA: DOMANI SECONDA E ULTIMA TAPPA Seconda e conclusiva frazione del 27esimo Il Ciocchetto Rally Event alla domenica, con start alle ore 7.30 e arrivo finale alle 13.45.

La Premiazione del 27° Il Ciocchetto Rally Event - memorial Maurizio Perissinot avrà luogo alle ore 16.00 presso Renaissance Tuscany Il Ciocco Resort & Spa.

Per info http://www.cioccorally.it/ GLI ORGANIZZATORI: I CONTATTI

ORGANIZATION SPORT EVENTS

Loc. “Il Ciocco” – 55051 Barga (Lu)

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Website: www.cioccorally.it Valerio Barsella – Rally Events

 

UFFICIO STAMPA

Responsabile: Leo Todisco Grande

Ufficio Comunicazione Il Ciocco: Claudia Ponziani

PAOLO ANDREUCCI ALLA PRESENTAZIONE DEL CENTRO TECNICO FEDERALE AUTO AL CIOCCO, ALLA VIGILIA DE IL

CIOCCHETTO RALLY EVENT 2018 (21 AL 23 DICEMBRE).

 

INAUGURATA LA MOSTRA SULLA STORIA DEL RALLY IL CIOCCO E VALLE DEL SERCHIO E PRESENTATO IL LIBRO SUI QUARANTA ANNI DELLA GARA.

Il Ciocco. L'appuntamento, per pubblico, appassionati e equipaggi iscritti a Il Ciocchetto Rally Event, era fissato nella serata di ieri, venerdì 21 dicembre, all’interno della Tenuta “Il Ciocco”, presso la accogliente Locanda Alla Posta. L’occasione, alla vigilia dell’atteso rally “natalizio”, era la presentazione di alcuni eventi, con cuore appunto Il Ciocco. Alla presenza del pluricampione italiano Paolo Andreucci e del dottor Francesco Russo, che sarà il referente medico, è stato presentato il nuovo Centro Tecnico Federale Auto de Il Ciocco, nuova iniziativa con base nella tenuta toscana, alla presenza di Paolo Andreucci, che ne sarà il direttore, e del dott. Francesco Russo, referente medico della iniziativa. “E’ un nuovo, significativo riconoscimento, quello di Centro Tecnico Federale Auto, con competenza i rally e settore territoriale la Toscana, una investitura che arriva direttamente da Automobile Club d’Italia, tramite Aci Sport. – dichiarava un soddisfatto Valerio Barsella, mente organizzativa dei rally con base al Ciocco – La Tenuta Il Ciocco si conferma come polo di riferimento per il motorsport, non solo a quattro ruote, e per questa importante iniziativa non potevamo che pensare a Paolo Andreucci, come Direttore”. E Paolo Andreucci, undici volte campione italiano rally, legato da sempre alle sue zone, e al Ciocco in particolare, dove ha mosso i suoi primi passi “da rally”, ringrazia. “Insieme ad Anna (Andreussi n.d.r.), che mi sarà a fianco anche in questo progetto, abbiamo accolto con grande piacere, e anche con orgoglio, questo incarico – commentava alla fine – e cercheremo di riversare nel Centro Tecnico Federale Auto Il Ciocco la nostra esperienza e quello che abbiamo imparato nella nostra carriera. Mi piacciono molto il senso e i contenuti di questa iniziativa, cha andrà dai corsi di pilotaggio rally ad alto livello fino al perfezionamento della guida di tutti i giorni, e soprattutto la prospettiva, in futuro, di creare una più vasta e articolata “rally academy”, con base proprio qui, al Ciocco, dalle mie parti”. Inaugurata, nel corso della stessa serata, la mostra sulla storia del rally Il Ciocco e Valle del Serchio proposta, nei locali adiacenti alla “Locanda Alla Posta”, nei giorni de Il Ciocchetto Rally Event, e allestita con importanti memorabilia, oggetti, tute, foto e altro materiale “storico” riguardante il lungo e prestigioso Albo d’Oro del rally Il Ciocco. Nell’occasione sarà disponibile e in vendita il libro sui 40 anni del rally Il Ciocco e Valle del Serchio, recente realizzazione di Moreno Maffucci. IL PROGRAMMA DI GARA: DUE GIORNI DI RALLY E DI SFIDE SERRATE Il Ciocchetto Rally Event, in veste rinnovata, proporrà, in chiusura delle due tappe del sabato e della domenica, una super prova speciale, che verrà disputata da tutti gli equipaggi in gara, cui si sommano due speciali, da ripetere tre volte in tappa 1 e altre due, diverse, ancora da percorrere tre volte, in tappa 2. Partenza del Il Ciocchetto Rally Event sabato 22 dicembre alle ore 13.00 da Il Ciocco, con arrivo alle ore 19.45. Seconda frazione alla domenica, con start alle ore 7.30 e arrivo finale alle 13.45.

 

Premiazione del 27° Il Ciocchetto Rally Event - memorial Maurizio Perissinot presso Renaissance Tuscany Il Ciocco Resort & Spa.

Per info http://www.cioccorally.it/

GLI ORGANIZZATORI: I CONTATTI ORGANIZATION SPORT EVENTS Loc. “Il Ciocco” – 55051 Barga (Lu) Tel. 0039 0583 719730 – Fax 0039 0583 719731

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Website: www.cioccorally.it

UFFICIO STAMPA Responsabile: Leo Todisco Grande

Ufficio Comunicazione Il Ciocco: Claudia Ponziani

 

 

FRANCESCO COZZULA IPOVEDENTE DIRITTO ALLO SPORT NEGATO

Venerdì, 21 Dicembre 2018 19:27 Published in Altre Notizie

FRANCESCO COZZULA IPOVEDENTE DIRITTO ALLO SPORT NEGATO

OSILO – Mancano dieci giorni al 31 dicembre 2018, data ultima a disposizione di Francesco Cozzula per rinnovare la licenza di navigatore rally h disabile. I giorni passano ma Francesco non molla la presa e continua a lottare con tutte le sue forze contro una federazione sportiva che si arrocca dietro giustificativi che, di fatto, non hanno portato a nulla. Nel pomeriggio di ieri è giunta la replica della segreteria del Presidente della Repubblica che descrive quanto la federazione sportiva ACI Sport ha dichiarato dopo essere stata interpellata dal Quirinale. A tamburo battente è partita la replica di Francesco che non arretra di un passo e non accetta la posizione assunta dalla federazione sportiva. In sintesi, la segreteria del Presidente della Repubblica ha riportato che Francesco è stato giudicato non idoneo dal CONI, cosa non vera, dal momento che a suo tempo la struttura medica del CONI non ha concluso la visita. Il CONI infatti ha richiesto esami specialistici non correlati alla patologia di Francesco, e inoltre Francesco stesso è sempre stato in possesso di un certificato di idoneità medico sportiva. Dunque nessuna struttura medica poteva rilasciare pareri in merito alla sua idoneità medico sportiva. Nella risposta della segreteria del Quirinale si riporta che la condizione di disabilità di Francesco, che non è assolutamente autonomo, non è idonea al rally, uno sport molto pericoloso. Francesco ha replicato che il rally si fa in due e che il suo pilota svolge a pieno il ruolo di accompagnatore. Oltre a questo, nei rally ci sono presidi di sicurezza che permettono la gestione di situazioni di pericolo in pochi minuti da parte del personale addetto. Francesco ha segnalato che anche altre categorie di disabili che gareggiano nei rally potrebbero avere le sue stesse difficoltà, e che non potrebbero superare il test di abilità che ha superato lui. In conclusione, Francesco ha replicato alla Segreteria del Presidente della Repubblica. «Ho la testa sulle spalle - ha dichiarato - e qualora avessi il sentore di rappresentare un pericolo per gli altri, io stesso sarò il primo a decidere di restare a casa. Ma di sicuro non aspetto che venga a dirmelo chi non ha neanche la vaga idea di cosa sia una situazione di disabilità». Nella serata di ieri è arrivata la comunicazione della federazione sportiva che ha demandato la questione agli esperti del Gruppo Di Lavoro Medico ACI. Intanto sui social si sta scatenando la solidarietà di tante persone che stanno dimostrando vicinanza a Francesco.