A Lonato grandi sfide per il successo nella prima prova della WSK Super Master Series
A Lonato grandi sfide per il successo nella prima prova della WSK Super Master Series
February 05, 2023
Progetto Giovani: la Scuola Federale ACI Sport conferma la linea verde per il 2023
Progetto Giovani: la Scuola Federale ACI Sport conferma la linea verde per il 2023
February 02, 2023
La WSK Champions Cup ha dato l’avvio alla stagione internazionale
La WSK Champions Cup ha dato l’avvio alla stagione internazionale
January 31, 2023
Dal 1° al 5 febbraio scatta la prima prova della WSK Super Master Series
Dal 1° al 5 febbraio scatta la prima prova della WSK Super Master Series
January 31, 2023
Ottimo inizio di Stagione per Michele Riccio.
Ottimo inizio di Stagione per Michele Riccio.
January 29, 2023
E’ subito spettacolo a Lonato con la WSK Champions Cup
E’ subito spettacolo a Lonato con la WSK Champions Cup
January 28, 2023
Rinnovata la partnership fra WSK e Motorsport.tv
Rinnovata la partnership fra WSK e Motorsport.tv
January 26, 2023
WSK rimanda l’esordio delle nuove categorie OK-N e OKN-J
WSK rimanda l’esordio delle nuove categorie OK-N e OKN-J
January 24, 2023
Attesi 320 piloti a Lonato per la WSK Champions Cup
Attesi 320 piloti a Lonato per la WSK Champions Cup
January 21, 2023
WSK Promotion annuncia una partnership con Tatuus
WSK Promotion annuncia una partnership con Tatuus
January 19, 2023
Oltre 250 piloti alla “prima” della WSK Champions Cup
Oltre 250 piloti alla “prima” della WSK Champions Cup
January 17, 2023
Nuova partnership fra WSK Promotion e LIBE Incisioni
Nuova partnership fra WSK Promotion e LIBE Incisioni
January 17, 2023
WSK, online tutti i regolamenti 2023
WSK, online tutti i regolamenti 2023
December 21, 2022
WSK & Sparco, partnership prestigiosa
WSK & Sparco, partnership prestigiosa
December 19, 2022
Il calendario WSK per la stagione 2023
Il calendario WSK per la stagione 2023
December 09, 2022
Benedetto D'avelli è Campione Regionale Karting
Benedetto D'avelli è Campione Regionale Karting
December 09, 2022
Nel 4° Stage Karting ACI Sport a Franciacorta Mattia Colnaghi in OKN e Gino Rocchio in OKN-J vincono i premi Cetilar
Nel 4° Stage Karting ACI Sport a Franciacorta Mattia Colnaghi in OKN e Gino Rocchio in OKN-J vincono i premi Cetilar
December 07, 2022
Il 18 febbraio 2023 le premiazioni Regionali a Taormina
Il 18 febbraio 2023 le premiazioni Regionali a Taormina
November 27, 2022
Definito il calendario WSK per la stagione 2023 e conferma dei fornitori
Definito il calendario WSK per la stagione 2023 e conferma dei fornitori
November 25, 2022
Coppa Finale WSK Rd.2
Coppa Finale WSK Rd.2
November 17, 2022
I campioni della WSK Final Cup 2022: Zulfikari (MINI), Olivieri (OKJ), Turney (OK), Van Walstijn (KZ2)
I campioni della WSK Final Cup 2022: Zulfikari (MINI), Olivieri (OKJ), Turney (OK), Van Walstijn (KZ2)
November 14, 2022
A Lonato il rush finale della WSK Final Cup
A Lonato il rush finale della WSK Final Cup
November 13, 2022
Al via a Lonato il round conclusivo della WSK Final Cup
Al via a Lonato il round conclusivo della WSK Final Cup
November 12, 2022
Il recap del weekend di gara a Sarno (ITA)
Il recap del weekend di gara a Sarno (ITA)
November 09, 2022
WSK Final Cup a Lonato per il secondo round con 300 piloti
WSK Final Cup a Lonato per il secondo round con 300 piloti
November 07, 2022
Vittorie sorprendenti nella prima prova della WSK Final Cup a Sarno
Vittorie sorprendenti nella prima prova della WSK Final Cup a Sarno
November 07, 2022
A Sarno verso il gran finale della prova d’apertura della WSK Final Cup
A Sarno verso il gran finale della prova d’apertura della WSK Final Cup
November 06, 2022
Ottima partecipazione a Sarno per la WSK Final Cup
Ottima partecipazione a Sarno per la WSK Final Cup
November 01, 2022
La Scuola Federale sceglie sei talenti per il 4° Stage Karting ACI Sport
La Scuola Federale sceglie sei talenti per il 4° Stage Karting ACI Sport
October 28, 2022
Karting, Valentino Ledda sulla pista Cogiskart il 28-30 ottobre per il Campionato Italiano per Squadre regionali
Karting, Valentino Ledda sulla pista Cogiskart il 28-30 ottobre per il Campionato Italiano per Squadre regionali
October 25, 2022
BOLZA CORSE TERZA ALLA 500 MIGLIA DI POMPOSA
BOLZA CORSE TERZA ALLA 500 MIGLIA DI POMPOSA
October 25, 2022
UNA SOFFERTA ROK CUP SUPERFINAL PER CHIARELLO
UNA SOFFERTA ROK CUP SUPERFINAL PER CHIARELLO
October 25, 2022
LA ROK CUP SUPERFINAL APRE LE PORTE A CHIARELLO
LA ROK CUP SUPERFINAL APRE LE PORTE A CHIARELLO
October 18, 2022
Aperte le iscrizioni alla WSK Final Cup
Aperte le iscrizioni alla WSK Final Cup
October 13, 2022
CHIARELLO SI PREPARA PER LA ROK CUP SUPERFINAL
CHIARELLO SI PREPARA PER LA ROK CUP SUPERFINAL
October 12, 2022
Il siciliano Maragliano trionfa nel Karting al 50° Trofeo delle  Industrie
Il siciliano Maragliano trionfa nel Karting al 50° Trofeo delle Industrie
October 10, 2022
Samuele Spiezio si aggiudica il  7° Trofeo coppa preparatori Lazio.
Samuele Spiezio si aggiudica il 7° Trofeo coppa preparatori Lazio.
October 06, 2022
Benedetto D'avelli è Vice Campione Italiano Club.
Benedetto D'avelli è Vice Campione Italiano Club.
October 05, 2022
Bellissimo evento a Lonato per la WSK Open Cup
Bellissimo evento a Lonato per la WSK Open Cup
October 03, 2022
Pronti alle finali della WSK Open Cup a Lonato  per l’assegnazione dei titoli
Pronti alle finali della WSK Open Cup a Lonato per l’assegnazione dei titoli
October 02, 2022
Federico Luzzi

Federico Luzzi

Daniele Griotti, un rientro di eccellenza al Rally Colli del Monferrato e del Moscato

 

Il pilota torinese torna in gara dopo undici affiancato dal navigatore di Canelli Fabio Grimaldi, con la Škoda Fabia Rally2 di Gima Autosport per i colori della Scuderia La Superba. Dopo un paio di testacoda sulle prove inziali prende il ritmo giusto e chiude ottavo assoluto facendo dimenticare a tutti che il tempo è passato

 

 

 

MONCALVO (AT), 5 dicembre – Quanto sono lunghi undici anni? Nel mondo dei rally rappresentano un’era geologica. Undici anni fa il campionato del mondo lo vinse Sébastien Loeb (uno che è sulla breccia ancora adesso) con una Citroën DS3 WRC scomparsa dalle prove speciali. E se è vero che Paolo Andreucci (vincitore del titolo tricolore 2011) continua a conquistare titoli su titoli, la Peugeot 207 S2000 con la quale il garfagnino si impose è relegata nei garage. Se i piloti rimangono sono le macchine a sparire.

Se ne è accorto Daniele Griotti, che prima di domenica aveva disputato il suo ultimo rally nel 2011 (a parte un’estemporanea presenza, vincente, alla Cronoscalata del Tandalò 2021) al volante di una Renault Megane RS Gruppo N. Due sole ruote motrici, un centinaio di cavalli, se non di più, di differenza rispetto alla Škoda Fabia R5/Rally2 con la quale il pilota pinerolese, ora residente a Torino, si è presentato al via del Rally Colli del Moscato e del Monferrato di sabato 4 e domenica 5 dicembre.

Le due vetture non sono nemmeno lontanamente parenti” afferma il portacolori della Scuderia La Superba, che si è presentato al via di Moncalvo affiancato dall’astigiano Fabio Grimaldi al volante della vettura boema “ma oggi si corre con queste vetture qui”. Anche Griotti, come i veri fuoriclasse non si è minimamente scomposto per la potenza della vettura, le quattro ruote motrici (ma con le 4x4 aveva già corso e vinto parecchio), l’elettronica imperante e soprattutto il fondo fangoso che ha caratterizzato la gara monferrina.

Non ero nemmeno mai salito su una Fabia da rally e i primi metri al volante li ho fatti sabato durante lo Shake Down. Tre giri appena, poi io e Fabio ci siamo detti che era meglio fermarci. Ci stavo prendendo la mano e soprattutto mi stavo facendo prendere dall’entusiasmo e non era proprio il caso di buttarla in un fosso prima della partenza”. Così, domenica mattina Griotti-Grimaldi si presentano puntuali al via con la Fabia di Gima Autosport pronti a divertirsi e far divertire. “Nelle prime due prove speciali ci siamo girati un paio di volte, perdendo quella manciata di secondi che per noi non facevano la differenza, ma che in classifica contano” afferma Griotti, che dalla terza prova speciale comincia a fare rendere la Fabia ed entra prepotentemente fra i migliori dieci dell’assolta, staccando un quinto tempo assoluto nella terza speciale, la tortuosissima Moncalvo con l’asfalto coperto di fango vischioso. Nella ripetizione delle prove speciali le posizioni di classifica di Daniele Griotti-Fabio Grimaldi sono sempre fra la sesta (due volte) e l’ottava posizione di categoria e quando è ora di salire sul podio finale sono ottavi assoluti e primo di Over 55.

Mi sono divertito come un bambino piccolo. Quando sei al volante non pensi a null’altro che a far andare forte la vettura che stai guidando. Non ti passa per l’anticamera del cervello che sono undici anni dall’ultima volta che sei entrato in prova speciale, che la strada è coperta da una fanghiglia che rende difficile persino camminare a piedi. Pensi solo a essere più veloce possibile” commenta il pilota per quello che potrebbe essere un preludio del ritorno ai rally? Griotti si stringe nelle spalle: “In realtà non ci pensavo proprio a ritornare in gara. Il diavoletto tentatore è stato Diego Parodi (il preparatore che lo ha seguito per decenni fin dagli inizi della sua carriera) che mi ha telefonato chiedendomi perché non facevo un rally. Non ha dovuto faticare molto per convincermi” ammette soddisfatto Daniele Griotti, mentre Diego Parodi se la ride sotto i baffi.

immagini dell'equipaggio in gara scattate da Foto Magnano

Jacopo Araldo scala colline e classifiche al Rally delle Colline del Monferrato e del Moscato

La gara monferrina vede il pilota di Canelli, affiancato da Lorena Boero, proseguire nel lavoro di sviluppo della sua Hyundai i20 N curata da Balbosca. Alla fine un buon settimo posto assoluto e alcuni rilievi cronometrici interessanti

 

 

 

MONCALVO (AT) 5 dicembre – Continua il lavoro di affinamento di Jacopo Araldo alla sua Hyundai i20 N Rally2 con la quale ha preso parte sabato 4 e domenica 5 dicembre al 25° Rally Colli del Monferrato e del Moscato, affiancato da Lorena Boero.

Una gara che ha visto il pilota di Canelli concludere in settima posizione assoluta e, soprattutto, impegnarsi con i tecnici di Balbosca in quel lavoro di “cucitura” della vettura secondo le caratteristiche del pilota e viceversa. Un impegno che ha visto come palcoscenico le scivolosissime prove monferrine, umide e ricoperte di fango, che sono servite come ottimo test in condizioni difficili in vista della prossima stagione.

Il portacolori di Meteco Corse è partito subito bene chiudendo sesto la prima prova speciale, rimanendo costantemente fra i migliori dieci della classifica assoluta. “La prova in cui mi sono espresso al meglio è stata la Portacomaro, la meno tortuosa e con tratti in cui si faceva velocità, proprio le condizioni che piacciono a me. Ma era soprattutto importante arrivare in assistenza e comunicare le sensazioni ai tecnici di Balbosca e lavorare di conseguenza”.

Fra il primo e il secondo passaggio, sotto la tenda di Balbosca, si sono ottimizzate alcune regolazioni e nella ripetizione delle prove speciali i tempi sono migliorati, nonostante le condizioni dell’asfalto fossero nettamente peggiorate, con l’aumento di fango e fogliame, portato in strada dalle vetture nei passaggi precedenti.

Sono soddisfatto del quinto tempo assoluto registrato nella terza Portacomaro, perché ho visto un miglioramento della vettura e in genere del lavoro svolto” afferma Jacopo Araldo al termine della gara in una stagione 2022 che lo ha visto al via di dieci rally (sei con la Škoda Fabia e quattro con la Hyundai i20) equamente divisi fra Lorena Boero e Daniele Araspi. Un’annata che ha visto Araldo confrontarsi nuovamente in un campionato, concludendo secondo assoluto di Coppa Rally di Zona, conquistare una vittoria al Team ‘971 e il podio al Vigneti Monferrini, Grappolo (secondo assoluto), Valle d’Aosta e Alba (terzo). Una stagione trampolino di lancio verso la prossima annata i cui programmi saranno definiti nella pausa invernale.

Nel 4° Stage Karting ACI Sport a Franciacorta Mattia Colnaghi in OKN e Gino Rocchio in OKN-J vincono i premi Cetilar

Il monzese classe 2008 ed il cesenate classe 2009 si aggiudicano il montepremi messo in palio dalla Scuola Federale ACI Sport, nel corso di fine anno dedicato ai kartisti. Esordio ufficiale di successo per le due nuove categorie dei kart, sotto lo sguardo della FIA, già proiettate al 2023. 

 

 

Bargnana (BS), martedì 6 dicembre 2022 – All’Autodromo di Franciacorta “Daniel Bonara” si è chiusa un’edizione straordinaria dello Stage Karting ACI Sport. La quarta versione dell’attività organizzata dalla Scuola Federale ACI Sport “Michele Alboreto”, dedicata ai migliori kartisti italiani di 13 e 14 anni, ha offerto tante emozioni e alcune novità di clamore internazionale nelle due giornate bresciane. Ad emergere tra i sei partecipanti sono stati Mattia Colnaghi nel gruppo OKN e Gino Rocchio nel gruppo OKN Junior, ai quali è stato consegnato il premio Cetilar, grazie alla collaborazione con PharmaNutra, partner medico ufficiale dell’Università dell’Automobilismo

 

NOVITÀ OKN E OKN J | La prima delle novità riguarda proprio la location, con la splendida struttura del Franciacorta Karting Track che ha ospitato per la prima volta la Scuola Federale per questo evento, presso il circuito da poco inaugurato dove ha già fatto tappa il Campionato Europeo Karting quest’anno e che ospiterà il Mondiale nel prossimo. L’inedito di maggior interesse riguarda però i kart delle neonate categorie OKN e OKN Junior, appena omologate dalle FIA, messe a punto e lanciate da ACI Sport in anteprima mondiale. Si tratta infatti della prima uscita ufficiale di questi mezzi sui quali la Federazione Internazionale e quella Italiana stanno lavorando in sinergia e che faranno il loro ingresso nelle serie italiane a partire dalla prossima stagione, dai Campionati Regionali al Campionato Italiano ACI Karting 2023. L’Italia sarà il trampolino di lancio di un format da replicare in tutto il Mondo. L’obiettivo della Federazione Internazionale dell’Automobile è infatti quello di portare i migliori piloti emersi nel Campionato Italiano ACI Karting 2023 dalle categorie OKN e OKN-J a competere nella World Cup 2024.

IL PERCORSO FORMATIVO | La speranza è che questi kart possano portare al successo, già nel 2023, i sei talenti che hanno avuto l’occasione di mettersi in mostra nel 4° Stage Karting, ovvero Davide Bottaro, Iacopo Martinese e Gino Rocchio, appartenenti al gruppo OKN Junior, quindi Mattia Colnaghi, Giacomo Maman ed Emanuele Olivieri nel gruppo OKN. Gli allievi infatti hanno affrontato questa 2^ Fase dell’attività divisi appunto nelle due categorie d’appartenenza in base all’età sui mezzi messi a disposizione e gestiti da OTK Kart Group, con telaio Tony Kart e motore Vortex, gommati Vega Tyres. Erano stati selezionati e invitati dalla Scuola Federale attraverso lo scouting effettuato durante il corso della stagione appena conclusa. Poi sono passati dalla 1^ Fase svolta dal 14 al 16 novembre nella sede di Formula Medicine, a Capezzano Pianore, Lucca, dove hanno sostenuto dei test psico-fisici. Per concludere il percorso formativo e valutativo dello Stage Karting sono stati messi alla prova dallo staff della Scuola Federale ACI Sport capitanato dal Direttore Raffaele Giammaria, coadiuvato dagli Istruttori Federali Antonio Dettori, Gabriele Lancieri, Stefano Tredicine nonché dagli specialisti della sezione Ricerca e Formazione, la Pedagogista Glenda Cappello ed il Prof. in Neuroscienze Lucio Tonello.

“Questo Stage rappresenta un appuntamento molto importante sia per la Scuola che per ACI Sport in quanto Federazione – spiega Raffaele Giammaria, già Presidente della Commissione Karting ACI Sport – poiché si tratta del debutto ufficiale dei mezzi OKN e OKNJ sui quali stiamo lavorando da tempo insieme alla FIA. L’incarico e il ruolo riconosciuto all’Italia da parte della Federazione Internazionale ci rende orgogliosi e ci responsabilizza, ma stiamo dimostrando anche qui che siamo sulla strada giusta. Siamo già pronti per le serie 2023 grazie ad un lavoro di squadra. Ma è anche un crocevia fondamentale per la carriera di questi giovani piloti. Sono qui perché hanno dimostrato di essere i migliori e lo stanno confermando, auguro a loro di continuare così e magari di rivederli presto con noi nel Supercorso Federale, tra un anno, nello step successivo prima delle monoposto”.

Sulla stessa linea d’onda anche Simone Perego, FIA Karting Championships Manager“sono felice di essere qui perché si tratta di un momento cruciale anche per la FIA, visto che vengono lanciate due categorie sulle quali puntiamo molto. L’Italia così sta dimostrando ancora di essere all’avanguardia nel mondo dei motori, in particolare nel karting. Confidiamo nel lavoro fatto fino ad oggi e nel successo in OKN e OKN J nel campionato italiano 2023. Da lì i migliori verranno invitati alla Coppa del Mondo FIA 2024. Quindi bocca al lupo a tutti questi giovani piloti che sceglieranno questo percorso”.

 

Le materie di valutazione degli alunni sono state la “capacità di apprendimento”, la “sensibilità di guida”, “traiettorie”, “uso del freno”, “rispetto del kart”, la “tecnica”, la “costanza di rendimento” nelle due simulazioni di gara disputate, i risultati di un questionario di “teoria” e, non ultima, la “velocità”. Tanti elementi che hanno composto un punteggio finale per ogni ragazzo. Ai vincitori Colnaghi e Rocchio durante le premiazioni sono stati consegnati i due assegni da 10.000 euro ciascuno in forma di borsa di studio sportiva, premi Cetilar finalizzati alla partecipazione al prossimo Campionato Italiano ACI Karting 2023.

 

I PILOTI DEL 4° STAGE KARTING ACI SPORT

Davide Bottaro | febbraio 2009 - Savona

Mattia Colnaghi | luglio 2008 - Monza (MB) 

Giacomo Maman | maggio 2008 - Treviso

Iacopo Martinese | febbraio 2010 - Lecce

Emanuele Olivieri | agosto 2008 - Asti

Gino Rocchio | dicembre 2009 - Cesena 

 

 

www.scuolafederale.acisport.it

FB @scuolafederaleacisport

TWT @scuolaacisport

INSTAGRAM @scuolafederaleacisport

 

 

--

Daniele De Bonis
Addetto Stampa | Redazione centrale

Claudio Fanucchi è il pilota vincitore del Premio Rally Automobile Club Lucca

 

Al pilota la diciassettesima edizione della serie promossa da Automobile Club Lucca, assegnata sulle strade del Rally di Chiusdino. Ancora aperta la “partita” relativa al podio assoluto ed al titolo copiloti.

 

 

 

 

 

 

Lucca, 7 dicembre 2022

 

 

 

 

È Claudio Fanucchi il vincitore del Premio Rally Automobile Club Lucca. La serie provinciale, promossa da AC Lucca e giunta alla sua diciassettesima edizione, ha assegnato il titolo 2022 con una gara di anticipo, sulle strade del Rally di Chiusdino. Decisiva, per il pilota lucchese, la vittoria di classe nel penultimo appuntamento in programma, affrontato sulla Renault Clio R3 che ne caratterizza, da anni, la programmazione sportiva. Un primato che ha, di fatto, apposto il sigillo ad una condotta stagionale che lo ha visto guadagnare la leadership della serie per poi concretizzarla sulle prove speciali della provincia di Siena. Una situazione di classifica che – tuttavia – lascia alla manche finale della serie – il Rally Il Ciocchetto - l’onere di assegnare le restanti posizioni del podio assoluto. A giocarsi le proprie chances saranno Riccardo Meconi, fresco vincitore della Coppa Italia Rally di classe N1 e Matteo Lencioni, distante nove lunghezze. Entrambi i competitor non hanno preso il “via” al Rally di Chiusdino, lasciando a Claudio Fanucchi la facoltà di conquistare gli ultimi punti che lo separavano dalla matematica conquista della kermesse. Prospettive da podio anche per Andrea Simonetti e Giacomo Franceschini, con quest’ultimo distante solo quattro punti dalla terza piazza.

 

Ancora da definire la classifica relativa ai copiloti, con Silvia Barsotti congedata dal Rally di Chiusdino con una terza piazza di classe A0, su Fiat Seicento, posizione che le ha consentito – grazie al punteggio assegnato – di mantenere la leadership e le distanze verso la prima inseguitrice, la copilota Under 25 Tania Bernardi. Nove, i punti di distacco tra le due conduttrici, in lotta per primato assoluto e titolo femminile. Sul terzo gradino del podio resiste Simone Marchi, assente sulle strade di Siena ed a quattordici punti dalla vetta. Alle sue spalle, con quattro lunghezze di ritardo, l’esperto Fabrizio Vecoli. Il 17° Premio Rally Automobile Club Lucca andrà in archivio sulle strade del Rally Il Ciocchetto, sabato 17 e domenica 18 dicembre a Castelvecchio Pascoli, all’interno della tenuta Il Ciocco.

 

 

 

Nella foto (free copyright Thomas Simonelli): Claudio Fanucchi in azione al Rally di Chiusdino ed in foto profilo.   

 

--

Gabriele Michi

Moscato salutare per Massimo Marasso

Mercoledì, 07 Dicembre 2022 08:12 Published in Rally

Moscato salutare per Massimo Marasso

Rally terapeutico per il pilota di Neive che sulle insidiose strade del Monferrato ritrova la confidenza con la Škoda Fabia di Roger Tuning, affiancato dal navigatore biellese Luca Pieri. Ora per il portacolori di Turismotor’s si prospetta un periodo di vacanze in attesa della prossima primavera rallistica

 

 

 

MONCALVO (AT), 5 dicembre – È sempre necessario ripartire dopo una caduta o un incidente. Risalire in sella o rimettersi al volante di un’auto. Specie se si tratta di una vettura da rally. È quanto ha fatto Massimo Marasso dopo l’uscita di strada al Trofeo Rally delle Merende dell’ottobre scorso, riscoprendo i meccanismi della Škoda Fabia Rally2 evo curata da Roger Tuning che l’enologo di Neive ha riportato sulle prove speciali in occasione del Rally Colli del Monferrato e del Moscato, andato in scena sabato 4 e domenica 5 dicembre.

Affiancato come capita ormai da alcune stagioni dal navigatore biellese Luca Pieri, il pilota portacolori di Turismotor’s ha concluso il rally in nona posizione assoluta. “Il Rally di Moncalvo non era proprio la gara ideale per riprendere coraggio e confidenza con la Fabia. Sapevamo ancor prima di partire che avremmo trovato fondo viscido e insidioso su tutte le strade, ma non volevo far passare troppo tempo dall’uscita di strada di Santo Stefano Belbo. Più si procrastina il ritorno in macchina, più diventa difficile trovare coraggio e meccanismi per fare bene” afferma Massimo Marasso che in gara ha trovato fin da subito un buon passo, senza accusare sbavature e rimanendo costantemente fra i migliori dieci in un rally che presentava un elenco partenti di primo piano, concentrato soprattutto sulle vetture più prestazionali (diciotto di Classe R5 fra Škoda Fabia, Hyundai i20, Ford Fiesta e Volkswagen Polo al via) con al volante alcuni top driver quali Andolfi, Chentre e l’elvetico Burri.

Il primo passaggio sulle prove è servito soprattutto a farci capire che riuscivamo a stare in quel pacchetto dei migliori dieci dell’assoluta. Nella ripetizione delle prove abbiamo spinto maggiormente, anche se siamo stati ben lontani dal prenderci rischi. Eravamo ormai in ritardo nella graduatoria assoluta e una posizione in più o in meno non cambiava la situazione di classifica; soprattutto io e Luca avevamo assolutamente voglia di vedere la pedana di arrivo possibilmente senza graffi alla carrozzeria”. E così è stato.

Con il Rally Colli del Monferrato e del Moscato si conclude la stagione 2022 di Massimo Marasso che nel corso dell’anno ha disputato otto gare, tutte con la Škoda Fabia, sempre con Luca Pieri sul sedile di destra, collezionando, fra l’altro, un terzo posto assoluto al Rally Team ‘971. “Ora è tempo di mettere la Fabia a riposo in garage e pensare alla famiglia e alle festività natalizie. Alle prove speciali torneremo a pensare nella prossima primavera”, conclude Marasso

É un Rally del Brunello da record:

144, gli iscritti al doppio confronto tricolore

 

Scuderia Etruria Sport, in collaborazione con Deltamania Montalcino, riscuote consensi “a tre cifre”: settantotto equipaggi attesi protagonisti nel confronto moderno, sessantasei in quello storico. Venerdì, alla 19.30, la partenza da Montalcino.

 

 

 

 

 

Montalcino (SI), 6 dicembre 2022

 

 

 

Scuderia Etruria Sport e Deltamania Montalcino brindano ad un “Brunello” di altissima qualità: sono 144 gli equipaggi iscritti agli appuntamenti finali del Campionato Italiano Rally Terra Campionato Italiano Rally Terra Storico, in programma da venerdì 9 a domenica 11 dicembre in provincia di Siena, con Montalcino eletta ambientazione conclusiva della programmazione tricolore. Un doppio evento che coinvolgerà attivamente il territorio, reso protagonista nelle fasi salienti della gara: un abbraccio che interesserà il Comune di Montalcino, il Comune di Buonconvento e la Provincia di Siena, parti integranti di un progetto condiviso con importanti realtà locali come il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, Caparzo, Banfi, Casanova di Neri - che ospiterà la sede di verifica ante gara - Mastrojanni e Val di Suga.

 

RALLY STORICO E RALLY MODERNO:

UN “BRUNELLO” DI GRANDI CONTENUTI

 

Sarà la Lancia Delta Integrale di “Lucky” a presentarsi come prima vettura allo start della prova speciale inaugurale, la Pieve a Salti, teatro di un confronto che coinvolgerà sessantasei esemplari, comprese le vetture di Regolarità Sport e All Stars e che, per quanto riguarda gli equilibri del Campionato Italiano Rally Terra Storico, assegnerà i titoli Due Ruote Motrici, Quattro Ruote Motrici, oltre ai trofei Aci Sport di raggruppamento e di classe. Tra i piloti iscritti, nel 4° Raggruppamento, oltre a quello dell’esperto pilota vicentino spiccano i nomi di Paolo Andreucci (BMW M3) e di Alberto Battistolli, sulla Lancia O37 che gli ha regalato la vittoria nella prima edizione della gara, lo scorso anno. Disporrà di una Lancia Delta Integrale anche Nicolò Fedolfi, atteso sulla terra “di casa”. Non mancheranno all’appello la Lancia Delta Integrale del sammarinese Stefano Pellegrini e quelle di “Callagan” e di Stefano Camporesi. Un plateau di vetture che ha fatto e continua a fare la storia del motorsport internazionale come le Ford Sierra Cosworth di Bruno Bentivogli e di Riccardo Mariotti. Tra gli Under 40, oltre alla presenza di Alberto Battistolli, il 4° Raggruppamento vedrà alla partenza anche la Peugeot 309 di Matteo Fontana. Nel 3° Raggruppamento occhi puntati sulla Ford Escort RS di Bruno Pelliccioni e la Ford Escort RS del reggiano Andrea Tonelli, leader del Campionato Italiano Assoluto Due Ruote Motrici, contesto che vedrà al suo “via” anche la Opel Corsa di 4° Raggruppamento del sammarinese Corrado Costa, primo inseguitore. Disporrà di una Ford Escort RS anche Giuliano Calzolari, un altro dei grandi interpreti del panorama storico nazionale. Sulla terra senese non poteva poi mancare la Porsche 911 SC del tedesco Michael Stock e la Fiat 131 Abarth di Marco Bianchini, esponente del Tricolore Terra Storico. Ad arricchire la già ampia proposta di Scuderia Etruria Sport le Talbot Sumbeam di Enrico Volpato e Federico Ormezzano, parti integranti di un raggruppamento nel quale spicca la presenza dell’Under 40 Loris Baldacci (Ford Escort RS). Primo esemplare alla partenza del confronto di 2° Raggruppamento sarà la Ford Escort RS di Maurizio Elia, esemplare che avrà a disposizione anche Domenico Mombelli, in un contesto che abbraccerà anche le linee della Fiat 124 Abarth di Marco Bertelli. Tonalità marcate anche nel confronto riservato alle Autobianchi A112 Abarth, vettura presente con sei equipaggi. Nove, le vetture partecipanti al confronto di Regolarità Sport: diversi esemplari che affronteranno gli sterrati senesi contribuendo – con la loro presenza – ad una proposta di ampio respiro.  

 

Montalcino sarà anche ultima pedana d’arrivo per il Campionato Italiano Rally Terra, contesto che ha già elevato vincitore il pluricampione Paolo Andreucci. Onorerà il Tricolore con la vettura che gli ha permesso il prestigioso “tredici” in carriera (legato alle vittorie del campionato, tra assoluto e terra), il pilota della Garfagnana, atteso sulla Skoda Fabia Rally2. Godranno delle caratteristiche della “boema” anche Alberto Battistolli, colui che ha impresso per primo il proprio nome nell’albo d’oro del Rally del Brunello - nella sua prima edizione storica – ed Enrico Oldrati. A brillare nell’elenco iscritti del Rally del Brunello è anche la “stella” del Campionato Europeo della Montagna, Christian Merli, anch’egli atteso su Skoda Fabia Rally2. Terra decisiva per le sorti della classifica Under 25 con il coefficiente 1.5 che lascia ampi spiragli ad Alberto Battistolli nei confronti del leader austriaco Walter Olli. Ha assicurato la propria presenza anche un altro interprete del panorama giovanile europeo, Andrea Mabellini, chiamato a concludere degnamente un 2022 dalle linee internazionali. Una categoria, la Rally2, monopolizzata dagli esemplari della Casa boema, con la vettura turbocompressa chiamata ad esprimere anche le performance del sammarinese Jader Vagnini, di Emanuele Dati, Simone Romagna, Andrea Sandrin, James Bardini e Luca Hoelbling. Sarà della partita anche Tamara Molinaro, una delle “first ladies” del motorsport nazionale, con la proposta firmata Skoda che vedrà i riflettori puntati anche sulle performance del locale Valter Pierangioli, di Alessandro Taddei, di Tullio Versace, del ligure Francesco Aragno, chiamato a chiudere al meglio la sua prima programmazione stagionale sulla vettura e del greco Nikolaos Pavlidis. Tra coloro che affronteranno entrambi gli appuntamenti, storico e moderno, anche Nicolò Fedolfi, alla seconda esperienza su Skoda Fabia.

Tra le vetture a trazione integrale, grande attesa per il debutto su terra della GR Yaris Evo 22 di Thomas Paperini, pilota vincitore del campionato monomarca investito dell’ufficialità di TGR Italy nella sua prima esperienza su fondo sterrato. Nel confronto a trazione anteriore confermeranno i loro potenziali le Peugeot 208 Rally4 del neo campione Nicolò Marchioro e dei toscani Davide Bartolini e “Barone Jr”. Si preannuncia vivace anche la sfida tra gli Under 25 Matteo Fontana e Geronimo Nerobutto, anch’egli al volante della proposta turbo di Peugeot.

 

IL PROGRAMMA DI GARA:

SABATO LE “STORICHE”, DOMENICA LE “MODERNE”

 

Saranno i settanta chilometri proposti dalla manche conclusiva del Campionato Italiano Rally Terra Storico ad inaugurare il weekend tricolore: la partenza, da Piazza del Popolo a Montalcino, chiamerà all’appello gli esponenti della cornice “d’epoca” a partire dalle ore 19,30 di venerdì 9 dicembre, fase che manderà in archivio una prima giornata contraddistinta dalle operazioni di verifica e dallo shakedown, il test con vetture da gara. L’indomani, sabato 10 dicembre, la parola spetterà al cronometro, con la disputa delle prove speciali “Pieve a Salti”, “Castiglion del Bosco” e “Badia Ardenga”, ripetute per un totale di otto passaggi cronometrati. La Cantina Val di Suga, in Val di Cava e la Fattoria di Caparzo accoglieranno i riordini delle vetture. L’arrivo sulla pedana d’arrivo, la stessa che ha reso protagonisti gli interpreti della sfida alla partenza, manderà in archivio il confronto a partire dalle ore 15,50. Il confronto valido per il Campionato Italiano Rally Terra Storico sarà aperto anche alla sfida di Regolarità Sport e All Stars.

 

A caratterizzare il confronto moderno, quello valido come appuntamento conclusivo del Campionato Italiano Rally Terra, saranno le prove speciali “Pieve a Salti”, “La Sesta” e “Badia Ardenga”, tratti ripetuti fino ad un totale di sette passaggi cronometrati distribuiti su sessantanove chilometri. Una programmazione che vedrà i riflettori puntati ancora su Piazza del Popolo, a Montalcino, location chiamata ad ambientare le fasi di partenza - alle ore 19.30 di sabato 10 dicembre - ed arrivo della gara, prevista il giorno seguente dalle ore 15. Buonconvento sarà invece coinvolta dalle fasi di parco assistenza e di riordino delle vetture, quest’ultimo previsto in Piazza Garibaldi. Un concentrato di agonismo che troverà la propria espressione nell’intera giornata di domenica, preceduta - al sabato - dallo svolgimento delle operazioni preliminari, verifiche e shakedown.

 

 

 

 

Nelle foto (free copyright Aci Sport): Alberto Battistolli, vincitore della prima edizione del Rally del Brunello e Paolo Andreucci.  

 

 

--

Gabriele Michi

PRESENTAZIONE 1° RALLY DEL VENETO

Lunedì, 05 Dicembre 2022 19:47 Published in Rally

PRESENTAZIONE 1° RALLY DEL VENETO

 

 

 

Si avvia ad avere oltre 100 iscritti il 1°rally del Veneto organizzato dalla scuderia Pro Energy Motorsport. La manifestazione è stata presentata   venerdì scorso 2 dicembre nella splendida cornice della Cantina Sabaini a Illasi.  Valentina Bìssoli, madrina della manifestazione ha aperto la serata facendo gli onori di casa della cantina e sottolineando l’importante manifestazione rallystica che ripesca nel passato un nome importante delle gare veronesi. Il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, ha invece portato il saluto della regione entusiasta dell’iniziativa della Pro Energy Motorsport che valorizza il territorio della Lessinia. L’importanza della gara è stata sottolineata anche dall’assessore della provincia di Verona Losi Federica che ha portato il saluto del presidente Manuel Scalzotto. L’entusiasmo per quanto fatto è stato sottolineato dal sindaco di Illasi, Emanuela Ruffo che non conosceva il mondo dei rally a cui vuole invece avvicinarsi come protagonista. Per gli organizzatori sono intervenuti Emanuele Bosco, presidente della scuderia organizzativa che ha dato delle delucidazioni su quanto fatto e ricordato l’importante momento dedicato al pubblico grazie al Rally Village ospitality allestito nella zona degli impianti sportivi di Badia Calavena.  Alberto Riva, direttore storico delle gare veronesi, in rappresentanza dell’Aci Verona e del suo presidente Adriano Baso, ha ricordato, con un aneddoto, l’inizio della sua carriera sportiva come commissario di percorso proprio a Badia Calavena, che oggi è il centro del 1° Rally del Veneto.  Vittorio Policante della Pro Energy Motorsport, ha ricordato come il 20 febbraio dello scorso anno sia nata l’idea del Rally durante la cena insieme a Stefano Valdegamberi e Emanuele Bosco. “Un rally, ha detto Vittorio Policante sottolineando l’aspetto tecnico, caratterizzato da brevi trasferimenti, nell’ottica di renderlo “green”. La auto devono correre quando serve e fare pochi chilometri al di fuori delle prove speciali. Ringrazio poi Chantal Bonetti per la preziosa collaborazione e per il sito internet della gara, e i suoi famigliari, titolari di Video Si, che hanno fornito il filmato del passato proiettato in sala, come traid d’unione tra le due gare anche se sono due cose diverse. Grazie ad Adolfo Sabaini che ci ha ospitato nella sua bellissima cantina. Da parte nostra, posso dire che noi ci crediamo e ci abbiamo messo tanto impegno. I numeri a tre giorni dalla chiusura iscrizioni ci stanno dando soddisfazione”. Ringraziamo Laura Bonato, Gloria Tornieri, Valentina Zandonà, Sacchi Barbara, Silvia Zorzella, Alessandro e Franco Olivieri, Mirko Truzzoli, Lucio Burato e Paolo Composta per la preziosa collaborazione.  La serata, poi, si è conclusa con la sorpresa della presenza del Parroco di Illasi Don Pietro Pasqualotto, che ha impartito la benedizione alla manifestazione. I saluti finali di Valentina Bìssoli che premierà gli equipaggi femminili al Rally Storico del Veneto, hanno concluso una grande ed importante serata.

Finale di stagione entusiasmante per Francesco Paolini

Lunedì, 05 Dicembre 2022 19:40 Published in Rally

Finale di stagione entusiasmante per Francesco Paolini

Il pilota di Montieri festeggia la vittoria di classe K10 e la prova di forza al volante della Peugeot 106 Kit di Laserprom 015, condivisa con Marco Nesti e per i colori di Jolly Racing Team.

 

 

Montieri (GR), 5 dicembre 2022 - Voleva essere un deciso riscatto e così è stata, per Francesco Paolini, l'ottava edizione del Rallyday della Fettunta, andata in scena nel Chianti fiorentino lo scorso weekend.

Il pilota maremmano, reduce da una stagione complessa, aveva la voglia e la volontà di "firmare" un ultimo autografo, sul suo 2022 sportivo, di grandi contenuti, ed il contesto del rally fiorentino lo ha certamente esaltato, in condizioni di gara mutevoli, iniziata con la pioggia dello shakedown e proseguita la domenica con la comparsa di un tiepido sole, che ha progressivamente portato il fondo, rimasto comunque sempre umido e scivoloso, ad asciugarsi.

Paolini, che assieme al fidato Marco Nesti ritrovava, dopo 5 stagioni, il volante della Peugeot 106 Kit, nell'esemplare gestito da Laserprom 015, e difendeva il vessillo di Jolly Racing Team, ha sfruttato lo shakedown per riprendere in mano la vettura, ed operando diverse modifiche di assetto, in sintonia con la squadra, è riuscito a trovare la quadra per ben esprimersi. Iniziata la gara dal 20° posto, l'alfiere della scuderia larcianese ha alzato il ritmo con il passare dei chilometri, recuperando posizioni su posizioni ed arrivando, allo sventolare della bandiera a scacchi, fino alla 12° piazza assoluta, degna ciliegina sulla torta per esaltare ancor di più il concreto, e mai in discussione, primato di classe K10, oltre al 6° di gruppo RC4N, dietro soltanto alle vetture di ultima generazione.

"Sono veramente felice, ed il mio sorriso sul palco d'arrivo penso non menta - le parole di Francesco Paolini - Ero reduce da un Chiusdino che non era andato secondo le aspettative, quindi volevo mandare in archivio la stagione con una bella prestazione, e direi che non potevo chiedere di più. Come detto alla vigilia, l'obiettivo era divertirsi alla guida, e con Marco ci siamo proprio goduti i chilometri proposti dalla Valdelsa Corse. Gianni Lazzeri e la Laserprom 015 mi hanno messo a disposizione un proiettile di macchina, esaltante da domare e perfetto come un orologio svizzero, che ci ha permesso di arrivare ai piedi della top ten assoluta, lottando con vetture ben più recenti della nostra. Ci tengo quindi a ringraziare la squadra, il mio navigatore, la scuderia e tutti i partner e gli amici che ci sono rimasti vicini e continuano a sostenerci. Adesso possiamo goderci un po' di meritato riposo, poi inizieremo a lavorare per programmare la stagione sportiva 2023."

 

Nelle foto (free copyright Thomas Imagery): Paolini-Nesti in gara e sul podio con la squadra.

 

UFFICIO STAMPA FRANCESCO PAOLINI

THOMAS SIMONELLI

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Trasferta positiva al Fettunta per il Jolly Club

Lunedì, 05 Dicembre 2022 19:35 Published in Rally

Trasferta positiva al Fettunta per il Jolly Club 

 
 
Molto soddisfatti al Jolly per i risultati conseguiti dagli equipaggi impegnati nel weekend.
Al Rally della Fettunta Maicol Noti e Sandro Sanesi prendono confidenza con la nuova  vettura prova dopo prova e nonostante una "toccata" nello shakedown portano la MG 105 Zr by F.lli Selmi a un buonissimo terzo posto di classe A5.
Sempre sulle insidiose strade toscane Carmine Alfano e Roberto Spagnoli conquistano un ottimo secondo posto di classe sulla veloce e atipica Bmw 125D della Tecno Sport. Ancora più di rilievo il risultato dell'equipaggio Bmw se considerato in chiave campionato: Alfano e Spagnoli conquistano infatti il terzo posto finale nel Trofeo Bmw Rally CUP 2022.
 
La parola ai protagonisti:
 
MAICOL NOTI: "Per come era partito il weekend sono molto soddisfatto di questo terzo posto. Durante lo shakedown abbiamo sbattuto e devo ringraziare i F.lli Selmi per avermi messo nelle condizioni di prendere il via. Siamo partiti cauti cercando di non fare altri danni perché il fondo era molto insidioso. A ogni P.S. prendevo sempre più confidenza con la macchina e col cambio sequenziale che usavo per la prima volta. Senza rischiare troppo siamo subito riusciti a prendere il terzo posto con una ventina di secondi sul quarto quindi abbiamo cercato di amministrare fino alla fine. Siamo anche riusciti a staccare un secondo tempo in prova quindi possiamo ritenerci soddisfatti. Sono contento di aver ripagato la fiducia dei meccanici e dei F.lli Selmi che hanno lavorato molto per farmi ripartire. Oltre a loro ringrazio Sandro, il mio navigatore, che con la sua esperienza è sicuramente riuscito a farmi migliorare e crescere tecnicamente."
 
CARMINE ALFANO: "Gara impegnativa perché le strade toscane sono sempre molto selettive. Avevamo già  corso al Maremma tra le difficoltà di un fondo molto scivoloso e insidioso e anche qui le P.S. non si sono smentite. Abbiamo concluso la gara secondi di classe vincendo la nostra power stage e questo ci soddisfa molto. Ringrazio Roberto Spagnoli che alla mia destra è stato impeccabile come sempre e ha saputo gestirmi nei momenti difficili della gara. Ora ci godiamo la pausa invernale... ma con la testa già al 2023."
 
GF - ufficio stampa Jolly Club -
(Immagini Photozini)

Jolly Racing Team in evidenza al Rally della Fettunta

Lunedì, 05 Dicembre 2022 19:29 Published in Rally

Jolly Racing Team in evidenza al Rally della Fettunta

La scuderia larcianese conclude in seconda posizione nella classifica scuderie dell’appuntamento svoltosi nel fine settimana in provincia di Firenze.

 

 

 

 

 

 

Larciano, 5 dicembre 2022

 

 

 

È un resoconto soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a conclusione del Rally della Fettunta, appuntamento svoltosi nel fine settimana sulle strade della provincia di Firenze. La scuderia pistoiese si è elevata, seconda, sul podio del confronto scuderie grazie alle performance dei propri portacolori. A conquistare la prima posizione di classe K10 è stato Francesco Paolini, già protagonista al recente Rally di Chiusdino ed in gara su Peugeot 106, vettura condivisa con il copilota Marco Nesti. Una performance, quella del driver, concretizzata insieme a Laserprom 015 con la conquista della dodicesima posizione assoluta, su un fondo reso particolarmente impegnativo dalle condizioni meteo.

 

Vittoria nella classe N2 per Andrea Maglioni: il driver pistoiese, affiancato da Alessio Pellegrini, ha prevalso nel confronto riservato alle vetture da 1600 cc di Gruppo N, su Peugeot 106. Terza posizione di classe A7 per Mauro Zurri, affiancato da Simone Gabbricci su Renault Clio Williams. Alle spalle dell’equipaggio i compagni di scuderia Riccardo Rosticci e Pietro Cigni, quarti. Ottavi nell’affollatissima classe Rally4 per Fabio Spinelli e Maurizio Maccioni, con il pilota alla seconda esperienza su Peugeot 208. All’arrivo, da terzi rappresentanti della classe K10, Andrea Lenzi e Riccardo Carabellese, su Fiat Punto. Nella “N2” che ha visto sventolare alta la bandiera di Jolly Racing Team, a classificarsi quarto è stato Roberto Galluzzi, in gara su una Peugeot 106 condivisa con Andrea Montagnani. Tra i copiloti, terzo gradino del podio di classe A5 per Sandro Sanesi, sesta posizione di N2 per Lorenzo Fratta ed ottava piazza di N3 per Adelaide Pantaleone. A festeggiare la top-five è il giovane codriver Simone Brachi, quinto sulla Renault Clio S1600 di Gabriel Di Pietro.

 

Sfortunata la gara di Gianandrea Pisani e Fabrizio Vecoli, tra gli attesi protagonisti, attardati da una foratura accusata dalla loro Renault Clio S1600 nella seconda prova speciale quando si trovava in seconda posizione assoluta. Un particolare costato quattro minuti di ritardo, legati alla sostituzione dello pneumatico. Il driver ha poi proseguito la corsa vincendo la penultima prova e, successivamente, ritirandosi prima di affrontare il tratto conclusivo.

 

 

 

 

Nella foto (free copyright Amicorally): Francesco Paolini in azione al Rally della Fettunta.   

 

 

--

Gabriele Michi

Privacy Policy