Home

Home (12)

Coppa Regolarità Sport Pro Energy 2021 Seconda prova a S.Pietro in Caiano VR

 

 

Prende il via con le verifiche di venerdì 7 maggio la 1^ Regolarità Sport della Valpolicella, il secondo appuntamento con la COPPA REGOLARITA’ SPORT Pro Energy 2021. La gara prevista sabato 8 maggio sarà anche occasione per scoprire se ci saranno delle nuove sorprese dalla classifica fissata dopo la gara di Varese. Tra i piloti il componente della sottocommissione autostoriche, Luca Monti con la sua Peugeot 304 della 2^divisione cercherà di confermare la leadership acquisita a Varese, mentre Alessandro Zanini, con Alfa Romeo Alfetta GT della 7° divisione è il primo avversario che in classifica generale lo segue ad un solo punto. Zanini, dopo tante gare senza strumentazione digitale, ma di base, si è aggiudicato in una recente estrazione anche uno strumento ad hoc per le gare di regolarità e quindi ora cercherà di guadagnare il primato di questa ambita serie. Simone Amedeo Alberti con la Alfetta GTV dell’8^ divisione è staccato di soli tre punti dal leader, sarà certamente il terzo incomodo della vetta della classifica assoluta. Alle loro spalle cercherà di recuperare terreno anche Guerrino Melotti quarto in classifica generale. La Regolarità Sport della Valpolicella vedrà inoltre la new entry del campionato Giampietro Ceschi che con il suo Opel Manta GTE rosso farà in modo di recuperare punti preziosi per cercare di avvicinarsi alle zone calde della classifica. Entrambi questi quattro piloti sono portacolori della Pro Energy Motorsport, che tra tutti i 43 partenti totali che conta la gara di Valpolicella, ben 11 sono i portacolori della scuderia veronese. Anche questo permette di dire che l’obiettivo di promuovere la regolarità sport è raggiunto, ma ancora molto è in cantiere dal Presidente Bosco Emanuele. Tra i navigatori invece la lotta sarà tra Roberta Ballerio e Cristian Adami appaiati in cima alla classifica riservata ai navigatori. Una caratteristica della COPPA REGOLARITA’ SPORT Pro Energy è quella di avere due classifiche separate per piloti e navigatori, per valorizzare tutti i componenti dell’equipaggio con delle classifiche e premi separati. La gara veronese, sarà invece la prima che concretizza la collaborazione tra Pro Energy Motorsport e Digitech Timing. Quest’ultima sarà presente in campo gara con uno stand a supporto di chi vorrà scoprire gli ultimi prodotti della linea professionale, inoltre generosamente metterà in palio dei bellissimi premi ai primi 3 classificati della serie e al migliore classificato tra i concorrenti non dotati di strumentazione specifica per la regolarità.

ANGELO SENECI Di seguito il calendario della stagione 1. 27-28 Febbraio 2021, 1° Rievocazione storica Rally ACI Varese - Regolarità Sport (VA) (svolta) 2. 07-08 Maggio 2021 1^ Regolarità Sport della Valpolicella 3. 4-5 Giugno 2021, 1° Regolarità Sport degli Abeti (PT) 4. 21-22 Agosto 2021, 1° Alpi Orientali Classic (UD) 5. 6-7 Novembre 2021, 3° Regolarità Sport Infinity (SV) 6. 11-13 Novembre 2021, 19° Revival Rally Club Valpantena (VR)

Al Tindari Rally iscritti tre cifre e tante vetture di vertice

Cresce col passare delle ore l’attesa per l’edizione numero cinque della gara organizzata da CST Sport.

Armaleo, Casella, Galipò, Lo Cascio, Pollara, Profeta, Riolo, tra le presenze confermate.

Sabato 16 novembre Shakedown, verifiche e start dal lungomare di Patti

 

 

 

 

Gioiosa Marea (ME), 14 novembre 2019.

Iscritti a tre cifre per il Tindari Rally, la gara organizzata da CST Sport, che completerà il Campionato Siciliano e che si appresta ad entrare nel vivo sabato 16 e domenica 17 novembre con partenza e traguardo sul lungomare Zuccarello di Patti Marina.

Quota 115 adesioni pervenute alla CST Sport, con tanti nomi di spicco e diversi candidati ai vertici della classifica assoluta ed altrettanti in lotta per i punti decisivi della serie regionale promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia.

Sono ben 6 le vetture della classe regina nazionale, tutte Skoda Fabia R5. Riflettori puntati sul palermitano Salvatore (Totò) Riolo, il driver di Cerda portacolori del sodalizio organizzatore, che ha firmato le prime tre edizioni della competizione messinese nell’edizione d’esordio del 2015, poi 2016 e 2017, classificandosi 2° lo scorso anno, sempre sulla Skoda della Pool Racing.

Per il tre volte vincitore della Targa Florio, sulle strade che gli sono particolarmente care torna sul sedile di destra Maurizio Marin, il professionale navigatore di Termini Imerese che con Riolo ha condiviso tante vittorie.

 

Direttamente dal Campionato Italiano Rally arrivano due giovanissimi palermitani: Marco Pollara e Alessio Profeta. Pollara, due volte tricolore Junior e 2 ruote motrici, 23enne di Prizzi, sarà affiancato dal bravo pattese Rosario Siragusano, mentre il sempre più convincente Profeta, reduce dal successo al Rally Valle del Sosio, avrà al fianco il codriver di origine messinese Sergio Raccuia.

Dopo il successo al Rally Cefalù Corse di inizio stagione passa alla vettura di classe regina la giovane rivelazione nissena Salvatore Lo Cascio che sarà come di consueto navigato dal concittadino Michele Castelli.

Ha più volte mostrato l’alto potenziale con varie vetture ed in casa userà la Fabia Alessandro Casella che avrà alle note David Arlotta, mentre l’esperto driver di Sant’Angelo di Brolo Carmelo Galipò, tornato al volante quest’anno dopo alcune stagioni di stop, navigato dal concittadino Tino Pintaudi.

Tra le vetture Super 2000 svetta il nome del messinese della Sunbeam Motorsport Salvatore Armaleo che avrà come sempre al fianco la figlia Claudia sulla Peugeot 207, stessa vettura per i tenaci agrigentini Gabriele Morreale e Giuseppe Patti, come per il sempre agguerrito nisseno Roberto Lombardo.

In Super 1600, dove sono schierate 5 Renault Clio, ci saranno l’incisivo gioiosano Carmelo Molica, l’esperto pilota di San Piero Patti Giusepep Schepisi e il bravo messinese Andrea Nastasi. Mitsubishi Lancer per il corleonese Renato Di Miceli navigato dalla trapanese Anna Ranno e l’agrigentino Giuseppe Cacciatore che avrà alle note la santateresina Jessica Miuccio. Nella categoria R3, dove sono schierate le Renault Clio, rientro per il trapanese Bartolomeo Mistretta che sarà navigato da Sergio Scuderi, il driver di Rometta Giuseppe Messina e Antonino Armaleo a caccia di punti regionali.

 

 

Per il 5° Rally Storico Tindari risaltano i nomi del gentleman cefaludese Mauro Lombardo su Porsche 911 di 3° Raggruppamento, su auto gemella altro cefaludese di lungo corso, Piero Vazzana, oltre al palermitano Pietro Tirone, sempre sulla 911 di Stoccarda ma di 4° Raggruppamento il palermitano “Gordon”. Per il 1° Raggruppamento sfida annunciata tra le BMW 2002 dei palermitani Angelo Diana e il giovane Pierluigi Fullone.

Le due giornate clou saranno sabato 16 e domenica 17 novembre, quando si accenderanno i motori delle auto da gara. Soltanto domenica 17 novembre alle 18 sul Lungomare Zuccarello di Patti Marina si conoscerà il nome dell’equipaggio che iscriverà il proprio nome nell’Albo D’Oro della gara che nel 2018 vide la vittoria del friulano Luca Rossetti navigato da Eleonora Mori, seguiti dai palermitani Totò Riolo e Gianfranco Rappa, con podio tutto Skoda Fabia R5, completato dal bravo duo di casa formato da Alessandro Casella e David Arlotta.

Le prime tre edizioni della competizione hanno decretato il successo di Totò Riolo che ha vinto nel 2017, 2016 e 2015. Top 5 4° Tindari Rally: 1. Rossetti - Mori (Skoda Fabia R5) in 41'30”7; 2. Riolo - Rappa (Skoda Fabia R5) a 43”5; 3. Casella - Arlotta (Skoda Fabia R5) a 1'26”0; 4. Profeta - Raccuia (Skoda Fabia R5) a 1'31”0; 5. Armaleo - Vercelli (Renault Clio S1600) a 4'12”3.

Tutte le info live su www.tindarirally.it @TindariRally - #tindarirally

L’Ufficio Stampa

Per XRace Sport un “Modena” da grandi firme:

Rusce sigla di nuovo l’argento e vince la Coppa di Zona

 

Il reggiano ha siglato lo stesso piazzamento del 2018

cedendo nel finale a Campedelli, ma si aggiudica la Coppa di Zona.

 La scuderia è “argento” tra i sodalizi e sfortunato invece Dalmazzini, affondato in classifica da due forature.

 

 

 

18 settembre 2019

 

E’ stata una trasferta proficua, il 40° Rally Città di Modena per X Race Sport, lo scorso fine settimana, dove era stata proposta una vera e propria formazione da calcio, scesa in campo in cerca di nuova gloria,

Protagonista l’anno scorso, protagonista anche quest’anno, peraltro con lo stesso risultato, il secondo posto. E’ questo l’esito della prestazione del sempre convincente e concreto Antonio Rusce che per tre quarti di gara ha “venduto cara la pelle” impensierendo colui che poi è stato il vincitore della gara, Simone Campedelli.

Rusce, insieme a Sauro Farnocchia sulla Skoda Fabia R5, era in gara per allenarsi e preparare al meglio l’ultimo assalto tricolore di Verona in ottobre e sicuramente l’esito della gara di Maranello ha dato indicazioni forti, a margine della “medaglia “d’argento” che ha fatta sua. In più, la matematica conforta per il primo alloro stagionale, per il reggiano – e quindi anche per la X rossa: la vittoria nella Coppa di Zona, grazie al sommare le vittorie di Salsomaggiore e del RAAB di giugno. Un incentivo in più per guardare adesso alla gara “2Valli” di Verona per consolidare la seconda posizione del Campionato “Asfalto” (CIRA)

Se Rusce ha sorriso, non ha fatto altrettanto Andrea Dalmazzini, fermo da prima dell’estate per un incidente domestico e tornato in macchina per difendere il successo del 2018 ed anzi, tentare di bissarlo, al volante della consueta Ford Fiesta R5 sulla quale era affiancato da Alessandra Avanzi. L’assalto non è andato a buon fine, con due forature che ne hanno limitato la prestazione ed il risultato. ”Dalma” aveva vinto di forza la prima prova, per poi arretrare per la prima foratura, cui ha fatto seguito una seconda alla domenica, che lo ha costretto a rimontare dalla ben oltre ventesima posizione. Sotto la bandiera a scacchi ha finito tredicesimo assoluto.

Anche Franco Rossi, il vincitore del 2017 della gara, di nuovo affiancato da Zanella, con a disposizione  ancora la Hyundai i20 R5 ha trovato soddisfazione, con l’undicesima piazza assoluta in una sfida fatta di grandi “nomi”.  

Pietro Penserini, con al fianco Gabriele Romei, sulla Renault Clio S1600 puntava al vertice di categoria e ce  l’ha fatta, nonostante il “brivido in chiusura di gara con un “lungo e circa 20” persi. Hanno finito secondi comunque con grande merito.

Bella anche la prestazione di Alan e Paolo Gualandi con la Peugeot 208 R2 in una  classe assai frizzando, nella quale hanno messo le mani nella seconda posizione con una prestazione cristallina, la stessa che, con una Renault Clio Williams, hanno fornito Lusoli-Mucci, che sono andat a vincere la classe A7. E di vittoria, in classe R3C, si parla per Lamecchi-Paganoni, anche in questo caso con grande forza e lucidità.

Tutto questo grande fermento, poi, ha consentito al vessillo X Race Sport di chiudere ben al secondo posto la classifica delle scuderie, chiudendo così il classico cerchi del “gioco di squadra”.

Non c’era solo “Modena” nel fine settimana appena passato, ma anche “tricolore”. Quello del celebre rally San Martino di Castrozza, ultima prova del Campionato Italiano WRC, in Trentino, dove erano al via, con una Peugeot 208 R2, Alberto Sartori-Roberto Simioni, finiti in decima posizione di classe.

#Rally #XRaceSport  #motorsport  #CIRally #CIRA #AntonioRusce  #RusceFarnocchia #SkodaFabiaR5  #saurofarnocchia #emiliapannelli #hrx #acisport  #AndreaDalmazzini 

#RallyCittàdiModena   #Maranello  #Modena  #CoppaRallydiZona  #rallypassion  

 

 

Foto: RUSCE IN AZIONE  (Elio Magnano)

www.xracesport.com

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UFFICIO STAMPA 

MGTCOMUNICAZIONE

ALESSANDRO BUGELLI

MAX RACING IN GARA AL 9° RALLY “PORTA DEL GARGANO”

Tre equipaggi, in tre categorie, sono pronti al via il 7 e l’8 settembre nel foggia

 

 

 

Lecce, 3 settembre 2019 

Al 9° Rally “Porta del Gargano”, penultimo appuntamento della Coppa Italia Rally ACI Sport di 7ma zona, in programma il 7 e l’8 settembre prossimi sulle strade comprese nei territori di Manfredonia, Mattinata e Monte Sant’Angelo (FG), la flotta della scuderia Max Racing si schiera con tre equipaggi, e gareggia in tre differenti classi.

Il 30enne leccese Marco Liguori, con alle note Roberto De Maggi, 53enne di Teramo, si presenta alla competizione organizzata dalla Scuderia Piloti Sipontini a bordo di una Citroen Saxo Vts in A6, desideroso di portare a casa un buon risultato dopo il ritiro al 52mo Rally del Salento per la rottura di un semiasse.

Sono al primo confronto fuori casa i leccesi Marco Campa, di 25 anni e Andrea Maggio (27), su Peugeot 206 RS, reduci dal positivo debutto assoluto al Rally del Salento, concluso con un positivo 1° posto di classe.

Il 26enne Marco Legittimo, di Casarano, correrà per la prima volta affiancato da Umberto Fasano, 27enne di Foggia, su Saxo Vts N2.

Il programma inizierà sabato 7 settembre, con le verifiche tecnico/sportive, nella zona del porto industriale di Manfredonia (Fg), presso SIDAP, a partire dalle ore 9:00 fino alle 13:30, seguite dallo shake down - test delle vetture in conformazione gara - in località Monte Saraceno.

La partenza è fissata alle ore 18:15 dal centro commerciale Gargano a Manfredonia, verso la sede della Prova Speciale “Macchia”, di 9,58 km, da percorrere due volte con partenze della prima vettura alle 19:04, alle 21:33 e alle 18:59. Domenica 8 settembre si disputeranno le restanti cinque prove speciali: “Mattinata-Monte Sant’Angelo”, di 14,70 km (primi passaggi ore 9:58, 13:19 e 16:40), e “Gargano”, di 9,00 km (10:37 e 13:58). 

L’arrivo delle vetture, con successiva premiazione dei vincitori, è fissato alle ore 18:00 sul podio allestito in viale Miramare a Manfredonia.

L’Ufficio Stampa

 

Silvana Sarli

NEBOSPORT SOGNANDO UNA NOTTE MAGICA AL RALLY DEL TIRRENO

 

 

 

 

Sant’Angelo di Brolo 8 agosto 2019

Se per tanti l’inizio del mese di agosto è sinonimo di partenza per le tanto attese vacanze, non lo è, invece, per la scuderia Nebrosport che si vedrà impegnata nell’imminente weekend del 10 e 11 agosto 2019, ad affrontare la sedicesima edizione del Rally del Tirreno.

Una competizione particolarmente affascinante organizzata anche quest’anno dalla Top Competition. Sarà round di Coppa Rally di 8^ Zona con coefficiente 1,5 e Trofeo Rally Sicilia 2,5 e si svilupperà tra i Monti Peloritani ed il Mar Tirreno con centro nella caratteristica Saponara.

Tra le fila della scuderia santangiolese saranno ben quattro gli equipaggi che scenderanno in pista nell’afoso fine settimana motoristico.

In classe R2B troviamo Carmelo Arasi che vestirà per la prima volta i colori rossoblù in coppia con l’amico Luca Sinagra a bordo di una  Citroën C2. Sarà tanta la voglia di riscatto dopo la delusione del Rally dei Nebrodi.

Secondo a partire sarà poi l’equipaggio composto dal Pattese Nino Miragliotta che ritrova sul sedile destro Elisabetta Franchina. Su Peugeot 106 di classe RS PLUS 1.6, il driver andrà alla ricerca di punti pesanti per la conquista del titolo Coppa Rally di Zona.

Ritorna sui campi di gara, dopo tre anni di assenza, il veterano Natale Anterini, per l’occasione assistito dal figlio Simone. Anche per loro sarà un’occasione speciale sulle strade amiche, dove proveranno a mettersi in luce in un’agguerrita classe al volante della francesina Citroën Saxo di classe N2.

A chiudere il quartetto dei portacolori nebrosport sarà il Torrese Salvatore Scibilia che, nella gara di casa, verrà coadiuvato da Maurizio Agostino su Alfa Romeo 147 RSD2.0. Entrambi proveranno, con la loro esperienza, a portare più in alto possibile l’aggressiva vettura appartenente alla scuola italiana.

La competizione, che scatterà un minuto dopo la mezzanotte di sabato per concludersi di domenica mattina alle ore 10,30 con la cerimonia di premiazione, sarà articolata su nove prove speciali per un totale di 80 chilometri di prove speciali.

 

 

 UFFICIO STAMPA

 SCUDERIA  NEBROSPORT

 

Una settantina gli iscritti. il 1° Himera Rally svela finalmente le proprie carte

Sabato le verifiche tecnico-sportive, la cerimonia di partenza e la prima prova speciale spettacolo, “Serpentina”, a Termini Imerese. Domenica le rimanenti 8 prove speciali, con arrivo al Castello di Caccamo. Numerosi i “big” tra i protagonisti. Tra di essi, Totò (Peugeot 208 T16 R5) ed Ernest Riolo (Peugeot 208 R2B), il nisseno Roberto Lombardo (Renault Clio Williams), il messinese Giuseppe Alioto (Fiat Punto S1600), i palermitani Riccardo Arceri (Renault Clio S1600) e Matteo Di Sclafani (Subaru Impreza Sti N12). Debutto con la Mitsubishi Lancer Evo X per il locale Filippo Indovina. Tra le Autostoriche Porsche 911 per Mannino, La Franca, Filippone e Mauro Lombardo

 

 

 

Termini Imerese, 04 luglio – Ci siamo. A poche ore dal suo svolgimento, nel weekend che oramai ci apprestiamo a gustare, il 1° Himera Rally ha svelato finalmente le proprie carte. Che non sono bruscolini. Le iscrizioni, pervenute copiose fino agli ultimi minuti prima della scadenza del termine, come da regolamento, hanno confermato la presenza di numerosi “big” annunciati nelle passate settimane, piloti provenienti da quasi tutte le province della Sicilia, alla guida di vetture di grande prestigio.

Complessivamente una settantina gli equipaggi pronti a darsi battaglia per la supremazia assoluta, di gruppo e di classe, già sabato 7 luglio, al via della spettacolare ed insidiosa prova speciale inaugurale della competizione auto, ospite lungo la cosiddetta “Serpentina”, l’arteria che collega Termini Imerese Bassa a Termini Imerese Alta, 1,15 km di pura adrenalina. Il 1° Himera Rally entrerà nel vivo sempre sabato, nelle ore mattutine, quando concorrenti e vetture si sottoporranno alle consuete verifiche tecniche e sportive. In serata, ancora sabato, andrà in scena la cerimonia di partenza, ancora a Termini Imerese, che precederà la citata prova speciale spettacolo “Serpentina”, sulla quale è annunciato il pubblico delle grandi occasioni. Le rimanenti 8 prove speciali si disputeranno invece domenica 8 luglio, su alcune tra le “leggendarie” strade “Tempio” della Targa Florio degli anni d’oro, sulle Madonie, con arrivo e premiazione, nel tardo pomeriggio, alle falde del magnifico Castello medievale di Caccamo.

Il 1° Himera Rally, valevole quale prova del prestigioso Trofeo Rally Sicilia 2018 concepito dal Comitato regionale AciSport, vede inoltre abbinati il 1° Trofeo dei Quattro Castelli “Himera Historic Rally”, dedicato alle Autostoriche da competizione ed il 1° Historic Madonie, riservato alle auto d’epoca, secondo il nuovo regolamento AciSport con sfida di Regolarità a media.

A coordinare la complessa macchina organizzativa è l’Automobil Club Palermo presieduto da Angelo Pizzuto, al quale si aggiungono in stretta sinergia logistica e tecnica il Team Palikè Palermo coordinato da Anna Maria Lanzarone, da Nicola, Dario e Roberto Cirrito, la Scuderia Himera Corse del presidente Mario Rotolo e del suo vice Filippo Indovina  e la Targa Racing Club Cerda, capitanata da Vincenzo Russo ed animata dal cerdese Totò Riolo, tre volte vincitore della Targa Florio, nel 2018 primo al Rally dei Nebrodi.

Fondamentale, al riguardo, sarà il patrocinio assicurato, con notevole partecipazione ed interesse, dai Comuni di Termini Imerese, Caccamo, Sciara, Cerda, Caltavuturo e Scillato, le cui rispettive amministrazioni hanno deciso di “puntare forte” anche su questo importante evento motoristico quale ulteriore occasione di rilancio turistico per le Madonie e le sue aree limitrofe. Indispensabile, inoltre, il sostegno della Regione Siciliana, così come quello della Città Metropolitana di Palermo (è l’ex Provincia Regionale), il cui staff, coordinato dall’arch. Giovanni Costanza, sta monitorando in maniera costante ogni possibile esigenza organizzativa.

Una sfida agonistica, quella prevista sulle Madonie, che vedrà impegnata, tra gli altri, la famiglia Riolo al completo. Totò si schiererà tra i possibili favoriti del rally, con la confermatissima Peugeot 208 T16 R5 della I.M. Motorsport coordinata da Ignazio Megna, la stessa con cui l’asso cerdese, portacolori Cst Sport, ha conquistato il secondo posto assoluto nel recente Rally di Caltanissetta valido per la Coppa Italia. Il figlio Ernest Riolo avrà affidata un’altra Peugeot 208, sebbene in versione Vti R2B. Una lotta di sicuro “appeal” la si dovrebbe vivere tra le Super 1600, con la presenza del palermitano Riccardo Arceri (su Renault Clio S1600) e dell’ex campione siciliano di categoria, il messinese Giuseppe Alioto, a sua volta alla guida della consueta Fiat Punto S1600.

A contendersi la “palma” in classe N4 dovrebbero essere, tra gli altri, gli esperti palermitani Matteo Di Sclafani (su Subaru Impresa Sti N12) ed Onofrio Buttitta (con la Mitsubishi Lancer Evo VI, vettura con alcuni anni sulle spalle, ma pur sempre dai grandi fasti rallystici). Attesissimo al debutto con la potente Mitsubishi Lancer Evo X della Lb Tecnorally sarà inoltre il locale Filippo Indovina, vice presidente della Himera Corse.

 

 

Team Palikè p.za Generale Cascino, 155/156 – 90142 PALERMO

www.palike.it - tel./fax 091 546261 - cell. 337 866777 o 380 3620100 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - LIC. ORG. 31886

Tra i “papabili” pretendenti alla vittoria finale vanno comunque considerati anche i velocissimi “devils” nisseni Roberto Lombardo ed Alessio Spiteri, con l’’attempata’, sebbene ancor competitiva Renault Clio Williams della Caltanissetta Corse, recenti quarti assoluti al Rally di Caltanissetta del 24 giugno scorso, nonché vincitori della 102a Targa Florio nella sezione riservata al Campionato regionale.

Nutrita la presenza di piloti locali, tra cui il “figlio d’arte” Under 23 Giuseppe Gianfilippo, di Caccamo, con la Citroen Saxo Vts di classe A6. A timbrare il cartellino di presenza anche Filippo Monteleone, sfortunato al Rally di Caltanissetta, pronto a risalire sulla sua Renault Clio Rs di classe N3. Tra i piloti di Termini Imerese, un gradito ritorno alle gare anche per Enzo Sottile, su Peugeot 306 Rallye di classe N3.

Si annuncia molto ricco in termini quantitativi e qualitativi anche il 1° “Trofeo dei Quattro Castelli”, con la presenza delle splendide Porsche 911 affidate nel 3° Raggruppamento ai palermitani Natale Mannino, Ciccio La Franca, Sandro Filippone e Mauro Lombardo (secondo classificato nel recente Historic Rally di Caltanissetta) e dell’altrettanto prestante Bmw 2002 Tii dell’altro palermitano Angelo Diana. Nutrita la schiera dei piloti imeresi, capitanati da Cristadoro e Marin, con la Lancia Fulvia Coupé, mentre non poteva mancare nemmeno l’esperto Quintino Sanfilippo, della vicina Caccamo, con al fianco la figlia Monia, con la sempre ammirata Alfa Romeo Alfetta Gtv.

Come detto sopra, il 1° Himera Rally è destinato ad entrare nel vivo sabato 7 luglio con le verifiche tecnico-sportive per concorrenti e vetture, in programma dalle 8.30 alle 13.30 nel corso Umberto e Margherita, a Termini Imerese Bassa. Alle 17.00, l’apertura del parco partenza, in via Mazzini, nonché del parco assistenza, installato in zona Marina, sul Lungomare Cristoforo Colombo, a Termini Imerese Bassa. Il clou della giornata di sabato 7 luglio lo si avrà alle 19.40, con la cerimonia di partenza degli equipaggi ammessi al via dal palco allestito nella centralissima piazza Duomo, “cuore pulsante” di Termini Imerese Alta ed alle 20.01, con il via alla prova spettacolo denominata “Serpentina” della lunghezza di 1,15 km, all’altezza di viale Paolo Balsamo, tra Termini Imerese Bassa e Termini Imerese Alta. Il successivo ingresso dei concorrenti rimasti in gara al parco assistenza ed al riordino, allestito sul Lungomare Cristoforo Colombo, a Termini Imerese, chiuderà la prima giornata di gara.

La sfida si deciderà l’indomani, domenica 8 luglio, con la disputa delle rimanenti 8 prove speciali, tutte selettive, a partire dalle 8.44. Si tratta della “Caltavuturo”, della lunghezza di ben 15 km (che unisce i comuni di Cerda e Caltavuturo, lungo la ripristinata strada statale 120, teatro della vecchia piesse “Targa” e della Targa Florio degli anni ‘ruggenti’, nel “cuore” delle Madonie), da ripetersi due volte, quindi delle prove speciali “Sciara” (che collega l’omonimo comune palermitano a quello di Caccamo), della lunghezza pari a 7 km netti e “Cangemi”, questa da 9 km (altra prova “storica”, utilizzata, lungo un tratto della strada provinciale 121, per il Rally Internazionale di Sicilia Targa Florio), entrambe da coprirsi per tre volte. Il rally si compone così complessivamente di nove tratti a cronometro, per un totale di 79,15 km di sezioni, a fronte di una percorrenza globale (compresi i trasferimenti) pari a quasi 321 km.

L’arrivo e la premiazione dei vincitori rimangono in programma domenica 8 luglio alle 18.00 a Caccamo, nella suggestiva cornice offerta dal palco allestito nella via Termitana, all’ombra del magnifico Castello Normanno di Caccamo, tra i meglio conservati in tutta Italia.

Ulteriori informazioni e curiosità sul 1° Himera Rally potranno essere reperite sui diversi siti internet ufficiali: http://www.acipalermo.com/, http://www.palike.it/rally_himera.html, http://www.himeracorse.it e http://www.targaracingclub.it; su Facebook, ai seguenti indirizzi: www.facebook.com/nicola.palike , www.facebook.com/events/1°HimeraRally, www.facebook.com/scuderia-himera-corse ed ancora, www.facebook.com/targaracingclub/. Infine, su Twitter, all’indirizzo: @FlavioLipani e su Linkedin, al medesimo indirizzo.

 

responsabile ufficio stampa 1°Himera Rally

   responsabile ufficio stampa Team Palikè 2018

 

MANUEL SOSSELLA E GABRIELE FALZONE, FORD FIESTA WRC,

 SONO I VINCITORI DEL 35°RALLY DELLA MARCA

Alle spalle del pilota vicentino hanno chiuso

Corrado Fontana, Hyundai i20 Wrc e Stefano Albertini, Ford Fiesta Wrc.

 

 

Valdobbiadene (TV), sabato 23 giugno 2018 – Il 35° Rally della Marca, terzo atto del Campionato Italiano Wrc si è disputato sulle splendide strade del Prosecco. La gara organizzata dalla Motor Group di Montebelluna, giro di boa del tricolore Wrc, è stato caratterizzato da una grande battaglia che ha visto protagonisti tre equipaggi: Manuel Sossella e Gabriele Falzone, su Ford Fiesta Wrc, Corrado Fontana e Nicola Arena, Hyundai i20 Wrc, e Stefano Albertini e Danilo Fappani, altra Ford Fiesta Wrc che si sono giocati la vittoria sul filo dei secondi.

Alla fine ad aggiudicarsi il successo sono stati proprio Sossella e Falzone su Ford Fiesta Wrc vincitori per la prima volta in questa gara. Il vicentino, che ha così interrotto la serie di vittorie del bresciano Albertini, primo nei primi due appuntamenti della serie, partito agguerrito già dalla mattina è passato al comando dell’assoluta dalla seconda prova della giornata, realizzando tre migliori scratch su nove prove totali, andando a conquistare la vittoria con estrema determinazione. Lotta ravvicinata anche per il secondo e il terzo gradino del podio tra Albertini e Fontana.  Il duello tra i due piloti, rimasti sempre costantemente su tempi molto vicini, si è risolta proprio sull’ultima prova dove Corrado Fontana è riuscito a superare l’avversario alla fine staccato solamente di 1”5. Ai piedi del podio si è piazzato il bresciano Luca Pedersoli, insieme a Anna Tomasi con la Citroen DS3 Wrc, salito in quarta posizione dopo il ritiro di Paolo Porro e Paolo Cargnelutti che hanno avuto un problema tecnico alla Ford Fiesta Wrc proprio sulla penultima speciale. Altro ritiro di rilievo quello di Marco Signor e Patrick Bernardi, outsider di spicco, arresisi dopo la prova numero sei a causa di una rottura meccanica alla loro Ford Fiesta Wrc.

Per quanto riguarda le posizioni restanti della top ten al Marca, a chiudere quinto è stato il milanese Simone Miele, autore del miglior tempo nella prova spettacolo del venerdì sera, ma rimasto poi lontano dalle prime posizioni per problemi al cambio della Citroen Ds3 Wrc. Sesto assoluto Antonio Forato, alla sua prima volta con la Skoda Fabia R5, davanti all’outsider Efrem Bianco, settimo assoluto con un’altra Skoda Fabia.  Nel duello tra le R5, il piacentino Andrea Carella in gara si è dovuto ritirare sulla penultima speciale dopo un’uscita di strada con la Peugeot 208 T16 R5. Ottavo assoluto ha chiuso Pedro insieme a Emanuele Baldaccini con la Hyundai i20 Wrc. A completare la classifica dei primi dieci al 35. Rally della Marca sono i due principali sfidanti della classe S2000 il trentino Matteo Daprà, Skoda Fabia e il veneto Giampaolo Bizzotto con la Peugeot 207. Gara lunga e difficile per i partecipanti al Suzuki Rally Cup tra i quali la vittoria è andata nuovamente all’aostano Corrado Peloso con la Suzuki Swift R1B, davanti al toscano Stefano Martinelli, su Swift versione RSTB 1.0 e, il trentino Roberto Pellè, anche lui su Swift Sport R1.

 

35.RALLY DELLA MARCA CLASSIFICA FINALE: 1. Sossella-Falzone (Ford Fiesta Wrc) in 1:27'11.2; 2. Fontana-Arena (Hyundai i20 Wrc) a 7.4; 3. Albertini-Fappani (Ford Fiesta Wrc) a 8.9; 4. Pedersoli-Tomasi (Citroen DS3 Wrc) a 1’16.7; 5. Miele-Bollito (Citroen Ds3 Wrc) a 1’23.7; 6. Forato- Gasparatto (Skoda Fabia R5) a 2’36.9; 7. Bianco-Lamonato (Skoda Fabia R5) a 3’10.1; 8. Pedro-Baldaccini (Hyundai i20 Wrc) a 3’33.6; 9.Daprà-Andrian (Skoda Fabia S2000) a 6’09.5; 10.Bizzotto-Tommasini (Peugeot 207 S2000) a 6’30.2.

 

CLASSIFICA ASSOLUTA CAMPIONATO ITALIANO WRC: Albertini 40; Sossella 25; Fontana 24; Porro 17; Miele 14; Pedro 12.

 

ufficio  stampa

aci sport

 

ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL: IL BILANCIO DEL WEEKEND

Written by Domenica, 06 Maggio 2018 22:59

ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL: IL BILANCIO DEL WEEKEND

 

Impegnata su due fronti, la squadra corse piemontese conquista una sofferta 11° piazza assoluta al Targa Florio con Gilardoni.

All’Appennino Reggiano invece arriva un ritiro per Davide Medici uscito di strada con la Ford Fiesta R5.

 

 

 

Castelnuovo Scrivia (Al)- E’ stato un fine settimana molto impegnativo quello che si è appena concluso per l’Erreffe Rally Team-Bardahl. Presente sia alla 102° edizione della Targa Florio e al 39°Appennino Reggiano, la squadra capitanata da Agostino Roda e diretta da Tony Cibella prova a tracciare un bilancio generale.

Buoni spunti, specie in prospettiva, sono quelli che arrivano dalla Sicilia dove il lariano Kevin Gilardoni era impegnato insieme a Corrado Bonato su Ford Fiesta R5 nel terzo appuntamento del tricolore rally: la gara è stata condizionata da un meteo davvero bizzarro che ha mischiato ulteriormente le carte per ciò che concerne le scelte di gomme; le condizioni di scivolosità del manto stradale hanno messo a dura prova tutti i concorrenti ed in modo particolare Gilardoni che è colui che conta meno esperienza – praticamente nulla- con questa vettura in condizioni simili. L’aver terminato il rally in 11° posizione fa capire quanto sia stato saggio da parte del conduttore lombardo, gestire il mezzo e fare più chilometri possibili.

 

Diversa sorte invece per Davide Medici e Daniele De Luis; il driver di Reggio Emilia ed il copilota valtellinese erano in lotta per la vittoria assoluta e, dopo il successo nella prova speciale tre, erano all’attacco del leader della graduatoria. Purtroppo però, dopo un paio di chilometri della prova San Polo2, su una curva veloce sinistra, Medici non è riuscito a gestire la vettura che ha perso aderenza finendo per sbandare contro un guard rail. I danni alla Ford Fiesta R5 sono stati tali da impedire all’equipaggio di proseguire nella corsa.

ufficio stampa

Luca Del Vitto

KEVIN GILARDONI E CORRADO BONATO VINCONO IL TROFEO RENAULT R3 TOP

Kevin Gilardoni e Corrado Bonato si aggiudicano il principale trofeo monomarca indetto da Renault, il Clio R3T Top: al 2Valli l’equipaggio della Movisport mantiene la prima posizione e può finalmente festeggiare. Il prossimo weekend è già tempo di Rally Trofeo Aci Como…ed è tempo di Fiesta Wrc!

Soazza (CH)- Kevin Gilardoni e Corrado Bonato sono i vincitori del Trofeo Renault Top, il più prestigioso monomarca istituito dalla casa della losanga e disputatosi all’interno del Campionato Italiano Rally.

Lo scorso fine settimana, in occasione del Rally 2Valli, si è conclusa la serie tricolore che ha così assegnato la matematica vittoria all’equipaggio del team Gima per quanto concerne il Trofeo dedicato alla Renault Clio R3T. I 272,6 punti conquistati nei sei rally corsi (equivalenti a 12 gare), sono stati il frutto di una cavalcata difficile quanto voluta; partiti dal Rally del Ciocco, i due portacolori della Movisport hanno vissuto una stagione davvero impegnativa ma che alla fine li ha ripagati dell’impegno profuso.

“Il Trofeo Renault nel CIR era il nostro obiettivo che abbiamo pianificato meno di due anni fa: la scorsa stagione era impostata per conoscere la Clio e le gare e questa per provare l’affondo decisivo – spiega Gilardoni- ed ora possiamo dire di aver raggiunto lo scopo. Un mio tatuaggio porta la scritta “Believe” che significa “crederci”: tutti insieme abbiamo sempre creduto nelle cose che facevamo e i risultati si ottengono solo impegnandosi a fondo. Ovvio che, come nel mio caso, bisogna essere circondati da un pool di persone brave e capaci.

Mi riferisco in modo particolare alla GIMA Autosport che mi ha sempre fornito vetture eccellenti che non mi hanno mai dato un pensiero; alla scuderia Movisport che, insieme ai miei partners fanno sempre tutto il possibile per permetterci di correre; ringrazio anche chi mi ha supportato, alla mia fidanzata Chiara nonché alla mia famiglia e non da ultimo i tifosi.

Vorrei spendere un ringraziamento particolare per la Sport Team Equipement e Guglielmo Giacomello, una persona che fa tanto per questo sport istituendo un trofeo bello, avvincente e ricco di premi atti ad incentivare la pratica in gare importanti.

 

MOVISPORT CALA IL TRIS AL “TARO”

Written by Mercoledì, 17 Maggio 2017 15:33

MOVISPORT CALA IL TRIS AL “TARO”

Alla gara parmense Tosi/Del Barba andranno in cerca di perfomance vincenti nel Trofeo Clio, Nicoli/Romei e Schenetti/Corradi 

correranno con la voglia di soddisfazioni nella difficile classe R2.

Reggio Emilia, 17 maggio 2017 -

MOVISPORT cala il tris alla seconda prova del Campionato IRCup, il 24. Rally internazionale del Taro, in provincia di Parma, questo fine settimana.Il sodalizio reggiano calerà un tris di partecipazioni di tutto rispetto, con “capitani” della spedizione Gianluca Tosi e Alessandro Del Barba, con la Renault Clio R3. Ci saranno poi Marcello Nicoli/Gabriele Romei (Renault Twingo R2) e Sandro Schenetti/Domenico Corradi (Peugeot 208 R2).Dopo il terzo posto nel Trofeo Renault al Rally Lirenas di Cassino lo scorso mese, Tosi/Del Barba cercheranno di migliorare la terza piazza in classifica del monomarca francese, avendo davanti un compito estremamente delicato, costituito da un percorso molto tecnico ma soprattutto da avversari di rango, contro i quali si prevede un’accesa bagarre. Da parte sua, l’equipaggio reggiano ha il fattore importante di conoscere la gara e soprattutto di averne stimoli importanti, pensando quindi ad un risultato di vertice.Nicoli/Romei, con la loro Renault Twingo R2 cercheranno la gara d’effetto contro i trofeisti della serie Twingo, piloti anche in questo caso di alto livello e Schenetti/Corradi, con la Peugeot 208 R2 ceercherannoi di migliorarela loro posizione di classifica nel monomarca “del leone” dopo i sei punti conquistati al “Lirenas”. Anche in questo caso l’impegno che aspetta i portacolori Movisport si prevede assai delicato quanto anche tirato, contro “colleghi” che non lasceranno certamente spazio.Quasi centotrentacinque chilometri di prove speciali, nella nuova data di maggio inoltrato, sono i caratteri salienti principali del rally Internazionale del Taro targato 2017. Le verifiche tecnico-sportive ante gara avranno luogo a Bedonia nella giornata di venerdì 19 maggio, mentre sabato 20 maggio, dalle ore 9.00 alle 12.00 è in programma lo shakedown, sempre a Bedonia, località “La Costa”. La partenza del rally è prevista per sabato 20 maggio alle ore 14.20 da Borgo Val di Taro e si comincia subito con gli oltre 20 km della p.s. “Montevacà”, seguita dagli spettacolari 8,63 km della “Bardi”, cittadina che sarà anche sede del riordinamento, prima del Parco Assistenza a Borgo Val di Taro, che precede il secondo passaggio sulla “Montevacà”. La giornata si conclude con il riordino notturno a Bedonia. Domenica 21 maggio prenderà il via la seconda giornata del rally, alle ore 7.30, con il programma di gara che comprende tre passaggi sulla “lunga” di “Folta” e tre passaggi sulla “Tornolo” (km.4,43). L’arrivo finale del 24° Rally Internazionale del Taro è previsto a Bedonia, alle ore 17.03.

Foto: Tosi in azione (Leonelli)

 

Ufficio Stampa

Alessandro Bugelli

MGT COMUNICAZIONE